Citazioni: Cambogia e Khmer Rossi

Questa selezione di citazioni della guerra del Vietnam riguarda Cambogia durante la guerra del Vietnam e poi sotto il Khmer rosso. Contiene dichiarazioni e osservazioni sul conflitto in Vietnam di importanti personaggi politici, comandanti militari, contemporanei e storici. Queste citazioni sono state ricercate e compilate dagli autori di Alpha History. Se desideri suggerire un preventivo per questa collezione, per favore CONTATTARCI.

“Tutto quello che ho visto ad Angkor mi dimostra inequivocabilmente che la Cambogia un tempo era ricca, civilizzata e molto più popolata di quanto non sia ora; ma tutte queste ricchezze sono scomparse e la civiltà si è estinta ".
Charles-Emile Bouillevaux, missionario francese, circa 1858

“Infelice è il cambogiano. Circondato tra i Siamesi ... e gli Annamiti [Vietnamiti], che insieme lo hanno derubato delle sue province più ricche; reso stazionario dall'operazione di una legge feudale che gli impedisce di acquisire terre proprie ... è necessaria una mano vigorosa per sostenerlo e consentirgli di preservare la sua autonomia, mentre i [benefici] della civiltà europea vengono gradualmente portati a gravare su di lui . "
Francois Garnier, ufficiale militare francese, 1884

“La gente di solito si riferisce al bombardamento della Cambogia come se fosse stata un'azione segreta e non provocata degli Stati Uniti. Il fatto è che stavamo bombardando le truppe del Vietnam del Nord che avevano invaso la Cambogia, che stavano uccidendo molti americani da questi santuari, e lo stavamo facendo con l'acquiescenza del governo cambogiano, che non ha mai protestato contro di esso, e che, anzi, ha incoraggiato noi per farlo ... Perché è morale per i vietnamiti del Nord avere da 50,000 a 100,000 soldati in Cambogia, perché dovremmo lasciare che uccidano gli americani da quel territorio ... e perché in tutte queste condizioni c'è una questione morale? "
Henry Kissinger sul bombardamento della Cambogia in 1969

“Nessun paese ha mai subito bombardamenti così concentrati. Su questa terra, forse la più dolce e graziosa di tutta l'Asia, il presidente Nixon e il signor Kissinger hanno scatenato 100,000 tonnellate di bombe, l'equivalente di cinque Hiroshima. L'attentato è stata una loro decisione personale, fatta illegalmente e segretamente. Hanno bombardato la Cambogia, un paese neutrale, all'età della pietra. E intendo l'età della pietra nel suo senso letterale. "
John Pilger, giornalista britannico di origini australiane

“Ovunque andassimo, abbiamo visto migliaia di persone allegre lavorare nei cantieri per la tutela dell'acqua. Noi ... siamo rimasti profondamente colpiti dalle magnifiche scene del lavoro collettivo ... Il loro sistema di trasmissione trasmetteva canzoni per tutto il cantiere, e le persone scavavano, trascinavano e costruivano energicamente, anche se il sole picchiava forte ".
I giornalisti cinesi che hanno riferito di Khmer Rossi hanno tenuto aree, marzo 1975

“Uomini in nero verranno dalle foreste ... le case saranno vuotate e la gente non circolerà più per le strade ... gli uomini istruiti cadranno molto più in basso degli ignoranti. Ci sarà un'era senza buddismo ".
Profezia attribuita a un monaco buddista cambogiano

"Se non mi preoccupavo dei Khmer rossi, era perché non credevo che potessero essere peggio del regime di Lon Nol ... Per ogni storia che abbiamo sentito sulle atrocità dei Khmer rossi, ce n'erano diverse sul regime di Lon Nol - per lo più massacri di civili vietnamiti… Ogni giorno sentivamo racconti di soldati governativi che rubavano polli e bestiame ai civili nelle campagne, o che istituivano posti di blocco per raccogliere bonjour. Ma non abbiamo mai sentito parlare dei Khmer rossi che hanno rubato qualcosa, nemmeno un pezzo di carta o un chicco di riso. Si diceva che i guerriglieri si attenessero a un codice di comportamento rigoroso e onorevole: niente gioco d'azzardo, niente abusi sui contadini e, soprattutto, niente corruzione ".
Haing Ngor, medico e scrittore cambogiano

