La battaglia di Dien Bien Phu

dien bien phu
Un giornale francese del 1954, con il titolo "Dien Bien Phu è una tomba".

Dien Bien Phu è stata la battaglia decisiva del Prima guerra dell'Indocina. Si è conclusa con la vittoria del Viet Minh, la resa delle forze coloniali francesi e infine il ritiro dei francesi dal Vietnam.

La guerra in stallo

A metà del 1953, la prima guerra in Indocina era al suo settimo anno e non c'erano prospettive ovvie di vittoria per nessuna delle due parti. I generali francesi avevano provato una varietà di tattiche per sradicare il Viet Minh ma senza successo. Esausto e privo di idee, il CEFEO non aveva una visione a lungo termine né obiettivi militari. I suoi ufficiali hanno semplicemente difeso le loro posizioni e hanno reagito agli attacchi del Viet Minh quando si sono verificati.

Nella stessa Francia, la guerra era diventata molto impopolare. Lo sforzo bellico francese fu sostenuto dagli aiuti americani. All'inizio di 1954, la guerra era costata $ US3 miliardi, di cui gli Stati Uniti avevano contribuito oltre un terzo.

Anche la politica interna instabile della Francia minò lo sforzo bellico. Durante i sette anni di guerra, ci furono 16 cambi di governo e 13 di primo ministro, ma nessuno offrì alcuna strategia soddisfacente o obiettivi a lungo termine per l'Indocina, né si prese alcuna responsabilità per i fallimenti militari lì.

La gestione della guerra da parte del governo ha ricevuto critiche pungenti dalla stampa francese e dai politici di sinistra. C'è stata anche una serie di scandali riguardanti incompetenza militare, corruzione, accordi di valuta e commercio di armi. Il conflitto in Indocina divenne ampiamente noto in Francia come la vendita guerre ("la guerra sporca").

Cerco un'uscita

dien bien phu
Una mappa del Vietnam del Nord, che mostra la posizione di Dien Bien Phu

Con 1953, Parigi cercava disperatamente un'uscita onorevole da quella che sembrava una guerra inarrestabile.

Incapaci di mettere all'angolo o distruggere il Viet Minh, i comandanti francesi pianificarono una serie di posizioni fortificate attraverso il Tonchino (Vietnam settentrionale). Il CEFEO non poteva sperare di competere con il Viet Minh nelle giungle o in montagna, ma una serie di basi poteva essere pesantemente difesa e utilizzata come punto di sosta per le operazioni mobili. Gli strateghi francesi non pensavano che il Viet Minh oi suoi leader avrebbero rischiato di attaccare basi protette da alture, artiglieria e copertura aerea. Anche se lo facessero, giocherebbe in mani francesi.

Il CEFEO sperava anche di impedire il transito delle forze nemiche tra il Vietnam e il Vietnam Laos, dove il Viet Minh stava riposando e rifornendo. Per arrestare questo flusso, i comandanti francesi decisero di presidiare e fortificare una vecchia pista di atterraggio giapponese a Dien Bien Phu, a 10 chilometri dal confine laotiano e 300 chilometri a ovest di Hanoi.

A novembre 1953, quasi 2,000 paracadutisti francesi furono fatti cadere nell'area. Si misero al lavoro per estendere e migliorare la pista di atterraggio, per consentire a più uomini e rifornimenti di essere trasportati. Entro poche settimane, Dien Bien Phu era stata trasformata in un'importante base militare.

La base di Dien Bien Phu

Castries
Christian de Castries, il generale francese in carica presso Dien Bien Phu

La base Dien Bien Phu copriva cinque chilometri quadrati e conteneva nove campi separati. Secondo la leggenda, il comandante francese colonnello Christian de Castries chiamò i campi dopo le sue nove amanti. Conteneva anche un bordello di fortuna, che volava in prostitute da Hanoi per servire le truppe francesi 15,000 di stanza lì.

