Citazioni: da Nixon alla sconfitta

Questa selezione di citazioni sulla guerra del Vietnam abbraccia l'era Richard Nixon al ritiro degli Stati Uniti e alla vittoria del Vietnam del Nord in 1975. Contiene dichiarazioni e osservazioni sul conflitto in Vietnam di importanti personaggi politici, comandanti militari, contemporanei e storici. Queste citazioni sono state ricercate, selezionate e compilate dagli autori di Alpha History. Se desideri suggerire un preventivo per questa collezione, per favore CONTATTARCI.

“Le ossa si sono rotte e il sangue è caduto, l'odio è in aumento. Il nostro paese è stato separato per così tanto tempo. Qui, il sacro Mekong, qui, le gloriose montagne di Truong Son ci spingono ad avanzare per uccidere il nemico. Spalla a spalla, sotto una bandiera comune. Alzati! "
Lu Hu Phuoc, musicista vietnamita e sostenitore dei Viet Cong, luglio 1969

“La gente di solito si riferisce al bombardamento della Cambogia come se fosse stata un'azione non provocata e segreta degli Stati Uniti. Il fatto è che stavamo bombardando le truppe del Vietnam del Nord che avevano invaso la Cambogia, [truppe] che stavano uccidendo molti americani da questi santuari, e lo stavamo facendo con l'acquiescenza del governo cambogiano, che non ha mai protestato contro di esso, e che, anzi, ci ha incoraggiato a farlo ... Perché è morale per i vietnamiti del Nord avere da 50,000 a 100,000 soldati in Cambogia, perché dovremmo lasciare che uccidano gli americani da quel territorio ... e perché in tutte queste condizioni c'è una questione morale? "
Henry Kissinger sul bombardamento della Cambogia in 1969

“Non sarò il primo presidente americano a perdere
una guerra. "
Richard Nixon, ottobre 1969

"Noi [soldati statunitensi in Vietnam] abbiamo scoperto che non solo era una guerra civile, uno sforzo di un popolo che da anni cercava la propria liberazione da qualsiasi influenza coloniale ... abbiamo scoperto che la maggior parte delle persone non conosceva nemmeno la differenza tra il comunismo e democrazia. Volevano solo lavorare nelle risaie senza elicotteri che li mitragliavano e bombe con napalm che bruciavano i loro villaggi e facevano a pezzi il loro paese ".
John Kerry, attivista contro la guerra, aprile 1971

“Secondo ogni indicatore immaginabile, il nostro esercito che rimane in Vietnam è in uno stato prossimo al collasso, con singole unità che evitano o hanno rifiutato il combattimento, uccidono i loro ufficiali e sottufficiali, drogati e scoraggiati dove non sono vicini agli ammutinati. Altrove che in Vietnam, la situazione è quasi altrettanto grave ... La sedizione, unita alla disaffezione all'interno dei ranghi, e fomentata esternamente con un'audacia e un'intensità precedentemente inconcepibili, infestano i servizi armati ".
Robert D. Heinl, colonnello marino americano, 1971 di giugno

"La satira politica è diventata obsoleta quando Henry Kissinger è stato insignito del Premio Nobel per la pace".
Tom Lehrer, cantautore americano

“La strategia statunitense di usare i bombardamenti per fare pressione su di te è fallita. Nixon deve affrontare molte questioni internazionali e nazionali. Sembra che gli Stati Uniti siano ancora disposti a uscire dal Vietnam e dall'Indocina. Dovresti perseverare nei principi dimostrando flessibilità durante i negoziati. La [cosa] più importante è lasciare che gli americani se ne vadano. La situazione cambierà tra sei mesi o un anno ".
Zhou Enlai, premier cinese, a Le Duc Tho, gennaio 1973

“La pace non è stata ancora realmente stabilita nel Vietnam del Sud. In queste circostanze, mi è impossibile accettare il Premio Nobel per la Pace 1973 che il comitato mi ha conferito. Una volta che l'accordo di Parigi sul Vietnam sarà rispettato, le armi saranno messe a tacere e una vera pace sarà stabilita nel Vietnam del Sud, potrò considerare di accettare questo premio ".
Le Duc Tho, diplomatico del Vietnam del Nord, 1973

“Sapevo [nel 1973] che eravamo completamente pronti a vendere il Vietnam del Sud lungo il fiume. Puoi essere caritatevole e dire che non ci importava. Oppure puoi essere peggio e dire che volevamo darlo all'altra parte ... Una volta che il Watergate è avvenuto, nessun vietnamita di qualsiasi sofisticazione politica pensava che avremmo prestato più attenzione al Vietnam. Non c'era modo di invertire ciò che il nostro Congresso aveva fatto ".
Edward Brady, veterano del Vietnam americano

