Europei in Vietnam

europei in vietnam
Una rappresentazione di un missionario straniero giustiziato in Vietnam

Il contatto tra il popolo vietnamita e gli europei risale ai tempi antichi.

Il popolo Viet ebbe contatti con gli europei già nel 1st del secolo a.C. quando i commercianti di seta romani si fermarono lì in viaggio in Cina. L'esploratore italiano Marco Polo visitò anche parti del Vietnam alla fine degli anni 1280, commentando il terreno montuoso e le fitte foreste, nonché la debole autorità del re viet.

Il primo significativo interesse europeo per il Vietnam fu mostrato dai missionari cattolici, che vennero alla ricerca di convertiti e seguaci piuttosto che di oro o spezie. I missionari domenicani portoghesi con sede in India hanno viaggiato in Vietnam negli 1500 ma hanno avuto scarso successo e non sono rimasti.

Il catalizzatore per un maggiore contatto con il Vietnam arrivò in 1614 quando i sovrani del Giappone espulse tutti i missionari stranieri. Alla ricerca di una nuova sede per il lavoro missionario, Papa Paolo V scelse di inviare predicatori cattolici in Vietnam, che in Europa era conosciuta come Cochinchina. Una missione gesuita fu stabilita nella città settentrionale di Hanoi a 1615, con il tacito sostegno dei principi Trinh locali.

Alexander de Rhodes

L'attività cattolica in Vietnam ha ricevuto il massimo impulso in 1619 con l'arrivo di Alexander de Rhodes ad Hanoi. Un francese nei suoi ultimi 20, Rodi ha mostrato i tratti di un missionario di successo: era devoto, intelligente ed energico, ma rispettoso della popolazione locale e della sua cultura.

europei in vietnam
Alexander de Rhodes, un missionario cattolico di successo in Vietnam

Rodi viaggiò molto, predicando più volte al giorno. Ha guadagnato più di 5,000 convertiti in soli due anni, principalmente tra i contadini, insoddisfatto sia del loro tenore di vita sia del disinteresse confuciano nei loro confronti.

Quando non faceva proselitismo, Rodi trascorreva le sue ore a studiare la lingua viet, che ammirava molto, paragonandola al “canto degli uccelli”. Rhodes tradusse diversi testi religiosi nel dialetto locale e scrisse un dizionario latino-viet, ma il suo risultato più notevole fu quello di creare un sistema di scrittura romanizzato per la lingua viet. Questo sistema, chiamato Quoc Ngu, è ancora in uso in Vietnam oggi.

Arrivo dei francesi

Fino alla metà degli 1600, quasi tutti i missionari europei in Vietnam erano portoghesi. I francesi iniziarono ad arrivare in numero negli 1660, in seguito alla formazione della Società francese di missioni straniere. Ciò ha generato rivalità tra missionari e commercianti francesi e portoghesi.

In 1738, papa Clemente XII ordinò che il Vietnam fosse diviso in due sfere di influenza, con i missionari portoghesi a sorvegliare Tonkin (Vietnam del Nord) e i missionari francesi a sorvegliare il territorio a sud di Hue. I francesi si schierarono con i nobili della dinastia Nguyen, che dagli 1750 riuscirono a ottenere il controllo della maggior parte di Tonkin.

Per volere dei francesi, i Nguyens espulse la maggior parte dei missionari portoghesi dal nord del Vietnam. Da quel momento in poi il Vietnam divenne quasi interamente dominio dei missionari francesi.

La dinastia resiste

Fino alla fine degli 1700, l'atteggiamento locale nei confronti degli occidentali era ambivalente. Ma quando il primo imperatore Nguyen salì al trono in 1802, c'erano crescenti sospetti sugli europei e sugli effetti destabilizzanti che la loro religione stava avendo sulla società vietnamita.

Diversi sovrani di Nguyen hanno preso provvedimenti per chiudere il Vietnam ad ulteriori incursioni straniere. Gia Long (regnò 1802-20) continuò la sua cauta alleanza con gli approcci francesi ma respinti dagli inglesi, che volevano aprire il Vietnam al commercio. Suo figlio, Minh Mang (1820-41) era ostile agli stranieri e alle idee straniere; voleva fermare l'infiltrazione straniera, rimuovere il cattolicesimo e ripristinare l'ideologia confuciana.

vietnam degli europei
L'imperatore XNUM del X secolo Minh Mang, che resistette alle influenze europee

Nel 1820, Minh Mang snobbò diverse alleanze o accordi commerciali proposti dai francesi. Nel 1825 decretò che a nessun missionario cattolico sarebbe stato permesso di entrare in Vietnam. Quelli già lì furono nominati mandarini alla corte dell'imperatore, un tentativo di limitare i loro movimenti nel paese:

“C'è sempre stata una strategia per fermare l'avanzata dei barbari [stranieri]. La nostra corte tratta con gli occidentali secondo i seguenti principi. Se vengono qui, non ci opponiamo a loro; se se ne vanno, non li inseguiamo; li trattiamo semplicemente come barbari. Se le loro navi vengono a commerciare, permettiamo loro di ancorare solo a Tra-son. Quando gli scambi sono terminati, devono partire. Non permettiamo loro di rimanere a terra a lungo e non permettiamo alla popolazione locale di commerciare direttamente con loro. Quindi, anche se sono astuti e ingannevoli, non ci saranno aperture di cui potranno approfittare per causare problemi ".

