La caduta del Vietnam del sud

caduta del sud del vietnam
Il personale americano spinge gli elicotteri in mare per lasciare spazio agli sfollati di Saigon.

La fine della guerra del Vietnam arrivò nell'aprile 1975 quando le forze del Vietnam del Nord entrarono a Saigon, costringendo i leader del Vietnam del Sud e rimanendo funzionari occidentali a fuggire dal paese. La caduta del Vietnam del Sud arrivò quasi tre anni dopo che gli Stati Uniti ritirarono la maggior parte delle sue truppe da combattimento.

La situazione che cambia

All'inizio di 1972, Di Richard Nixon politica di vietnamizzazione aveva trasformato la situazione militare in Vietnam del sud. Più di due terzi dei militari americani erano stati ritirati negli ultimi due anni. Meno di 135,000 dipendenti statunitensi sono rimasti "nel paese".

Al contrario, l'esercito del Vietnam del Sud (ARVN) e altri rami dell'esercito contenevano oltre un milione di uomini.

Nel febbraio 1972, Nixon ha intrapreso una visita di una settimana in Cina, dove ha condotto colloqui Mao Zedong, Zhou Enlai e altri leader cinesi. Il presidente Nixon ha successivamente annunciato i piani per ripristinare le relazioni diplomatiche tra gli Stati Uniti e la Cina, una mossa che ha scioccato il mondo. Una delle sue numerose conseguenze fu quella di guidare un cuneo tra Cina e Vietnam del Nord.

L'offensiva pasquale

Alla fine di marzo 1972, l'esercito del Vietnam del Nord (NVA) iniziò l'offensiva di Nguyen Hue, soprannominata anche l'offensiva di Pasqua. Più di 180,000 truppe NVA, armate con un massiccio supporto materiale russo, invasero il Vietnam del Sud.

La spinta per questa grande offensiva proveniva principalmente da Vietnam del Nord ministro della difesa Vo Nguyen Giap e segretario di partito Le Duan, che ha avuto il sostegno di Mosca.

Il Nord non si aspettava che questa offensiva venisse rimossa Nguyen Van Thieu's governo o provocare la caduta del Vietnam del Sud, ma speravano di prendere il controllo di circa due terzi del sud. Questi guadagni nel territorio migliorerebbero il potere contrattuale di Hanoi alla conferenza di pace di Parigi.

L'offensiva di Hanoi aveva anche lo scopo di riaccendere il movimento contro la guerra negli Stati Uniti, esercitare ulteriori pressioni su Richard Nixon e interrompere la sua campagna per la rielezione nel novembre 1972.

Il fallimento di Hanoi

L'invasione del sud del Vietnam del Nord, tuttavia, fu un fiasco. Fu pianificato ed eseguito male e rivelò l'inesperienza del Nord nella guerra convenzionale. I piani di invasione di Hanoi erano ampi e ambiziosi, ma mancavano del numero richiesto di uomini. Il Nord sottovalutava anche le capacità di combattimento dell'ARVN, che era ormai equipaggiato con carri armati, artiglieria e aerei americani.

Sebbene le truppe da combattimento statunitensi fossero sparite da tempo, i vietnamiti del sud avevano ancora il supporto di bombardieri e artiglieria navale statunitensi. L'armatura della NVA fu intrappolata in aree ristrette, dove fu martellata e distrutta dall'artiglieria ARVN e dai pesanti bombardamenti aerei. La fanteria del Vietnam del Nord, legata a battaglie a set, fu anche gravemente colpita da artiglieria pesante e bombardamenti.

Verso la fine dell'autunno 1972, l'offensiva pasquale aveva rallentato fino a diventare una situazione di stallo affaticata. I vietnamiti del Nord avevano preso meno di un terzo del Vietnam del sud, mentre gli ARVN non erano in grado di espellerli attraverso il confine.

