Storico: John K Fairbank

john k. FairbankStorico: John King Fairbank

Nazionalità: Americano

Vissuto: 1907-1991

Professione (s): Scrittore, accademico (Oxford, Harvard e altri)

Libri: La grande rivoluzione cinese 1800-1985 (1986), Cina: una nuova storia (1992).

Prospettiva: Liberale occidentale

John King Fairbank è stato il più importante storico americano della Cina del XX secolo, in un'epoca in cui l'Asia moderna era uno studio di nicchia nel mondo accademico americano. Studente di storia eccezionale alla Exeter Academy, la tesi di Fairbank esplorava la rivoluzione russa, mentre la sua prima scelta di specializzazione era la storia britannica. Entro la fine degli anni '20, aveva sviluppato un interesse per la Cina imperiale e repubblicana. Fairbank viaggiò come studioso di Rodi a Pechino, dove imparò scrupolosamente da solo a leggere e parlare cinese. Ha intrapreso ulteriori studi e ricerche, compreso un esame degli archivi del governo Qing recentemente aperti. Nel 1920 tornò ad Harvard, introdusse corsi di storia cinese e divenne il massimo esperto americano in materia.

Tale era la conoscenza della Cina da parte di Fairbank che il governo degli Stati Uniti lo mandò lì durante la seconda guerra mondiale. Durante questo periodo Fairbank servì come traduttore, raccolse informazioni dalla gente del posto e fornì consigli agli ufficiali militari americani. Nel 1947 Fairbank, citando il calo del sostegno ai nazionalisti e la corruzione e la disunione tra i loro ranghi, predisse che alla fine i comunisti avrebbero prevalso in Cina. Ha espresso una certa simpatia per Mao Zedong e il PCC, suggerendo che il comunismo era "cattivo in America ma buono in Cina". Dopo il 1949 Fairbank esortò Washington a riconoscere il governo di Mao e collaborare con loro per promuovere gli interessi americani nella regione. Nel maccartismo della prima guerra fredda, questo era sufficiente perché Fairbank fosse accusata di simpatie e attività comuniste. Storiograficamente, Fairbank divenne più un realista liberale che un sinistro. Considerava unica la Cina, con la sua vasta popolazione e il suo ingresso tardivo nel mondo moderno. Le storie successive di Fairbank furono piuttosto critiche nei confronti di Mao Zedong, ma fornirono valide spiegazioni su come e perché Mao fu in grado di ottenere il controllo della Cina.

Citazioni

"Il principio organizzativo di Mao Zedong era come quello di qualsiasi bandito di successo: con la forza e l'astuzia, incluso un nuovo insegnamento, per ingraziarsi la popolazione locale".

“L'ascesa al potere di Mao Zedong ci ricorda la fondazione delle dinastie Han, Tang e Ming. In ogni caso, una banda di leader ha preso forma e ha lavorato insieme sotto un unico leader. Una volta formata, questa leadership ha mobilitato la popolazione nella loro area per sostenere uno sforzo militare e rovesciare i tiranni o espellere gli stranieri dalla terra, in entrambi i casi, una causa popolare ".

“La Lunga Marcia è sempre sembrata un miracolo, più documentato di Mosè che guidò il suo popolo eletto attraverso il Mar Rosso. Come hanno fatto così tante truppe e organizzatori di feste ad arrivare così lontano a piedi così in fretta? La risposta, ovviamente, è che solo i leader e una piccolissima parte delle truppe sono andati fino in fondo ".

“Senza la devastante invasione giapponese, il governo di Nanchino avrebbe potuto gradualmente aprire la strada alla modernizzazione della Cina. Come si è scoperto, tuttavia, resistere al Giappone ha dato a Mao e al PCC la possibilità di stabilire un nuovo potere autocratico nelle campagne, escludendo gli elementi di una nascente società civile urbana ancora in via di sviluppo sotto i nazionalisti ".

“L'applicazione [di Mao] del marxismo-leninismo alla Cina ha portato la Cina ad avere 2,000 anni di feudalesimo e solo 40 anni di capitalismo. Per gli standard marxisti europei, la Cina era particolarmente fuori forma ".

"I metodi con cui il movimento di riforma del pensiero di Mao è stato portato avanti a Yan'an nel 1942-44 sarebbero diventati molto familiari nella storia del PCC".

“Il PCC è stato inaspettatamente assistito dall'operazione del mandato celeste. Si aspettavano molti anni di ulteriori combattimenti prima di poter controllare tutta la Cina. Ma in realtà, una volta sconfitto il [Guomindang], l'intero paese li ha improvvisamente accettati come nuova autorità ".

“Il PCC generalmente ritiene che i primi tre anni del loro governo sarebbero necessari per la riabilitazione dell'economia e la mobilitazione delle persone prima che possano iniziare una trasformazione della società. Ma qui, gli eventi sono andati più velocemente di quanto si aspettassero ".

“Gli intellettuali cinesi sapevano bene che se tiri fuori il collo potresti perdere la testa. Per un anno [della campagna dei cento fiori] non dissero nulla ".

"Poiché Mao aveva perso la faccia a causa della sua fiducia nel rossore degli intellettuali, si è opposto a loro in modo vendicativo, considerandoli con disprezzo come semplici utenti di parole e, con un po 'di paura, come persone che non poteva controllare".

"La logica della mobilitazione decentralizzata ha portato alla creazione di comuni popolari, in base alle quali si supponeva che i benefici della modernizzazione nella sanità, nell'istruzione, nella produzione su larga scala e nelle comodità della vita fossero distribuiti equamente ... Raramente ha il perseguimento intenzionale di un ideale ha portato a risultati così devastanti ".

"Concentrandoci esclusivamente sul presidente Mao come leader non riusciremmo a trasmettere lo stato d'animo nazionale di fervido sacrificio di sé e attività frenetica che hanno caratterizzato il Grande Balzo in avanti".

“La vita politica della Cina, includendo i contadini, è stata ridotta all'aspro e ignorante livello contadino. Ciò è avvenuto in altre rivoluzioni, come uno dei costi del cambiamento sociale ".

“La comprensione di Mao da parte di un estraneo richiede un atto di immaginazione, prima di riconoscere la natura della sua supremazia. Mao ha avuto due carriere, una come leader ribelle, l'altra come imperatore aggiornato. Aveva acquisito il potere del secondo ma evidentemente conservava l'immagine di sé del primo ".

"Il presidente Mao Zedong ha ucciso milioni e milioni di cinesi definendola una lotta di classe per la rivoluzione".


Ad eccezione del materiale in Quotazioni, il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018.
Il contenuto creato da Alpha History non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.