L'incidente del Golfo del Tonchino

Golfo dell'incidente Tonkin
La USS Maddox, la nave americana al centro dell'incidente del Golfo del Tonchino.

L'incidente del Golfo del Tonchino è stato un breve confronto tra le navi da guerra degli Stati Uniti e del Vietnam del Nord. È avvenuto al largo delle coste del Vietnam settentrionale nell'agosto 1964. L'incidente del Golfo del Tonchino ha fornito un fattore scatenante per un maggiore coinvolgimento americano in Vietnam.

USS Maddox

Al centro dell'incidente del Golfo del Tonchino c'era la USS Maddox, una delle numerose navi militari americane che pattugliavano i mari a est di Vietnam del Nord.

L'USS Maddox era un cacciatorpediniere armato, ma era anche equipaggiato per raccogliere informazioni monitorando trasmissioni radio, radar e sistemi di difesa del Vietnam del Nord. Questa informazione è stata trasmessa al Pentagono e utilizzata per organizzare attacchi segreti contro il Vietnam del Nord. Questi attacchi, nome in codice Operazione 34A, furono pianificati e organizzati dalla CIA e condotti principalmente da commandos sudvietnamiti, utilizzando barche norvegesi non contrassegnate.

L'ultima settimana di luglio 1964 produsse una significativa escalation di questi attacchi. Una brigata di Vietnamita del sud commandos fu paracadutato nel Vietnam del Nord, probabilmente per operare sotto copertura lì, ma fu rapidamente catturato. Gli aerei forniti dalla CIA furono usati per bombardare i posti di frontiera del Vietnam del Nord. Il luglio 31st, un'operazione congiunta che ha coinvolto le forze speciali del Vietnam del Sud e degli Stati Uniti ha attaccato due isole al largo della costa del Vietnam del Nord.

Hanoi si vendica

Hanoi ha deciso di rispondere a questi attacchi ostili al Vietnam del Nord. A mezzogiorno del 2 agosto, tre torpediniere del Vietnam del Nord si sono avvicinate e hanno sparato sulla USS Maddox. Tutti i siluri hanno mancato il bersaglio.

Gli aggressori sono stati respinti a colpi di arma da fuoco dal Maddox, che ha anche chiamato il supporto aereo da un vettore vicino. Secondo quanto riferito, una delle torpediniere è stata affondata; gli altri due hanno subito danni e sono tornati alla base zoppicando.

Due giorni dopo la Maddox e un'altra nave americana, la USS Turner Joy, affermarono di aver risposto a un altro attacco con siluri del Vietnam del Nord.

Johnson risponde

Golfo di Tonkin
Johnson tiene il suo discorso pubblico sull'attacco del Golfo del Tonchino, agosto 1964

Presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson informato il pubblico americano di questi attacchi due giorni dopo. Parlando con rabbia misurata, Johnson ha promesso una risposta immediata ma proporzionata:

“Questo nuovo atto di aggressione, diretto direttamente alle nostre stesse forze, fa capire a tutti noi l'importanza della lotta per la pace e la sicurezza nel sud-est asiatico. All'aggressione terroristica contro i pacifici abitanti dei villaggi del Vietnam del Sud si è ora aggiunta un'aperta aggressione in alto mare contro gli Stati Uniti d'America. La determinazione di tutti gli americani a portare avanti il ​​nostro pieno impegno nei confronti del popolo e del governo del Vietnam del Sud sarà raddoppiata da questo oltraggio. Tuttavia la nostra risposta, per il momento, sarà limitata e adeguata. Noi americani sappiamo, anche se altri sembrano dimenticare, i rischi di diffondere il conflitto. Non cerchiamo ancora una guerra più ampia ... È una responsabilità solenne dover ordinare azioni militari anche limitate da parte di forze la cui forza complessiva è vasta e impressionante come la [nostra], ma è mia considerata convinzione che la fermezza nel diritto sia indispensabile oggi per la pace."

Johnson ha anche promesso di chiedere una risoluzione al Congresso, autorizzandolo a "prendere tutte le misure necessarie a sostegno della libertà e in difesa della pace nel sud-est asiatico".

