Storiografia della rivoluzione culturale

Rivoluzione culturale
"Tieni alta la bandiera rossa", un tipico poster della Rivoluzione Culturale

La rivoluzione culturale ha generato più dibattiti e discussioni rispetto a qualsiasi altro aspetto della rivoluzione cinese. La storiografia della Rivoluzione Culturale è quindi varia e spesso controversa.

Mentre la disastrosa carestia di 1959-61 può essere spiegata da fallimenti politici e condizioni naturali, la Rivoluzione Culturale è stata un evento umano con cause più controverse.

La "linea di partito" emersa dopo la morte di Mao Zedong è stata che il presidente ha agito per errore. Con deboli echi di Krusciov che denunciava Stalin, il successore di Mao Deng Xiaoping ha descritto la Rivoluzione Culturale come “il più grande errore della vita [di Mao]”. Dal 1981, la posizione ufficiale del Partito Comunista Cinese (PCC) è che Mao si sia "sbagliato", ma che la Rivoluzione Culturale sia stata corrotta e aggravata dalle azioni dei piantagrane e di altri leader, in particolare Lin Biao e la Banda dei Quattro.

Oggi in Cina, il governo controlla e censura la discussione sulla Rivoluzione Culturale più di ogni altro evento storico.

Hong Yung Lee

Uno dei primi studi storici seri sulla Rivoluzione culturale fu intrapreso da Hong Yung Lee (La politica della rivoluzione culturale cinese, 1978). In questo lavoro, Lee ha sostenuto che la Rivoluzione Culturale è iniziata come un conflitto tra élite di partito, ma si è espansa rapidamente in un conflitto tra élite e masse.

Lee ha suggerito che la maggior parte delle guardie rosse provenivano da settori svantaggiati della società urbana. Erano addolorati perché la Rivoluzione non era riuscita a soddisfare i loro bisogni. Le Guardie Rosse furono quindi motivate dalla frustrazione e dall'invidia di classe più che da preoccupazioni politiche o ideologiche.

Inoltre, il regime comunista aveva stabilito un precedente per le "critiche violente" durante le campagne "Parla di amarezza" che accompagnavano la riforma agraria. Secondo Lee, Mao ha messo in moto questo movimento ma non è stato in grado di controllarlo o trattenerlo.

storiografia della rivoluzione culturale
Le guardie rosse umiliano un accusato di destra durante la Rivoluzione Culturale

La teoria della "mobilità sociale"

La ricerca condotta da Anita Chan negli anni '1980 e ripresa successivamente da Jonathan Spence ha sottolineato un altro fattore importante tra i giovani cinesi: la necessità di avere successo. Chan afferma che la "nuova Cina" della metà degli anni Sessanta offriva meno opportunità di mobilità sociale. La concorrenza per posti universitari, lavori governativi e incarichi tecnici era aumentata rapidamente, lasciando molti con poche possibilità di successo.

Gli studenti cinesi degli 1960 erano soggetti alla socializzazione politica: i loro genitori insegnavano che ottenere queste posizioni dipendeva dalla loro devozione allo stato, al presidente Mao e ai suoi ideali socialisti. Il radicalismo di molte Guardie Rosse fu alimentato da questa intensa competizione e dalla convinzione che il successo potesse venire solo attraverso lealtà ed entusiasmo fanatici.

storiografia della rivoluzione culturale
Ouyang Xiang è battuto dalle guardie rosse in 1968. In seguito fu assassinato.

Fattori a più lungo termine

Scrivendo a metà degli anni '1980, Lucian Pye, uno storico americano, si chiedeva perché così tanti storici abbiano presentato cause "superficiali" della Rivoluzione Culturale, di solito suggerendo che fosse causata principalmente, se non interamente, da Mao. Pye ha chiesto se lo sconvolgimento politico e sociale del 1966 avesse radici causali più profonde nella storia della Cina, come la sua lunga tradizione di ribellioni contadine.

Pye ha anche osservato che il patriottismo e la lealtà avevano impedito ai leader e agli studiosi cinesi di pensare in modo critico alla Rivoluzione Culturale, comprendendo il danno che aveva causato o reagendo di conseguenza. Piuttosto che intraprendere una qualsiasi autoanalisi, i governanti cinesi hanno incolpato gli esiti negativi del nuovo regime - le sofferenze della riforma agraria, il grande balzo in avanti, il fanatismo e la violenza della Rivoluzione Culturale - sullo “zelo eccessivo dei quadri”.

Tang Tsou

Un contrappunto a queste interpretazioni negative della rivoluzione culturale è venuto da Tang Tsou (La rivoluzione culturale e le riforme post-mao: ​​una prospettiva storica, 1986).

Nel suo libro del 1986 e in una serie di saggi, Tsou sosteneva che la Rivoluzione Culturale fosse un'espressione funzionale del "potere popolare" che limitava il potere del governo e spianava la strada alle riforme dopo la morte di Mao. La rivoluzione culturale era necessaria, sosteneva Tsou, perché il potere del governo era cresciuto eccessivamente ed era necessaria una correzione.

L'argomento di Tsou fu successivamente contestato da Anne Thurston e dalla "letteratura cicatriziale" degli anni '1980, che dipinse la Rivoluzione Culturale come una tragedia. Questi scrittori sostenevano che lo sconvolgimento sociale e il costo umano della Rivoluzione Culturale superavano di gran lunga i benefici politici che ne derivavano.

Storiografia occidentale

In Occidente, l'opinione prevalente della Rivoluzione Culturale era che era principalmente opera di Mao Zedong.

Jung Chang - che lei stessa era una Guardia Rossa durante la Rivoluzione Culturale - considera Mao in gran parte responsabile. Chang ritiene che la stragrande maggioranza dei giovani cinesi sia stata sottoposta al lavaggio del cervello dal maoismo e dal suo culto della personalità. La Rivoluzione Culturale, secondo Chang, fu un grandioso tentativo di ripristinare il controllo di Mao sul PCC, mettendo contro di essa milioni di suoi sudditi indottrinati.

Michael Lynch considera anche la Rivoluzione Culturale una strategia politica, scrivendo che Mao "ha scatenato la Rivoluzione Culturale per garantire la continuazione della Cina che aveva creato".

Ross Terrill è un altro storico che vede la Rivoluzione Culturale come opera di Mao, sebbene suggerisca che l'affermazione del controllo politico fosse solo uno degli obiettivi di Mao. "Lui [Mao] era preoccupato per la morbidezza dei 300 milioni di giovani nati dal 1949", ha scritto Terrill. "Devono essere sottoposti a una lotta per conto loro."

“In futuro ne sapremo di più su Mao di quanto sappiamo adesso. È possibile identificare le barriere odierne all'ulteriore conoscenza. Uno è la nostra incapacità di studiare gli archivi militari cinesi. Un secondo è l'indisponibilità degli appunti e / o delle registrazioni su nastro di migliaia di discorsi e conversazioni informali di Mao ... un terzo è la reputazione politica di persone ancora in vita o in grande favore ... In un senso importante, non sapremo quali sono molti segmenti di cinese la società pensa a Mao fino alla fine del dominio leninista, poiché l'espressione dell'opinione su Mao in Cina avviene sempre all'interno di un contesto politico specifico ".
Ross Terrill, storico

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La storiografia della Rivoluzione Culturale"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/historiography-cultural-revolution/
Data di pubblicazione: Febbraio 21, 2016
Data di accesso: October 03, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.