vietnamizzazione

vietnamizzazione
Un soldato australiano che sta addestrando personale del Vietnam del Sud.

La "vietnamizzazione" era una politica strategica americana relativa al Vietnam. È stato sviluppato e implementato dal presidente degli Stati Uniti Richard Nixon nel 1969. Il suo scopo era quello di facilitare l'autosufficienza delle truppe del Vietnam del Sud e consentire il ritiro graduale delle truppe degli Stati Uniti dal Vietnam del Sud.

sfondo

Nel novembre 1968, le elezioni presidenziali degli Stati Uniti furono vinte da Richard Nixon, un senatore repubblicano della California che aveva servito come vice presidente sotto Eisenhower (1953-61) e ha contestato la presidenza contro John F. Kennedy (1960).

Quando Nixon entrò in carica a gennaio 1969, la guerra del Vietnam fu impopolare con la maggioranza degli americani. Nell'anno precedente (1968), era costato 14,600 vite americane e $ US30 miliardi.

A differenza di Johnson in 1965, Nixon era un realista che non credeva che la guerra del Vietnam fosse vincibile. Invece, ha cercato un modo per ridurre il coinvolgimento americano in Vietnam mantenendo Vietnam del sud ed evitando l'umiliazione internazionale.

La politica sviluppata da Nixon è stata soprannominata "vietnamizzazione". Il suo scopo era quello di costruire, sviluppare e rafforzare l'esercito sud vietnamita, permettendogli di assumere ruoli di combattimento dagli americani. Man mano che l'esercito sud vietnamita diventava più professionale e capace, le truppe statunitensi potevano essere gradualmente ritirate dal Vietnam.

I comandanti statunitensi richiedono più truppe

Il tentativo di Nixon di "vietnamizzare" la guerra seguì un periodo in cui molti comandanti americani in Vietnam volevano più truppe statunitensi, non meno.

A metà 1968, sulla scia del Tet Offensivo, il numero di truppe da combattimento statunitensi in Vietnam raggiunse il picco di oltre 580,000 uomini. Ai generali piace William C. Westmoreland voleva un minimo di 700,000 soldati, un numero che sosteneva avrebbe portato alla vittoria in tre anni. Con le forze americane già tese, tuttavia, un'escalation di queste dimensioni richiederebbe l'espansione della leva e la mobilitazione dei riservisti.

Westmoreland voleva anche un'estensione delle operazioni di terra americane al Laos e alla Cambogia, dove i comunisti si stavano rifugiando e ottenendo rifornimenti. Ancora più controverso, Westmoreland ha chiesto l'autorizzazione per l'uso di armi nucleari tattiche "per dire qualcosa ad Hanoi".

La Casa Bianca, tuttavia, aveva perso fiducia nelle valutazioni di Westmoreland dopo le pesanti perdite di Tet. Nel giugno 1968, Westmoreland fu richiamato a Washington e sostituito come comandante della MACV da Creighton Abrams.

Johnson parte

vietnamizzazione
Lyndon Johnson si rivolge alla nazione a marzo 1968

I fallimenti in Vietnam avevano messo a dura prova Lyndon Johnson. Il presidente era affaticato, preoccupato per la sua salute e sconvolto per i 4,200 americani uccisi durante l'offensiva del Tet. Il movimento contro la guerra americano stava crescendo in dimensioni e importanza e la popolarità personale di Johnson stava peggiorando. La guerra del Vietnam aveva diviso il Partito Democratico di Johnson in quattro fazioni ostili.

Ad aggravare questi problemi, il 1968 è stato un anno elettorale. Due popolari candidati democratici: il contro la guerra Eugene McCarthy e Robert F. Kennedy, il popolare fratello minore del presidente assassinato - ha annunciato la sua intenzione di candidarsi alla presidenza.

Per la prima volta in 80 anni, il presidente in carica ha rischiato gravemente di perdere la nomina alla presidenza del suo partito. Il 31 marzo 1968, Johnson scioccò il mondo ponendo fine agli attacchi aerei statunitensi sul Vietnam del Nord. È apparso sulla televisione pubblica e ha detto che non avrebbe cercato la rielezione per un secondo mandato come presidente.

Nuovo presidente, nuova politica

nixon vietnamizzazione
Richard Nixon durante la sua fortunata campagna elettorale 1968

Le elezioni presidenziali del novembre 1968 furono infine vinte dal candidato repubblicano, Richard Milhous Nixon, che sconfisse il candidato democratico Hubert Humphrey.

