Occupazione giapponese del Vietnam

occupazione giapponese del Vietnam
Truppe giapponesi in congedo a Saigon durante la seconda guerra mondiale.

L'esercito giapponese entrò in Vietnam a settembre 1940 e vi rimase fino alla fine della seconda guerra mondiale (agosto 1945). Gli amministratori coloniali francesi rimasero in carica per gran parte di questo periodo, fino a quando i giapponesi non assunsero il controllo in 1945. L'occupazione giapponese del Vietnam ha contribuito a rafforzare il Viet Minh e ha contribuito allo scoppio della prima guerra dell'Indocina in 1946.

La sfera di co-prosperità della Grande Asia orientale

Il pretesto per l'invasione era la guerra in corso del Giappone con la Cina, iniziata nel 1937. Occupando il Vietnam, Tokyo sperava di chiudere il confine meridionale della Cina e interrompere la fornitura di armi e materiali.

L'occupazione del Vietnam rientrava anche nei piani imperiali a lungo termine del Giappone. I leader giapponesi, spinti dal militarismo e assetati di profitto, sognavano di creare quella che chiamavano una Sfera di Co-Prosperità dell'Asia Orientale, una coalizione economica di nazioni asiatiche. Insieme, questi paesi asiatici avrebbero espulso imperialisti e capitalisti occidentali, quindi avrebbero condiviso il commercio, le risorse e le merci tra di loro.

In realtà, la Co-Prosperity Sphere sarebbe un quasi impero, gestito da Tokyo a beneficio del Giappone, del suo governo e delle sue società. Paesi come Cina, Corea e Vietnam sarebbero stati trasformati in stati vassalli governati da governi fantoccio. Fornirebbero terra, lavoro e risorse a basso costo per le industrie giapponesi. La Sfera della Co-Prosperità era l'imperialismo giapponese ammantato di un velo di nazionalismo asiatico.

I giapponesi ottengono l'ingresso

Dai primi 1940, Tokyo iniziò a fare pressioni sugli amministratori coloniali francesi in Vietnam, chiedendo che i soldati giapponesi potessero entrare nel paese per proteggere il confine cinese. Queste richieste furono rifiutate fino a 1940 quando i soldati della Germania nazista invasero la Francia. Nel giro di un mese il governo francese si era arreso e aveva firmato un armistizio con Berlino.

La resa francese in patria indebolì il governo coloniale francese in Vietnam, che non aveva altra scelta che cedere alle richieste giapponesi. Un accordo firmato nel giugno 1940 ha permesso alle truppe giapponesi di controllare il confine settentrionale tra Vietnam e Cina. Un altro, firmato ad agosto, ha riconosciuto i diritti e gli interessi del Giappone nel sud-est asiatico.

Il 20 di settembre il governatore generale francese, Jean Decoux, ha firmato un accordo con Tokyo che consente ai giapponesi di accedere al porto di Haiphong e di consentire il posizionamento di truppe 6,000 nel nord del Vietnam. Ma il giapponese, insoddisfatto di questo accordo, lo ruppe il giorno seguente. A mezzanotte di settembre 22nd era in corso l'invasione giapponese del Vietnam.

Le forze giapponesi hanno impiegato solo una settimana per assicurarsi il controllo del Vietnam. A ottobre c'erano circa 10,000 soldati giapponesi di stanza lì, principalmente nei porti, campi di aviazione e importanti centri industriali.

'Nazione più favorita'

occupazione giapponese vietnam
Jean Decoux, governatore francese del Vietnam durante la seconda guerra mondiale

Per la maggior parte della loro occupazione, i giapponesi lasciarono il governo coloniale francese, sebbene la sua autorità fosse notevolmente diminuita. Questa tattica contraddiceva la politica di Tokyo di "Asia per gli asiatici", ma all'epoca il Giappone non aveva le risorse per un'occupazione su vasta scala del Vietnam. Invece, hanno preferito lasciare i francesi in carica e sviluppare il Vietnam come stato cliente. Ciò ha permesso a Tokyo di "usare" il Vietnam per i propri fini senza dispiegarvi un gran numero di soldati (in nessun momento il numero delle truppe giapponesi in Vietnam ha superato i 35,000 uomini).

