Mao Zedong

mao zedong

Mao Zedong (1893-1976) era il leader del Rivoluzione cinese e la Cina comunista tra il 1949 e il 1976. Ha avuto un'influenza significativa sul conflitto in Vietnam, sia attraverso il suo esempio di rivoluzionario comunista sia come leader della prima superpotenza comunista dell'Asia.

Mao Zedong è nato nella provincia di Hunan, figlio di un ricco contadino. Ha iniziato la sua vita come bibliotecario e insegnante mentre studiava sia i testi politici occidentali di sinistra sia gli scritti di antichi studiosi cinesi. In 1921, Mao divenne membro fondatore del Partito comunista cinese (PCC), partecipando al primo incontro della festa a Shanghai.

Nel 1927, Mao guidò la rivolta del raccolto autunnale, una ribellione contadina senza successo contro le forze governative e i proprietari terrieri in Hunan. Nel 1929, Mao ei suoi sostenitori formarono un "soviet contadino" - una comunità autosufficiente organizzata su principi socialisti - nella provincia meridionale dello Jiangxi.

In 1934, Mao e il PCC furono costretti ad abbandonare il Jiangxi e trasferirsi a piedi nel nord della Cina. Loro Lunga marcia, come divenne noto, annunciava l'ascesa alla ribalta di Mao sia come pensatore comunista che come comandante militare.

Tra il 1936 e il 1949, Mao Zedong e il PCC avevano sede a Yan'an. Durante questo periodo Mao riorganizzò il partito e il suo braccio militare, l'Armata Rossa, ampliando il suo controllo personale su entrambi. Formulò anche la sua filosofia politica, adattando la teoria marxista alla situazione in Cina e rifiutando consigli e indicazioni da Mosca. Invece, Mao ha lavorato per forgiare una rivoluzione guidata dai contadini cinesi.

Usando i principi socialisti tra la loro gente e la guerriglia contro i loro nemici, il movimento comunista di Mao fece progressi significativi durante gli anni '1940. La sua Armata Rossa fece rapidi progressi, ottenendo il sostegno della popolazione locale e costringendo gli eserciti nazionalisti di Chiang Kai-shek disperdersi e fuggire.

Nell'ottobre 1949, Mao parlò a una manifestazione in piazza Tienanmen, a Pechino, e proclamò la formazione della Repubblica popolare cinese, il primo stato comunista dell'Asia.

“Meglio trasformarla in una guerra più grande ... Temo che dovresti davvero inviare più truppe nel sud ... Non aver paura dell'intervento degli Stati Uniti. Al massimo, non è peggio che avere un'altra guerra di Corea. L'esercito cinese è pronto, e se l'America corre il rischio di attaccare il Vietnam del Nord, l'esercito cinese entrerà immediatamente. Le nostre truppe vogliono una guerra adesso. "
Mao Zedong, 1964

La vittoria del comunismo in Cina spostò il focus della guerra fredda in Asia e spinse gli Stati Uniti in eventi lì. I presidenti americani da Truman a Nixon accettarono il Teoria del domino, credendo che il comunismo cinese, se non controllato, si sarebbe diffuso in tutto il sud-est asiatico.

Anche la rivoluzione cinese ha fornito idee e ispirazione Ho Chi Minh e Viet Minh, che ha studiato gli scritti di Mao sulla rivoluzione, la filosofia politica e la guerriglia. Una volta al potere, Mao ha anche fornito una quantità significativa di sostegno materiale al Viet Minh e, in seguito, al governo del Vietnam del Nord.

Dopo il Accordi di Ginevra (1954) Mao ha promesso più di 100 milioni di dollari in aiuti al Vietnam del Nord. Quando gli Stati Uniti iniziarono a bombardare il Vietnam del Nord a metà degli anni '1960, il suo governo vi inviò migliaia di personale cinese. Molti erano ingegneri, incaricati di ricostruire infrastrutture danneggiate, come strade, ferrovie, ponti, dighe e centrali elettriche. I soldati cinesi hanno anche preso di mira gli aerei americani con cannoni antiaerei, forniti anche da Pechino. Si stima che circa 320,000 soldati cinesi prestarono servizio nel Vietnam del Nord durante il corso della guerra del Vietnam.

Il sostegno di Mao al Vietnam del Nord diede ad Hanoi un "deposito di rifornimenti e di retroguardia sicuro", come disse lo storico Jung Chang. Lo stesso Mao si è espresso apertamente contro l'intervento americano in Vietnam, descrivendo gli Stati Uniti come “il più feroce nemico del popolo del mondo”. All'inizio del 1972 Mao, consapevole che gli americani volevano lasciare il Vietnam, cambiò posizione e incontrò il presidente degli Stati Uniti Richard Nixon. Questo riavvicinamento con la Cina è stato un fattore che ha contribuito all'accordo di pace formulato in 1972 e firmato nel gennaio dell'anno successivo.

Mao Zedong visse abbastanza a lungo per vedere la caduta di Saigon e la riunificazione del Vietnam. Morì a settembre 1976, poche settimane dopo la formazione della Repubblica socialista del Vietnam.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Mao Zedong"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/mao-zedong/
Data di pubblicazione: 8 aprile 2018
Data di accesso: Gennaio 26, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.