“I Khmer rossi si sono avvicinati alla casa in veicoli, urlando ai megafoni che tutti uscissero dalle loro case ... Quando camminavo per le strade ho visto bambini di 13 e 14 anni che indossavano uniformi verdi. Ho chiesto a qualcuno "Chi sono questi ragazzi che indossano uniformi verdi?" Ha detto che erano comunisti chiamati Khmer Rossi ... Ho visto questi ragazzini che puntavano le pistole e urlavano alle persone di uscire di casa e camminare più velocemente. Hanno detto "Tutte le persone, non preoccuparti per le tue case ... Sarai via solo pochi giorni e poi tornerai ..." E così abbiamo camminato. "
Bun Yom, civile cambogiano, che descrive gli eventi di aprile 1975

“Amati fratelli e sorelle, lavoratori, giovani, studenti, insegnanti e funzionari, ora è il momento! Ecco le nostre forze armate di liberazione nazionale del popolo cambogiano, fratelli! Ribelle! È tempo che tu ti alzi e liberi Phnom Penh! "
Trasmissione radiofonica a Phnom Penh, aprile 16th 1975

“[Il primo ministro] Long Boret era rimasto in Cambogia, pensando di poter avere una sorta di dialogo con i Khmer Rossi. Quando si rese conto che era impossibile, corse all'aeroporto con la sua famiglia su una jeep per cercare di uscire dal paese. Quando sono arrivati ​​all'aeroporto, sono saliti su un elicottero con alcuni ufficiali militari. Un ufficiale lo ha spinto brutalmente giù dall'elicottero. L'elicottero è decollato. I Khmer Rossi catturarono Long Boret e la sua famiglia e li uccisero tutti ".
John Gunther Dean, ambasciatore degli Stati Uniti in Cambogia 1974-75

“Abbiamo visto il comportamento di Pol Pot e sentito le sue parole e non ci è sembrato un assassino. Sembrava gentile. Non parlava molto. Sorrideva e sorrideva ... E le sue parole erano leggere, non forti. In generale, potresti stimare che Pol Pot fosse una persona gentile, semplice, con una visione di massa. Ma i suoi metodi erano conflittuali, era un assassino ".
Heng Samrin, leader dei Khmer rossi

"... La militarizzazione del linguaggio, la preferenza per il" rosso "rispetto all '" esperto ", la teoria dalla quale si deve imparare piuttosto che insegnare ai contadini, l'idea della classe come categoria ideologica piuttosto che economica, la nozione di rivoluzione continua, e l'enfasi sulla volontà rivoluzionaria ... "
David Chandler, storico americano, su elementi dell'ideologia Khmer rossa

“I nuovi governanti della Cambogia chiamano il 1975 'Anno zero', l'alba di un'epoca in cui non ci saranno famiglie, sentimenti, espressioni di affetto o dolore, medicine, ospedali, scuole, libri, apprendimento. , niente vacanze, niente musica, niente canzoni, niente posta, niente soldi - solo lavoro e morte ".
John Pilger, giornalista britannico di origini australiane

“Dopo due ore abbiamo raggiunto la piazza del mercato chiamata Phsar Doeum Kor, dove c'erano due mucchi di cadaveri in abiti civili, come se due intere famiglie fossero state uccise, bambini e tutto il resto. Due pezzi di faesite spuntavano dal mucchio e [su di essi] qualcuno aveva scarabocchiato a carboncino "Per essersi rifiutato di andarsene come gli era stato detto". Da qui in poi, entrambi i lati della strada erano coperti di cadaveri, alcuni soldati, altri no. "
Qualche maggio, adolescente cambogiano, in fuga dalla sua famiglia da Phnom Penh nel 1975

“La gente era terrorizzata dalle uccisioni, ma il loro terrore ha dato loro coraggio. Circolavano rapporti di villaggi altrove che attaccavano soldati e li uccidevano a colpi di machete e zappe… Era spuntata un'opposizione sotterranea chiamata Khmer Blanc [Khmer bianco]… Il loro unico desiderio era quello di uccidere per vendetta quanti più soldati e quadri possibile. "
Bunhaeng Ung, sopravvissuto cambogiano

“Vedete il bue, compagni? Mangia dove gli ordiniamo di mangiare. Se lo lasciamo pascolare in questo campo, mangia. Se lo portiamo in un altro campo dove non c'è abbastanza erba, pascola lo stesso ... Quando gli diciamo di tirare l'aratro, lo tira. Non pensa mai a sua moglie e ai suoi figli ... Il compagno Ox non si rifiuta mai di lavorare. Il compagno Ox era obbediente. Il compagno Ox non si lamentava. Il compagno Ox non si è opposto quando la sua famiglia è stata uccisa. "
Una parabola dei Khmer rossi