La posizione di Dien Bien Phu offriva vantaggi e svantaggi tattici. La base si trovava sul pavimento di una grande valle, circondata da ripide montagne e scogliere, alcune alte fino a un miglio. A parte uno stretto sentiero che conduceva al villaggio locale, non c'erano strade o sentieri nella base.

Qualsiasi offensiva nemica contro Dien Bien Phu richiederebbe un lungo e arduo viaggio attraverso la giungla montuosa. Le alte montagne e la foresta inaccessibile intorno alla base sembravano negare ogni possibilità di un attacco di artiglieria.

Gli ufficiali francesi pensavano che la posizione e il terreno circostante rendessero Dien Bien Phu inattaccabile. Ma l'isolamento di Dien Bien Phu, pur essendo un vantaggio difensivo, significava che poteva essere rifornito e rinforzato solo dal cielo. La regione è stata anche soggetta a nubi basse e piogge monsoniche dense, che hanno ostacolato la visibilità e i voli dentro e fuori la base.

Il Viet Minh medita un attacco

I leader del Viet Minh erano ben consapevoli della formazione francese a Dien Bien Phu. Erano anche consapevoli delle difficoltà di organizzare un attacco in quella zona.

Generale Vo Nguyen Giap, il capo militare del Viet Minh, comprendeva l'importanza strategica di Dien Bien Phu, ma sapeva che la guarnigione francese era vulnerabile, a centinaia di chilometri da Hanoi e circondata da posizioni elevate. Se un attacco potesse essere lanciato dalle montagne intorno alla base, i francesi potrebbero essere assediati e morire di fame per arrendersi.

Ci vorrebbe uno sforzo monumentale per il Viet Minh persino per raggiungere le cime delle montagne intorno a Dien Bien Phu, figuriamoci posizionare artiglieria pesante lì. All'inizio di 1954, Giap si era organizzato attorno alle truppe Viet Minh di 50,000, quasi un terzo di tutto il suo esercito, e le aveva marciate sulle colline intorno a Dien Bien Phu.

Questi soldati del Viet Minh furono sostenuti da migliaia di contadini locali, tra cui molte donne, che fornirono manodopera, costruendo strade, ripulendo la giungla e trasportando attrezzature. Tra le merci c'erano diverse dozzine di artiglieria pesante, ottenute dalla Giap dai cinesi, oltre a camion forniti dall'Unione Sovietica e tonnellate di armi leggere, munizioni e provviste. Tutti furono trascinati a mano su ripidi pendii montani. I pezzi di artiglieria furono smontati ai piedi delle montagne e rimontati in cima.

L'aggressione ha inizio

Nel marzo 1954, Giap si sentì abbastanza sicuro da lanciare la sua offensiva principale. Il 13 marzo, la sua artiglieria iniziò a colpire "Campo Beatrice" nel quadrante settentrionale della base. Entro 12 ore, il campo fu distrutto, più di 400 soldati francesi erano morti e la pista di atterraggio era inutilizzabile.

Al riparo dell'oscurità, gli uomini di Giap si spostarono dalle montagne giù nella valle. Per 20 giorni le forze francesi e del CEFEO resistettero ai feroci attacchi del Viet Minh, con entrambe le parti che subirono pesanti perdite.

Giap ordinò che venissero scavate trincee in punti strategici della valle e i francesi lo seguirono. Giorni di forti piogge hanno inondato il fondovalle e riempito le trincee di fango e acqua; il campo di battaglia di Dien Bien Phu cominciò a somigliare a qualcosa della Somme o di Passchendaele. Con gli aerei impossibilitati ad atterrare a causa del tempo e della battaglia in corso, i francesi dovevano essere riforniti di paracadute, ma la nuvola bassa e la scarsa visibilità hanno visto molti cadere nelle mani dei Viet Minh.

A metà aprile, il Viet Minh aveva perso circa 10,000 uomini, i francesi e il CEFEO circa la metà di quel numero.

