La prima guerra dell'Indocina

prima guerra dell'Indocina
I soldati francesi sferrano un attacco al Viet Minh durante la prima guerra dell'Indocina

La prima guerra dell'Indocina (da dicembre 1946 ad agosto 1954) vide il Viet Minh e le forze coloniali francesi combattono per il controllo del Vietnam. In Occidente, questo conflitto è chiamato la prima guerra in Indocina. In Vietnam, è indicata come la guerra anti-francese.

Le origini della guerra

Questa guerra si è sviluppata dopo la resa giapponese nell'agosto 1945, che ha lasciato il Vietnam senza un unico governo nazionale. Ho Chi Minh colse l'occasione per dichiarare l'indipendenza vietnamita il 2 settembre 1945, ma l'arrivo delle truppe cinesi e britanniche, incaricate di sovrintendere al ritiro giapponese, minò il Viet Minh e la sua presa sul potere.

Guidati da programmi anticomunisti, i cinesi e gli inglesi hanno permesso il ripristino del dominio coloniale francese, piuttosto che lasciare il Vietnam nelle mani dei "banditi rossi". Alla fine del 1946, i francesi avevano mobilitato 50,000 soldati in Vietnam e ripreso il controllo di Saigon.

A novembre, le navi militari francesi hanno bombardato la città portuale settentrionale di Haiphong, uccidendo un gran numero di civili. Il Viet Minh si vendicò attaccando le posizioni francesi ad Haiphong e Hanoi, sebbene questi attacchi fossero respinti dall'artiglieria e dalle armi navali francesi. A metà dicembre, le due parti erano apertamente in guerra.

Vo Nguyen Giap

prima guerra dell'Indocina
Generale Vo Nguyen Giap, capo militare del Viet Minh nella prima guerra in Indocina.

A parte Ho Chi Minh, il leader militare più importante del Viet Minh era Vo Nguyen Giap. Beneficiario di un'istruzione francese, Giap si è laureato all'Università di Hanoi, dove aveva studiato storia e politica.

Uomo esperto e articolato, Giap ha trascorso gran parte degli 1930 a insegnare storia, contribuendo e pubblicando diversi giornali socialisti. In 1939, Giap fu costretto a fuggire dal Vietnam a causa delle sue attività politiche anti-francesi. Rimase in esilio per cinque anni, durante i quali le autorità francesi arrestarono e giustiziarono gran parte della sua famiglia.

Mentre era in esilio in Cina, Giap si unì a Ho Chi Minh e altri ribelli Viet Minh. Dopo il loro ritorno in Vietnam nel 1944, Giap fu incaricato di sorvegliare le forze militari del Viet Minh. La sua leadership ha avuto un profondo effetto sugli esiti della prima guerra in Indocina e, successivamente, sulla guerra del Vietnam.

Sfide del Viet Minh

Durante la prima guerra dell'Indocina, il Viet Minh incontrò simili difficoltà incontrate da altre forze anticoloniali.

Nonostante il numero eccessivo di forze francesi, i Viet Minh furono ostacolati da gravi carenze di armi, in particolare dalla mancanza di artiglieria e munizioni. La maggior parte delle armi del Viet Minh era stata recuperata dal giapponese in ritirata o catturata dal francese catturato.

Alla fine del 1946, le unità del Viet Minh del nord di Giap vantavano 60,000 uomini, ma erano armate con solo 40,000 fucili. Inoltre, i soldati Viet Minh erano in gran parte inesperti e avevano poca comprensione dell'organizzazione, della disciplina o della strategia militare.

Strategia militare

Giap non era scoraggiato da queste carenze. Appassionato studioso di guerra e rivoluzione, Giap studiò la filosofia e la tattica di leader famosi, da Sun Tzu a Napoleone, da George Washington a Leon Trotsky.

