Colonialismo francese in Vietnam

colonizzazione francese in Vietnam
Un francese colon (colono) e sua moglie e domestici vietnamiti.

Verso la fine del 1880, la Francia controllava i moderni Vietnam, Laos e Cambogia, che collettivamente chiamava Indochine Français o l'Indocina francese. Il colonialismo francese in Vietnam sarebbe durato sei decenni. I sostenitori di questo colonialismo lo giustificavano come una loro continua responsabilità nel “civilizzare” i popoli del sud-est asiatico. In realtà, il colonialismo francese in Vietnam fu guidato principalmente da motivazioni economiche, come l’accesso alle materie prime e alla manodopera a basso costo. Qualunque siano le cause, le conseguenze per il popolo vietnamita sono state l’espropriazione, il controllo, lo sfruttamento e la brutalità.

Il missione civilisatrice

L'impero francese risale al XVII secolo, quando esploratori e coloni francesi cercavano attivamente possedimenti in tutto il mondo, in particolare nel Nord e Sud America e in India. Verso la fine del 17, l’Impero francese era concentrato nell’Africa settentrionale e occidentale, nelle isole dei Caraibi e del Pacifico, così come Indocina francese nel sud-est asiatico.

Per giustificare il loro imperialismo, i francesi svilupparono il loro principio chiamato il missione civilisatrice (o “missione civilizzatrice”). Si trattava, in effetti, di una forma francese del termine inglese «white man's fardello». Gli imperialisti francesi affermavano che era loro responsabilità colonizzare le regioni sottosviluppate dell’Africa e dell’Asia, al fine di introdurre idee politiche moderne, riforme sociali, metodi industriali e nuove tecnologie. Senza l’intervento europeo, questi luoghi rimarrebbero arretrati, incivili e impoveriti.

Mentre molti certamente credevano nel missione civilisatrice, in definitiva si trattava di una facciata: il vero motivo del colonialismo francese era il profitto e lo sfruttamento economico. L’imperialismo francese era guidato dalla domanda di risorse, materie prime e manodopera a basso costo. Lo sviluppo delle nazioni colonizzate fu scarsamente preso in considerazione, tranne quando ciò andò a vantaggio degli interessi francesi.

Controllo politico

In generale, il colonialismo francese fu più casuale, opportuno e brutale di quello britannico. Parigi non ha mai progettato né promosso una politica coloniale coerente in Indocina. Finché rimase in mano francese e a disposizione degli interessi economici francesi, il governo francese fu soddisfatto.

La gestione politica dell'Indocina fu lasciata a una serie di governatori. Parigi inviò più di 20 governatori in Indocina tra il 1900 e il 1945, ciascuno con atteggiamenti e approcci diversi. I governatori, i funzionari e i burocrati coloniali francesi godevano di una significativa autonomia e autorità, e molti esercitavano più potere di quanto avrebbero dovuto. Ciò incoraggiava l’interesse personale, la corruzione, la venalità e la mano pesante. Gli imperatori Nguyen rimasero delle figure di spicco, ma dalla fine del 1800 esercitarono poco potere politico.

Per ridurre al minimo la resistenza locale, i francesi adottarono la strategia del “divide et impera”, minando l’unità vietnamita mettendo i mandarini, le comunità e i gruppi religiosi locali gli uni contro gli altri. La nazione era divisa in tre parti paese (province): Tonchino a nord, Annam lungo la costa centrale e Cochinchina a sud. Ognuno di questi paese è stato somministrato separatamente.

Sotto il colonialismo francese esisteva un’identità o autonomia nazionale e, in effetti, queste pratiche venivano attivamente scoraggiate. Secondo un editto coloniale francese era addirittura illegale usare il nome "Vietnam".

Sfruttamento economico

colonialismo francese
Una targa vietnamita che mostra brutalità coloniale francese

Il profitto e non la politica fu la forza trainante del colonialismo francese in Indocina. Funzionari e aziende francesi trasformarono la fiorente economia di sussistenza del Vietnam in un sistema protocapitalista basato sulla proprietà della terra, sulla produzione di massa, sulle esportazioni e sui bassi salari. Milioni di vietnamiti non lavoravano più per provvedere a se stessi; invece, lavorarono a beneficio dei francesi i due punti.