Assedio e arrendersi

prigionieri dien bien phu
Prigionieri francesi in marcia fuori dalla valle a Dien Bien Phu

Il resto del mondo, in profondità nella morsa del Guerra fredda, era focalizzato su questa lotta tra una potenza europea e un'insurrezione comunista asiatica.

Ci sono state ripetute richieste di intervento militare dagli Stati Uniti, al fine di salvare i francesi a Dien Bien Phu. Per un certo periodo questo è stato fortemente considerato a Washington.

I comandanti militari americani hanno rapidamente ideato una strategia per salvare la base francese. Nome in codice "Operazione Vulture", prevedeva bombardamenti intensivi a basso livello sulla valle e persino, se necessario, l'uso di armi nucleari tattiche contro le roccaforti del Viet Minh. Il presidente Eisenhower, tuttavia, ha rifiutato di approvare questa operazione senza il sostegno e la partecipazione degli inglesi. Quando Londra ha rifiutato, l'operazione è stata accantonata.

All'inizio di maggio, la guarnigione francese a Dien Bien Phu era pericolosamente a corto di uomini, munizioni, cibo e forniture mediche. Il 7 maggio, il giorno prima del Conferenza di Ginevra aperto in Svizzera - Giap ha ordinato un ultimo assalto. Più di 20,000 soldati Viet Minh sciamarono contro le posizioni detenute da circa 3,000 soldati francesi robusti.

Al calar della notte, le difese francesi erano state invase, spingendo i loro ufficiali a arrendersi formalmente.

Giap si è trovato con più di 11,000 prigionieri, inclusi i francesi 7,000; più di un terzo di loro sono rimasti feriti o gravemente malati. Questi prigionieri furono costretti a marciare per più di 300 chilometri verso le basi del Viet Minh nel nord-est. Affaticato, brutalizzato e malnutrito lungo la strada, solo metà raggiunse viva la sua destinazione. Dei soldati francesi 11,000 di stanza a Dien Bien Phu all'inizio di 1954, meno di 3,500 sarebbe sopravvissuto.

Il punto di vista di uno storico:
"L'enorme importanza di Dien Bien Phu per la Francia e il suo esercito era quasi incalcolabile ... il grande significato di [questi] eventi è stato il modo in cui, impercettibilmente prima e poi con crescente inevitabilità, il Vietnam è cambiato da un campo di battaglia coloniale francese a uno su cui gli Stati Uniti hanno scelto di prendere posizione contro quella che il generale Matthew B. Ridgway ha definito "la morte di un mondo senza Dio". "
David JA Stone

battaglia di dien bien phu

1. Con 1953 la guerra in Vietnam stava andando male per la Francia, costando vite e denaro. Parigi iniziò a cercare una qualche forma di soluzione politica che consentisse un onorevole ritiro.

2. A 1953 i francesi iniziarono a fortificare una vecchia pista di atterraggio giapponese, a circa 10 chilometri dal confine con il Laos, un tentativo di limitare il movimento e l'offerta di soldati del Viet Minh.

3. I francesi consideravano la base di Dien Bien Phu facilmente difendibile. Era isolato, suonato dalle alte montagne e apparentemente inespugnabile per l'artiglieria.

4. Il capo militare del Viet Minh Vo Nguyen Giap orchestrò un attacco a Dien Bien Phu. Le sue forze liberarono la giungla e trasportarono l'artiglieria sulle montagne, quindi assediarono la base nel marzo 1954.

5. Dopo quasi due mesi di battaglie e assedi, la base francese di Dien Bien Phu fu invasa e alcuni soldati 11,000 CEFEO furono catturati. Il Viet Minh aveva vinto la più grande battaglia della prima guerra dell'Indocina.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La battaglia di Dien Bien Phu"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/dien-bien-phu/
Data di pubblicazione: Giugno 14, 2019
Data di accesso: 18 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.