Laos durante la guerra del Vietnam

mappa del laos
Una mappa del moderno Laos, che mostra la sua posizione ad ovest del Vietnam

La guerra del Vietnam non è rimasta entro i confini del Vietnam. Il conflitto si espanse nei paesi vicini come il Laos e la Cambogia, dove l'Esercito del Vietnam del Nord (NVA) e Viet Cong i soldati si muovevano e operavano. Di conseguenza, la guerra del Vietnam ha avuto un profondo impatto su questi paesi, facilitando l'ascesa di gruppi nazional-comunisti lì.

sfondo

Laos è un paese senza sbocco sul mare, stretto tra Cina (nord), Cambogia (sud), Vietnam (est) e Thailandia (ovest). Gran parte del Laos settentrionale è montuoso, difficile da attraversare e scarsamente popolato. La maggior parte della produzione agricola e zootecnica del Laos si svolge nel sud del paese o lungo il fiume Mekong, che forma il confine occidentale del Laos.

Prima del XIX secolo, il Laos era un puzzle di regni ed etnie regionali, piuttosto che un singolo stato o una società omogenea. La sua storia, il commercio e la cultura sono stati plasmati dai suoi vicini più potenti. 

Come il Vietnam, il Laos cadde sotto Controllo coloniale francese alla fine del 19 secolo. Il Laos mancava delle risorse naturali, della forza lavoro e della costa delle regioni limitrofe, quindi non fu mai una colonia redditizia.

Di conseguenza, il Laos non era così strettamente amministrato o sviluppato come il Vietnam. L'autorità coloniale francese era concentrata nel Laos meridionale; anche al culmine del periodo coloniale, non c'erano più di poche centinaia di funzionari francesi in Laos.

Nazionalismo laotiano

Laos
Pathet Lao fondatore Prince Souphanouvong (a sinistra) con Ho Chi Minh

La seconda guerra mondiale ha contribuito a stimolare il nazionalismo laotiano, che è aumentato in risposta a una Thailandia aggressiva e all'occupazione da parte delle forze giapponesi. 

Il Laos non fu molto colpito dalla guerra fino all'inizio del 1945, quando le truppe giapponesi presero il controllo del regime coloniale francese di Vichy e costrinsero il re laotiano, Sisavangvong, a dichiarare l'indipendenza. I francesi riaffermarono il controllo del Laos nel 1946, attuando una monarchia costituzionale mentre lavoravano per migliorare le infrastrutture, in particolare nei trasporti e nell'istruzione.

Nonostante questi progressi, questo periodo è stato caratterizzato dalla frustrazione per l'interferenza straniera negli affari laotiani. Un gruppo nazionalista, il Lao Freedom Front, è stato formato dal principe Souphanouvong, un ammiratore di Ho Chi Minh. Nel 1950 Souphanouvong ei suoi colleghi formarono il Pathet Lao ("Lao Nation"), in effetti un ramo laotiano del Viet Minh.

Nel 1953, il Pathet Lao iniziò una guerra civile in Laos, armato di supporto logistico, addestramento e rifornimenti dal Viet Minh.

Laos dopo l'indipendenza

Laos
Il generale francese Salan con il futuro re del Laos, Sisavang Vatthana

Il Laos ottenne la piena indipendenza dalla Francia il 9 novembre 1953 e divenne una monarchia costituzionale. Il Pathet Lao occupò vaste aree nel nord montuoso e rimase una forza politica significativa.

Nel 1957, il Pathet Lao fu invitato a formare un governo di coalizione. Questa coalizione è crollata l'anno successivo sotto la pressione degli Stati Uniti, che erano sospettosi dei legami comunisti del Pathet Lao. Ciò ha contribuito a riaccendere la guerra civile laotiana tra il governo reale sostenuto dagli Stati Uniti e il Pathet Lao, che è stato sostenuto e fornito da Hanoi e Mosca. 