“Se gli americani non vogliono più sostenerci, lascia
andate, uscite! Lascia che dimentichino le loro promesse umanitarie! "
Nguyen Van Thieu, presidente del Vietnam del Sud, aprile 1975

“Dai a un esercito i mezzi per spostarsi in elicottero o sulle strade, lo abitua a un numero illimitato di artiglieria e supporto aereo abbastanza a lungo, lo fai abituare a dormire nel letto la notte, e cosa succede? Ti dirò cosa succede. A un certo punto, né le truppe né gli ufficiali sono più disposti a camminare in battaglia, aprendosi la strada attraverso la giungla se necessario. Quindi rimangono nei loro elicotteri e vengono abbattuti o tagliati fuori dai soccorsi americani, oppure guidano lungo la strada, dove vengono bombardati o teso un'imboscata e fatti a pezzi. Tutti gli ufficiali lo sanno, ma il nostro esercito è diventato flaccido e pigro nel corso degli anni, e in parte lo dobbiamo al tipo di aiuto di lusso che ci avete dato ".
Un ufficiale ARVN (South Vietnamese Army), 1975

“Sono contento che il combattimento stia volgendo al termine, ma mi vergogno che ci sia voluto così tanto tempo e che abbiamo svolto il ruolo che abbiamo svolto nell'estensione per così tanto tempo. È stato inevitabile che vincessero la guerra per così tanti anni. Ora c'è un'opportunità per capire che tipo di politica estera dovremmo avere invece di farci fare a pezzi dal Vietnam. Questo non è stato possibile prima. "
Anthony Lake, ex aiutante di Henry Kissinger, 1975

“Sono sollevato che sia finita e che non siamo tornati di nuovo. La mia paura era che il Vietnam fosse un film che avrebbe continuato a correre avanti e indietro e non sarebbe mai finito ... La gente parla di perdere il Vietnam o della caduta del Vietnam. Quel paese non è caduto e non avevamo da perdere ".
Morton Halperin, funzionario del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, 1975

“Tutte le mie preoccupazioni ... su come sarebbe andata a finire si sono materializzate. Non capivamo il luogo [e] non sapevamo come combattere lì. Fu un'epoca triste ... Ci sono lezioni da trarne, lezioni molto chiare. Non avremmo mai dovuto tentare di tirare avanti con le mezze misure perché non puoi farlo e controllare il risultato. "
William J. Porter, ex vice ambasciatore nel Vietnam del Sud, 1975

"Il popolo del Vietnam sarà in grado di determinare la propria vita senza interferenze straniere ... Per 25 anni gli Stati Uniti hanno cercato di controllare 25 milioni di persone su una minuscola striscia di terra e noi non potevamo farlo e non dovremmo mai provare a farlo di nuovo altrove. "
Cora Weiss, attivista americana contro la guerra

“È tragico che la determinazione del presidente Roosevelt a non far rientrare i francesi in Indocina dopo la seconda guerra mondiale non sia stata portata a termine. Avrebbe salvato la Francia, gli Stati Uniti e il popolo vietnamita da questa disperata esperienza ".
W. Averell Harriman, politico americano, 1975

"Non posso evitare la mia responsabilità per quello che è successo nel sud-est asiatico, ma non credo che altri, incluso il movimento per la pace, dovrebbero farlo".
Dean Rusk, ex segretario di stato americano, 1975

"Sono propenso a credere che la guerra [del Vietnam] sarebbe finita più o meno quando è finita [1975], anche se non ci fossero state proteste ... Poiché non l'hanno terminata in base alla politica, l'hanno finita solo perché la stavano perdendo - e i soldati non avrebbero combattuto. "
Eugene McCarthy, politico americano e personaggio contro la guerra

“Presumibilmente il Vietnam ci ha insegnato che gli Stati Uniti potevano farlo
non servire come poliziotto del mondo. Dovrebbe anche avere
ci ha insegnato i pericoli di cercare di essere l'ostetrica del mondo
alla democrazia quando è prevista la nascita
in condizioni di guerriglia ".
Jeane Kilpatrick, diplomatico americano, 1979

“Sì, abbiamo sconfitto gli Stati Uniti. Ma ora siamo afflitti da problemi. Non abbiamo abbastanza da mangiare. Siamo una nazione povera e sottosviluppata ... Fare una guerra è semplice, ma gestire un Paese è molto difficile ".
Pham Van Dong, leader vietnamita, 1981

“Nessun evento nella storia americana è più frainteso della guerra del Vietnam. Allora è stato riportato male, e ora viene ricordato male. Raramente così tante persone si sono sbagliate così tanto. Le conseguenze del loro malinteso non sono mai state così tragiche ".
Richard Nixon, Niente più violini, 1985