Tra il 1941 e il 1945, le autorità coloniali francesi in Vietnam, guidate da Decoux, si impegnarono in una politica di "coesistenza" con i giapponesi. L'amministrazione di Decoux rispecchiava il regime di Vichy che governava la Francia occupata in collaborazione con i nazisti.

Nel maggio 1941, Decoux concesse al Giappone lo status di "nazione più favorita", il che significa che la maggior parte delle esportazioni vietnamite fu assegnata a Tokyo a prezzi bassi. Successivamente, alle truppe giapponesi fu concesso un accesso illimitato alle strade, alla rete ferroviaria e ai porti del Vietnam. Ciò ha permesso loro di utilizzare il Vietnam sia come arteria stradale per la conquista della Thailandia e della Birmania, sia come punto di sosta per attacchi più a sud.

Resistenza locale ai giapponesi

vietnam giapponese
Un poster francese critico dell'imperialismo giapponese in Indocina

Il popolo vietnamita nutriva sentimenti contrastanti su questo duplice imperialismo. Alcuni hanno accolto con favore l'arrivo dei giapponesi. Credevano che il dominio da parte di un potere coloniale asiatico fosse preferibile al dominio da parte degli occidentali. Due importanti gruppi religiosi vietnamiti, Cao Dai e Hoa Hao, ha collaborato apertamente con i giapponesi. Altri vietnamiti consideravano i giapponesi solo un'altra troupe di imperialisti stranieri, non diversa dai francesi.

I giapponesi hanno fatto qualche sforzo per conquistare i cuori e le menti dei vietnamiti - una politica che differiva dalla loro brutalità e oppressione in Cina. La propaganda suggeriva che i giapponesi fossero in Vietnam come "liberatori" piuttosto che come conquistatori. I corsi di lingua giapponese sono stati organizzati nelle grandi città. I film, la letteratura e la poesia giapponesi sono stati tradotti nelle lingue locali. Al popolo vietnamita fu detto come la supremazia militare del Giappone stesse lentamente allontanando gli imperialisti bianchi dall'Asia.

Mentre alcuni vietnamiti si avvicinavano ai giapponesi, la maggior parte credeva che l'imperialismo giapponese sarebbe stato lo stesso, o anche peggio, di quello francese. Un contadino disse ai suoi vicini che “I giapponesi sono cento volte più crudeli dei francesi. Anche un verme o un grillo non potrebbero vivere sotto la loro brutale violenza ”.

Coinvolgimento degli Stati Uniti

La presenza giapponese in Vietnam ha attirato anche l'attenzione straniera, in particolare dagli Stati Uniti. In 1940, l'America non era ancora in guerra con il Giappone, ma stava ancora lavorando per limitare l'espansione giapponese attraverso l'Asia. Gli Stati Uniti volevano anche proteggere le loro importazioni di gomma grezza, la metà delle quali proveniva dal Vietnam.

All'inizio Washington appoggiò il regime coloniale francese in Vietnam, sperando che potesse resistere alle aperture giapponesi. Quando Decoux e i francesi cedettero alle richieste giapponesi, gli Stati Uniti cambiarono rotta. L'attacco a Pearl Harbor e l'ingresso degli Stati Uniti nella guerra di dicembre 1941 ha cambiato ulteriormente le cose. Con 1943, il presidente Roosevelt stava lanciando l'idea dell'indipendenza vietnamita.

La guerra nell'Asia-Pacifico ha acuito l'interesse di Washington per l'Indocina. Gli americani hanno aperto una stazione militare a Kunming, nel sud della Cina, mentre i consiglieri americani e gli agenti dell'Office of Strategic Services (OSS) hanno sostenuto sia il Guomindang cinese sia i gruppi di resistenza vietnamiti.

Anche gli americani hanno lavorato a stretto contatto con Ho Chi Minh della scuola e il Viet Minh, che ha fornito alle forze armate statunitensi informazioni sul numero e sui movimenti delle truppe giapponesi. Era più un rapporto di lavoro conveniente che un'alleanza, ma dava a Ho Chi Minh la speranza che Washington potesse sostenere l'indipendenza vietnamita, una volta che la guerra fosse finita.

vietnam giapponese
Ho Chi Minh (seduto, quarto da sinistra) con ufficiali statunitensi e agenti OSS durante la seconda guerra mondiale

L'acquisizione e la resa giapponese

All'inizio di 1945, la guerra stava andando male per il Giappone. Dopo essersi arresi alle Filippine, i giapponesi si ritirarono in tutto il sud-est asiatico, abbandonando il territorio conquistato e subendo pesanti perdite. Tokyo aveva precedentemente identificato il Vietnam come una posizione di ripiego per la ritirata delle truppe giapponesi perché poteva essere più facilmente occupata, assicurata e difesa.