I francesi si impossessarono di vaste aree di terra e le riorganizzarono in grandi piantagioni. Ai piccoli proprietari terrieri veniva data la possibilità di rimanere come braccianti in queste piantagioni o di trasferirsi altrove. Dove c’era carenza di manodopera, venivano reclutati agricoltori viet in massa dai villaggi periferici. A volte venivano volontariamente, attirati da false promesse di alti salari. In alcuni casi, venivano arruolati sotto la minaccia di una pistola.

Riso e gomma erano le principali colture di queste piantagioni. La quantità di terra utilizzata per la coltivazione del riso è quasi quadruplicata nei vent’anni successivi al 20, mentre la Cocincina (Vietnam meridionale) aveva 1880 gigantesche piantagioni di gomma. Negli anni ’25 l’Indocina forniva 1930 tonnellate di gomma ogni anno, il 60,000% di tutta la produzione mondiale. I francesi costruirono anche fabbriche e miniere per attingere ai depositi di carbone, stagno e zinco del Vietnam.

La maggior parte del materiale estratto o prodotto nell'Indocina francese veniva venduto all'estero come esportazione. La maggior parte dei profitti andò a finire nelle tasche dei capitalisti, degli investitori e dei funzionari francesi.

Condizioni spaventose

colonialismo francia vietnam
Lavoratori vietnamiti in una piantagione di gomma francese, fine 1800s

I lavoratori nelle piantagioni dell'Indocina francese erano conosciuti come "coolies" (un termine dispregiativo per i lavoratori asiatici). Lavoravano per lunghe ore in condizioni debilitanti, per salari pietosamente bassi. Alcuni venivano pagati in riso anziché in denaro. La giornata lavorativa può durare fino a 15 ore, a volte senza pause, cibo adeguato e acqua fresca.

Le leggi coloniali francesi proibivano le punizioni corporali, ma molti funzionari e sorveglianti le usavano comunque, picchiando i lavoratori lenti o riluttanti. Anche malnutrizione, dissenteria e malaria erano diffuse nelle piantagioni, soprattutto in quelle che producevano gomma. Non era raro che nelle piantagioni morissero diversi lavoratori in un solo giorno. Le condizioni erano particolarmente sfavorevoli nelle piantagioni di proprietà del produttore francese di pneumatici Michelin. Nei 20 anni tra le due guerre mondiali, una piantagione di proprietà della Michelin ha registrato 17,000 morti.

I contadini vietnamiti che rimanevano fuori dalle piantagioni erano soggetti alla corvéeo manodopera non retribuita. Introdotto in 1901, il corvée richiedeva a contadini maschi di età adulta di completare 30 giorni di lavoro non retribuito su edifici governativi, strade, dighe e altre infrastrutture.

Tasse coloniali

I francesi gravarono anche sui vietnamiti un vasto sistema fiscale. Ciò includeva un'imposta sul reddito sui salari, una tassa elettorale su tutti i maschi adulti, imposte di bollo su un'ampia gamma di pubblicazioni e documenti e imposte sulla pesatura e la misurazione dei prodotti agricoli.

Ancora più redditizi erano i monopoli statali sul vino di riso e sul sale, prodotti ampiamente utilizzati dalla gente del posto. Prima del colonialismo francese, la maggior parte dei vietnamiti produceva il vino di riso e raccoglieva il sale. All'inizio del 1900, questo era stato messo fuori legge e questi articoli potevano essere acquistati solo attraverso punti vendita francesi a prezzi gonfiati.

Funzionari e coloni francesi hanno anche beneficiato della coltivazione, vendita ed esportazione di oppio, un narcotico estratto dai papaveri. La terra fu messa da parte per coltivare papaveri da oppio e negli anni '1930 il Vietnam produceva più di 80 tonnellate di oppio all'anno. Non solo le vendite locali di oppio erano molto redditizie, la sua dipendenza e gli effetti stupefacenti erano un'utile forma di controllo sociale.

Nel 1935, le vendite collettive francesi di vino di riso, sale e oppio guadagnavano più di 600 milioni di franchi all'anno, l'equivalente di 5 miliardi di dollari oggi.

Controllo e collaborazione

colonialismo francese vietnam
Soldati vietnamiti in servizio con l'esercito francese nella prima guerra mondiale

Sfruttare e trasformare l'economia del Vietnam richiedeva un considerevole sostegno locale. La Francia non ha mai avuto una grande presenza militare in Indocina (c'erano solo 11,000 soldati francesi lì nel 1900) né c'erano abbastanza francesi per gestire personalmente questa trasformazione. Invece, i francesi facevano affidamento su un piccolo numero di funzionari e burocrati locali.

