Yuan Shikai

yuan shikai

Yuan Shikai (1859-1916, Wade-Giles: Yuan Shih-kai) fu un comandante militare di alto rango Qing e presidente della prima repubblica cinese dal 1912 al 1916. Un uomo forte militare piuttosto che un leader politico, il tentativo di Shikai di far rivivere la monarchia e installarsi come imperatore suonò la campana a morto per la repubblica.

Background e carriera militare

Shikai è nato nelle zone rurali dell'Henan e ha ricevuto una buona istruzione, ma dopo aver fallito gli esami imperiali ha scelto di unirsi all'esercito nazionale Qing. Negli anni 1880, Shikai fu inviato in Corea per addestrare le forze lì; in seguito divenne ambasciatore di Pechino in Corea, consigliando i leader locali e prevenendo un colpo di stato giapponese. 

Nel 1895, Shikai fu richiamato e gli fu dato il comando della nuova armata modernizzata nel nord della Cina. Ha mantenuto la lealtà di questo esercito fino alla sua morte, e in seguito si sarebbe rivelato un prezioso strumento politico.

Nel 1898, Shikai si allineò con Imperatrice vedova Cixi durante la reazione alle Riforme dei Cento giorni, aiutandola a dare una gomitata Imperatore Guangxu dal potere. Fu nominato governatore della provincia di Shandong nel 1899 e si rifiutò di aiutare o sostenere la ribellione dei Boxer che si stava preparando lì. In seguito ignorò le istruzioni di Cixi, usando le sue truppe del New Army per sopprimere i Boxer piuttosto che supportarli.

Shikai ha continuato ad accumulare potere dopo il Boxer Rebellion, al punto che alcuni nella corte Qing temevano che potesse condurre un colpo di stato militare. Nel 1907 Shikai fu spogliato dei suoi incarichi politici e costretto al ritiro, ma la morte di Cixi nel 1908 significava che Yuan Shikai non era ancora fuori dai giochi.

Allo scoppio della Rivoluzione Xinhai nell'ottobre 1911, le opinioni politiche di Yuan Shikai erano incerte. Il suo controllo del New Army, la forza militare più potente della Cina, ha reso Shikai una figura importante; di conseguenza, fu corteggiato sia dai Qing che dai repubblicani. 

Alla fine del 1911, Shikai comandò il suo esercito in battaglia contro i rivoluzionari repubblicani a Yangxia. Una settimana dopo, ha cambiato di nuovo schieramento dopo che Sun Yixian gli ha offerto la presidenza in un governo repubblicano post-Qing.

Da presidente ad aspirante imperatore

Shikai prestò giuramento come presidente nel febbraio 1912. In qualità di primo presidente repubblicano della Cina, Shikai godeva del rispetto dei conservatori e delle potenze straniere. Non aveva alcun impegno personale per il repubblicanesimo o la democrazia, tuttavia, e gran parte della sua presidenza fu spesa a lavorare per minare o indebolire l'Assemblea nazionale eletta.

L'ultimo atto politico significativo di Shikai è stato un tentativo di far rivivere la monarchia. Nel dicembre 1915, un'assemblea fantoccio convocata da Shikai gli chiese di ripristinare il dominio imperiale e di accettare il titolo di imperatore. Ciò è stato accolto con condanna e opposizione diffusa, sia all'interno della Cina che da parte di potenze straniere, in particolare il Giappone. Nel marzo 1916, Shikai aveva quasi abbandonato il piano. Morì solo tre mesi dopo.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Yuan Shikai"
Autori: Glenn Kucha, Jennifer Llewellyn
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/chineserevolution/yuan-shikai/
Data di pubblicazione: Gennaio 6, 2016
Data di accesso: Giugno 27, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.