Il secondo fronte unito

secondo fronte unito
Un poster che raffigura il sostegno americano a Jiang Jieshi e al Guomindang

Il secondo fronte unito fu un'alleanza fragile tra il Partito comunista cinese (PCC) e forze nazionaliste. Si unirono alla fine del 1936 per resistere all'occupazione giapponese della Cina. Questa alleanza durò fino al 1946.

sfondo

Dopo l' Massacro di Shanghai nell'aprile 1927 il PCC entrò in uno stato di ritirata dalle forze nazionaliste. Rimasero in conflitto fino alla metà degli anni '1930, quando il Giappone iniziò a minacciare un'invasione della Cina.

Nel 1935, l'Internazionale comunista (Comintern) a Mosca esortò i partiti comunisti a formare alleanze con governi e gruppi non comunisti per combattere il fascismo e il militarismo.

All'interno della stessa Cina, il PCC ha iniziato a invocare l'unità nazionale contro l'aggressione militare giapponese. Gli slogan che circolavano includevano "i cinesi non devono combattere il cinese" e "guerra immediata con il Giappone; smettila di combattere i comunisti ”. Hanno generato un sentimento nazionalista e hanno aiutato la causa comunista.

Jiang e Zhang

Il leader nazionalista Jiang Jieshi, d'altra parte, è rimasto concentrato sullo sradicamento del PCC, dichiarando che "i giapponesi erano una malattia della pelle [mentre] il comunismo è una malattia del cuore".

Nonostante le critiche alle sue priorità distorte, Chiang ha mantenuto la sua campagna contro il PCC. Fiducioso di poter finire i comunisti nello Shaanxi, Jiang ordinò al signore della guerra del nord Zhang Xueliang, noto come il "Giovane Marshall", per mobilitare il suo esercito nord-orientale per un'offensiva anticomunista.

Zhang, tuttavia, era meno preoccupato per il PCC che per l'inazione di Jiang contro gli aggressori stranieri. Zhang aveva combattuto contro i comunisti nella Cina meridionale negli anni '1930, ma nel 1936 tenne colloqui segreti con Zhou Enlai e altre figure del PCC.

Zhang sperava di negoziare un'alleanza per resistere a un'imminente invasione giapponese. Aveva un conto da regolare dopo che suo padre, signore della guerra, perse la sua base in Manciuria a causa dei giapponesi. Inoltre, i soldati di Zhang provenivano dai contadini del nord ed erano suscettibili al PCC e alla propaganda anti-giapponese.

L'incidente di Xi'an

Nel dicembre 1936, Jiang volò al quartier generale di Zhang Xueliang a Xi'an, nello Shaanxi, per un giro di colloqui. In questo incontro, Zhang disse a Jiang che non era preparato a combattere i comunisti mentre c'era una minaccia da parte degli stranieri.

Sapendo che Jiang avrebbe probabilmente punito la sua sfida, Zhang ordinò a 150 truppe di assaltare gli alloggi di Jiang. Il generalissimo, che indossava un pigiama e faceva gli esercizi mattutini, si arrampicò nel sottobosco dietro il resort e si nascose in una grotta. Si è arreso a Zhang più tardi quel giorno.

I leader del PCC erano naturalmente deliziati da questa notizia, il Comitato Permanente del Politburo chiedeva l '"eliminazione" di Jiang. Leader sovietico Joseph Stalin non era d'accordo, tuttavia, considerando la migliore speranza di Jiang China per resistere ai giapponesi.

Un'improbabile alleanza

Armato di istruzioni, l'influente leader comunista Zhou Enlai è stato inviato a Xi'an per negoziare a nome del PCC.

Dopo l'incontro con la moglie di Jiang, Canzone Meiling, così come lo stesso Jiang, Zhou ha negoziato un cessate il fuoco tra il PCC e i nazionalisti. Ha anche facilitato il rilascio di Jiang.

L'accordo tra Zhou, Zhang e Jiang includeva l'accettazione di Sun Yixian's Tre Principi, mentre l'Armata Rossa era posta sotto un comando centrale, diventando l'ottava armata della rotta e la nuova armata della quarta rotta.

Strategia del PCC

Il PCC ha utilizzato questo Secondo Fronte Unito a proprio vantaggio. A metà degli anni '1930, il punto d'appoggio comunista nel nord dello Shaanxi era molto fragile. Rappresentando le loro azioni come un impegno per la resistenza anti-giapponese, il PCC ottenne ulteriore sostegno dai contadini.

Secondo un quadro del partito in pensione di Yan'an, "senza l'incidente di Xi'an, la rivoluzione non sarebbe potuta sopravvivere alla guerra di resistenza [guerra con il Giappone]".