Risoluzione del Golfo del Tonchino

Il 5 agosto, il giorno dopo essersi rivolto alla nazione, Johnson ordinò una piccola ma precisa serie di bombardamenti. Denominata in codice Operazione Pierce Arrow, questa missione ha visto aerei americani effettuare 64 sortite per bombardare le principali basi di torpediniere lungo la costa del Vietnam del Nord.

Lo stesso giorno, Johnson ha scritto ai membri del Congresso chiedendo loro di appoggiare "tutte le azioni necessarie per proteggere le nostre forze armate e per assistere le nazioni coperte dal Trattato SEATO". Il Congresso ha debitamente considerato la richiesta di Johnson.

La mozione di risoluzione presentata al Congresso ha incontrato poco dissenso o opposizione, sia alla Camera dei rappresentanti che al Senato. Il 10 agosto, una settimana dopo l'attacco alla USS Maddox, il Congresso approvò il Risoluzione del Golfo del Tonchino (intitolato ufficialmente Asia Resolution 88-408), che recitava in parte:

“Le unità navali del regime comunista in Vietnam, in violazione dei principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale, hanno deliberatamente e ripetutamente attaccato le navi della marina degli Stati Uniti legalmente presenti nelle acque internazionali, creando così una seria minaccia per pace internazionale ... Questi attacchi fanno parte di una campagna di aggressione deliberata e sistematica che il regime comunista del Vietnam del Nord ha condotto contro i suoi vicini ... Il Congresso approva e sostiene la determinazione del Presidente, in qualità di Comandante in Capo, di prendere tutte le misure necessarie respingere qualsiasi attacco armato contro le forze degli Stati Uniti e prevenire ulteriori aggressioni. Gli Stati Uniti sono quindi pronti, come determina il Presidente, a prendere tutte le misure necessarie, compreso l'uso della forza armata, per assistere qualsiasi membro o stato protocollista del Trattato di difesa collettiva del Sud-est asiatico che richieda assistenza in difesa della sua libertà ".

Ramificazioni politiche

La risoluzione del Golfo del Tonchino ha avuto implicazioni legali e politiche. Secondo la Costituzione degli Stati Uniti, il presidente è il comandante in capo delle forze armate e può dispiegarle come meglio crede. Il presidente non ha però il potere di dichiarare guerra, potere riservato esclusivamente al Congresso.

La formulazione della risoluzione del Golfo del Tonchino ha aggirato questi obblighi. Johnson è stato autorizzato a usare la forza militare nel sud-est asiatico, con il sostegno del Congresso ma senza una dichiarazione formale di guerra. Il conflitto in corso in Vietnam è durato dieci anni ma è rimasta una guerra non dichiarata. È stato variamente descritto come un "intervento multinazionale" o "un'azione di polizia".

È significativo che per Johnson l'approvazione della risoluzione da parte del Congresso sia stata schiacciante. La Camera dei Rappresentanti l'ha approvata all'unanimità per 416-0, il Senato per 48-2. Ciò ha dato all'allora cauto Johnson una spinta di fiducia - e una sorta di assegno in bianco del Congresso - per procedere con l'azione militare in Vietnam.

1964 elezioni

Golfo di Tonkin
Un poster della campagna elettorale di Johnson del 1964

Nonostante questo ampio sostegno al Congresso, Johnson scelse di non intraprendere alcuna azione decisiva in Vietnam fino a dopo le elezioni presidenziali del novembre 1964.

Il suo avversario in queste elezioni, il candidato repubblicano Barry Goldwater, era un conservatore convinto e anche più un "falco" di Johnson. Goldwater ha criticato il presidente in carica per essere "tenero con il comunismo" e ha promesso tattiche più aggressive contro i ribelli e i regimi comunisti in Asia.

Questo ha giocato nelle mani della squadra di campagna di Johnson, che ha dipinto il loro candidato come un moderato in cerca di pace che era riluttante a impegnare le truppe americane in guerra ma lo avrebbe fatto se necessario. Goldwater, hanno suggerito, era un guerrafondaio che ricorreva all'uso di armi nucleari. Lo slogan della campagna di Goldwater era "Nel tuo cuore, sai che ha ragione"; La squadra di Johnson ha risposto con "Nelle viscere, sai che è pazzo".

