Un cristiano cinese sulla ribellione dei pugili (1900)

Fei Ch'i-hao era un cristiano cinese sopravvissuto al contraccolpo anti-straniero e anti-cristiano del 1899-1901. Qui descrive i crescenti disordini che hanno portato alla ribellione dei Boxer:

“La gente dello Shanxi è per natura timida e gentile, non incline a disturbare, essendo la gente più pacifica della Cina. Quindi i nostri cristiani dello Shanxi erano fiduciosi per se stessi, anche quando le notizie dalla costa si fecero più allarmanti.

Ma c'era una cosa che ci causava profonda apprensione, ed era il fatto che il malvagio e crudele Yu Hsien, l'odio per gli stranieri, era il nuovo Governatore dello Shanxi. In precedenza aveva promosso il movimento dei pugili a Shantung e aveva convinto l'imperatrice vedova che i pugili avevano poteri soprannaturali ed erano veri patrioti.

Il malvagio Governatore, Yü Hsien, diffuse proclami affermando che le religioni straniere avevano rovesciato la moralità e infiammato gli uomini a fare il male, così ora gli dei e gli uomini si erano ribellati contro di loro e le legioni del Cielo erano state inviate a sterminare i diavoli stranieri. Inoltre, c'erano i Boxer, fedeli al loro sovrano, fedeli al loro paese, determinati a unirsi per spazzare via la religione straniera. Ha anche offerto una ricompensa a tutti coloro che hanno ucciso gli stranieri, titoli o incarichi o denaro.

Quindi, quando il massimo ufficiale della provincia prese una simile posizione a favore dei pugili, cosa potevano fare i funzionari inferiori? Le persone e i funzionari si inchinarono alla sua volontà e tutti coloro che si arruolarono come pugili erano in grande favore. Fu un periodo di licenza e anarchia, quando non solo i cristiani furono uccisi, ma centinaia di altri contro i quali i singoli pugili avevano rancore.

All'inizio di giugno il mio amico del college K'ung Hsiang Hsi tornò da T'ungchou per le sue vacanze, riferendo che lo stato delle cose lì ea Pechino stava peggiorando, che i funzionari locali erano impotenti contro i Boxer e che i Boxer, armati di spade, minacciavano costantemente i cristiani sparsi nel Paese. Verso la fine di luglio è stata affissa una proclamazione del Governatore nella città in cui si sono verificate le parole: "Sterminare gli stranieri, uccidere i diavoli". I cristiani nativi devono lasciare la chiesa o pagare la pena con la loro vita.

Li Yij e io abbiamo parlato a lungo e sinceramente dei piani per salvare le vite dei nostri amati missionari. "Non devi restare qui ad aspettare la morte", abbiamo detto. Eppure ci siamo resi conto di quanto sarebbe stato difficile scappare. Gli stranieri con i capelli chiari e il viso biondo non si mascherano facilmente. Allora dove potrebbero andare? "