Le tensioni aumentano

Il conflitto tra imperatori Nguyen e missionari stranieri è aumentato attraverso gli 1830.

In 1833, una ribellione anti-Nguyen scoppiò nel sud del Vietnam, guidata da Le Van Khoi, un signore della guerra locale che si era convertito al cattolicesimo. Sostenuti da missionari francesi e cattolici locali, le forze ribelli conquistarono la cittadella principale di Saigon e sei province del sud, il tutto in poche settimane. Ci vollero più di due anni per l'imperatore, Minh Mang, per riconquistare questi luoghi e reprimere la ribellione.

La rappresaglia di Minh Mang è stata rapida e brutale. Nel 1835, bandì completamente il cattolicesimo in Vietnam e diede ordine che i cattolici stranieri e locali fossero arrestati e trattati. Una delle vittime fu il francese Joseph Marchand, un missionario gesuita che aveva sostenuto la rivolta del 1833. Marchand fu arrestato e condannato a una morte orrenda, la sua carne strappata da tenaglie roventi.

Queste uccisioni non hanno scoraggiato i missionari stranieri dal Vietnam - infatti, molti nuovi missionari hanno continuato ad arrivare dall'Europa, determinati a proteggere la fede cattolica.

Il successore di Minh Mang, Thieu Tri (regnò dal 1841 al 47) fu ancora più ostile agli stranieri. Quando i missionari cattolici continuarono a ignorare gli editti imperiali che smettevano di predicare alla gente del posto, Thieu Tri fece finire la maggior parte di loro in prigione.

La Francia intraprende un'azione militare

Ciò ha innescato una risposta ostile dalla Francia, che stava cercando di esercitare un maggiore controllo nella regione. In 1847, due navi da guerra francesi furono inviate in Vietnam per negoziare il rilascio di due missionari incarcerati. Ma quando i negoziati si interruppero rapidamente, le navi entrarono nel porto di Da Nang con le pistole in fiamme, affondando tre barche vietnamite e facendo saltare le fortificazioni e gli edifici costieri con i loro cannoni.

L'indignato Thieu Tri rispose:

“I francesi sono davvero una banda di barbari. I loro crimini non possono essere perdonati. Ogni loro nave commerciale o militare che arriva sulle nostre coste dovrebbe essere cacciata e non autorizzata ad atterrare ... I funzionari provinciali devono esaminare le configurazioni geografiche ed erigere più fortificazioni e artiglierie di ogni tipo per rafforzare le difese costiere ... La religione cattolica è eterodossa religione che incanta profondamente i cuori degli uomini. Non solo tenta le persone stupide; anche tra i funzionari ci sono quelli che diventano così stregati da non svegliarsi ".

Thieu Tri fu così determinato a sradicare il cattolicesimo che ordinò che tutti i missionari stranieri fossero uccisi a vista. Ma l'imperatore morì poche settimane dopo aver emesso questo editto e i suoi funzionari non lo fecero, probabilmente perché temevano ritorsioni straniere.

vietnam europeans
La tomba dell'imperatore Tu Duc, che lottò contro la colonizzazione europea

Il figlio e successore di Thieu Tri, Tu Duc (1847-88), mantenne le politiche isolazioniste del padre e tentò di resistere all'infiltrazione e alla modernizzazione europee. Tu Duc ha ordinato la prigionia, la deportazione e persino la decapitazione di sacerdoti e missionari stranieri. In realtà, ci sono state poche esecuzioni, tuttavia, quelle che si sono verificate hanno causato indignazione a Parigi e innescato appelli per un'azione militare contro gli Nguyen.

L'imperatore prese di mira anche i cattolici vietnamiti, che definì “poveri idioti sedotti da preti [di] dottrina perversa”. Ordinò che fossero marchiati con un simbolo che li indicava come eretici e che le loro proprietà fossero sequestrate e confiscate allo stato.

Nel 1857, due missionari spagnolo-cattolici furono giustiziati per ordine di Tu Duc. Questa è stata l'ultima goccia per il governo francese, che ha autorizzato un'azione diretta contro il Vietnam. Una flotta di 14 navi da guerra e quasi 3,000 soldati salpò verso est. Il Vietnam stava entrando nei suoi ultimi giorni come impero indipendente.

europei in vietnam

1. Il Vietnam ha avuto contatti con gli europei sin dall'antichità, a partire dai commercianti romani, poi dagli esploratori europei e dai missionari cattolici del X secolo XNUM.

2. I missionari gesuiti iniziarono ad arrivare in Vietnam in numero dai primi 1600. Si stabilirono ad Hanoi e iniziarono a convertire la gente del posto al cattolicesimo.

3. Il più noto di questi missionari fu Alessandro de Rodi, che viaggiò molto, guadagnò migliaia di seguaci e sviluppò una scrittura romanizzata per scrivere la lingua Viet.

4. Nei primi 1820, imperatori di Nguyen come Minh Mang iniziarono a resistere all'influenza politica e culturale di missionari, diplomatici e commercianti europei.

5. La persecuzione dei missionari cattolici sotto il regno dell'imperatore Tu Duc fornì agli imperialisti francesi un pretesto per usare la forza militare per prendere piede in Vietnam.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Europei in Vietnam"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/vietnam-before-french-colonisation/
Data di pubblicazione: Gennaio 5, 2018
Data di accesso: October 07, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.