Johnson eletto

Nel novembre 1964, Johnson registrò una delle vittorie elettorali più decisive nella storia degli Stati Uniti, conquistando il 61.1% dei voti popolari e 44 dei 50 stati.

Le elezioni del 1964 diedero anche al Partito Democratico di Johnson la maggioranza in entrambe le Camere del Congresso. Johnson aveva ora un mandato legislativo per le sue riforme della Great Society e un mandato di quattro anni per trattare con i comunisti nel sud-est asiatico.

Dopo la sua inaugurazione nel gennaio 1965, l'attenzione di Johnson tornò alla strategia militare in Vietnam. All'inizio di marzo, le truppe americane venivano sbarcate sulla "China Beach" di Da Nang.

Le truppe da combattimento sbarcano in Vietnam

Golfo di Tonkin
Le truppe di combattimento statunitensi sbarcano a Da Nang, marzo 1965

Le truppe da combattimento americane erano inizialmente incaricate di ruoli difensivi, dispiegate nelle enclavi del Vietnam del Sud a maggior rischio Viet Cong attacco. Le prime regole di ingaggio per le truppe statunitensi richiedevano loro di occupare e difendere "elementi critici del terreno", piuttosto che impegnarsi in "attività quotidiane contro i vietcong".

I comandanti militari, tuttavia, erano insoddisfatti di questo approccio difensivo. L'unica strategia efficace, credevano, era lanciare offensive per eliminare le truppe e le basi vietcong.

Nel corso del tempo, questi termini di impegno sono stati rivisti e allentati, consentendo alle truppe statunitensi di spostarsi al di fuori delle loro aree definite e di cercare il nemico. Con l'espansione del territorio e delle posizioni detenute dagli americani, il numero delle truppe statunitensi aumentò gradualmente ma inevitabilmente. Nel marzo 1965, c'erano circa 17,000 truppe di terra statunitensi in Vietnam. Alla fine del 1965, questo numero era salito a oltre 180,000.

Il punto di vista di uno storico:
“La risoluzione del Golfo del Tonchino ha dato a Johnson una tregua temporanea dalle scelte spiacevoli in Vietnam ... Avendo resistito all'aggressione comunista, Johnson ora suonava una nota moderata. Nei discorsi durante la campagna, ha sottolineato di aver dato un aiuto limitato al Vietnam: non avrebbe "permesso alle nazioni indipendenti dell'Est di essere inghiottite dalla conquista comunista" - ma non significherebbe mandare "ragazzi americani a 10,000 miglia di distanza da casa per fare ciò che I ragazzi asiatici dovrebbero fare da soli "."
Robert Dallek

1. L'incidente del Golfo del Tonchino si è verificato nell'agosto 4th 1964, quando l'USS Maddox ha riferito di essere stato attaccato da siluri che operavano nel nord del Vietnam.

2. Due giorni dopo, il presidente degli Stati Uniti Lyndon Johnson si rivolse alla nazione. Ha promesso di rispondere a questo "nuovo atto di aggressione" e di cercare una risoluzione del Congresso.

3. Questa risoluzione è stata garantita in agosto 10th, con un supporto quasi unanime. Sebbene non fosse una dichiarazione di guerra, autorizzò Johnson a schierare forze militari americane in Asia.

4. Johnson non ha intrapreso azioni importanti fino a dopo le elezioni presidenziali di 1964 di novembre. Johnson ha vinto queste elezioni in modo decisivo dopo aver descritto l'avversario Barry Goldwater come una guerra calda.

5. Le prime truppe da combattimento statunitensi sbarcarono in Vietnam nel marzo 1965. Le truppe statunitensi operavano in condizioni di ingaggio limitato. Man mano che si estendevano, aumentarono anche i numeri delle truppe, raggiungendo 184,000 entro la fine di 1965.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'incidente del Golfo del Tonchino"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/gulf-of-tonkin-incident/
Data di pubblicazione: Giugno 21, 2019
Data di accesso: 26 settembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.