Storiografia della rivoluzione cinese

storiografia della rivoluzione cinese
Sima Qian, un antico studioso considerato il padre della storia cinese

Questa pagina è una breve introduzione alla storiografia della rivoluzione cinese. La storiografia è lo studio di come la storia è scritta e dei diversi modi in cui è stata ricercata, interpretata e compresa.

Cos'è la storiografia?

La storia non è una narrazione concreta o un insieme di fatti: è un processo continuo di ricerca, discussione e dibattito sul passato.

Gli storici studiano gli stessi periodi, persone ed eventi ma affrontano questi argomenti con punti di vista, presupposti, priorità e metodi diversi. Per questo motivo, spesso giungono a conclusioni diverse e formano interpretazioni e argomentazioni diverse.

Ciò è particolarmente vero per gli storici che ricercano e studiano eventi importanti come guerre e rivoluzioni, che sono per loro natura politicamente tumultuosi e divisivi. La comprensione storica può anche cambiare nel tempo, poiché vengono scoperte nuove prove e vengono individuate e considerate nuove prospettive.

Le sfide dello studio della Cina

La rivoluzione cinese è stata un evento complesso, drammatico e di importanza mondiale. Come le altre grandi rivoluzioni, la rivoluzione cinese ha coinvolto un numero infinito di persone, gruppi, eventi, condizioni, idee, politiche e decisioni.

La rivoluzione cinese ha attraversato almeno un secolo, a cominciare imperialismo straniero e Autorinforzante a metà 19 secolo Cina, fino alla morte di Mao Zedong in 1976 e oltre.

La rivoluzione cinese ha avuto cause sia a lungo che a breve termine. È stato caratterizzato da diversi periodi o fasi, durante i quali diversi leader e gruppi hanno gareggiato per il potere. Fu plasmato sia da complessi fattori interni, sia da potenze straniere che da numerose guerre. Chiunque studi la Rivoluzione cinese, storico e studente allo stesso modo, deve affrontare quattro sfide significative.

L '"unicità" della Cina

storiografia cinese
Molti occidentali trovano la cultura e la storia della Cina difficile da capire

Gli occidentali hanno sempre trovato la Cina intrigante, sorprendente, confusa e talvolta travolgente. La Cina è significativamente diversa dalle nazioni e dalle società occidentali. Ha una popolazione vasta, una lunga storia, una cultura distintiva e i suoi valori sociali particolari. La società cinese è straordinariamente complessa, piena di atteggiamenti e convinzioni che sono modellati da classe, status, politica, istruzione, lavoro, legami provinciali, ascendenza e famiglia.

Fino al XIII secolo, la Cina esisteva in quasi totale isolamento dall'Occidente. Di conseguenza, lo sviluppo politico, sociale ed economico ha seguito un corso molto diverso rispetto alle nazioni europee. Gli storici non cinesi hanno cercato a lungo di comprendere e spiegare la "vera Cina", ma il compito è difficile.

Gli studenti nei paesi occidentali come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l'Australia dovrebbero prestare attenzione alle differenze sociali, culturali e attitudinali della Cina. Evita di fare supposizioni sulla Cina o sulla storia cinese basate sulla tua società o sulla tua comprensione di altre civiltà. I concetti e i valori che conosci bene potrebbero non applicarsi così prontamente o chiaramente alla storia della Cina.

Problemi di traduzione

storiografia cina
La lingua cinese è complessa e difficile da imparare per gli occidentali

La Cina ha più di un miliardo di persone, 56 gruppi etnici riconosciuti e quasi 300 lingue diverse. Oggi, gran parte della Cina usa il cinese standard, una forma di mandarino, come lingua ufficiale. Circa il 70% delle persone parla cinese standard, sebbene siano in uso dozzine di lingue e dialetti provinciali.

Questa diversità di lingua era ancora maggiore all'inizio del XX secolo. Le lingue cinesi sono notevolmente diverse dall'inglese e da altre lingue occidentali. Il cinese standard, ad esempio, non ha alfabeto, manca di parole lunghe e usa i cambiamenti di tono per trasmettere il significato. Questo rende il cinese una lingua difficile da imparare e tradurre per gli anglofoni.

Queste differenze linguistiche possono creare problemi per lo storico ricercatore. Alcuni libri, documenti, documenti e storie orali cinesi potrebbero non essere tradotti e accessibili agli storici occidentali. Anche la traduzione delle fonti cinesi può variare, a volte in modo significativo. Il tono o la struttura delle fonti cinesi tradotte possono spesso suonare in modo diverso dalle fonti storiche occidentali. Questo perché il cinese standard utilizza un vocabolario, strutture delle frasi e sintassi (disposizione delle parole) diversi rispetto all'inglese, rendendo impossibile una traduzione diretta parola per parola.