Giap ha riconosciuto la necessità di strategie che sfruttassero i punti di forza del Viet Minh e sfruttassero le debolezze francesi. Una preziosa fonte di idee era un opuscolo 1936 chiamato Problemi di strategia nella guerra rivoluzionaria cinese, scritto dal leader comunista cinese Mao Zedong. Sebbene Mao stesse scrivendo della situazione nel suo paese, il suo opuscolo aveva lezioni per Giap e il Viet Minh:

"Le caratteristiche principali della guerra rivoluzionaria cinese sono: un vasto paese semicoloniale che è sviluppato in modo non uniforme politicamente ed economicamente ... un nemico grande e potente ... e un piccolo e debole esercito [rivoluzionario] ... Queste caratteristiche determinano la linea per guidare la guerra rivoluzionaria cinese così come molti dei suoi principi strategici e tattici. È chiaro che dobbiamo [riconoscere] il carattere guerrigliero delle nostre operazioni; opporsi a campagne prolungate e una strategia di decisione rapida ... e invece difendere una strategia di guerra prolungata e campagne di decisione rapida; opporsi a linee di battaglia fisse e alla guerra di posizione, e favorire linee di battaglia fluide e guerra mobile; opporsi al combattimento semplicemente per sconfiggere il nemico e sostenere il combattimento per annientarlo; opporsi alla strategia di colpire con due pugni in due direzioni contemporaneamente e sostenere la strategia di colpire con un pugno in una direzione alla volta. "

'Elefante e la tigre'

Giap e Ho Chi Minh hanno adattato le strategie di Mao alle condizioni del loro paese. Era impossibile per il Viet Minh vincere battaglie su larga scala contro i francesi; non potevano resistere all'artiglieria francese o eguagliare il supporto aereo francese o le linee di rifornimento. Invece, i Viet Minh cercarono di evitare battaglie decisive e di ritirarsi nelle campagne, nelle giungle e nelle montagne. Lì stabilirono basi in aree troppo remote per essere attaccate dai francesi.

In queste basi, pianificarono di addestrare e preparare i soldati Viet Minh per le future campagne. Nel frattempo, i quadri del Viet Minh si sarebbero mossi tra i contadini, lavorando per costruire il sostegno politico. Il sostegno del popolo vietnamita è stato importante perché poteva fornire cibo, informazioni e copertura alle truppe Viet Minh (Giap citava spesso il detto di Mao Zedong: "Un guerrigliero nuota tra le persone come un pesce nuota nel mare").

Quando pronti, i soldati del Viet Minh sarebbero schierati per lanciare attacchi a sorpresa, imboscate e incursioni su posizioni francesi più deboli (evitando battaglie su vasta scala). Il loro obiettivo era di prolungare la guerra mentre infliggeva vittime ai soldati francesi e danni alle risorse francesi. L'intenzione era di rendere la guerra costosa e impopolare in Francia. Alla fine, le forze francesi sarebbero state sufficientemente indebolite per consentire al Viet Minh di affrontarle in una battaglia decisiva.

Ho Chi Minh ha paragonato questo a una lotta tra due potenti animali:

“È la lotta tra tigre ed elefante. Se la tigre rimane in piedi per combattere, l'elefante lo schiaccerà con il suo peso. Ma se rimane agile e mantiene la sua mobilità, alla fine sconfiggerà l'elefante, che morirà dissanguato da una moltitudine di piccoli tagli ".

Forze coloniali francesi

Le unità militari francesi che parteciparono alla prima guerra dell'Indocina furono chiamate Expeditionnaire del Corpo Francais in Estremo Oriente (il "Corpo di spedizione francese dell'Estremo Oriente", o CEFEO). Era una forza militare composita contenente francesi nativi, vietnamiti filo-francesi e truppe di altre colonie francesi in Africa, nonché unità della Legione straniera francese. Al suo apice, il CEFEO contava più di 200,000 uomini, la maggioranza vietnamita.

Mentre il CEFEO era meglio armato e attrezzato del Viet Minh, soffriva ancora di gravi carenze. La Francia fu devastata economicamente dalla seconda guerra mondiale, quindi il governo francese dovette mobilitare il CEFEO con un budget ridotto.

Durante la prima fase della guerra, molte truppe del CEFEO non avevano uniformi o armi standard; dovevano fare affidamento su tutto ciò che potevano scroccare o catturare. La situazione non è migliorata fino a 1953, quando gli Stati Uniti hanno iniziato a fornire aiuti militari al CEFEO.

Impegni precoci

prima guerra dell'Indocina
Soldati della legione straniera francese durante la prima guerra di Indocina

I primi due anni di guerra (1947-48) furono segnati da sporadici combattimenti. Il CEFEO è stato in grado di catturare e controllare rapidamente le principali città, mentre il Viet Minh ha seguito il piano strategico di Giap e si è ritirato nelle montagne.

