Cuba sotto Castro

Cuba Castro
Una mappa di Cuba, che mostra la sua vicinanza allo stato americano della Florida

Cuba è una nazione insulare situata a sud della Florida. Fino alla metà del XX secolo, Cuba faceva affidamento politicamente ed economicamente sugli Stati Uniti. Il rapporto è crollato quando i rivoluzionari di sinistra hanno preso il potere a Cuba nel 20. Il loro leader, Fidel Castro, predicava l'antimperialismo e prometteva una vita migliore al popolo cubano. Cuba sotto Castro avrebbe adottato politiche socialiste che hanno prodotto risultati contrastanti per il popolo cubano e creato una nuova fonte di tensione durante la Guerra Fredda.

sfondo

Cuba è la più grande catena di isole delle Indie occidentali, situata nel Mar dei Caraibi. È vicino alla terraferma degli Stati Uniti, un breve tratto d'acqua che separa la capitale cubana L'Avana da Key West, in Florida. Cuba fu colonizzata dagli esploratori spagnoli all'inizio del 1500. I suoi campi di canna da zucchero, lavorati da un esercito di schiavi importati dall'Africa occidentale, generarono enormi profitti per l'Impero spagnolo durante il XIX secolo.

Nella seconda metà dell'Ottocento, Cuba fu sconvolta da rivolte e movimenti indipendentisti. L'indipendenza cubana fu finalmente assicurata nel 1800, durante una guerra tra Stati Uniti e Spagna. Le forze americane occuparono Cuba mentre venivano costruiti una costituzione e un governo.

Quando la costituzione fu finalizzata nel 1901, Washington ricevette l'autorità costituzionale per intervenire negli affari cubani. Gli Stati Uniti hanno anche ricevuto una stazione navale permanente a Guantanamo Bay, nel sud-est dell'isola. Cuba ha ricevuto la sua indipendenza nel maggio 1902, ma il suo governo e la sua economia sono rimasti dipendenti dal sostegno americano.

Il regime Batista

Batista Cuba
Fulgencio Batista, il leader cubano corrotto degli 1950

Nel marzo 1952 un ufficiale cubano, il generale Fulgencio Batista, guidò un colpo di stato militare che prese il controllo dell'isola. Il colpo di stato di Batista ha impedito l'elezione del nazionalista di sinistra Roberto Agramonte, che era stato in testa alle elezioni presidenziali.

Il regime di Batista ha giustificato le sue azioni usando i timori della Guerra Fredda, sostenendo che un colpo di stato era necessario per contrastare la sovversione comunista. Batista è stato sostenuto e riconosciuto dagli Stati Uniti, che erano allora in balia maccartismo.

Batista era meno preoccupato di sopprimere il comunismo che di consolidare ed espandere il proprio potere. Fu rieletto presidente nel novembre 1954, sebbene queste elezioni furono segnate da minacce, intimidazioni, diffuso astensionismo e accuse di brogli elettorali. Gli oppositori politici e i dissidenti furono minacciati, picchiati, torturati e cacciati in esilio; alcuni sono scomparsi o sono stati uccisi dalla polizia di Batista.

Stato cliente degli Stati Uniti

Nel frattempo, Batista ha aperto l'economia cubana a maggiori investimenti e turismo americani. Cuba divenne uno stato cliente dipendente dal governo degli Stati Uniti e dai capitalisti americani. La maggior parte dei campi di zucchero, delle miniere, dei pozzi petroliferi e dei ranch di Cuba sono stati acquisiti da società americane.

La capitale di Cuba, L'Avana, divenne un parco giochi per la classe media americana che voleva sfuggire al conservatorismo delle città americane. Alla fine degli anni Cinquanta, l'Avana era piena di bar, casinò e bordelli, molti dei quali gestiti da mafiosi americani.

La servile acquiescenza di Batista agli interessi stranieri ha visto milioni di dollari americani affluire a Cuba, ma la maggior parte è finita direttamente nelle tasche delle élite cubane, degli amici del governo e dello stesso Batista. Il governo ha speso poco in infrastrutture, alloggi, sanità, istruzione o riforme sociali. Di conseguenza, il tenore di vita dei normali cubani ristagnò durante gli anni '1950.

