The Boxer Rebellion

ribellione pugile
"Boxer" militanti, vestiti di nero e armati di armi tradizionali

La Ribellione dei Boxer fu una rivolta contro stranieri e cristiani che scoppiò nella Cina orientale alla fine degli anni 1890 e continuò fino al 1901. La ribellione fu infine schiacciata da una spedizione militare congiunta, condotta da otto potenze straniere.

Chi erano i pugili?

La forza trainante di questa rivolta era una società segreta chiamata i Pugni della Giusta Armonia, soprannominata i Boxer dalla stampa occidentale.

I membri di questo movimento segreto erano anti-stranieri e anti-cristiani. Erano anche critici nei confronti del regime Qing per la sua incapacità di resistere imperialismo straniero. I Boxers cercavano la propria punizione contro gli imperialisti stranieri in Cina, promettendo di "cacciare i demoni stranieri".

I membri di Giusta Armonia hanno imparato e praticato una forma di kung fu (l'origine del nome 'Boxers'). Alcuni hanno tentato di perfezionare un'abilità mistica chiamata "camicia di ferro". Ciò ha comportato l'indurimento e la tensione del corpo per resistere ai colpi. I migliori sostenitori della "camicia di ferro", si diceva, sarebbero stati impermeabili ai proiettili.

Problemi nella provincia di Shandong

ribellione pugile
Una mappa della Cina che mostra la provincia di Shandong, dove ha avuto origine il movimento

La ribellione dei Boxer iniziò a prendere forma alla fine del 1890, poco dopo che gli imperialisti tedeschi presero il controllo della provincia di Shandong. L'attività tedesca nello Shandong portò a maggiori tensioni tra stranieri e contadini.

Una provincia costiera a sud-est di Pechino, lo Shandong era noto per la sua privazione economica e povertà, causata in larga misura dalle sue estreme variazioni climatiche.

Il terreno dello Shandong è prevalentemente pianeggiante e coltivabile, ma il suo terreno agricolo potrebbe essere allagato dalle piogge torrenziali in un anno, quindi crepato e coperto di vesciche il giorno successivo. I contadini dello Shandong non avevano una rete di irrigazione per proteggerli dalla siccità. Non erano in grado di immagazzinare molto grano o cibo, ma vivevano mano a bocca di stagione in stagione.

Questi fattori hanno contribuito a tre devastanti carestie nello Shandong, tra la metà degli anni 1870 e la fine del XIX secolo. Nonostante la loro sofferenza, i contadini dello Shandong erano noti per la loro forte lealtà provinciale, la loro capacità di recupero e la loro abilità come soldati. L'esercito cinese ha reclutato attivamente nello Shandong proprio per questo motivo.

Attacchi ai cattolici tedeschi

A novembre 1897, una banda di uomini armati irruppe in una missione cattolica a Juye e uccise due preti tedeschi. Su consiglio di un vescovo cattolico, Johann von Anzer, il governo tedesco ha inviato due cannoniere sulla costa dello Shandong. Gli agenti tedeschi hanno poi vittima di bullismo con il governo Qing per approvare una sfera di influenza tedesca nella provincia.

I cattolici tedeschi furono compensati con 3,000 tael d'argento e ha permesso di fortificare gli edifici per proteggersi dai mob violenti. I tedeschi hanno anche forzato la rimozione di funzionari locali che ritenevano responsabili di suscitare sentimenti anti-stranieri e anti-cristiani nello Shandong.

Un flusso costante di missionari tedeschi si trasferì nello Shandong, portando a dispute su terreni e siti religiosi. A Liyuantun, il sito di un ex tempio buddista è stato sequestrato dai cristiani per l'erezione di una chiesa, portando a proteste e un po 'di violenza.

La violenza anti-occidentale si espande

pugile
Le truppe britanniche bruciano un tempio cinese, come rappresaglia per gli attacchi di Boxer

La violenza contro gli stranieri si diffuse in tutto lo Shandong tra la fine del 1898 e il 1899. La soppressione del Riforme da cento giorni by Imperatrice vedova Cixi potrebbe aver dato qualche incoraggiamento alla nascente ribellione dei Boxer, che aveva attribuito la debolezza della Cina al Imperatore Guangxu

Nell'ottobre 1899, fino a 1,500 pugili si ammassarono in un tempio buddista a Pingyuan, nello Shandong nord-occidentale e combatterono con un contingente molto più piccolo di soldati governativi. La battaglia del Tempio di Senluo, come divenne noto, ha infranto il mito secondo cui i Boxer avevano difese magiche contro i proiettili. Nonostante ciò, il movimento dei Boxer ha continuato a crescere nello Shandong e ai margini delle province vicine.