Nixon aveva precedentemente servito due mandati come vicepresidente sotto Dwight Eisenhower (1953-61). Si candidò alla presidenza contro John F. Kennedy nel 1960 ma fu sconfitto per un pelo. L'immagine pubblica di Nixon era quella di un "falco" anticomunista, un leader disposto a intraprendere un'azione dura contro Hanoi e i suoi alleati.

Poche settimane dopo l'entrata in carica, Nixon ha autorizzato Operation Menu, il massiccio bombardamento aereo di presunte posizioni comuniste in Laos e Cambogia. Questa operazione è continuata fino a maggio 1970.

Anche se le cifre variano, le prove suggeriscono che oltre due milioni di tonnellate di bombe siano state sganciate da aerei americani fuori dai confini del Vietnam. Il menu operativo era tenuto segreto dai media, dal pubblico americano e persino dal Congresso americano, principalmente per evitare di agitare il movimento contro la guerra.

Nixon svela la 'vietnamizzazione'

Nixon si trovò immediatamente sotto una notevole pressione per trovare una soluzione praticabile in Vietnam. Un sondaggio all'inizio del 1969 suggerì che il 56% degli americani riteneva che il coinvolgimento della propria nazione in Vietnam fosse un errore.

In una conferenza stampa del luglio 1969 a Guam, Nixon delineò la sua ampia posizione politica sul sud-est asiatico. Sarebbe diventata nota come la Dottrina Nixon:

“Le nazioni dell'Asia possono e devono assumersi sempre più la responsabilità di raggiungere la pace e il progresso nell'area con qualunque cooperazione possiamo fornire. I paesi asiatici devono cercare il proprio destino, perché se il dominio dell'aggressore può distruggere la libertà di una nazione, troppa dipendenza da un protettore può alla fine erodere la sua dignità. Ma non è solo una questione di dignità, perché la dipendenza dagli aiuti esteri distrugge l'incentivo a mobilitare risorse interne: umane, finanziarie, materiali. In assenza di ciò, nessun governo è in grado di affrontare efficacemente i suoi problemi e avversari ".

Ciò che Nixon stava suggerendo era una reiterazione della posizione di John F. Kennedy nel 1963: i sudvietnamiti devono assumersi la responsabilità della propria difesa. Dal 1965 l'esercito del Vietnam del Sud (ARVN) aveva svolto un ruolo secondario nelle operazioni di combattimento contro il Viet Cong. La dottrina Nixon sosteneva che avrebbero dovuto prendere il comando della propria guerra.

La "vietnamizzazione" in pratica

Per facilitare ciò, Washington fornirebbe addestramento e attrezzature per un ARVN espanso, oltre a forze territoriali e unità di polizia. Le forze territoriali - essenzialmente milizie civili formate reclutando gli abitanti dei villaggi - sarebbero responsabili del mantenimento della sicurezza nelle aree rurali, mentre le truppe regolari dell'ARVN avrebbero cercato e ingaggiato i Viet Cong.

L'esercito del Vietnam del Sud è stato aumentato di dimensioni da 427,000 (fine 1968) a 516,000 (1971). Le forze territoriali sono passate da 393,000 a 532,000 nello stesso periodo. La sicurezza e la sovranità del Vietnam del Sud reggerebbero o cadrebbero sulle capacità delle sue stesse truppe.

Questa "vietnamizzazione" della guerra consentirebbe un graduale ritiro delle truppe statunitensi. La prima partenza significativa dei soldati americani avvenne il 7 luglio 1969.

All'inizio di 1970, i militari del Sud Vietnam avevano più di un milione di uomini in uniforme. Queste forze erano equipaggiate con equipaggiamento americano per un valore di $ US4 miliardi: fucili, artiglieria, munizioni, elicotteri e altro ancora. La maggior parte degli ufficiali dell'ARVN ricevette l'addestramento al comando, alla strategia militare e alla guerra contro la ribellione. Ciò ha reso il Vietnam del Sud una delle nazioni più militarizzate in Asia.

I fallimenti della 'vietnamizzazione'

vietnamizzazione nixon
Una vignetta statunitense che critica la politica di vietnamizzazione di Nixon

L'ARVN dovrebbe, in teoria, essere in grado di resistere all'aggressione del Nord. La realtà era nettamente diversa.