Questi problemi e problemi non dovrebbero preoccupare molto gli studenti, ma dovresti essere consapevole del fatto che le fonti tradotte dal cinese possono variare leggermente nel significato dall'originale e possono avere un tono o un "suono" insolito. Potresti anche incontrare diversi romanisations (Forme inglesi) di nomi, luoghi e termini cinesi.

La "novità" della rivoluzione cinese

storiografia della rivoluzione cinese
Molti credono che la rivoluzione cinese continui, 40 anni dopo la morte di Mao

Negli anni '1970, leader cinese Zhou Enlai Secondo quanto riferito, è stato chiesto il suo parere sugli esiti della Rivoluzione francese. Secondo la leggenda, Zhou ha risposto: "È troppo presto per dirlo".

Questa storia apocrifa mette in luce un'altra sfida nello studio della Rivoluzione cinese: la sua relativamente recente.
Le rivoluzioni sono eventi complessi che innescano molti cambiamenti a breve e lungo termine. Senza una buona dose di senno di poi, può essere difficile studiarne e comprenderne appieno gli effetti. Il Rivoluzione russa avvenuta quasi un secolo fa, ma i suoi effetti sono ancora evidenti nella Russia dell'inizio del XXI secolo. Questo è ancora più vero per la rivoluzione cinese.

Sebbene sia conveniente credere che la rivoluzione cinese si sia conclusa nel 1976 con la morte di Mao Zedong, Zhou Enlai e Jiang Jieshi, non è proprio il caso. Come il lavaggio e le onde di una potente barca, gli effetti della rivoluzione cinese continuano a influenzare e modellare la Cina oggi. Potrebbero volerci decenni, persino generazioni, prima di conoscere abbastanza la rivoluzione e le sue conseguenze per comprenderne appieno l'impatto.

Controllo comunista delle informazioni

storiografia cina
Il governo cinese continua a limitare e censurare le informazioni

La nostra comprensione della rivoluzione cinese è ulteriormente complicata dal Partito comunista cinese (PCC) e il suo controllo sul governo. In altre parole, il gruppo che ha guidato la rivoluzione è ancora al comando della nazione ed esercita il controllo sul suo governo, sulla società, sull'informazione e sulla storia.

La Cina ha subito una certa liberalizzazione e allentamento dalla morte di Deng Xiaoping nel 1997, tuttavia, molti aspetti della storia cinese rimangono un "libro chiuso". La maggior parte delle storie della Cina pubblicate all'interno della Cina offrono solo interpretazioni marxiste o neo-marxiste. Il PCC al governo sanziona la propria interpretazione del marxismo come visione ortodossa e "corretta" della storia cinese (non sorprende, dato che il PCC trae la sua legittimità politica dalla teoria marxista). Il PCC limita l'accesso agli archivi e alle fonti storiche, sia per gli storici cinesi che occidentali.

Il governo cinese esercita la censura sul materiale pubblicato in Cina, nonché sull'importazione e circolazione di libri stranieri. Il Ministero della Pubblica Sicurezza gestisce anche il Golden Shield o "Great Firewall of China", che monitora, censura e blocca il traffico Internet considerato pericoloso dal governo.

Prospettive storiche della rivoluzione cinese

storiografia
Le opinioni su Mao Zedong variano ampiamente tra storici diversi

La rivoluzione cinese è stata studiata, studiata e scritta da migliaia di storici. Molti storici hanno formulato argomentazioni e conclusioni diverse e la rivoluzione, le sue cause ed effetti e le sue idee in competizione. Gli storici che condividono argomenti o prospettive simili sono talvolta raggruppati in "scuole storiche" o "scuole di pensiero". Alcuni storici, tuttavia, non sono facilmente catalogabili o allineati con altri.

Se stai studiando la rivoluzione cinese al liceo o al college, è probabile che ti verrà chiesto di studiare o discutere diverse prospettive della rivoluzione. I seguenti collegamenti descrivono alcune prospettive storiche comuni sulla rivoluzione cinese. Riassumono come gli storici di ciascuna scuola abbiano avuto la tendenza a considerare aspetti particolari della rivoluzione, come i suoi leader, eventi e idee.

Prospettive sovietico-marxiste

karl marx
Karl Marx

Le storie marxiste sono influenzate dalle teorie del filosofo politico tedesco Karl Marx (1818-83). Secondo Marx, la società umana è strutturata e plasmata da fattori economici, in particolare la proprietà del capitale e la lotta tra le classi.