Alla fine del 1899, bande di pugili si aggiravano per lo Shandong occidentale, attaccando stranieri e cristiani cinesi. Gli edifici costruiti, posseduti o utilizzati da stranieri sono stati bruciati o abbattuti. Alcuni cinesi furono persino aggrediti o assassinati perché possedevano o portavano una Bibbia, libri in lingua inglese o oggetti ottenuti da europei.

I Boxers hanno anche distribuito attivamente propaganda anti-straniera e anti-cristiana, che ha preso la forma di arte, manifesti, poesie, canzoni e dicerie.

La relazione Qing-Boxer

La relazione tra il movimento dei Boxer e il governo Qing era poco chiara e mutevole.

Inizialmente, i pugili e la leadership di Qing si erano opposti l'uno all'altro. I pugili consideravano il Qing corrotto e troppo debole per resistere alle incursioni straniere. In effetti, i Qing stessi erano stranieri, Manciù piuttosto che cinesi Han.

All'interno del governo, i ministri Qing hanno condannato il movimento Righteous Harmony. Li Hongzhang, Della Cina de facto ministro degli esteri e il più rumoroso sostenitore di Auto-rafforzamento, ha detto che "sotto qualsiasi sovrano illuminato questi Boxer, con le loro ridicole pretese di poteri soprannaturali, sarebbero stati condannati a morte molto tempo fa".

Alla fine del 1899, i Qing nominarono uno dei migliori generali della Cina, Yuan Shikai, come governatore dello Shandong e iniziò a reprimere i disordini dei Boxer nell'ovest della provincia. L'atteggiamento cominciò a cambiare, tuttavia, poiché sia ​​i Boxer che Qing iniziarono a riconoscere i vantaggi che ciascuno poteva fornire all'altro.

Il supporto di Cixi

Sperando che i Boxer guidassero gli stranieri dalla Cina, l'imperatrice Cixi diede loro il suo cauto sostegno. Gli editti imperiali del gennaio e dell'aprile del 1900 legalizzarono la formazione di milizie civili, fornendo il via libera al reclutamento dei Boxer. Il Qing ha anche filtrato denaro ai leader dei Boxer, per sostenere la formazione dei nuovi membri.

I Boxer hanno ricambiato usando lo slogan "Revive the Qing! Distruggi lo straniero! " Cixi si unì a questa escoriazione delle potenze imperiali straniere in questa dichiarazione del 1900:

“Negli ultimi 30 anni [gli stranieri] hanno approfittato della benevolenza e della generosità del nostro Paese, nonché della nostra sincera conciliazione per dare libero sfogo alle loro ambizioni senza scrupoli. Hanno oppresso il nostro stato, invaso il nostro territorio, calpestato il nostro popolo e preteso la nostra ricchezza. Ogni concessione fatta dalla Corte li ha costretti, giorno dopo giorno, a fare sempre più affidamento sulla violenza fino a quando non si tirano indietro dal nulla. Nelle piccole cose opprimono le persone pacifiche; in grandi questioni, insultano ciò che è divino e santo. Tutte le persone del nostro paese sono così piene di rabbia e rimostranze che ognuno di noi desidera vendicarsi ".

I pugili avanzano verso Pechino

ribellione pugile
Soldati francesi durante l'assedio del pugile in 1900

Entro la primavera di 1900, migliaia di ribelli Boxer stavano attraversando la Cina nord-orientale e si stavano avvicinando a Pechino. Un umore di panico travolse gli stranieri nella capitale, che spararono notizie ai loro governi nazionali, mentre le cannoniere delle marine straniere indugiarono minacciosamente al largo della costa dello Shandong.

A giugno, più di 20,000 pugili si sono riversati a Pechino e si sono diretti verso il quartiere diplomatico della capitale, situato intorno alla Città Proibita. Diplomatici stranieri e funzionari di nove diversi paesi, insieme a una piccola guarnigione di circa 400 soldati, hanno sentito parlare dell'avanzata dei Boxer e si sono riuniti al sicuro in un complesso fortificato.

La legazione tedesca, situata dall'altra parte della città, non fu così fortunata. L'ambasciatore tedesco, Clemens von Ketteler, è stato ucciso in uno scontro di strada con soldati pro-Boxer. Nel frattempo, gli stranieri all'interno del complesso, a corto di cibo e armati solo di fucili e un solo cannone, furono assediati per quasi due mesi (poi resi famosi nel film Giorni 55 a Pechino).

The Eight-Nation Alliance

ribellione pugile
La propaganda occidentale rappresentava i pugili come teppisti e selvaggi

Proprio quando le loro scorte erano quasi esaurite, le legazioni straniere furono salvate dalle truppe della cosiddetta Alleanza delle Otto Nazioni (Gran Bretagna, Francia, Germania, Austria-Ungheria, Italia, Russia, Giappone e Stati Uniti).