La rivoluzione cubana

L'opposizione al regime di Batista è costantemente aumentata. Il gruppo di opposizione più significativo era guidato da Fidel Castro, un giovane avvocato dell'Avana impegnato nella politica di sinistra. Indignato dal colpo di stato di Batista, Castro lanciò un movimento clandestino che immagazzinava armi, pubblicava letteratura anti-Batista e reclutava dozzine di giovani studenti e lavoratori disamorati.

Nel luglio 1953, i ribelli di Castro attaccarono una base militare a Santiago de Cuba. Questo attacco fallì e Castro fu arrestato e imprigionato. Liberato con un'amnistia generale nel maggio 1955, Castro riprese le sue attività rivoluzionarie. Ha viaggiato all'estero in cerca di consigli e sostegno, reclutando il militante argentino Ernesto 'Che' Guevara.

Dalla loro base montuosa nella parte orientale di Cuba, le unità di guerriglia guidate da Castro e Che hanno lanciato una serie di attacchi di guerriglia contro le forze governative. Con l'aumento dell'impopolarità con Batista, i volontari si prepararono a combattere sotto Castro e ad attaccare il governo.

Nel 1958 Cuba era diventata quasi ingovernabile. Alla fine di dicembre di quell'anno, Batista prese il volo, lasciando l'isola con enormi quantità di denaro. Castro entrò a L'Avana nel gennaio 1959, rivendicando la vittoria e il controllo del governo.

Castro Cuba
Castro e i suoi uomini entrano a L'Avana in 1959

Politica incerta

Fidel Castro divenne primo ministro e figura dominante nel governo rivoluzionario cubano. Nelle prime settimane del suo governo, le intenzioni politiche di Castro erano incerte. Washington e Mosca erano consapevoli delle sue affiliazioni, ma c'erano dubbi sull'impegno di Castro per il socialismo.

Una volta al potere, Castro ha rifiutato di descrivere se stesso o il suo governo come "socialista" o "comunista". Non aveva legami con Mosca e inizialmente non ne cercava. Secondo le memorie del leader sovietico Nikita Krusciov, Mosca “non aveva idea di quale corso politico avrebbe seguito il suo regime [di Castro]… Non avevamo contatti ufficiali con nessuno dei nuovi leader cubani e quindi nient'altro che voci”.

Alcuni a Washington hanno etichettato Castro come un "cocomero", verde all'esterno ma rosso (comunista) all'interno. Altri lo vedevano come un opportunista semplice che, come Batista prima di lui, poteva essere comprato e controllato.

Relazioni con gli USA

Cuba Castro
Castro incontra il vicepresidente americano Richard Nixon in aprile 1959

Nelle prime settimane del governo di Castro, il nuovo leader cubano cercò legami economici con Washington. Castro ha visitato gli Stati Uniti ad aprile e ha tenuto un imbarazzante incontro con il vicepresidente Richard Nixon (il presidente, Dwight Eisenhower, invece ha scelto di giocare a golf).

Castro ha proposto una versione latinoamericana del Piano Marshall, un programma di ricostruzione cubana finanziato con aiuti americani. La Casa Bianca ha rifiutato di riconoscere il nuovo regime a Cuba, tuttavia, preferendo aspettare e vedere cosa avrebbe fatto Castro.

Politiche socialiste

Castro abbraccia il suo nuovo alleato, il leader sovietico Nikita Krusciov

Mentre Castro ha descritto la sua rivoluzione come "umanista" piuttosto che socialista, ha presto adottato politiche socialiste. Il suo regime ha lanciato un programma di riforma agraria, prendendo il controllo di grandi proprietà (anche se con un risarcimento ai proprietari esistenti). Nel 1960, Castro decretò che la terra cubana potesse essere acquistata solo dai cubani. Ha firmato un accordo commerciale con Mosca, scambiando zucchero e prodotti alimentari cubani con petrolio e beni industriali sovietici.

Castro ha anche intrapreso un vasto programma di nazionalizzazione, trasferendo società di proprietà privata nelle mani del governo. Le prime nazionalizzazioni avvennero nell'industria mineraria, dominata dagli interessi americani. Dopo aver investito milioni di dollari nell'estrazione mineraria cubana, le società statunitensi si sono viste sequestrare terreni, materiali e macchinari, la maggior parte senza compenso.

Quando le raffinerie di petrolio americane a Cuba si rifiutarono di trattare il petrolio acquistato dall'Unione Sovietica, Castro rispose nazionalizzando le raffinerie (giugno 1960). In totale, sono state sequestrate più di 600 società di proprietà americana. Castro ha anche ripulito le zone più squallide e i quartieri a luci rosse dell'Avana. I gangster americani furono cacciati dalla città, i loro casinò e bordelli chiusi, i loro scagnozzi gettati in prigione o portati in rana verso i porti per essere deportati in Florida.