Nel 1972, Mao disse al primo ministro giapponese Kakuei Tanaka di essere grato per la presenza giapponese in Cina negli anni '1930 perché distraendo e indebolendo i nazionalisti, i giapponesi avevano salvato i comunisti dalla distruzione.

Gli storici come Joseph Esherwick concordano su questo. Esherwick dice che "senza la tregua dei comunisti del 1936 con l'Esercito del Nordest e il rapimento di Jiang Jieshi da parte di quell'esercito a dicembre, il Guomingdang avrebbe potuto stringere il cappio ed eliminare l'Armata Rossa".

Minima collaborazione

secondo fronte unito
Jiang Jieshi (a destra) e Zhang Xueliang, architetto dell'incidente di Xian

Sebbene ci fosse una certa cooperazione militare, come nella battaglia di Taiyuan (fine 1937) e nella battaglia di Wuhan (1938), l'Armata Rossa e l'esercito nazionalista generalmente operavano in modo indipendente. Le unità dell'Armata Rossa evitarono battaglie su vasta scala con i giapponesi, preferendo impegnarsi nella guerriglia.

Nelle regioni non sotto il controllo o la minaccia dei giapponesi, i nazionalisti e il PCC hanno continuato la loro lotta per il controllo. Da Jiang Jieshi in giù, le alte sfere dell'esercito nazionalista nutrivano ancora un odio amaro per i comunisti. Questo è spesso emerso nelle scaramucce locali tra comunisti e nazionalisti.

Il più notevole di questi è stato il nuovo incidente della quarta armata. Nel gennaio 1941, un reggimento nazionalista di 80,000 uomini ruppe il Secondo Fronte Unito attaccando il quartier generale della Nuova Quarta Armata del PCC. Dei 9,000 soldati del PCC all'interno, più di tre quarti sono stati uccisi, fatti prigionieri o sono scomparsi. L'attacco è stato costoso per il PCC, ma ha anche permesso loro di presentarsi come "patrioti martiri".

Un'ultima pausa

Quando le potenze straniere entrarono in guerra con il Giappone nel 1942, si resero presto conto che la maggior parte dell'attenzione di Jiang era rivolta alla pianificazione e alla supervisione delle operazioni contro il PCC, non contro i giapponesi.

Dopo la resa giapponese, piace ai consiglieri americani George Marshall non sono stati in grado di mediare un accordo di pace duraturo tra Mao Zedong e Jiang Jieshi. All'inizio del 1946 il Guomindang e il PCC erano di nuovo in stato di guerra.

“Invece di precipitarsi a prendere il potere di Jiang [dopo il suo rapimento] soldati e funzionari da tutte le parti del paese hanno iniziato un bombardamento di telegrammi chiedendo il rilascio, il salvataggio o il riscatto di Jiang Jieshi ad ogni costo. Era l'ultima testimonianza che dopo secoli il popolo cinese aveva finalmente trovato un leader. È troppo presto per dare credito alle voci secondo cui il banchiere Soong sarebbe stato obbligato a denunciare il rapimento con milioni di dollari in tangenti. La versione ufficiale più popolare è che [i rapitori di Jiang] ei comunisti furono "molto toccati" dal contenuto del diario del Generalissimo, il che li convinse che non era filo-giapponese in fondo ".
Rivista TIME, gennaio 1938

rivoluzione cinese

1. Lo scoppio della seconda guerra sino-giapponese ha permesso al PCC di evitare l'annientamento da parte del GMD, consolidare la propria posizione nello Shaanxi e costruire la propria base di appoggio.

2. Joseph Stalin sostenne un'alleanza antifascista e persuase il PCC a negoziare una tregua con Jiang Jieshi.

3. Nel dicembre 1936 Jiang fu arrestato da Zhang Xueliang, un comandante dell'esercito nord-orientale che si oppose alla risposta inadeguata di Jiang all'aggressione giapponese. L'incidente di Xi'an, come divenne noto, costrinse Jiang a formare il Secondo Fronte Unito.

4. L'alleanza era precaria e di breve durata. Quando non sono impegnati con i giapponesi, il PCC e il GMD hanno continuato a combattere. Questo scoppiò nella guerra civile in seguito alla resa giapponese in 1945.

5. La maggior parte degli storici concorda sul fatto che il Secondo Fronte Unito fosse vantaggioso per il PCC. Diede al sovietico Yanan una sospensione dagli attacchi GMD, aiutò l'ulteriore sviluppo e crescita dell'Armata Rossa e vinse la guerra di propaganda per i comunisti. Questi fattori hanno lasciato il PCC in una posizione forte all'inizio della guerra civile.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il secondo fronte unito"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/second-united-front/
Data di pubblicazione: 19 settembre 2019
Data di accesso: Giugno 28, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.