Alla fine di 1947, il CEFEO lanciò l'Operazione Lea, un tentativo di distruggere la base di comando del Viet Minh a Bac Can, a nord di Hanoi. Più di 1,000 paracadutisti francesi furono fatti cadere nell'area, con l'ordine di stanare la gerarchia del Viet Minh. Nel frattempo, una forza CEFEO forte di 15,000 è stata posizionata per superare il Viet Minh in ritirata e metterli in rotta in battaglia.

Nonostante le pesanti perdite del Viet Minh (circa 9,000 uomini), la maggior parte dei loro soldati si dimostrò troppo sfuggente. "Il nemico", secondo un soldato francese, "si è sciolto nella giungla".

Le tattiche del cambio francese

guerra dell'Indocina
Una mappa della CIA di 1950 che mostra le aree di attività comunista

All'inizio di 1949, i francesi, frustrati dalla mancanza di progressi nella guerra, cambiarono rotta. Parigi iniziò a cercare una soluzione politica piuttosto che una vittoria militare.

Nella speranza di minare la base di sostenitori del Viet Minh, la Francia ha istituito un governo vietnamita alternativo, più moderato e filo-francese del Viet Minh. Parigi ha iniziato a negoziare con l'imperatore polena Bao Dai sulla formazione di un governo. Il nuovo regime sarebbe rimasto parte dell'Unione francese, ma si sarebbe autogovernato, almeno in teoria.

Bao Dai ha accettato il piano e la capitale nazionale è stata spostata da Hue a Saigon. Questa era di per sé una mossa tattica perché il sostegno del Viet Minh era molto più debole nel sud, che conteneva un numero maggiore di ceto medio vietnamita, francofili, cattolici, confuciani, buddisti, liberali politici e moderati. Mentre questi gruppi hanno accolto con favore l'indipendenza vietnamita, hanno nutrito paure per il comunismo e si sono rifiutati di sostenere il Viet Minh, considerandoli come banditi di classe inferiore guidati da uomini politici in difficoltà.

L'esercito nazionale vietnamita

Il nuovo governo di Bao Dai fu incoraggiato a formare una nuova forza militare, l'Esercito nazionale vietnamita (VNA). Ciò è stato fatto reclutando nuovi soldati ma anche cooptando gli eserciti "privati" guidati da cultisti, signori della guerra e gangster. Gli ufficiali della VNA ricevettero la stessa formazione di comando dei soldati francesi. Alle reclute veniva promessa una buona paga e l'opportunità di servire in Francia (promesse che in seguito furono infrante).

Per 1952, il VNA aveva più di 120,000 soldati e stava combattendo a fianco del CEFEO in molte campagne anti-Viet Minh. L'anno 1952 vide anche alcuni dei più aspri combattimenti della guerra, quando il Viet Minh lanciò una serie di progressi nel nord, per ripristinare le loro linee di rifornimento ed espellere i francesi.

Quando questi attacchi non hanno avuto successo, Ho Chi Minh e Giap hanno deciso di spostare uomini e rifornimenti in Laos - il vicino occidentale del Vietnam e un'altra colonia francese - per estendere ulteriormente le risorse del CEFEO. Questo spostamento faciliterebbe il decisivo impegno finale della prima guerra in Indocina: il Battaglia di Dien Bien Phu.

prima guerra dell'Indocina

1. La tensione e l'ostilità tra il Viet Minh in cerca di indipendenza e il ritorno delle forze coloniali francesi portarono allo scoppio della prima guerra indocinese alla fine del 1946.

2. Il Viet Minh aveva numeri superiori ma non aveva le armi, le munizioni e la tecnologia dei francesi. Guidati dal generale Giap, si ritirarono in aree remote per addestrarsi, raccogliere supporto e istigare una lunga guerra.

3. La continuazione della guerra e alcune operazioni militari fallite portarono la Francia a cercare una soluzione politica. Parigi ha cercato di minare il Viet Minh stabilendo la repubblica indipendente del Vietnam.

4. L'imperatore Bao Dai fu incaricato di questo stato nominalmente indipendente. Fu incoraggiato a formare un esercito nazionale, che in seguito fornì supporto al CEFEO francese.

5. In 1952-53 il Viet Minh iniziò a spostare uomini e rifornimenti in aree remote del Laos occupato dai francesi. Questo cambiamento di tattica portò a uno scontro militare decisivo a Dien Bien Phu.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La prima guerra in Indocina"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/first-indochina-war/
Data di pubblicazione: Giugno 13, 2019
Data di accesso: 28 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.