Il movimento di rettifica

rettificazione
L'impressione di un artista di Mao che pronuncia un discorso sulla rettifica a Yanan

Il movimento di rettifica Yan'an, o Zhengfeng, è stata un'epurazione politica e ideologica del Partito comunista cinese (CCP). Si è concentrato principalmente sul Yan'an Soviet e durò dal 1941 al 1944. La rettifica si radicò Mao Zedong come leader e figura ideologica del partito.

sommario

In superficie, lo scopo della rettifica era educare le masse e purificare l'ideologia del PCC. È iniziato come una serie di sessioni di studio riflessivo, in cui i singoli membri del partito hanno studiato gli scritti di Mao Zedong e si sono impegnati nella riflessione e nella critica dei propri atteggiamenti.

In realtà, Rectification era una campagna per identificare, emarginare, intimidire e rimuovere i membri del partito che si opponevano alla leadership e alle politiche di Mao. Attraverso questo processo, Mao è stato in grado di affermarsi come leader indiscusso e prestanome del PCC.

La rettifica ha cementato la direzione ideologica del partito per gli anni a venire. Le teorie di Mao sono diventate l'ideologia ufficiale del PCC.

Violenza e terrore

Sebbene in superficie fosse un movimento politico e intellettuale, Rectification ha utilizzato tattiche terroristiche e ha prodotto risultati violenti. Anche se le stime variano, le purghe effettuate durante la rettifica hanno causato fino a 10,000 morti.

Comprendere la rettifica è fondamentale per comprendere lo sviluppo del PCC e la leadership di Mao Zedong. Fornisce anche un contrappeso alla propaganda comunista sul Soviet yan'an, che è descritto come un periodo di ottimismo, cooperazione e unità.

Lo storico Michael Lynch descrive i risultati della rettifica in questi termini:

“Non c'era dubbio fino a che punto fosse disposto a spingersi per far valere la sua autorità. I membri ora lo tenevano in soggezione o nel terrore. Mao Zedong era diventato l'imperatore rosso le cui parole e desideri avrebbero determinato il destino della Cina per i successivi trent'anni. Ciò che tutto ciò suggerisce è che la dolcezza e la luce che, secondo la leggenda comunista, avevano prevalso a Yan'an erano solo metà della storia. Dietro l'amicizia e il cameratismo che senza dubbio esistevano c'era una realtà più oscura e cupa ".

Origini

I semi del movimento di rettifica possono essere trovati nelle lotte della gerarchia del PCC sulla leadership e l'ideologia.

Dopo il Lunga marcia, i quadri sopravvissuti del PCC e le truppe dell'Armata Rossa stabilirono una nuova base a Yan'an nello Shaanxi. Mao Zedong divenne il comandante militare indiscusso del partito alla conferenza di Zunyi, ma il suo ruolo di leader nel partito più ampio era meno certo.

Il periodo Yan'an fu di relativa stabilità e sicurezza. Questo ha dato a Mao il tempo e lo spazio per scrivere molto. Nei suoi scritti Yan'an, Mao ha perfezionato e articolato le proprie teorie sulla rivoluzione. Ha dedicato molta attenzione a distinguere le proprie teorie rivoluzionarie dagli scritti di Marx e Lenin.

Mao contro i bolscevichi

Mao prese anche le distanze dai gerarchi filo-sovietici del PCC, in particolare dalla fazione dei "28 bolscevichi" o degli "studenti tornati" (così chiamati perché avevano studiato alla Sun Yixian University, un'accademia di formazione comunista a Mosca).

Il leader di questo gruppo, e quindi il più potente rivale di Mao, era Wang Ming. Membro popolare e rispettato del Politburo, Wang differiva da Mao su questioni di tattica e ideologia.

Insieme agli altri "28 bolscevichi", Wang Ming sosteneva una rivoluzione proletaria in stile sovietico, guidata dalla classe operaia urbana. Ha criticato la teoria di Mao della rivoluzione guidata dai contadini come deviazionista.

Inizia il movimento

rettificazione
Mao Zedong (al centro) e i suoi sostenitori a Yanan

Il movimento di rettifica si è svolto alla fine del 1941 come una campagna di riforma del pensiero. Ha permesso a Mao Zedong, attraverso i suoi accoliti, di indottrinare migliaia di nuovi entusiasti membri del PCC che stavano arrivando a Yan'an.

La prima fase della rettifica, una serie di sessioni di studio e discussioni di gruppo, sembrava favorevole. A queste sessioni, i partecipanti dovevano mostrare una comprensione degli scritti di Mao, che erano tenuti a leggere. Sono stati quindi incoraggiati a intraprendere "autocritica" o "lotta", al fine di identificare i loro errori di valutazione e liberarsi dall'errore.

Nella primavera del 1942, i partecipanti furono anche invitati a segnalare gli errori nel partito. È stato chiesto loro di discutere tattiche e operazioni e fornire suggerimenti per il miglioramento. Quando questi critici volontari sono emersi, sono stati identificati, radunati e attaccati per il loro individualismo, per essersi messi davanti al partito e alle masse.

Molti leader di partito hanno dimostrato la loro lealtà impegnandosi in pubbliche confessioni. Un'eccezione notevole è stata Liu Shaoqi, che sosteneva di essere fedele a Mao. Lo stesso Mao fece solo un piccolo gesto di "autocritica" nel 1944, ammettendo solo "alcuni eccessi" nel permettere le epurazioni di partito.

Vittime degne di nota

rettificazione
La scrittrice femminista Ding Ling, una notevole vittima del movimento di rettifica

Due importanti vittime del movimento di rettifica furono gli scrittori e intellettuali Wang Shiwei e Ding Ling.