Alla fine degli 1950, gran parte del Laos settentrionale e orientale era controllata dal Pathet Lao. Durante questo periodo i militari del Vietnam del Nord entrarono nel Laos per stabilire la Ho Chi Minh Trail, una pista remota per popolare e rifornire il Viet Cong in Vietnam del sud

Un accordo firmato a Ginevra nel 1962 produsse un altro governo di coalizione e una pausa nella guerra civile, sebbene entrambi durarono appena un anno. Durante gli anni '1960, il Pathet Lao, sostenuto dai vietnamiti del Nord, combatté per il controllo contro il governo reale laotiano e l'etnia Hmong, entrambi sostenuti dagli Stati Uniti.

La guerra del Vietnam si riversa nel Laos

Laos
Una mappa che mostra le operazioni militari statunitensi in Laos durante la metà degli 1960

Il crescente coinvolgimento dell'America in Vietnam ha contribuito a intensificare la guerra civile in Laos. La Central Intelligence Agency (CIA) e le forze armate statunitensi hanno iniziato a fornire al governo laotiano intelligence, aiuti finanziari e forniture militari. Gli Stati Uniti fornirono loro anche aerei e stabilirono un programma di addestramento per i piloti laotiani.

I progressi furono lenti, tuttavia, quindi a metà degli 1964 gli aerei dell'Aeronautica USA iniziarono a volare missioni di ricognizione sul territorio laotiano. Le prime bombe americane furono lanciate sul Laos il 9th di giugno, come rappresaglia per l'abbattimento di un aereo americano da parte degli insorti.

Il bombardamento aereo del Laos è stato intensificato nel dicembre 1964 con l'implementazione dell'operazione Barrel Roll nel Laos nord-orientale. Volando principalmente dalla Tailandia, gli aerei statunitensi hanno volato bombardamenti settimanali sul Laos nord-orientale, colpendo Pathet Lao e le basi del Vietnam del Nord. Successivamente è stato integrato dall'operazione Tiger Hound, una campagna di tre anni che ha coinvolto alcuni bombardamenti 100,000 sul Laos orientale.

Il Pathet Lao avanza

Laos
Pathet soldati laotiani alla vigilia dell'acquisizione comunista del Laos, 1974

Nonostante questo coinvolgimento americano, il Pathet Lao ha continuato a fare progressi. Nel 1968, una serie di progressi comunisti disperse l'esercito reale del Laos, riducendolo a appena un migliaio di uomini. Gran parte del Laos settentrionale era controllata dal Pathet Lao, dalla NVA e dai Viet Cong, che utilizzavano il territorio laotiano per il trasporto di uomini e rifornimenti nel Vietnam del Sud.

Un'intensificazione dei bombardamenti statunitensi ha bloccato alcuni progressi comunisti - ma quando gli americani hanno cessato i loro bombardamenti nel febbraio 1973, il Pathet Lao, ora sostenuto da un numero maggiore di armi da Hanoi, ha iniziato ad espandersi. In poche settimane possedevano più territorio del governo, che era limitato alla capitale Vientiane e alle regioni di confine occidentale lungo la valle del Mekong.

Fu firmato un cessate il fuoco e, nell'aprile 1973, si formò un altro governo di coalizione. I realisti e il Pathet Lao godevano di pari rappresentanza in questa nuova amministrazione. Tra la metà di 1973 e l'inizio di 1975, tuttavia, il Pathet Lao intraprese una strisciante acquisizione del governo nazionale.

Vientiane cade

Nell'aprile 1975, mentre i vietnamiti del Nord si stavano dirigendo verso Saigon, le forze del Pathet Lao iniziarono a muoversi verso Vientiane. Ora infiltrato da funzionari e sostenitori del Pathet Lao, il governo ha offerto poca resistenza significativa. Con l'imminente caduta di Vientiane, migliaia di americani, stranieri e sostenitori monarchici sono fuggiti attraverso il confine verso la Thailandia.

Ad agosto, il Pathet Lao aveva il controllo virtuale del paese. La sua presa di potere fu formalizzata il 2 dicembre 1975, con l'abolizione del governo, l'abdicazione del re Savang Vatthana e la formazione della Repubblica Democratica Popolare del Laos. 