Migliorare le dimensioni dell'ARVN era molto più facile che migliorarne l'efficacia. Come il suo giovane governo, l'esercito del Vietnam del Sud è stato indebolito e indebolito dalla divisione, dalla corruzione e dall'incompetenza.

Un problema critico era la scarsa leadership. Gli ufficiali del Vietnam del Sud mancavano di iniziativa ed erano incapaci di ottenere il rispetto da parte dei loro uomini. Molti erano anche pigri e timidi nei combattimenti, non disposti a correre rischi o guidare le loro squadre in aree pericolose.

Insieme a queste debolezze militari, l'economia del Vietnam del Sud era diventata dipendente dagli aiuti americani. Il Nord, al contrario, riceveva maggiori aiuti dall'Unione Sovietica.

La disastrosa invasione del Nord

Alla fine di marzo 1972, alcune truppe dell'esercito nord-vietnamita (NVA) di 54,000 hanno invaso il Vietnam del Sud, equipaggiate con nuovi carri armati e armi sovietici. Il loro obiettivo era quello di conquistare i due terzi del Vietnam entro la fine dell'anno.

Questa invasione, tuttavia, si è rivelata un disastro. Era mal progettato e dato obiettivi che erano irrealizzabili con il numero di truppe disponibili. Gli ufficiali inesperti della NVA non furono in grado di eseguire i piani di battaglia, rivelando la loro mancanza di esperienza nella guerra convenzionale. L'ARVN, armato di artiglieria e aeromobili pesanti forniti dagli Stati Uniti, impose pesanti perdite alla NVA.

Alla fine di 1972, i due eserciti avevano incontrato una situazione di stallo simile alla Corea. La NVA occupava appena un quarto del Vietnam del Sud mentre l'ARVN mancava della forza e dei numeri per espellerli.

Il punto di vista di uno storico:
“Lo schema multiforme [della vietnamizzazione] non ha funzionato. Sebbene navi, aerei, fucili ed elicotteri statunitensi si riversassero dentro, il Vietnam del Sud divenne dipendente dagli aiuti statunitensi per mantenere il suo esercito sul campo. Gli aiuti hanno sostenuto il regime corrotto del generale Nguyen Van Thieu, un governo di funzionari egoistici, impopolare e in ultima analisi incapace di condurre uno sforzo vincente. Mentre i ranghi dell'ARVN salivano a più di un milione, alcuni gruppi vietnamiti si sono lamentati del fatto che "la vietnamizzazione è solo il cambiamento nel colore dei morti". "Non siamo più qui per vincere", ha detto un ufficiale militare statunitense, "Stiamo semplicemente facendo una campagna per contenere le vittime [americane]". "
Thomas Paterson

1. La vietnamizzazione è stata una politica ideata dal presidente americano Richard Nixon, che ha vinto l'incarico a novembre 1968. In quest'anno il conflitto in Vietnam è costato la vita a 14,600 negli Stati Uniti e $ US30 miliardi.

2. La vietnamizzazione mirava a rafforzare l'esercito del Vietnam del Sud (ARVN) in modo da poter assumere operazioni di combattimento contro il Viet Cong. Ciò consentirebbe un graduale ritiro delle truppe statunitensi.

3. L'intenzione di Nixon di ritirarsi lentamente era in contrasto con i desideri di alcuni comandanti statunitensi. L'offensiva del Tet suggeriva che il coinvolgimento americano in Vietnam avrebbe dovuto essere intensificato, credevano.

4. Svelata nel 1969, la vietnamizzazione ha prodotto aumenti significativi dell'ARVN, che è cresciuto da 427,000 alla fine del 1968 a 516,000 nel 1971. Le forze territoriali e di polizia del Vietnam del Sud sono cresciute in modo simile.

5. Nel 1970 il Vietnam del Sud aveva più di un milione di uomini in uniforme e l'ARVN veniva rifornito di armi, munizioni, artiglieria e veicoli statunitensi - ma l'ARVN era ancora tormentato da una leadership scarsa, morale basso, corruzione e incompetenza.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Vietnamizzazione"
Autori: Jennifer Llewellyn, Jim Southey, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/vietnamwar/vietnamisation/
Data di pubblicazione: Giugno 30, 2019
Data di accesso: 26 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.