Questa forza internazionale di circa 20,000 soldati entrò a Pechino il 14 agosto 1900, sollevò le legazioni e scacciò i Boxer dalla città. L'Imperatrice Vedova Cixi e l'Imperatore Guangxu fuggirono entrambi da Pechino su carretti a mano e si diressero verso la sicurezza montuosa della provincia di Shaanxi.

La spedizione delle Otto Nazioni ha occupato la capitale cinese per settimane, dividendola in aree di controllo. Ai diplomatici e alle truppe straniere è stato ordinato di setacciare Pechino, identificando e arrestando i sospetti pugili o simpatizzanti dei pugili.

Saccheggio occidentale

Le forze delle otto nazioni avrebbero dovuto portare a termine un'occupazione pacifica di Pechino, ma molte si sono impegnate in una campagna di saccheggi, violenze e stupri indiscriminati. Ci sono state segnalazioni di diplomatici occidentali e ufficiali militari che hanno inviato a casa carri di oggetti di valore rubati dalle case dei Manciù. La Città Proibita è stata saccheggiata almeno due volte e spogliata di inestimabili manufatti.

Ci sono stati anche numerosi resoconti di pestaggi, stupri ed esecuzioni in strada. I peggiori colpevoli a questo proposito sembravano essere i soldati tedeschi, che furono guidati da un discorso del luglio 1900 tenuto dal loro monarca, il Kaiser Wilhelm II:

“Se incontri il nemico, sarà sconfitto. Non verrà data tregua. I prigionieri non verranno presi. Chi cade nelle tue mani è perduto. Proprio come mille anni fa gli Unni si sono fatti un nome sotto Attila ... possa il nome tedesco essere stampato da te in modo tale che nessun cinese oserà mai più guardare un tedesco strabico. "

Il protocollo Boxer

imperatrice vedova
Una rappresentazione dell'imperatrice vedova Cixi sulla stampa americana, 1900

A settembre 1901 il governo Qing, rappresentato da Li Hongzhang, è stato costretto a firmare il Protocollo Boxer.

Il Protocollo era, in effetti, un costoso trattato di pace per espiare la Ribellione dei Boxer. La Cina ha accettato di pagare le riparazioni: una d'argento tael per ogni capo della popolazione (l'equivalente di quasi 340 milioni di dollari). I gruppi anti-stranieri furono banditi, furono imposte restrizioni militari e le truppe straniere furono permanentemente presidiate a Pechino.

Dieci funzionari del governo Qing che si ritiene abbiano sostenuto o incoraggiato i Boxer sono stati giustiziati. Il governo Qing è stato costretto a rilasciare scuse formali per l'omicidio dell'ambasciatore tedesco e ad erigere un arco commemorativo sul luogo della sua morte.

Il ritorno di Cixi

L'imperatrice vedova Cixi ha negoziato il suo ritorno a Pechino e al governo, ma lo ha fatto senza il suo vecchio fuoco, accettando le richieste occidentali e successivamente approvando un programma di riforme sociali e politiche.

La temibile "Dragon Lady" ha trascorso gli ultimi anni del suo governo come una figura più compiacente, invitata dalle donne occidentali per il tè e le fotografie, mentre il regime di Qing era solo l'ombra di un governo nazionale.

Il punto di vista di uno storico:
“Il risultato globale finale di quell'estate è stato il continuo ridisegno della mappa imperiale dell'Asia. La Cina ha trascorso la maggior parte del XIX secolo perdendo la sua capacità di resistere alle potenze imperiali. Alla fine, si è trovata incapace di resistere anche alle nuove potenze in Asia, come gli Stati Uniti e il Giappone ... La stessa dinastia barcollò solo per pochi anni ".
David J. Silbey

rivoluzione cinese

1. La Boxer Rebellion fu un movimento violento contro stranieri e cristiani che scoppiò nella provincia orientale di Shandong alla fine degli 1890.

2. Shandong era una provincia impoverita che era soggetta alla carestia. I tedeschi hanno usato la diplomazia delle cannoniere per formare una sfera di influenza lì in 1897, portando a forti tensioni.

3. I Boxer erano gente del posto che si mobilitava contro i “diavoli stranieri”, usando propaganda, arti marziali, violenza contro stranieri e cristiani e attacchi alle loro proprietà.

4. Il movimento Boxer ha ampliato e invaso Pechino a giugno 1900. I pugili e i soldati pro-Boxer uccisero un diplomatico tedesco e assediarono legazioni straniere.

5. Cixi e il suo governo hanno fornito un supporto misurato al movimento Boxer, che è stato sconfitto dall'Alleanza delle otto nazioni in agosto 1900. Un trattato umiliante, il Protocollo Boxer, fu successivamente imposto alla Cina.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "The Boxer Rebellion"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/boxer-rebellion/
Data di pubblicazione: 2 settembre 2019
Data di accesso: 22 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.