Storico: Immanuel Hsu

immanuel hsuStorico: Immanuel Chung-Yueh Hsu

Vissuto: 1923-2005

Nazionalità: Cinese-americano

Libri: Tendenze intellettuali nel periodo Qing (1959) L'ingresso della Cina nella Famiglia delle Nazioni (1960) L'ascesa della Cina moderna (1970).

Professione: Accademico, storico

Prospettiva: Nazionalista liberale

Immanuel Hsu è nato in Cina e cresciuto a Shanghai. Entrò nel corpo diplomatico cinese e trascorse due anni schierato a Tokyo. Dopo la seconda guerra mondiale Hsu si trasferì negli Stati Uniti per studio, ottenendo un master presso l'Università del Minnesota e un dottorato ad Harvard. Ha trascorso gli anni '1950 ad Harvard, completando borse di ricerca prima di assumere una cattedra presso l'Università della California a Santa Barbara. Hsu è rimasto lì fino al suo pensionamento nel 1991, mentre insegnava in altre università americane ed europee. Hsu ha scritto numerosi libri e monografie sulla Cina del XIX e XX secolo, tuttavia il suo testo del 19 L'ascesa della Cina moderna è diventato un punto fermo per gli studenti della rivoluzione. Storiograficamente, Hsu è un conservatore liberale che simpatizza con idee e movimenti nazionalisti. È fortemente critico sia nei confronti dell'élite manciù che degli imperialisti stranieri, dipingendoli come trasgressori che hanno prolungato la dinastia Qing e corrotto il naturale sviluppo della Cina. Hsu dipinge Sun Yixian come il leader logico della Cina repubblicana e il Guomindang come il partito delle sue idee. È meno critico nei confronti di Jiang Jieshi e del Guomindang rispetto agli storici di sinistra, esagerando i loro risultati durante il "decennio di Nanchino". Hsu attribuisce la sconfitta nazionalista nella guerra civile al fallimento finanziario e all'esaurimento, piuttosto che alla cattiva gestione e alla corruzione, ignorando o mascherando i successi comunisti.

Citazioni

[Sulla ribellione dei Boxer] "I cani da guerra erano stati scatenati e ora, incontrollati, corrono violenti e schiavisti nel nord della Cina."

“Per tutta la vita, Mao è stato motivato da un'irrequietezza perpetua. Si ribellò contro suo padre, contro il proprietario terriero e il capitalista, contro il governo nazionalista, contro la dominazione sovietica e il revisionismo, e infine contro la sua stessa organizzazione partitica ... Impaziente per il cambiamento, voleva trasformare lo stato, la società e la natura umana in un colpo solo ".

“Per la Cina, Mao era Lenin e Stalin messi insieme. È stato un grande rivoluzionario, il maggior successo della metà del XX secolo. La sua più grande conquista è stata la presa del potere attraverso l'adattamento creativo della teoria marxista-leninista ... Ha sviluppato la strategia di organizzare i contadini per circondare le città ".

“Un pilastro di forza sia nel partito che nel governo, [Zhou Enlai] è stata l'influenza moderatrice attraverso numerose tempeste politiche. Zhou aveva salvato il paese dal caos più totale durante lo sconvolgimento della Rivoluzione Culturale e aveva contribuito a contrastare la presa del potere supremo della Banda dei Quattro ".


Ad eccezione del materiale in Quotazioni, il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018.
Il contenuto creato da Alpha History non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.