Marx ha scritto che le società umane progrediscono attraverso una serie di fasi: tribalismo, feudalesimo, capitalismo, socialismo e comunismo. Queste società progrediscono da una fase all'altra attraverso sconvolgimenti e rivoluzioni. Secondo Marx, la rivoluzione che sostituirà il capitalismo con il socialismo sarà iniziata e guidata dal proletariato (classe operaia industriale). Gli scritti di Marx hanno dato origine a movimenti rivoluzionari socialisti nell'Europa dell'inizio del XX secolo. Hanno anche plasmato le opinioni e le prospettive di molti storici.

Fino alla metà degli anni '1930, il Partito Comunista Cinese (PCC) aderì strettamente alle teorie di Marx e alla direzione dell'Internazionale Comunista (o Comintern) a Mosca. Le critiche marxiste al materialismo e all'imperialismo straniero erano popolari tra gli intellettuali cinesi dopo la prima guerra mondiale. Secondo la teoria sovietico-marxista, tuttavia, la piccola base industriale cinese e il basso numero di lavoratori dell'industria significavano che non era pronta per la rivoluzione socialista.

La situazione è cambiata con l'ascesa di Mao Zedong. Mao credeva che i contadini cinesi, piuttosto che i suoi lavoratori industriali, potessero guidare e istigare una rivoluzione socialista. Mao formò e rafforzò l'Armata Rossa con l'obiettivo di prendere il controllo della Cina. Ha anche fondato i "soviet contadini" a Jiangxi (1930) e in Yan'an (1936). Durante il periodo Yan'an, Mao scrisse anche ampiamente e sviluppò un'ideologia, sostenendo di adattare le teorie del marxismo alla situazione in Cina.

“Mao Zedong di solito si muoveva in modi misteriosi - o almeno sembravano misteriosi, perché mentre predicava una purezza ideologica marxista, agiva in modi che Marx non avrebbe né approvato né capito. Al centro [c'era il suo desiderio] di invertire il dominio europeo di lunga data sull'Asia affermando il dominio asiatico, traducendo il marxismo dalla forma europea a quella asiatica ".
Alan Axelrod, storico

Le storie marxiste della Cina furono abbracciate nella Russia sovietica guidata da Stalin, dal PCC prima del 1935, da storici cinesi come Kuo Mo-Jo (1892-1978) e da storici "marxisti ortodossi" nei paesi occidentali. Le storie marxiste tendono a essere critiche nei confronti di Mao Zedong e dei suoi seguaci. Dipingono Mao come un usurpatore (qualcuno che ha preso il potere senza una ragione o un sostegno adeguato) o un deviazionista (qualcuno che ha corrotto la teoria marxista). Mao ha affermato di essere fedele al marxismo, tuttavia, ha adattato o reinventato molti aspetti della teoria marxista. I marxisti ortodossi sostengono che Mao abbia imbastardito il PCC, trasformandolo da partito proletario con un'appartenenza urbano-industriale a un partito contadino rivoluzionario. Mentre il marxismo è un movimento internazionalista, Mao ha trasformato la rivoluzione cinese in un evento nazionalista, alimentato dall'aspra opposizione all'imperialismo straniero, all'interferenza sovietica e alle influenze occidentali.

Prospettive del PCC maoista

guo moruo
Guo Moruo

Le storie maoiste o ufficiali del PCC sono, come ci si potrebbe aspettare, in sintonia con Mao Zedong. Descrivono il presidente come un leader visionario e suggeriscono che i suoi contributi militari, politici e ideologici siano stati fondamentali per il successo della rivoluzione. Promuovono e glorificano la leadership di Mao dell'Armata Rossa, il Soviet di Jiangxi, il Lunga marcia e il Soviet Yan'an.

Al contrario, queste storie minimizzano o criticano il ruolo dei rivali di Mao, come la fazione filo-sovietica che guidò il PCC fino alla metà degli anni '1930. Le storie maoiste riconoscono l'importanza della teoria marxista, ma affermano che non avrebbe potuto avere successo in Cina senza l'interpretazione e la leadership di Mao. Vittorie sul Giapponese e nazionalisti sono attribuiti al genio ideologico, militare e tattico di Mao. Il Campagna di cento fiori è dipinto come una trappola strategica piuttosto che un errore di giudizio; il Grande balzo in avanti come una politica di successo segnata da disastri naturali.

Alcuni storici maoisti includono il propagandista del PCC Hu Qiaomu (1912-92), l'accademico cinese Guo Morou (1892-1978) e lo storico cinese-australiano Mobo Gao (1952-).

