Gli accordi di Ginevra di 1954

accordi di Ginevra di 1954
Delegati alla conferenza di Ginevra del 1954 su Corea e Indocina.

Nell'aprile 1954, diplomatici di diverse nazioni - inclusi Stati Uniti, Unione Sovietica, Cina, Francia e Gran Bretagna - parteciparono a una conferenza nella città svizzera di Ginevra. Ciò ha portato alla creazione degli accordi di Ginevra, che hanno delineato una tabella di marcia per la pace e la riunificazione in Vietnam. Gli accordi di Ginevra sono ricordati come un fallimento, principalmente perché le principali nazioni non hanno rispettato i loro termini.

Il vertice di Ginevra

Il raduno di Ginevra era stato infatti convocato per discutere di altri due hotspot della guerra fredda, Berlino e Corea. Quando è iniziato, il Viet Minh aveva invaso la base francese a Dien Bien Phu, costringendo il Vietnam all'ordine del giorno.

All'inizio di maggio, Parigi aveva annunciato la sua intenzione di ritirarsi dall'Indocina e smantellare il amministrazione coloniale Là. Il ritiro francese lascerebbe il Vietnam senza un governo nazionale consolidato, mettendolo a rischio di un cambio comunista.

Alla conferenza di Ginevra è stato affidato il compito non invidiabile di organizzare la riunificazione e l'autogoverno del Vietnam. La conferenza ha prodotto una serie di risoluzioni note come accordi di Ginevra, una tabella di marcia per la transizione del Vietnam verso l'indipendenza. Tuttavia, gli accordi non erano supportati dai principali attori, quindi avevano poche possibilità di successo.

Paralleli con la Corea

I delegati a Ginevra hanno notato somiglianze tra il Vietnam e la Corea del dopoguerra, un paese anch'esso lasciato diviso dopo la seconda guerra mondiale.

Fino a 1945, la Corea era stata occupata dai giapponesi. Dopo il loro ritiro, la penisola coreana fu divisa sul parallelo 38. Questa divisione doveva essere temporanea, tuttavia la regione presto si consolidò in due stati separati: la Corea del Nord controllata dai comunisti, sostenuta dall'Unione Sovietica e dalla Cina; e la Corea del Sud, sostenuta dagli Stati Uniti e dai suoi alleati occidentali.

I sovrani di entrambi questi stati transitori si consideravano i legittimi sovrani di tutta la penisola. In 1950, le truppe nordcoreane lanciarono un'invasione del Sud, innescando una risposta internazionale. Una coalizione militare delle Nazioni Unite guidata dagli Stati Uniti è intervenuta per impedire il superamento della Corea del Sud. Un cessate il fuoco ha concluso il Guerra di Corea a luglio 1953 con la penisola ancora divisa.

Una divisione temporanea

accordi di Ginevra
Il segretario di Stato americano John Foster Dulles (a destra) con il presidente Eisenhower

La conferenza di Ginevra ha adottato un approccio simile in Vietnam. Il territorio vietnamita sarebbe stato temporaneamente diviso in nord e sud, quindi dato una tabella di marcia per libere elezioni, autogoverno, riunificazione e indipendenza.

Sfortunatamente, il piano nato a Ginevra è stato minato e sabotato dalla mancanza di supporto. Delegati americani hanno partecipato al vertice di Ginevra ma hanno partecipato a malapena. Il segretario di Stato americano John Foster Dulles, un anticomunista veemente, si è rifiutato di riconoscere, stringere la mano o parlare direttamente con i delegati cinesi o Viet Minh.

C'erano anche divisioni e disaccordi nel blocco comunista. Sia la Cina che l'Unione Sovietica, per le proprie ragioni strategiche, si rifiutarono di sostenere la pretesa dei Viet Minh di governare tutto il Vietnam. Capo negoziatore di Ho Chi Minh, Pham Van Dong, ha scelto di non allinearsi troppo con Mosca o Pechino, preferendo che il Vietnam del Nord rimanga responsabile del proprio destino.

Il delegato britannico Sir Anthony Eden in seguito ha osservato che "non aveva mai conosciuto una conferenza di questo tipo ... le parti non avrebbero stabilito un contatto diretto e noi eravamo in costante pericolo che l'una o l'altra si ritirasse dalla porta".

Termini degli accordi di Ginevra

La conferenza di Ginevra si è tenuta fino al luglio 21st prima di produrre un accordo formale. Tra i termini degli Accordi di Ginevra c'erano i seguenti:

  • Il Vietnam sarebbe diventato una nazione indipendente, ponendo fine formalmente a 75 anni di colonialismo francese. Anche le ex colonie francesi di Cambogia e Laos avrebbero ottenuto la loro indipendenza.
  • Il Vietnam sarebbe temporaneamente diviso per un periodo di due anni. Il confine temporaneo è stato fissato sulla linea di latitudine 17 gradi a nord dell'equatore, nota anche come 17 ° parallelo. Il confine aveva lo scopo di "risolvere le questioni militari con l'obiettivo di porre fine alle ostilità ... la linea di demarcazione militare è provvisoria e non dovrebbe in alcun modo essere interpretata come un confine politico o territoriale".
  • Le elezioni nazionali erano previste per luglio 1956. Sarebbero condotti sotto la supervisione internazionale. Il risultato elettorale determinerebbe il sistema politico e il governo nel Vietnam di recente indipendenza.
  • Durante il periodo di transizione di due anni, il personale militare è stato incaricato di tornare al suo luogo di origine: soldati e guerriglieri del Viet Minh nel Vietnam del Nord, truppe francesi e filo-francesi nel Vietnam del Sud. I civili vietnamiti erano liberi di trasferirsi nel nord o nel sud del Vietnam.
  • Durante il periodo di transizione, sia il Vietnam del Nord che del Sud hanno concordato di non formare alleanze militari straniere o di autorizzare la costruzione di basi militari straniere.

