Nikita Krusciov

nikita khrushchev

Krusciov, Nikita (1894-1971) è stato il leader dell'Unione Sovietica dalla morte di Joseph Stalin nel 1953 fino alla rimozione dal potere di Krusciov nel 1964.

Nato in un'umile famiglia di contadini, Krusciov partecipò alla rivoluzione russa (1917), alla guerra civile russa (1918-21) e alla seconda guerra mondiale (1939-45). Era un comunista impegnato che è salito nelle file del partito. Krusciov era fedele al dittatore sovietico Joseph Stalin ed era direttamente coinvolto nelle epurazioni del Partito Comunista da parte di Stalin negli 1930.

Quando Stalin morì in 1953, Krusciov divenne un contendente per la leadership sovietica. Gli ci vollero altri due anni per evitare altri contendenti e consolidare il suo potere.

Il rapporto di Krusciov con Mao Zedong e la Cina comunista era turbato. Nel febbraio 1956, Krusciov pronunciò il suo famoso "discorso segreto", denunciando la tirannia, la brutalità e gli "abusi di potere" sotto il suo ex mentore Stalin. Ciò mise Mao, che aveva sempre elogiato Stalin come un grande leader comunista, in una posizione scomoda. Il Partito Comunista Cinese (PCC) è stato costretto a rivedere la sua posizione su Stalin, ammettendo i suoi "difetti ed errori" mentre salutava i suoi "grandi risultati".

Krusciov fece tre visite di stato in Cina negli anni '1950, ma nessuna andò bene. Mao, che era stato maltrattato da Stalin mentre era in visita a Mosca nel 1949, restituì il favore a Krusciov in visita. Durante una visita del 1958, Mao respinse categoricamente le proposte di difesa congiunta di Krusciov. Un'altra visita l'anno successivo andò così male che Kruscev interruppe il discorso e tornò a casa presto. In seguito ha ordinato il ritiro dei consiglieri tecnici sovietici dalla Cina.

La differenza più significativa tra Krusciov e Mao Zedong era il loro atteggiamento verso l'Occidente. Mao aveva basato la sua intera politica estera sulla paranoia e sulla propaganda antimperialiste, antiamericane. Krusciov, tuttavia, era pronto ad aprire negoziati più amichevoli con Washington e altri paesi occidentali. Questo indignò Mao, che considerava le concessioni per l'Occidente come un segno di debolezza. Quando Krusciov si ritirò durante la crisi dei missili cubani nell'ottobre 1962, Mao fece dichiarazioni pubbliche accusandolo di codardia.

La guerra di parole sino-sovietica continuò per tutti gli anni '1960. Krusciov divenne un bersaglio della propaganda del PCC, che lo dipinse come un traditore del marxismo-leninismo. Durante la Rivoluzione Culturale, il perseguitato Liu Shaoqi è stato condannato come il "Krusciov cinese". Per quanto riguarda il vero Krusciov, i sostenitori della linea dura lo costrinsero a lasciare il potere nel 1964 e non prese più parte alla politica sovietica. Ha scritto le sue memorie prima di morire nel 1971.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Nikita Khrushchev"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/nikita-khrushchev/
Data di pubblicazione: Gennaio 16, 2016
Data di accesso: Giugno 10, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.