Indochine (1992)

indochine

Indochine è un film francese, diretto da Regis Wargnier e distribuito in 1992. Non si concentra sulla guerra del Vietnam ma sugli ultimi decenni del colonialismo francese in Vietnam. Interpreta Catherine Deneuve nei panni di Eliane Devries, Vincent Perez nei panni di Jean-Baptise e Linh Dan Pham nei panni di Camille.

Eliane è proprietaria di una piantagione di gomma e membro dell'aristocrazia coloniale francese. Adotta una ragazza vietnamita di nome Camille, la figlia orfana di reali minori, e la manda a studiare in Francia.

Sia Eliane che Camille si innamorano di Jean-Baptise, un ufficiale di marina francese. Eliane usa i suoi contatti per trasferire Jean-Baptiste nel nord del Vietnam, solo per Camille che lo segua. Tutti e tre vengono coinvolti nel tumulto politico che travolge il Vietnam alla fine degli 1930 e degli 1940.

Indochine ha ricevuto il plauso della critica, vincendo un Oscar per il miglior film in lingua straniera e una nomination come migliore attrice per Catherine Deneuve. È stato anche elogiato per la sua cinematografia e le sue rappresentazioni visive della tarda Indocina francese.

Indochine è forse troppo lungo e lento per l'uso in classe, tuttavia alcune scene specifiche sono degne di studio. Potrebbero includere paragoni tra i lavoratori "coolie" della piantagione di gomma di Eliane e le vite decadenti del coloniale francese ambientato a Saigon. Notevole è anche una scena che mostra i francesi che lavorano e brutalizzano i lavoratori "volontari" su Dragon Island.

Indochine conclude con Camille che abbandona suo figlio, Etienne, per unirsi ai Viet Minh. Eliane ed Etienne tornano in Francia. Le scene finali del film mostrano Eliane ed Etienne in viaggio alla conferenza di Ginevra del 1954, dove Camille sarebbe presente come delegata comunista.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Indochine (1992) "
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/indochine-1992/
Data di pubblicazione: 24 Marzo 2018
Data di accesso: Dicembre 01, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.