Per quanto costosa fosse, l'offensiva di Pasqua dava ancora ad Hanoi il controllo delle province settentrionali del Vietnam del Sud. Questo territorio si sarebbe rivelato prezioso come merce di scambio ai colloqui di pace di Parigi, nonché come punto d'appoggio per ulteriori incursioni nel sud. L'offensiva ha anche dimostrato che le invasioni del Vietnam del Sud avrebbero probabilmente fallito mentre Saigon era ancora supportata dalla potenza aerea americana.

Il Nord cambia rotta

I vietnamiti del nord hanno deciso di dare il via ai negoziati, per incoraggiare gli americani a ritirarsi completamente dal Vietnam. Nel mese di ottobre 1972 Le Duc Tho si avvicinò Henry Kissinger con un accordo di pace segreto: il Nord riconoscerebbe il governo di Nguyen Van Thieu e si impegnerebbe per libere elezioni, purché l'esercito americano si ritirasse dal Vietnam del Sud.

Questo accordo fu accolto con entusiasmo da Nixon, che sospese tutti i bombardamenti, proclamò un cessate il fuoco e annunciò l'imminente ritiro del rimanente personale statunitense.

Nixon dovette convincere Thieu oltraggiato ad accettare il trattato di pace. Lo ha fatto promettendo la ripresa dei bombardamenti americani se il Vietnam del Nord violasse l'accordo e riprendesse le ostilità.

Eventi domestici negli Stati Uniti

Diversi eventi nel 1973 resero improbabile la minaccia di Nixon. Un massiccio crollo del mercato azionario, iniziato nel gennaio 1973 e continuato per due anni, spazzò via più del 40% dal Dow Jones e bloccò la fiducia delle imprese e dei consumatori negli Stati Uniti. A giugno, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato l'emendamento Case-Church, che proibiva esplicitamente l'azione militare americana nel sud-est asiatico dopo l'agosto 1973.

Un mese dopo, il Congresso approvò il Risoluzione dei poteri di guerra, che limitava la capacità del presidente di schierare l'esercito senza una dichiarazione di guerra del Congresso. E a ottobre, un embargo petrolifero da parte degli stati arabi ha fatto sì che i prezzi del petrolio siano più che raddoppiati, aumentando notevolmente il costo del trasporto militare.

Sebbene fosse ancora troppo debole per lanciare un'altra offensiva su vasta scala, Hanoi era ora consapevole che poteva farlo senza la minaccia dei bombardamenti americani. Più piccoli Viet Cong sono proseguite le operazioni e il sabotaggio; queste aprirono divisioni e abbassarono il morale nell'ARVN.

Hanoi prevede un'altra offensiva

Fino al 1974, il Nord si è preparato per un'invasione finale del Vietnam del Sud. Nella politica interna americana, Richard Nixon lasciò la Casa Bianca, rassegnando le dimissioni nell'agosto 1974 a seguito del lungo scandalo Watergate. Il successore di Nixon Gerald Ford è andato al Congresso in cerca di aiuti per $ 1.45 miliardi per il Vietnam del sud, ma ha ricevuto solo $ 700 milioni.

A dicembre, Hanoi ha messo alla prova il coraggio del nuovo presidente lanciando un attacco nella provincia di Phuoc Long, una chiara violazione del trattato di Parigi. Ford protestò ma non intraprese alcuna azione militare. Il percorso era ora chiaro per il Vietnam del Nord per invadere il sud.

L'ultima offensiva del Vietnam del Nord iniziò il 10 marzo 1975. La leadership militare di Hanoi prevedeva che la riunificazione del Vietnam sarebbe stata una lotta lunga e aspra, che durò da uno a due anni. Invece, sono rimasti sbalorditi dal rapido crollo della resistenza militare del Vietnam del Sud.

Senza il supporto aereo americano, le divisioni dell'ARVN si dispersero e fuggirono o furono rapidamente catturate. Entro una settimana Saigon si arrese ad altre due province settentrionali e migliaia di soldati dell'ARVN avevano disertato. Intuendo una rapida vittoria, Hanoi ha immediatamente ampliato l'offensiva.