Washington recide i legami

Il sequestro del capitale americano da parte di Castro ha suscitato una risposta ostile da Washington, che ha avviato una serie di embarghi commerciali e, alla fine, la rottura dei rapporti diplomatici.

Nel luglio 1960, Eisenhower ha fermato 700,000 tonnellate di importazioni di zucchero da Cuba. Castro ha risposto nazionalizzando le raffinerie di zucchero americane, così come le compagnie telefoniche ed elettriche statunitensi. A ottobre, il governo degli Stati Uniti ha vietato tutte le esportazioni a Cuba, ad eccezione di medicinali e prodotti alimentari essenziali. Washington ha bloccato tutte le importazioni di zucchero cubano nel dicembre 1960.

Il 3 gennaio 1961 Eisenhower chiuse l'ambasciata americana a L'Avana e interruppe tutti i rapporti diplomatici con Cuba. Dietro le quinte, si stavano sviluppando strategie più radicali.

Il fiasco della Baia dei Porci

castro cuba baia di maiali
Una prima pagina degli Stati Uniti all'indomani del fiasco della Baia dei Porci

Nel marzo 1960, Eisenhower approvò un piano segreto della CIA (Central Intelligence Agency) per rovesciare Castro sostenendo la guerriglia controrivoluzionaria all'interno di Cuba. Eisenhower ha impegnato 13 milioni di dollari per l'operazione.

Quando ciò fallì, la CIA escogitò un piano per rovesciare Castro sostenendo un'invasione anfibia di Cuba da parte degli esiliati cubani. L'operazione Zapata, come era noto, fu approvata da Eisenhower e sostenuta dal suo successore, John F. Kennedy.

Nell'aprile 1961, circa 1,500 controrivoluzionari, addestrati e riforniti dalla CIA, sbarcarono a Cuba nella Baia dei Porci. Castro ha risposto rapidamente alla loro incursione e gli invasori sono stati uccisi o catturati entro quattro giorni. La fallita invasione della Baia dei Porci ha causato un notevole imbarazzo per Washington, che aveva sottovalutato il sostegno popolare a Castro.

Castro risponde

Il fiasco di Baia dei Porci, insieme a complotti e minacce interne, ha fatto diventare Castro sospettoso, paranoico e intollerante nei confronti dell'opposizione. Alla fine del 1961, dichiarò Cuba uno stato socialista a partito unico. Tutti i giornali, le stazioni radio e televisive non possedute o controllate dal governo sono state chiuse.

Temendo ulteriori attacchi della CIA contro di lui o il suo regime, Castro ha vietato ai turisti americani di visitare Cuba. I suoi timori erano probabilmente giustificati: l'operazione Mongoose della CIA includeva numerosi complotti per assassinare o paralizzare il leader di Cuba, usando di tutto, dagli attacchi aerei di precisione ai frappè avvelenati e ai sigari che esplodono.

Questo furto americano ha portato Castro ancora più vicino a Mosca. Iniziò ad accettare attrezzature e competenze militari sovietiche e acconsentì all'installazione di missili balistici sovietici su Cuba. Gli individui che rappresentavano una minaccia per il regime di Castro - ex alleati di Batista, liberali politici, accademici e insegnanti radicali, capi della criminalità organizzata - sono stati imprigionati a tempo indefinito e alcuni sarebbero stati torturati.

Il regime di Castro nel mirino froci (omosessuali), dichiarandoli un gruppo sovversivo e socialmente distruttivo. Castro ha anche fornito supporto ad altri gruppi rivoluzionari di sinistra in tutto il mondo. Durante gli 1960 e gli 1970, dispiegò truppe cubane 300,000 per combattere nelle guerre civili e sostenere le insurrezioni in Africa, in particolare in Angola ed Etiopia.

Standard di vita a Cuba

Per i cubani normali, la rivoluzione del 1959 ha prodotto risultati contrastanti. Il regime di Castro è salito al potere promettendo l'uguaglianza sociale e, per alcuni aspetti, ha mantenuto questa promessa.