“Per costruire una Cambogia democratica rinnovando tutto su una nuova base, per farla finita con ogni promemoria della cultura coloniale e imperiale… Per ricostruire una nuova Cambogia, è sufficiente un milione di uomini. I prigionieri di guerra, le persone espulse dalle città e dai villaggi controllati dal governo, non sono più necessari ei capi locali sono liberi di sbarazzarsene a loro piacimento ".
Un funzionario Khmer rosso senza nome, gennaio 1976

«Il mio rifiuto di servire la Kampuchea di Pol Pot dall'aprile 1976 portava con sé una certa responsabilità per l'eliminazione dei miei parenti. Ma lavorando con i Khmer rossi, avrei tradito la fiducia dei milioni di miei compatrioti vittime di orrori peggiori. Mi torturo pensando a questo. "
Norodom Sihanouk, sulle sue dimissioni da capo di stato in 1976

“La vita è peggiore di quella di una mucca ... Non c'è razione di riso se non lavoriamo. Ho mangiato un topo. Era delizioso ... Dio, ti prego di perdonarmi con il calvario che ho sofferto. "
Yasuko Naito, vedova giapponese di un ufficiale cambogiano assassinato, aprile 1976

“Abbiamo superato tutti i nostri ostacoli, intraprendendo attivamente il nostro lavoro di produzione basato principalmente sul principio dell'autosufficienza. Dalla liberazione, siamo riusciti a risolvere le condizioni di vita del nostro popolo. In particolare, abbiamo risolto il problema del cibo ... Tuttavia dobbiamo costantemente rafforzare la nostra vigilanza rivoluzionaria, perché la nostra esperienza ci ha insegnato che il nemico non rinuncerà mai ai suoi oscuri piani per distruggere la nostra rivoluzione ".
Khieu Samphan, agosto 1976

“Dobbiamo allontanare i pigri, è inutile tenerli, altrimenti causeranno guai. Dobbiamo mandarli all'inferno. "
"I malati sono vittime della loro stessa immaginazione ... Dobbiamo spazzare via quelli che immaginano di essere malati ed espellerli dalla società!"
“Tenerti non è un guadagno; ucciderti non è una perdita. "
Slogan usati dai comandanti e dai soldati Khmer Rossi

"Dall'acquisizione dei Khmer rossi nel 1975, si è verificato uno sterminio virtuale di un popolo [in Cambogia], qualcosa che gli Stati Uniti hanno contribuito a ritardare con i massicci bombardamenti effettuati per conto del regime di Lon Nol ... il fatto che gli Stati Uniti abbiano aiutato rimandare il trionfo comunista valeva qualcosa ".
L'ex presidente degli Stati Uniti Richard Nixon, maggio 1977

“I nostri bambini non giocano con le macchinine, le barche giocattolo e le pistole giocattolo, che in passato venivano importate a costi considerevoli. I nostri bambini sono felici di allontanare i passeri dai raccolti, accudire bovini e bufali, raccogliere fertilizzanti naturali e aiutare a costruire dighe e argini e scavare bacini artificiali e fossati ".
Khieu Samphan, leader dei Khmer rossi, settembre 1977

“Non abbiamo motivo di ridurre o far stabilizzare la nostra popolazione, poiché l'attuale dimensione della nostra popolazione - quasi otto milioni - è ancora troppo piccola per far fronte al potenziale del nostro paese, che richiede più di 20 milioni di cambogiani. Pertanto il nostro obiettivo è aumentare la popolazione il più rapidamente possibile ".
Khieu Samphan, settembre 1977

"L'America non può evitare la responsabilità di parlare in segno di condanna del governo cambogiano, il peggior violatore dei diritti umani nel mondo di oggi".
Jimmy Carter, presidente degli Stati Uniti, aprile 1978

"Dobbiamo purificare le nostre forze armate, il nostro partito e le masse di persone per continuare a combattere i nemici in difesa del territorio cambogiano e della razza cambogiana".
Trasmissione radiofonica Khmer Rouge, maggio 1978

“Vogliamo solo la pace, per costruire il nostro paese. L'opinione mondiale sta prestando grande attenzione alla minaccia contro la Kampuchea democratica. Sono ansiosi. Temono che la Kampuchea non possa opporsi ai vietnamiti. Ciò potrebbe danneggiare gli interessi dei paesi asiatici e di tutti i paesi del mondo ".
Pol Pot, leader dei Khmer rossi, dicembre 1978

