Storico: Maurice Meisner

Maurice Meisner

Storico: Maurice Meisner

Vissuto: 1931-2012

Nazionalità: Americano

Libri: Li Ta-Chao e le origini del marxismo cinese (1967) Mao's China: A History of the People's Republic (1977) Mao's China and After: A History of the People's Republic (1999) L'era Deng Xiaoping: un'inchiesta sul destino del socialismo cinese 1978-1994 (1996) Mao Zedong: un ritratto politico e intellettuale (2007).

Professione: Storico, accademico, scrittore

Prospettiva: Marxista

Maurice Meisner era un importante storico americano specializzato nella moderna Cina e nell'ideologia e nei regimi socialisti.

Nato a Detroit, Meisner era uno studente eccezionale che ha studiato sia nella sua città natale che all'Università di Chicago. La tesi di dottorato di Meisner, completata a Chicago, si è concentrata sul contributo di Li Dazhao agli adattamenti cinesi del marxismo. Durante gli anni '1950, Meisner e sua moglie furono sottoposte al controllo del governo per le loro opinioni politiche di sinistra.

Dopo la laurea, Meisner ha assunto posizioni in Virginia e Wisconsin. Nel 1968, divenne un membro fondatore del Committee of Concerned Asian Scholars, un gruppo di accademici che si opponeva al coinvolgimento americano nella guerra del Vietnam. Meisner ha scritto in modo prolifico del XX secolo, non solo come storico ma anche come commentatore della stampa ed editorialista.

Al momento del suo ritiro nel 1999, Meisner era uno dei sinologi più famosi d'America. Morì nel gennaio 2012.

I testi di Meisner si avvicinano alla Cina del XX secolo da un punto di vista marxista critico. Era in sintonia con gli ideali socialisti della rivoluzione cinese, ma spesso criticava i suoi leader e le loro azioni.

Scrittore accademico ma accessibile, Meisner è sempre stato attento al rapporto tra ideologia e politiche. Meisner ha suscitato molte critiche negli 1970, tuttavia, è sempre stato pronto a rivalutare le sue conclusioni quando sono arrivate nuove informazioni. Il suo lavoro fondamentale, La Cina di Mao, è stato pubblicato per la prima volta su 1976 ma da allora è stato rivisto e ripubblicato tre volte.

Quando le crudeltà e gli eccessi del Grande balzo in avanti e della Rivoluzione culturale divennero note all'inizio degli anni '1980, Meisner decise di "correggere errori di fatto e di interpretazione" nella prima edizione. Nel 1999, il focus del libro era cambiato per riflettere “l'era più massiccia e intensa di sviluppo capitalista nella storia del mondo” all'interno della Cina.

Citazioni

"[Il Movimento del XNUMX maggio] segna il vero inizio della Rivoluzione cinese ... Una massiccia ondata di antimperialismo popolare ha travolto le città e il paese ... ribolliva di fermenti politici e intellettuali".

"In un'orgia di violenza controrivoluzionaria, Chiang ha affidato il suo esercito costruito dai sovietici al compito di distruggere tutte le organizzazioni di massa radicali, così come il Partito Comunista Cinese ... Quelli uccisi nel Terrore Bianco del 1927-1930 hanno preso un tributo di vite umane che deve essere contato in centinaia di migliaia ".

"L'alleanza [Primo fronte unito, 1923-27] con i Guomindang [nazionalisti] fornì ai rivoluzionari comunisti un accesso più ampio alla società cinese e alle potenti forze rivoluzionarie latenti al suo interno".

"Era nell'area del confine di Jinggangshan [1927-28] che ebbe origine la strategia maoista di una rivoluzione basata sulle campagne".

“Mao [non si presentò] come un saggio cinese in una tradizione cinese di saggi. Invece, è apparso sulla scena storica cinese come un iconoclasta, portatore di nuove visioni sociali, profeta di nuovi ordini sociali basati su verità universali derivate dalle tradizioni intellettuali e politiche occidentali ".

"Ma l'eroismo e il grande dramma umano dell'epopea [Lunga Marcia] non dovrebbero oscurare il fatto che è nato da un fallimento politico e militare e si è concluso con un disastro".

"È stata la Lunga Marcia - e i racconti leggendari a cui ha dato origine - che hanno fornito questo essenziale sentimento di speranza, la fiducia che persone determinate potrebbero prevalere anche nelle condizioni più disperate ... è stato Mao Zedong a irradiare e ispirare questa fede il futuro ... Questi valori ascetici [di lotta, sacrificio eroico, abnegazione, diligenza, coraggio e altruismo] erano al centro di quello che in seguito fu celebrato come 'lo spirito yan'an' ... In effetti, il culto di Mao Zedong ... è nato dalla Lunga Marcia, perché Mao era il profeta che aveva guidato i sopravvissuti attraverso il deserto ".

"L'era Yan'an fu anche il periodo in cui Mao e i maoisti stabilirono rigidi dogmi e ortodossie nella vita politica e culturale, condussero cacce alle streghe ... e repressero incessantemente il dissenso politico e intellettuale in generale".

"I comunisti attribuiscono giustamente la loro vittoria [nella guerra civile] ai principi e alle pratiche dell'era Yan'an".

“Per più di due decenni la rivoluzione cinese era cresciuta in uno stampo nazionale insulare. Si era sviluppato indipendentemente dalle correnti rivoluzionarie internazionali ed era isolato sia fisicamente che spiritualmente da esse ... A differenza di Lenin e Trotsky, Mao Zedong era un leader rivoluzionario eminentemente nazionale, non un portavoce rivoluzionario internazionale ".

"Il potere del nuovo governo cinese [la Repubblica popolare cinese] poggiava in ultima analisi sulle forze di violenza che tutti gli stati esercitano sulla società: l'esercito e la polizia".

“Nella maggior parte delle situazioni rivoluzionarie, la scelta non è tra il terrore e la sua assenza, ma piuttosto tra terrore rivoluzionario o terrore controrivoluzionario; e dal momento che la Cina ha sofferto così tanto da quest'ultima nel corso dei decenni, non si dovrebbe essere troppo affrettati a imporre condanne morali della prima ".

"I primi anni '1960 furono senza dubbio gli anni più frustranti nella vita politica di Mao ... I suoi tentativi di inaugurare nuove campagne rivoluzionarie furono ripetutamente contrastati, distorti o ignorati ... Mao iniziò a soffrire di una insolita perdita di fiducia nel futuro della rivoluzione".

"Mentre i leader della Rivoluzione Culturale [1966-76] lasciavano ambigua la loro visione del nuovo ordine politico - e del posto del Partito in esso - non c'era nulla di ambiguo ... nell'appello di Mao Zedong alle masse di ribellarsi contro il Partito esistente e le sue organizzazioni, anche se una chiamata fatta a nome del partito e del suo presidente. "

“[La Rivoluzione Culturale] ha prodotto disumanità in quantità sufficiente perché tutti i gruppi e le istituzioni coinvolte potessero condividere una parte della colpa. E uno dei prodotti degli anni 1966-69 fu un'amara eredità di dolore, sfiducia, odio e sete di vendetta ".

"Il risultato più ovvio della Rivoluzione Culturale ... è che ci sono voluti un terribile tributo di vite umane ... Non solo non è riuscito a produrre istituzioni permanenti di autogoverno popolare, ma non è nemmeno riuscito a risolvere il problema più immediato della successione politica".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Maurice Meisner"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/historian-maurice-meisner/
Data di pubblicazione: Febbraio 21, 2016
Data di accesso: 21 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.