Gli strati più poveri della società cubana hanno beneficiato in modo significativo delle riforme di Castro. Il governo ha fornito alloggi sovvenzionati, elettricità più economica e assistenza sanitaria e istruzione gratuite. Nel 1961, squadre di educatori furono schierate nelle zone contadine per combattere l'analfabetismo. Entro la metà degli anni '1960, l'analfabetismo cubano si era ridotto da circa il 35% a meno del XNUMX%.

Lo stato-nazione di Castro divenne famoso per la sua assistenza sanitaria, Cuba che vantava più medici pro capite della Gran Bretagna e della maggior parte delle altre nazioni occidentali. Questi miglioramenti sono stati concentrati nelle città, tuttavia, e non erano uniformi in tutta l'isola.

C'era anche un lato oscuro nel governo di Castro. Il totalitarismo del regime e gli attacchi contro oppositori politici, religione e omosessuali hanno suscitato critiche da parte di gruppi per i diritti umani.

Recenti sviluppi

Il crollo del comunismo alla fine degli anni '1980 ha causato un crollo economico e una diffusa carenza di beni di consumo. In risposta, Castro ha permesso una certa liberalizzazione economica e sociale. Nel 2008 Castro, all'epoca ottantenne e in cattive condizioni di salute, passò la presidenza a suo fratello Raul e si ritirò dalla vita pubblica.

Le relazioni tra Stati Uniti e Cuba hanno portato a colloqui bilaterali, alla ripresa del turismo e all'allentamento degli embarghi commerciali. Nel luglio 2015, Washington e L'Avana hanno deciso di ripristinare le relazioni diplomatiche, ponendo fine a oltre 40 anni di guerra fredda tra Stati Uniti e Cuba.

Fidel Castro è morto nel novembre 2016, tre mesi dopo il suo novantesimo compleanno.

Il punto di vista di uno storico:“Alcune cose sono cambiate drasticamente con la caduta del blocco sovietico, che ha eliminato i rapporti commerciali e di aiuto che avevano sostenuto l'economia di Cuba per tre decenni. Per sopravvivere nel nuovo contesto internazionale, il governo cubano ha attuato drastiche riforme economiche, inclusa l'apertura agli investimenti stranieri, consentendo alcune forme di impresa privata ... e promuovendo il turismo. Ciononostante ha mantenuto l'impegno a preservare alcune delle principali conquiste della rivoluzione, in particolare i sistemi sanitari e educativi ".
Aviva Chomsky, storica

guerra fredda cuba

1. Cuba è una nazione insulare nei Caraibi, a meno di 100 miglia dagli Stati Uniti. Durante il 19th secolo, Cuba era una colonia spagnola nota per la sua redditizia produzione di zucchero.

2. Nel 1952 il generale Fulgencio Batista guidò un colpo di stato militare che prese il controllo di Cuba. Il regime di Batista era filoamericano, corrotto e non è riuscito a migliorare la vita della maggior parte dei cubani.

3. Nel gennaio 1959 Batista fu rovesciata da una rivolta guidata da Fidel Castro. Gli Stati Uniti, incerti sull'ideologia o sulle intenzioni di Castro, si rifiutarono di riconoscere il suo nuovo regime.

4. Castro ha avviato un programma di nazionalizzazione, sequestrando più delle società americane 600. Vi furono riforme a beneficio del popolo cubano, ma anche violenza politica e oppressione.

5. Ad aprile 1961 un'invasione sostenuta dalla CIA attraverso la Baia dei Porci non è riuscita a rovesciare Castro. Ciò ha innescato una prolungata guerra fredda tra gli Stati Uniti. Castro ha anche cercato aiuto e sostegno dall'Unione Sovietica, che ha scatenato la crisi dei missili cubani 1962.

fonti della guerra fredda

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite esorta a negoziare tra Stati Uniti e Cuba (luglio 1960)
Il leader sovietico Krusciov promette di sostenere e difendere Cuba (luglio 1960)
Il discorso di John F.Kennedy dopo il fiasco della Baia dei Porci (aprile 1961)
Fidel Castro condanna l'aggressione degli Stati Uniti contro Cuba (aprile 1961)
Fidel Castro: Perché gli Stati Uniti odiano la Rivoluzione cubana? (Febbraio 1962)
Una valutazione della CIA sulla situazione politica, economica e militare a Cuba (agosto 1962)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Cuba sotto Castro"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/cuba-under-castro/
Data di pubblicazione: 12 settembre 2020
Data di accesso: Dicembre 04, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.