Dichiarazione di indipendenza di Ho Chi Minh (1945)

Rivoluzione d'agosto di 1945 visto Ho Chi Minh e Viet Minh tenta di prendere il controllo del Vietnam, in seguito alla resa e al ritiro del Giappone. A settembre XNUM X Ho Ho Minh ha letto una dichiarazione di indipendenza in Ba Dinh Square, Hanoi. Le sue linee di apertura attingevano alla Dichiarazione di Indipendenza americana, scritta e firmata 2 anni prima:

"Tutti gli uomini sono creati uguali. Sono dotati dal loro creatore di alcuni diritti inalienabili, tra cui la vita, la libertà e la ricerca della felicità.

Questa immortale dichiarazione è stata fatta nella Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti d'America in 1776. In un senso più ampio ciò significa: tutti i popoli della terra sono uguali dalla nascita, tutti i popoli hanno il diritto di vivere, di essere felici e liberi.

Anche la Dichiarazione della Rivoluzione Francese del 1791 sui diritti dell'uomo e del cittadino afferma: "Tutti gli uomini nascono liberi e con uguali diritti, e devono sempre rimanere liberi e avere uguali diritti". Queste sono verità innegabili.

Tuttavia per più di 80 anni gli imperialisti francesi, abusando dello standard di libertà, uguaglianza e fraternità, hanno violato la nostra Patria e oppresso i nostri concittadini. Hanno agito in contrasto con gli ideali dell'umanità e della giustizia.

Nel campo della politica, hanno privato il nostro popolo di ogni libertà democratica.

Hanno fatto applicare leggi disumane; hanno istituito tre distinti regimi politici nel nord, nel centro e nel sud del Vietnam al fine di distruggere la nostra unità nazionale e impedire l'unione del nostro popolo.

Hanno costruito più carceri che scuole. Hanno ucciso senza pietà i nostri patrioti; hanno annegato le nostre rivolte in fiumi di sangue. Hanno incatenato l'opinione pubblica. Hanno praticato l'oscurantismo contro il nostro popolo. Per indebolire la nostra razza ci hanno costretto a usare oppio e alcool.

Nel campo dell'economia, ci hanno spinto verso la spina dorsale, hanno impoverito il nostro popolo e hanno devastato la nostra terra. Ci hanno derubato delle nostre risaie, delle nostre miniere, delle nostre foreste e delle nostre materie prime. Hanno monopolizzato l'emissione di banconote e il commercio estero.

Hanno inventato numerose tasse ingiustificabili e ridotto il nostro popolo, specialmente i nostri contadini, a uno stato di estrema povertà. Hanno ostacolato il benessere della nostra borghesia nazionale; hanno sfruttato senza pietà i nostri lavoratori.

Nell'autunno del 1940, quando i fascisti giapponesi violarono il territorio dell'Indocina per stabilire nuove basi nella loro lotta contro gli alleati, gli imperialisti francesi caddero in ginocchio e consegnarono loro il nostro paese. Da quella data il nostro popolo fu sottoposto al doppio giogo dei francesi e dei giapponesi. Le loro sofferenze e miserie aumentarono. Il risultato è stato che dalla fine dello scorso anno all'inizio di quest'anno, dalla provincia di Quang Tri al nord del Vietnam, più di due milioni di nostri concittadini sono morti di fame ...

Nonostante tutto ciò, i nostri concittadini hanno sempre manifestato nei confronti dei francesi un atteggiamento tollerante e umano. Anche dopo il golpe giapponese del marzo 1945, la Viet Minh League aiutò molti francesi ad attraversare la frontiera, salvò alcuni di loro dalle carceri giapponesi e protesse vite e proprietà francesi ...

Dopo che i giapponesi si arresero agli Alleati, tutto il nostro popolo si alzò per riconquistare la nostra sovranità nazionale e fondare la Repubblica Democratica del Vietnam.

La verità è che abbiamo strappato la nostra indipendenza dai giapponesi e non dai francesi.

I francesi sono fuggiti, i giapponesi hanno capitolato, l'imperatore Bao Dai ha abdicato. Il nostro popolo ha spezzato le catene che per quasi un secolo le hanno vincolate e hanno conquistato l'indipendenza per la Patria. Allo stesso tempo il nostro popolo ha rovesciato il regime monarchico che ha regnato supremo per decine di secoli. Al suo posto è stata istituita l'attuale Repubblica Democratica.

Per questi motivi noi membri del governo provvisorio, in rappresentanza di tutto il popolo vietnamita, dichiariamo che d'ora in poi interromperemo tutte le relazioni di carattere coloniale con la Francia. Abrogiamo tutti gli obblighi internazionali che la Francia ha sottoscritto finora per conto del Vietnam e aboliamo tutti i diritti speciali che i francesi hanno acquisito illegalmente nella nostra Patria.

L'intero popolo vietnamita, animato da uno scopo comune, è determinato a combattere fino alla fine contro qualsiasi tentativo dei colonialisti francesi di riconquistare il loro paese.

Siamo convinti che le nazioni alleate che a Teheran e San Francisco hanno riconosciuto i principi di autodeterminazione e uguaglianza delle nazioni, non rifiuteranno di riconoscere l'indipendenza del Vietnam.

Un popolo che si è coraggiosamente opposto alla dominazione francese per più di otto anni, un popolo che ha combattuto fianco a fianco con gli Alleati contro i fascisti in questi ultimi anni - un popolo del genere deve essere libero e indipendente.

Per queste ragioni noi, membri del governo provvisorio della Repubblica Democratica del Vietnam, dichiariamo solennemente al mondo che il Vietnam ha il diritto di essere un paese libero e indipendente - e di fatto lo è già. L'intero popolo vietnamita è determinato a mobilitare tutte le proprie forze fisiche e mentali, a sacrificare le proprie vite e proprietà per salvaguardare la propria indipendenza e libertà ".