Wang Jingwei

wang jingwei

Wang Ching-wei) era un rivoluzionario repubblicano, capo dell'ala sinistra del Guomindang e, in seguito, un governante fantoccio della Cina occupata dai giapponesi.

Wang è nato nella provincia del Guangdong e da adolescente è stato inviato in Giappone per studiare legge. Fu lì che fu coinvolto nella politica nazionalista, unendosi al Tongmenghui in 1905.

Ritornò in Cina e nel 1910 tentò di assassinare il principe Chun, padre del piccolo imperatore Puyi. Wang fu arrestato e gettato in prigione, ma fu liberato dopo il crollo del regime di Qing. Fuggì dalla Cina durante l'era Warlord, ma tornò nei primi 1920 per assistere Sun Yixian.

Wang divenne un rivale politico di Jiang Jieshi, di cui rifiutò il repubblicanesimo militarista di destra. All'inizio del 1927, mentre Jiang guidava le fasi finali della Spedizione del Nord, Wang ei suoi sostenitori istituirono un governo nazionale con sede a Wuhan. Ma il governo di Wang è sopravvissuto solo poche settimane, fino a quando le forze dei signori della guerra allineate con Jiang e Guomindang hanno invaso Wuhan.

Wang ha abbandonato la sua personale ricerca di potere e si è allineato con Jiang in 1932. Fu nominato premier del governo di Nanchino, tuttavia, il suo rapporto con Jiang rimase instabile.

Wang è forse meglio conosciuto per aver collaborato con i giapponesi tra 1938 e 1945. Ha firmato un trattato non ufficiale con il Giappone e in 1940 è stato installato come sovrano fantoccio a Nanchino occupato dai giapponesi.

Wang è morto in Giappone a 1944, condannato come traditore sia dal Partito Comunista Cinese che dal Guomindang.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Wang Jingwei"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/wang-jingwei/
Data di pubblicazione: Gennaio 15, 2016
Data di accesso: 25 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.