Storico: Edgar Snow

neve edgar

Storico: Edgar Snow

Vissuto: 1905-1972

Nazionalità: Americano

Professione (s): Giornalista e scrittore

Libri: Stella rossa sulla Cina (1937) Stella rossa sulla Cina: l'altro lato del fiume (1962) La lunga rivoluzione (1972)

Prospettiva: Comunista

Edgar Snow era un giornalista americano e un simpatizzante comunista, l'equivalente della Rivoluzione cinese di John Reed, il giornalista americano che fece il rapporto dalla Russia nel 1917.

Nato nel Missouri, Snow ha studiato giornalismo prima di trasferirsi a New York, lavorando nella pubblicità e giocando in borsa. Alla fine degli 1920, si imbarcò in un tour mondiale e finì a Shanghai dove ottenne lavoro per un giornale locale in lingua inglese.

Snow è rimasto in Cina per più di un decennio, lavorando come accademico, giornalista e corrispondente estero per la stampa americana. Nel 1936 Snow si avventurò nel nord della Cina per riferire sulle interferenze giapponesi. Fu invitato a Yan'an sotto il regime comunista e vi trascorse quattro mesi, intervistando i leader del partito e osservando le attività all'interno del Soviet. 

Avendo visto in precedenza la miseria dei contadini e degli operai dell'industria cinese, Snow rimase colpito dallo zelo e dalla determinazione dei giovani quadri del Partito Comunista a Yan'an. I rapporti di Snow dalla regione furono rivoluzionari: fu il primo occidentale a intervistare Mao Zedong ei suoi bollettini fornirono al mondo occidentale le sue prime informazioni sul crescente movimento comunista.

In 1937, Snow ha pubblicato Stella rossa sulla Cina, un resoconto della Lunga Marcia e dei mesi successivi a Yan'an. Mentre i suoi testi erano certamente in sintonia con Mao e il Partito Comunista, Snow era più umanista che comunista. È rimasto colpito dall'ottimismo, dal progresso e dall'unità che ha visto a Yan'an.

Snow ricevette propaganda e informazioni selettive da Mao e dalla sua coorte. Di conseguenza, Snow acquisì solo una comprensione superficiale del Partito Comunista e della sua politica interna.

Stella rossa sulla Cina dipinge Mao e il suo partito come i logici governanti della Cina. Snow critica Jiang Jieshi e il Guomindang, considerandoli troppo deboli per proteggere la Cina dai giapponesi e troppo vicini al vecchio ordine per ottenere la riforma. 

Non sorprende che Snow fosse molto rispettato nella Cina maoista, ma divenne una figura di ridicolo nei suoi nativi Stati Uniti. Tornò più volte in Cina negli anni '1960 e visse i suoi ultimi anni nella neutralità della Svizzera. Dopo la morte di Snow nel 1972, metà delle sue ceneri furono sepolte nei suoi nativi Stati Uniti, l'altra metà a Pechino.

Citazioni

"Il comunismo non è più - se mai lo è stato - solo l'allucinazione degli allucinatori in Cina".

“Una volta sconfitto il Giappone, Jiang Jieshi avrebbe distrutto i comunisti ei loro alleati partigiani? Il Guomindang trascorse dieci anni infruttuosi nel tentativo prima del 1937. Anche con l'uso di bombardieri e combattenti americani dalla sua parte, il Generalissimo non avrebbe probabilmente assicurato un successo maggiore di quello che i giapponesi avevano avuto contro questi esperti guerriglieri. Era diventata un'impossibilità fisica per il governo di Chongqing distruggere questa opposizione in un modo breve e sanguinoso ... "

“Ho trovato Mao che viveva in una grotta 'moderna' di tre stanze sulle colline appena fuori Yan'an. Notai di nuovo l'insolito riposo dell'uomo; niente sembra scompigliarlo. Sta gradualmente acquisendo una sorta di benignità. È decisamente meno teso di Chiang Kai-shek. "

"Ricorda che la vera rivoluzione in Cina, proprio come ovunque nel mondo, viene tentata solo quando ogni altro mezzo per risolvere situazioni intollerabili è stato esaurito ... Se venissi qui, non vedresti molta somiglianza tra l'Armata Rossa e un'elezione americana ... Ma quando sei qui da quando ho, vedi che questa rivoluzione è solo l'espressione di un bisogno storico delle masse, troppo a lungo soppresso, troppo a lungo negato, e ora vulcanico e catastrofico nelle sue manifestazioni. È il "pollice in giù" del popolo sui governanti del regno ".

“All'improvviso, sulla sponda meridionale, i compagni hanno cominciato a gridare di gioia. 'Lunga vita all'Armata Rossa! Lunga vita alla rivoluzione!' Perché il nemico si stava ritirando in volo. Altri rossi ora sciamarono sulle catene e arrivarono per aiutare a spegnere il fuoco e sostituire le assi. In un'ora o due, l'intero esercito stava camminando gioiosamente e cantando attraverso il fiume fino a Sichuan. In lontananza, in alto, con rabbia e impotenza ruggivano gli aerei di Chiang Kai-shek, ei Rossi gridarono in una sfida delirante. "

“Nell'estate del 1944, era diventato evidente che il piccolo gruppo di giovani che aveva innalzato la bandiera rossa sulla solitaria montagna di Jinggangshan, nel lontano 1928, aveva lanciato una manifestazione che si era evoluta in una crociata. [Questo] finalmente raggiunse la statura di un movimento nazionale di tale portata che nessun arbitro del destino della Cina avrebbe potuto negare a lungo le sue pretese di parlare a nome di una vasta moltitudine di persone ... "

“La verità è che se ho scritto qualcosa di utile sulla Cina è stato semplicemente perché ho ascoltato quello che pensavo di aver sentito dire dal popolo cinese su se stesso. L'ho scritto, nel modo più onesto e franco possibile. "

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Edgar Snow"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/historian-edgar-snow/
Data di pubblicazione: Febbraio 15, 2016
Data di accesso: Dicembre 05, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.