Kris Kristofferson: Vietnam Blues (1966)

Kris Kristofferson (1936-) è un attore, cantante e cantautore americano specializzato in musica country. Kristofferson, figlio di un ufficiale dell'esercito americano, era un campione sportivo del college prima di seguire suo padre in servizio militare. Si laureò a West Point e divenne un pilota di elicotteri, terminando il suo servizio militare in 1965 proprio mentre si stava svolgendo la guerra del Vietnam. Kristofferson ottenne poi il plauso del cantautore, scrivendo come singoli di successo Io e Bobby McGee che collaborano con noi, attingono direttamente dalla storia e dalla tradizione veneziana Per i bei tempi. In 1966 ha scritto Kristofferson Vietnam Blues, una canzone parlata di un soldato arruolato che incontra un gruppo di manifestanti contro la guerra a Washington DC. È stato raccolto e registrato da Dave Dudley, un musicista country dal suono profondo, specializzato in canzoni per camionisti. I sentimenti pro-guerra di Vietnam Blues erano comuni nella musica country dei mid-1960. Da allora Kristofferson ha cambiato la sua posizione sul Vietnam e vede le parole di falco di Vietnam Blues con un certo imbarazzo.

Ero in congedo in quel momento
Stavo solo schivando la nebbia in giro come un cane affamato
In quel posto folle chiamato Washington DC.

Ho visto una folla di persone sul prato della Casa Bianca
Tutti portano segni sul Vietnam
Quindi sono andato a vedere cosa stava succedendo.

Era un gruppo strano ma poi
Non sono mai riuscito a capire alcune persone [o civili]
Un tipo venne da me con un elenco in mano
Ha detto che stiamo raccogliendo nomi per inviare un telegramma di compassione. Poi mi ha passato una penna.

Ho detto che credo che questo andrà ai figli e alle mogli
I miei amici laggiù che stanno dando la loro vita
Ha detto "Uh-uh, amico, questo sta andando a Ho Chi Minh".

Ho detto "Ho Chi chi?" Ha detto Ho Chi Min
Il leader del popolo del Vietnam del Nord.

Oh, non ero davvero sicuro di sentirlo bene
Pensavo che avrei fatto meglio a muovermi prima di litigare
Perché le mie orecchie mi facevano male e il mio polso ha iniziato a colpire una leccata.

Poi ho pensato a un altro telegramma che ho appena letto
Dire alla moglie del mio amico che suo marito era morto
E non passò molto tempo prima che mi sentissi davvero male.

Un altro aveva il cartello che diceva "Non combatteremo"
Ho pensato tra me e me "Ragazzo, hai ragione"
Preferiresti invece lasciare morire i soldati.

Ho detto “È un peccato che ogni uomo che sia mai morto
Lassù quella terra lontana
Stavo morendo per non doverti svegliare morto.

Ovviamente mi ha guardato come se fossi pazzo
Solo un altro warmonger.

Ho lasciato quel posto e sono andato in centro
E ho colpito la prima barra che ho trovato
Per rinfrescarmi e pacificare il mio cervello.

Vedi, ero in ordine in Vietnam
Un piccolo vecchio posto a nord di Saigon
Ho avuto circa un'ora per prendere un aereo.

Quindi tutto quello che voglio dire è che non mi piace nemmeno morire
Ma amico, non striscerò.


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Il contenuto creato da Alpha History non può essere copiato, ripubblicato o ridistribuito senza la nostra esplicita autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.