A marzo 1945, la forza di occupazione giapponese, sostenendo che i coloni francesi stavano aiutando gli alleati, ritirò il loro sostegno al regime coloniale. I francesi furono rimossi dal potere in Vietnam. Ogni ufficiale coloniale francese o ufficiale militare fu arrestato e rinchiuso; tutti i soldati francesi furono disarmati. L'imperatore giapponese ha invitato Bao Dai dichiarare l'indipendenza vietnamita e consegnargli le redini del potere, sebbene entrambi fossero solo nominali.
Da marzo 1945 il Vietnam è diventato uno stato membro della Grande Sfera Co-Prosperità dell'Asia Orientale, in effetti una colonia giapponese gestita da un governo fantoccio.

La chiusura dell'autorità coloniale in Indocina andò a vantaggio solo del Viet Minh, che prosperò senza la pressione delle truppe francesi. Ho Chi Minh ha condannato l'occupazione giapponese e ha dichiarato i giapponesi il suo "nemico numero uno", ma ha resistito alle richieste di una grande campagna del Viet Minh contro di loro. Sapendo che i giapponesi erano in ritirata e che un grosso attacco alleato contro di loro era imminente, Ho preferì aspettare.

Entro giugno 1945, Ho Chi Minh si sentì abbastanza forte da stabilire una zona controllata dal Viet Minh nel Vietnam nord-occidentale. Questa regione era remota e non aveva alcun significato strategico per i giapponesi, quindi non lanciarono grandi campagne contro di essa.

Nel mezzo di 1945, il Viet Minh si occupò di organizzazione, propaganda e reclutamento. Ho Chi Minh dovette anche affrontare la carenza di cibo e la carestia, che erano molto diffusi nel nord. Il movimento Viet Minh consolidò la sua presa nel nord e iniziò a diffondersi nel Vietnam centrale, guadagnando nuove reclute 100,000.

All'inizio di agosto 1945, i giapponesi erano sull'orlo della sconfitta e il movimento di resistenza era più forte che mai. I quadri del Viet Minh iniziarono a prendere il controllo dei villaggi e delle città di proprietà giapponese. All'inizio di agosto, gli Stati Uniti hanno lanciato armi atomiche sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki, attacchi che avrebbero portato alla resa giapponese. Mentre i giapponesi si mobilitavano per lasciare il Vietnam, la sua gente si chiedeva chi fossero i loro nuovi sovrani.

occupazione giapponese del Vietnam

1. Nel settembre 1940 il Vietnam fu occupato dalle forze giapponesi, che si stavano espandendo in tutto il sud-est asiatico e cercavano un maggiore controllo sui confini meridionali della Cina.

2. La visione del Giappone era che le nazioni asiatiche come il Vietnam fossero assorbite nella sua Sfera di Co-Prosperità dell'Asia Orientale, una confederazione libera dall'influenza o dal controllo occidentale.

3. Per gran parte della seconda guerra mondiale, i giapponesi permisero al governo coloniale francese di continuare a governare il Vietnam. Al Giappone mancavano gli uomini per un'occupazione su vasta scala del Vietnam.

4. A marzo 1945 i giapponesi, poi in ritirata dal sud-est asiatico, interruppero bruscamente il dominio francese e presero il controllo del Vietnam, installando l'imperatore Bao Dai come sovrano fantoccio.

5. Con la fine del controllo francese e la distrazione dei giapponesi, Ho Chi Minh e il nazionalista Viet Minh prosperarono, guadagnando numeri e prendendo il controllo di parti del Vietnam nord-occidentale. La sconfitta del Giappone nell'agosto 1945 sollevò quindi la questione di chi avrebbe governato il Vietnam del dopoguerra.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "L'occupazione giapponese del Vietnam"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/japanese-occupation-of-vietnam/
Data di pubblicazione: Gennaio 10, 2018
Data di accesso: October 21, 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.