Alla fine di marzo, le principali città di Hue e Da Nang erano state catturate e più di 100,000 ARVN erano stati fatti prigionieri. Nelle tre settimane successive, diverse divisioni di NVA e Viet Cong si spostarono a sud verso Saigon.

Il sud capitola

L'aprile 21st, il presidente sconvolto del Vietnam del Sud, Nguyen Van Thieu, è apparso alla televisione di Saigon per annunciare le sue dimissioni. Thieu ha pronunciato un discorso lungo e sconclusionato, in gran parte che ha vanificato gli Stati Uniti per il loro tradimento e le promesse non mantenute:

“Al momento dell'accordo di pace [di Parigi], gli Stati Uniti hanno deciso di sostituire le attrezzature uno per uno. Ma gli Stati Uniti non hanno mantenuto la parola data. La parola di un americano è affidabile in questi giorni? Gli Stati Uniti non hanno mantenuto la promessa di aiutarci a lottare per la libertà, ed è stato nella stessa battaglia che gli Stati Uniti hanno perso 50,000 dei suoi giovani ... Gli Stati Uniti non hanno rispettato le loro promesse. È disumano. È inaffidabile. È irresponsabile ... Sei scappato e ci hai lasciato a fare il lavoro che non potevi fare ".

Thieu fuggì poi a Taiwan, con l'assistenza della Central Intelligence Agency (CIA), mentre i carri armati della NVA rimbombarono più vicino a Saigon. Entro aprile 27th, la città era circondata e sotto il fuoco dei razzi del Vietnam del Nord. C'erano migliaia di truppe ARVN a Saigon ma mancavano di ordini e di una leadership efficace.

Operazione Vento frequente

Due giorni dopo, le forze statunitensi iniziarono l'operazione Frequent Wind: l'evacuazione in elicottero di diverse migliaia di militari, diplomatici e civili statunitensi e del Sud Vietnam. Temendo un massacro comunista, migliaia di residenti di Saigon si precipitarono verso l'ambasciata americana, che ora era sorvegliata da alcuni marines. Anche loro furono portati via aerea la mattina di aprile 30th.

A mezzogiorno, la NVA e il Viet Cong controllavano Saigon e la caduta del Vietnam del Sud era completa. Il successore di Thieu come presidente, Duong Van Minh, ha annunciato la resa del Vietnam del Sud, portando effettivamente a termine la guerra del Vietnam.

Il punto di vista di uno storico:
“La sensazione di molti sud vietnamiti di essere abbandonati era cresciuta dopo l'accordo di Parigi, soprattutto dopo che gli Stati Uniti avevano ignorato le violazioni degli accordi del Vietnam del Nord. Questa sensazione era diventata ancora più accentuata a seguito dei successivi tagli agli aiuti. Queste riduzioni erano state aggravate dall'aumento dei prezzi in tutto il mondo ... Le continue critiche da parte del Congresso degli Stati Uniti e della stampa sulla corruzione del Vietnam del Sud, implicando che il Vietnam del Sud non meritava davvero il sostegno degli Stati Uniti, sembrava aggiungere la beffa al danno ".
Guenter Lewy

1. A marzo 1972 North Vietnam ha lanciato un'enorme offensiva, che mirava a catturare un terzo del Vietnam del sud.

2. Hanoi sperava che ciò avrebbe rafforzato la posizione contrattuale del Nord, con un impatto sull'opinione pubblica statunitense.

3. L'offensiva fallì, non raggiungendo i suoi obiettivi a causa di numeri inadeguati, resistenza all'ARVN e copertura aerea degli Stati Uniti.

4. In 1973 Hanoi ha firmato un accordo di pace con gli Stati Uniti, che alla fine ha portato alla cessazione dei bombardamenti americani.

5. Una nuova offensiva iniziò a marzo 1975, che dissolse rapidamente l'opposizione dell'ARVN e portò alla cattura di Saigon.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La caduta del Vietnam del Sud"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/fall-of-south-vietnam/
Data di pubblicazione: Luglio 3, 2019
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.