“Il regime di Pol Pot è iniziato con l'idea che tutto nelle città fosse corrotto ... la forza del paese risiedeva nel suo suolo, con i contadini ... Il regime di Pol Pot si è spinto molto oltre. Hanno schiavizzato le persone per farlo. Inoltre, decisero che chiunque fosse stato corrotto dalla città, cioè chiunque avesse un'istruzione occidentale, medico o funzionario o moglie o figlio, era impossibile rieducarli. Quindi, come un cancro, dovevano essere rimossi, tagliati e distrutti ".
Leonard Teale, attore australiano, dopo aver visitato la Cambogia in 1979

“[Pol Pot] ha detto di sapere che molte persone nel paese lo odiano e pensano che sia responsabile delle uccisioni. Ha detto che sa che molte persone sono morte. Quando ha detto questo, è quasi scoppiato a piangere. Ha detto che deve assumersi la responsabilità perché la linea era troppo a sinistra e perché non ha tenuto traccia di quello che stava succedendo. Ha detto che era come il padrone di una casa che non sapeva cosa facessero i bambini e che si fidava troppo delle persone ".
Un membro Khmer rosso non identificato, che parla in 1981

“Di generazione in generazione, abbiamo seguito i nostri costumi finché nel 1975 i comunisti non misero fine al nostro modo di vivere. Abbiamo perso tutto, le nostre famiglie, i nostri monaci, i nostri villaggi, la nostra terra, tutti i nostri beni. Qualunque cosa. Quando siamo venuti negli Stati Uniti non siamo riusciti a rimettere insieme le nostre vecchie vite. Non avevamo nemmeno i pezzi. "
Haing S. Ngor, medico cambogiano, scrivendo in 1988

“Non ho visto i campi di sterminio. Ero praticamente prigioniero dei Khmer Rossi nel Palazzo Reale. Ero completamente isolato. Di tanto in tanto vedevo solo un uomo, Khieu Samphan. È venuto al Palazzo Reale solo per dire "Ciao, come stai?" Ho cercato di convincermi a Pol Pot ... per esempio, in occasione del mio compleanno ... di avere i miei figli, i miei nipoti. Ma lui ha detto 'No, no, no. Adesso sono lontani da Phnom Penh. Sono in buona salute. Ma per favore non avere più una vita familiare, perché ora, sotto il nostro nuovo comunismo, dobbiamo pensare solo alla nostra patria. Niente più vita familiare. '"
Norodom Sihanouk al suo contatto con i Khmer rossi

“I Khmer rossi hanno preso il sopravvento e hanno iniziato a guidare spietatamente la gente della città nelle campagne. La maggior parte dei soldati erano adolescenti, il che è sorprendente. Erano universalmente cupi, simili a robot, brutali. Le armi pendevano da loro come i frutti degli alberi ... granate, pistole, fucili, razzi. "
Sydney Schanberg, scrittore statunitense, 1980

“La Nuova Cambogia (o Kampuchea, come veniva chiamata) sotto Pol Pot e i suoi compagni era un incubo per i privilegiati, per i ricchi e per i loro servitori; ma i poveri avevano cibo a sufficienza e gli veniva insegnato a leggere e scrivere. Quanto alle uccisioni di massa, queste sono solo storie dell'orrore, affermavano i miei interlocutori cambogiani. Sicuramente i contadini vittoriosi hanno sparato a predoni e spie, ma molti altri sono morti per le mine piantate dagli americani e durante la successiva conquista vietnamita, hanno detto ".
Israel Shamir, giornalista russo, scrivendo in 2012

“Rispondi esattamente a ciò che ti viene chiesto. Non tentare mai di evitare la domanda. Rispondi immediatamente senza nemmeno prendere un momento da considerare. Non urlare quando sei picchiato o fulminato. Fare niente. Stai fermo e aspetta i miei ordini. Se non c'è nessun ordine, stai zitto. Quando ti do un comando, obbedisci immediatamente senza protestare. "
Ordini di Kang Kek Ieu a S-21

“La cosa che ti colpisce di Kampuchea è l'enormità di tutto ciò. Lo sterminio era semplicemente scientifico, proprio come i campi di sterminio nazisti. L '[uccisione] non era solo il salasso che si verifica dopo un conflitto di rabbia. Era il peso puro. Due milioni se ne sono andati e un altro numero simile sta cercando di sopravvivere ora. "
James Sinclair, medico australiano, ottobre 1979

“Voglio che il mio paese sia indipendente, sempre indipendente. Devo difendere le mie convinzioni come patriota e come leader nazionale. Ho fatto del mio meglio, ma come essere umano non posso essere perfetto. Nessuno è perfetto."
Norodom Sihanouk, parlando in 1985