Le precedenti promesse di elezioni, riforme democratiche e libertà liberali del Pathet Lao sono state rapidamente dimenticate, poiché il nuovo regime si è mosso per mettere a tacere i dissidenti e creare uno stato monopartitico. Ufficiali fastidiosi o ufficiali militari furono inviati in località remote per "seminari" di rieducazione e non furono mai più visti. Uno di questi era l'anziano ex re, morto in un "campo di seminari" tra il 1978 e il 1984.

Ci sono state anche recriminazioni contro l'etnia Hmong, che si è schierata con il governo reale e gli Stati Uniti durante la guerra civile. Si ritiene che un quarto dei 400,000 Hmong del Laos siano stati uccisi dal nuovo regime, mentre gli Stati Uniti ne hanno accolti più di 100,000 come rifugiati.

Laos del dopoguerra

Oggi, il Laos è uno degli ultimi stati socialisti rimasti al mondo. Il suo governo è dominato dal Partito Rivoluzionario Popolare Laotiano (LPRP), il braccio politico del Pathet Lao. Altri partiti e fazioni sono banditi.

Le politiche significative sono formulate e approvate dal Politburo di LPRP. C'è una legislatura eletta, l'Assemblea nazionale, tuttavia, solo i membri LPRP possono candidarsi e le elezioni sono probabilmente truccate.

A differenza di Hanoi, il regime comunista del Laos non ha interrotto i legami con gli Stati Uniti. L'ambasciata americana a Vientiane ha continuato a operare durante e dopo il 1975.

Come in Vietnam, il governo laotiano ha iniziato a liberalizzarsi lentamente negli anni '1990. Nell'agosto 1991, il LPRP ha approvato una nuova costituzione che riconosce la diversità etnica del Laos ei diritti individuali dei suoi cittadini.

Lo sviluppo economico è stato più lento. L'economia del Laos è dominata dall'agricoltura, dalle miniere e dal turismo internazionale, che è cresciuto notevolmente negli ultimi dieci anni. La popolazione del Laos rimane disperatamente povera, con due milioni che vivono al di sotto della soglia internazionale di povertà e la fame è un problema diffuso.

Il punto di vista di uno storico:
“Gli agenti della CIA, che disperavano dell'abilità del Royal Lao Army, cercarono altri alleati nella lotta contro il comunismo in Laos… e scoprirono gli Hmong. Fieramente indipendenti, gli Hmong vedevano sia il Pathet Lao che i Vietnam del Nord come minacce e accettarono prontamente di unirsi alle forze governative degli Stati Uniti e del Laotiano ... Nel 1961 la CIA aveva sollevato e armato una forza di oltre 10,000 tribù Hmong nel tentativo di pareggiare le probabilità. ... Aiutati dai devastanti attacchi aerei americani, le forze Hmong e Royal Lao hanno combattuto i comunisti fino a un punto morto e la guerra in Laos è proseguita come un sanguinoso stallo ".
Andrew Wiest

1. Il Laos è un paese senza sbocco sul mare che si trova immediatamente a nord-ovest del Vietnam. Le sue regioni settentrionali sono montuose e fortemente boscose, mentre la popolazione e la produzione sono concentrate nel sud.

2. Come il Vietnam, il Laos fu colonizzato dai francesi alla fine degli 1800. Prima di questo, non esisteva davvero come un singolo stato, ma era un mosaico di regni ed etnie.

3. Il colonialismo francese e l'occupazione giapponese durante la seconda guerra mondiale hanno alimentato la crescita del nazionalismo laotiano. Un gruppo nazionalista, il Pathet Lao, è stato formato nel 1950 da un sostenitore di Ho Chi Minh.

4. Gli Stati Uniti furono coinvolti in Laos nei primi 1960, al fine di impedire ai Viet Cong di usare il territorio laotiano per basi e rifornimenti. Gli aerei statunitensi hanno bombardato ampiamente il Laos tra 1964 e 1973.

5. La cessazione dei bombardamenti statunitensi in 1973 ha permesso al Pathet Lao di stringere la presa sul Laos. A dicembre 1975 formò un governo socialista monopartitico, che rimane al potere oggi.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Laos durante la guerra del Vietnam"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/laos-during-vietnam-war/
Data di pubblicazione: Luglio 5, 2019
Data di accesso: 23 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.