Richard Nixon

Richard Nixon

Richard Nixon (1913-1994) è stato presidente degli Stati Uniti dal gennaio 1969 fino alle sue dimissioni nell'agosto 1974. L'amministrazione di Nixon ha avviato il ritiro delle forze di combattimento americane dal Vietnam, tuttavia, molte delle sue altre politiche si sono rivelate controverse.

Richard Milhouse Nixon è nato in una famiglia povera di Orange County, in California. Suo padre era un faticoso coltivatore di limoni, sua madre un quacchero gentile ma disciplinato.

Il giovane Nixon eccelleva al liceo e gli fu offerta una borsa di studio per frequentare Harvard, ma rimase in California per sostenere i suoi genitori. Ha frequentato il Whittier College prima di laurearsi in giurisprudenza presso la Duke University.

Nixon prestò servizio come ufficiale junior nella Marina degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. In 1946 è stato eletto al Congresso degli Stati Uniti, dove è stato membro della Camera dei Rappresentanti e del Senato per sei anni.

In 1952, Nixon è stato eletto vice presidente sotto Dwight D. Eisenhower. All'età di 40 anni, era il secondo vicepresidente più giovane nella storia degli Stati Uniti. Nixon si è anche assunto più responsabilità dei precedenti vice presidenti, partecipando a riunioni di gabinetto e sicurezza, rappresentando gli Stati Uniti nei viaggi all'estero e parlando pubblicamente di politica estera. Una delle imprese più famose di Nixon come vice presidente è stata la sua visita ufficiale a Mosca e il suo "dibattito in cucina" con il leader sovietico Nikita Khrushchev, dove entrambi i leader hanno discusso i meriti del capitalismo e del comunismo.

Dopo due mandati come vicepresidente, Nixon sembrava ben preparato per una corsa alla Casa Bianca. Entrò nelle elezioni presidenziali di 1960 di novembre come favorito, ma fu sconfitto per un pelo dal candidato democratico John F. Kennedy, un artista multimediale più carismatico e raffinato.

Dopo aver perso l'inclinazione del 1962 per il governatorato della California, Nixon mantenne un basso profilo politico per diversi anni. Nel 1968 rientra in politica, dichiarandosi candidato alle elezioni presidenziali di quell'anno.

Nixon è stato eletto presidente a novembre 1968, in un momento di grande disillusione nei confronti della Casa Bianca e della sua gestione del conflitto in Vietnam.

La guerra del Vietnam arrivò a dominare la presidenza di Nixon. Con gli Stati Uniti che perdevano circa 300 soldati alla settimana in Vietnam e il nemico non mostrava segni di indebolimento, Nixon concluse che la guerra non poteva essere vinta. Invece, ha cercato un compromesso o un accordo che consentisse un ritiro "onorevole" degli Stati Uniti.

Nei primi mesi della sua presidenza, Nixon si offrì di sospendere i bombardamenti americani se Hanoi avesse acconsentito a colloqui di pace incondizionati. Dietro le quinte, tuttavia, il presidente aveva autorizzato l'operazione Menu, un'intensificazione dei bombardamenti sulla Cambogia e sul Laos. Questa espansione della guerra fu nascosta al pubblico americano ma trapelata ed esposta dalla stampa nel maggio 1969. Ciò mandò in frantumi i tentativi di Nixon di dipingere se stesso come un cercatore di pace.

A novembre 1969 Nixon, in un discorso televisivo, ha annunciato una nuova politica chiamata vietnamizzazione. Implicherebbe un programma continuo di ritiri di truppe americane dal Vietnam, poiché i loro ruoli di combattimento venivano gradualmente occupati dalle forze del Vietnam del Sud (ARVN).

La politica di vietnamizzazione fece alcuni progressi e consentì il ritiro programmato di 150,000 soldati statunitensi entro la fine del 1971. Nixon continuò tuttavia ad espandere la guerra oltre il Vietnam, ordinando incursioni in Cambogia (aprile 1970) e Laos (gennaio 1971).

Nel giugno 1971, Nixon fu ulteriormente colpito dalla pubblicazione dei Pentagon Papers, un dossier completo di rapporti governativi e militari sul conflitto in Vietnam. I Pentagon Papers hanno rivelato errori e valutazioni errate nella politica e nella strategia militare degli Stati Uniti, minando il governo e alimentando il movimento contro la guerra.

Nel frattempo, Nixon ha continuato a usare i bombardamenti aerei per costringere Hanoi al tavolo della pace. Ha anche visitato la Cina, ha incontrato il leader comunista Mao Zedong e ristabilì i rapporti diplomatici con Pechino, ma i vietnamiti del Nord si rifiutarono ancora di negoziare. La situazione è cambiata alla fine del 1972 quando il consigliere di Nixon, Henry Kissinger, è riuscito a negoziare un accordo di pace segreta con Le Duc Tho.

Nixon è stato rieletto nel novembre 1972, sulla scia di questa svolta nei negoziati. In privato, Nixon era scettico riguardo al Accordi di pace di Parigi (firmato gennaio 1973). Credeva che Hanoi avrebbe ricominciato le ostilità, richiedendo agli Stati Uniti di raccomandare le truppe per difendere il Vietnam del Sud.

Nixon continuò a inviare denaro, rifornimenti e aiuti militari a Saigon, ma a metà del 1973 un Congresso ostile legiferò per impedire ulteriori interventi militari (l'emendamento Case-Church). Le crisi economiche del 1973 riportarono l'attenzione sulle politiche interne, mentre il crescente affare Watergate scoprì abusi di potere e insabbiamenti da parte di Nixon e del suo staff.

Alla fine il Watergate portò a mosse per l'impeachment di Nixon e le sue dimissioni nell'agosto 1974. Gerald Ford fu controverso graziato prima di andare in pensione e scrivere diversi libri. In uno di loro, Niente più violini (1985), Nixon difese la sua gestione della guerra e incolpò il Congresso di aver reso impotente la Casa Bianca, aprendo così la porta a una vittoria del Vietnam del Nord.

Richard Nixon è morto nell'aprile 1994, all'età di 81.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Richard Nixon"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/richard-m-nixon/
Data di pubblicazione: 20 Marzo 2018
Data di accesso: 23 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.