Le prospettive storiche maoiste sono diventate ancora più conformiste durante il Rivoluzione culturale (1966-76). La Rivoluzione Culturale è iniziata come una spinta per identificare ed eliminare le idee "anti-socialiste" dall'arte, dalla letteratura e dal mondo accademico. Questo naturalmente includeva la storia. La Rivoluzione Culturale è stata condotta principalmente dal Guardie rosse, un movimento di massa dominato da studenti universitari e delle scuole superiori che erano fanaticamente fedeli a Mao. A partire dalla metà di 1966, le Guardie Rosse hanno esercitato pressioni, intimidazioni e perseguitato qualsiasi storico o accademico che non ha adottato una linea dura maoista. Alcuni storici come Wu Han, l'autore di Han Rui licenziato dall'ufficio, furono picchiati e incarcerati per aver espresso critiche implicite a Mao.

Prospettive occidentali

La storiografia occidentale della Rivoluzione cinese è stata inizialmente modellata dalla politica della Guerra Fredda. Gli storici conservatori e liberali abbracciarono una posizione antisocialista che rispecchiava le politiche dei governi occidentali.

Questi storici consideravano Jiang Jieshi ei nazionalisti i legittimi governanti della Cina, mentre Mao Zedong e il PCC erano usurpatori senza legittimità politica. A loro avviso, il comunismo era un sistema imperfetto che ha inflitto abusi di potere, politiche fallite e sofferenza al popolo cinese.

Gli storici occidentali e filo-occidentali hanno dipinto un quadro negativo di Mao, condannandolo come dittatore maligno allo stesso modo di Stalin. Hanno sottolineato la dipendenza di Mao dalla coercizione e dalla violenza durante la rettifica di Yan'an (1942), gli incontri Speak Amarezza (inizio anni '1950) e la campagna anti-destra (1957). Il grande balzo in avanti fallì perché Mao ei suoi seguaci cercarono di industrializzare la Cina senza comprendere i principi economici di base. La Rivoluzione Culturale non fu altro che un tentativo di ripristinare il potere di Mao sfruttando il culto della personalità costruito intorno a lui.

Revisionismo post-mao

La morte di Mao Zedong nel 1976 ha permesso una rivalutazione della sua leadership – e quindi una rivalutazione della rivoluzione. All'interno della Cina, le prospettive di Mao rimangono ampiamente positive. Il Presidente è tuttora venerato come la forza trainante della Rivoluzione cinese e il padre politico e ideologico della Repubblica Popolare.

Mentre il culto della personalità è svanito, Mao è ancora venerato dal popolo cinese e la sua immagine incombe ancora in tutta la Repubblica popolare. Tuttavia, Mao non è più visto come impeccabile o irreprensibile. La posizione ufficiale del PCC, decisa dal Comitato Centrale nel 1981, è che “i contributi di Mao alla rivoluzione superano di gran lunga i suoi errori”. Lo slogan "70% buono, 30% cattivo", inizialmente usato per valutare il Grande balzo in avanti, è spesso usato per valutare la leadership di Mao.

Le storie revisioniste hanno approfondito gli errori e le mancanze di Mao e hanno fornito le proprie critiche e condanne. Li Zhisui's La vita privata del presidente Mao (1994) ha offerto informazioni sulle dubbie abitudini personali del Grande Timoniere, oltre a penetrare nel mito del genio politico di Mao. Alcuni storici, come Sun Shuyun (La lunga marcia, 2006), hanno indagato e smantellato i miti comunisti di vecchia data sulla rivoluzione.

Da dove provenivano le più aspre condanne di Mao Zedong Jung Chang e Jon Halliday, nel loro libro 2005 Mao: la storia sconosciuta. Questa interpretazione di Mao è completamente in contrasto con i conti comunisti ufficiali. Chang e Halliday dipingono Mao come un megalomane egoista con poca o nessuna considerazione per nessuno, figuriamoci per i contadini che afferma di rappresentare.

Per ulteriori informazioni sulla storiografia della Rivoluzione cinese, visitare le seguenti pagine:

Storici della rivoluzione cinese
Storiografia della rivoluzione culturale
Letteratura cicatriziale


© Alpha History 2018. Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Glen Kucha e Jennifer Llewellyn. Per fare riferimento a questa pagina, usa la seguente citazione:
G. Kucha e J. Llewellyn, "Chinese Revolution historiography", Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/chineserevolution/chinese-revolution-historiography/.
Questo sito Web utilizza pinyin romanizzazioni di parole e nomi cinesi. Per favore riferisci a questa pagina per maggiori informazioni.