Esiti degli accordi

accordi di Ginevra
Un cartone animato 1954 critico delle politiche statunitensi e francesi in Vietnam

In superficie, gli Accordi di Ginevra sembravano una soluzione ragionevole a un problema difficile. Gli Accordi hanno generato una copertura ottimistica per la stampa e sperano che il Vietnam possa essere stabilizzato e facilitato l'indipendenza.

In realtà, gli accordi erano quasi certamente destinati a fallire. Furono arruolati frettolosamente e portati all'esistenza appena due mesi dopo la caduta di Dien Bien Phu. La conferenza di Ginevra è stata una vicenda acrimoniosa minata da Guerra fredda tensioni e sfiducia. Gli accordi non sono stati negoziati in buona fede: molte parti interessate hanno rifiutato di firmare o hanno firmato sotto pressione.

Sia il Vietnam del Sud che il suo principale benefattore, gli Stati Uniti, "riconobbero" gli Accordi ma si rifiutarono di firmarli o di impegnarsi a onorarne i termini. I delegati del Viet Minh non hanno voluto firmare: erano scettici sulle elezioni previste per il 1956 e riluttanti ad accettare il 17 ° confine parallelo, il che avrebbe significato cedere il territorio a sud. Alla fine, i rappresentanti del Viet Minh hanno firmato su istruzioni di Ho Chi Minh, che era lui stesso sotto la pressione dell'Unione Sovietica e della Cina.

L'accademico americano Roger H. Hull attribuisce il fallimento degli Accordi di Ginevra alla mancanza di buona fede e consenso tra coloro che hanno partecipato al vertice:

“Il fatto che il fine previsto dagli accordi (pace) del 1954 si sia rivelato sfuggente non era dovuto ai mezzi con cui la pace doveva essere raggiunta. Il vizio fatale era da ricercare nel fatto che gli accordi non furono confermati o approvati da tutte le parti in conflitto. Gli Stati Uniti e il Sud non sono vincolati dagli Accordi, poiché non solo si sono rifiutati di firmare ... o approvare oralmente la dichiarazione, ma hanno anche affermato affermativamente la loro opposizione ".
Roger H. Hull, avvocato americano

Operazione Passaggio alla libertà

Gli Accordi di Ginevra prevedevano anche un periodo di grazia di 300, in modo che i civili potessero trasferirsi nel Nord o nel Sud del Vietnam. Gli Stati Uniti hanno iniziato a fornire assistenza a quei vietnamiti che volevano spostarsi a sud. Una task force navale congiunta franco-americana è stata riunita vicino al porto di Haiphong, mentre il personale e gli operatori umanitari statunitensi hanno organizzato campi profughi, cibo e forniture mediche nel Vietnam del sud.

Questo processo - dal titolo esplicitamente Operazione Passaggio alla Libertà - era in parte missione umanitaria, in parte stratagemma propagandistico. I politici americani lo hanno descritto come l'atto generoso di una superpotenza benevola, che adempie al suo obbligo morale di aiutare le persone che amano la libertà.

Circa i vietnamiti 660,000 hanno scelto di trasferirsi dal Vietnam del Nord al Sud; quasi la metà di loro lo ha fatto a bordo di navi americane. Molti rifugiati diretti a sud erano spaventati dalle voci secondo cui il Nord intendeva massacrare i cattolici. Intorno a 140,000 i vietnamiti si muovevano anche nella direzione opposta, da sud a nord, con poca o nessuna assistenza.

1. Gli Accordi di Ginevra fanno riferimento a una serie di accordi riguardanti il ​​futuro del Vietnam. Sono stati prodotti durante discussioni multilaterali a Ginevra tra marzo e luglio 1954.

2. Le discussioni a Ginevra furono guastate dalla paranoia della guerra fredda e dalla sfiducia. I delegati di alcune nazioni hanno rifiutato di negoziare direttamente, mentre gli Stati Uniti e il Vietnam del Sud hanno rifiutato di firmare gli Accordi.

3. Secondo i termini degli Accordi di Ginevra, il Vietnam è stato diviso al 17th parallelo per un periodo di due anni. Le elezioni libere erano previste per luglio 1956 per decidere il governo del Vietnam riunificato.

4. Sia i soldati che la milizia del Nord e del Sud del Vietnam furono istruiti a tornare al loro luogo di origine, mentre i civili vietnamiti erano liberi di trasferirsi nel nord o nel sud.

5. In 1954-55 gli Stati Uniti hanno lanciato l'Operazione Passage to Freedom per aiutare i civili vietnamiti a trasferirsi da nord a sud. Era una missione umanitaria ma serviva anche da propaganda.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Gli accordi di Ginevra del 1954"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/geneva-accords-of-1954/
Data di pubblicazione: Giugno 15, 2019
Data di accesso: October 20, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.