Chiamato Nguoi Phan Quoc ("traditore") da parte di altri locali, questi funzionari vietnamiti rafforzarono il dominio coloniale collaborando con i francesi. Spesso ricoprivano posizioni di autorità nel governo locale, nelle imprese o nelle istituzioni economiche, come il Banque de l'Indochine (la Banca francese dell'Indocina). Lo hanno fatto per motivi di interesse personale o perché sostenevano punti di vista francofili (filo-francesi).

I propagandisti francesi consideravano questi collaboratori come un esempio di come missione civilisatrice stava avvantaggiando il popolo vietnamita. Ad alcuni collaboratori furono assegnate borse di studio per studiare in Francia; alcuni hanno ricevuto addirittura la cittadinanza francese.

Forse il collaboratore più famoso fu Bao Dai, l'ultimo degli imperatori Nguyen (regnò dal 1926 al 45). Bao Dai studiò al Lycee Condorcet di Parigi e divenne un francofilo per tutta la vita.

“La 'missione civilizzatrice' francese era la trasformazione dei popoli sudditi in uomini e donne francesi leali. Attraverso l'istruzione e gli esami era teoricamente possibile per un vietnamita ottenere la cittadinanza francese, con tutti i suoi privilegi. Eppure, in realtà, i criteri per la cittadinanza furono manipolati per garantire che i cittadini soggetti non minacciassero mai il potere politico francese”.
Melvin E. Page, storico

Cambiamenti culturali

Il colonialismo francese ha fornito alcuni benefici alla società vietnamita, in particolare miglioramenti nell’istruzione. I missionari francesi, i funzionari e le loro famiglie aprirono scuole primarie e impartirono lezioni sia in francese che in vietnamita. L'Università di Hanoi fu aperta dai coloni nel 1902 e divenne un importante centro nazionale di apprendimento. Una piccola quota di studenti vietnamiti ha ricevuto borse di studio per studiare in Francia.

Questi cambiamenti, tuttavia, furono realmente significativi solo nelle città. C'era poco o nessun tentativo di educare i figli dei contadini. I programmi di queste scuole rafforzarono anche il controllo coloniale sottolineando la supremazia dei valori e della cultura francese.

Il colonialismo ha prodotto anche una trasformazione fisica nelle città vietnamite. I tradizionali templi, pagode, monumenti ed edifici locali, alcuni dei quali esistevano da secoli, furono dichiarati abbandonati e distrutti. Al loro posto furono eretti edifici di architettura e stile francese. I nomi vietnamiti di città, paesi e strade furono cambiati in nomi francesi. Attività significative, come il commercio bancario e mercantile, venivano condotte in francese anziché nelle lingue locali.

Negli anni '1920, la trasformazione culturale era così completa che, a parte la cultura e l'etnia delle persone, alcune parti di Hanoi e Saigon potevano essere scambiate per Parigi piuttosto che per una capitale del sud-est asiatico.

colonialismo francese in Vietnam

1. La colonizzazione francese del Vietnam iniziò seriamente negli anni 1880 e durò sei decenni. I francesi hanno giustificato il loro imperialismo con una "missione civilizzatrice", un impegno a sviluppare nazioni arretrate.

2. In realtà, il colonialismo francese era principalmente guidato da interessi economici. I coloni francesi erano interessati all'acquisizione di terre, allo sfruttamento del lavoro, all'esportazione di risorse e al guadagno.

3. La terra vietnamita fu conquistata dai francesi e collettivizzata in grandi piantagioni di riso e gomma. Gli agricoltori locali sono stati costretti a lavorare in queste piantagioni in condizioni difficili e pericolose.

4. I francesi imposero anche una serie di tasse sulla popolazione locale e implementarono monopoli su beni critici, come l'oppio, il sale e l'alcool.

5. I colonizzatori francesi erano relativamente pochi, quindi furono assistiti da collaboratori francofili tra il popolo vietnamita. Questi collaboratori hanno assistito nell'amministrazione e nello sfruttamento dell'Indocina francese.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Colonismo francese in Vietnam"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/french-colonialism-in-vietnam/
Data di pubblicazione: 2 Agosto 2019
Data di aggiornamento: 5 Novembre 2023
Data di accesso: 11 Giugno 2024
Copyright: Il contenuto di questa pagina è © Alpha History. Non può essere ripubblicato senza il nostro esplicito consenso. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo consultare la ns Condizioni d'uso.