Wang, un saggista del giornale Quotidiano della Liberazione, è stato scelto per "lotta" dopo aver scritto Lillies selvatici, un saggio che criticava gli appetiti sessuali di Mao, insieme agli altri privilegi e indulgenze di cui godevano i membri di alto rango del PCC. Wang fu accusato di essere un trotzkista, arrestato e giustiziato nel 1947 per ordine di Mao.

Ding Ling, per un certo periodo sostenitrice di Wang Shiwei, è stata una rispettata scrittrice femminista. Si è unita al PCC dopo che i nazionalisti hanno ucciso suo marito. Nel 1942 Ding, frustrata dai doppi standard e dalla disuguaglianza di genere che vide a Yan'an, scrisse un articolo per un giornale di partito. In esso, ha sfidato la posizione del PCC sull'uguaglianza per le donne.

Ding è stata trascinata prima di una "sessione di lotta" pubblica e costretta a ritrattare le sue opinioni. Divenne una celebre scrittrice, ma fu poi incarcerata come destra nel 1957. Wang Ming, il leader dei "28 bolscevichi", fu emarginato e messo a tacere dai sostenitori di Mao nel 1941. Durante la campagna di rettifica, Wang fu sottoposto a pubblica umiliazione, però la sua posizione nel partito gli ha permesso di sfuggire alla tortura e all'esecuzione.

Kang Sheng

La seconda frase di Rectification prevedeva una campagna di terrore e una serie di epurazioni. Erano sorvegliati dal capo della sicurezza di Mao Kang Sheng, che era famoso per vestirsi di nero, cavalcare un cavallo nero, portare una frusta nera ed essere accompagnato da un cane nero feroce.

Kang era brutale e calcolatore, abile nel lanciare false accuse e nell'estrarre false confessioni. Con il sostegno di Mao, ha affermato che il partito era pieno di spie e cospiratori e ha iniziato ad arrestarli, imprigionarli e torturarli.

Sotto Kang, più di 1,000 quadri furono torturati, altri 40,000 furono licenziati dal Partito. Circa il 20% del segretariato del Politburo è stato rimosso e fino a 60 alti funzionari del partito sono stati costretti a suicidarsi.

Un agente russo del Comintern presente a Yan'an ha detto che "il metodo crudele di coercizione psicologica che Mao chiama purificazione morale ha creato un'atmosfera soffocante ... Secondo il protocollo della critica e dell'autocritica, i pensieri, le aspirazioni e le azioni di tutti sono in piena vista ".

I membri del PCC sono stati esortati a formare gruppi di "persuasione" per trovare presunte spie e poi, usando ogni mezzo possibile, convincerli a confessare. Questa pratica è stata estesa alle persone, che sono state esortate a tradire i familiari sleali oa costringere i propri cari a confessare.

Conclusione

rettificazione
Mao e Kang Sheng (a destra) che guidarono la tortura e le epurazioni della rettifica

Questa campagna insidiosa continuò fino alla fine del 1944, quando iniziò a formarsi una reazione contro Mao e Rectification.

Mao ha abilmente trasferito la colpa ai dirigenti e ai quadri delle unità di lavoro, ordinando cinicamente la fine delle tattiche di tortura. Ha cercato di riconquistare i falsamente accusati sottolineando la necessità di ricerca e indagine, invece di agire su accuse infondate.

La sua autorità ora cementata, Mao ha chiamato lo stop al movimento di rettifica.

Impatto della rettifica

Molti storici suggeriscono che la tattica della rettifica riapparirebbe nelle future campagne di massa, come il Campagna di cento fiori (1956-57), il Campagna anti-destra (1957-59) e Rivoluzione culturale (1966-76).

Lo storico Chen Yungfa afferma che “la rettifica non è cambiata dagli anni Quaranta agli anni Sessanta, solo le sue vittime e [la] scala della vittimizzazione. La Yan'an Way non era illuminata da fari di speranza ma da lampioni e segnali di pericolo ”.

Per i membri ordinari del partito, le esperienze di rettifica stabiliscono parametri chiari per quanto riguarda il dissenso politico e la discussione ammissibili. La rettifica ha anche centralizzato il potere all'interno del PCC, aumentando il controllo di Mao sull'autorità politica e militare e sull'ideologia del partito.

rivoluzione cinese

1. La Campagna di rettifica di 1941-44 ha permesso a Mao Zedong di consolidare la sua posizione di leader del partito, attraverso un processo di riforma del pensiero, "sessioni di lotta", intimidazioni pubbliche e purghe sistematiche dei membri del PCC.

2. La rettifica fu una risposta alla leadership di Mao minacciata dai rivali politici all'interno del partito, in particolare quelli che favorivano una rivoluzione proletaria in stile sovietico piuttosto che una guidata dai contadini.

3. Inizialmente, il movimento di rettifica prevedeva sessioni per studiare gli scritti di Mao e impegnarsi nell'autocritica. Successivamente si trasformarono in una caccia alle streghe di spie e traditori falsamente accusati.

4. Le epurazioni, supervisionate dal capo della sicurezza di Mao Kang Sheng, furono spesso brutali. I membri furono incarcerati, torturati e perfino giustiziati, mentre molti si suicidarono.

5. La rettifica cessò quando Mao si ristabilì e aumentò la sua autorità. Ha aperto la strada a simili campagne di rettifica nei decenni a venire, come il movimento anti-destra e la rivoluzione culturale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il movimento di rettifica"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/rectification-movement/
Data di pubblicazione: 18 settembre 2019
Data di accesso: Giugno 27, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.