Donald Maclean

Donald MacleanDonald Maclean (1913-83) era un diplomatico britannico, Agente sovietico e disertore. Nato a Londra, Maclean era figlio di un parlamentare britannico e leader dell'opposizione. Il giovane Maclean fu quindi cresciuto in un ambiente politico e ricevette un'educazione liberale. In 1931 si è iscritto all'Università di Cambridge per studiare lingue. Ispirato alla Grande Depressione e al Rivoluzione russaMaclean divenne un comunista schietto, scrivendo saggi ed editoriali per pubblicazioni di sinistra. Fu anche presentato ai futuri membri del Cambridge Five spia ring. In 1934, l'anno della sua laurea, Maclean fu reclutato nel servizio segreto sovietico. Dopo aver lasciato Cambridge, entrò nel British Foreign Office, dove iniziò a trasmettere informazioni e documenti agli agenti sovietici. Alla fine degli 1930, ha trascorso due anni a lavorare a Parigi.

In 1944 Maclean è stato promosso e inviato all'ambasciata britannica a Washington. Mentre era lì, sedeva in un comitato multilaterale sull'energia nucleare, così era al corrente di informazioni sullo sviluppo di armi atomiche. Maclean trasmise gran parte di queste informazioni ai suoi gestori sovietici, fornendo a Mosca una visione dei livelli di armi nucleari. In 1948 Maclean fu inviato al Cairo, in Egitto, dove fu responsabile della strategia militare britannica in Medio Oriente. La sua vita di doppio agente ha messo a dura prova Maclean, che ha bevuto molto, si è comportato in modo irregolare e ha sofferto di problemi coniugali. Tornò a Londra e in 1951 fu nominato capo degli affari americani al Foreign Office. In questo periodo gli agenti MI5 che lavoravano al progetto VENONA dedussero che Maclean era una spia sovietica. Maclean, accompagnato da Guy Burgess, fuggì in Unione Sovietica prima che potesse essere arrestato e interrogato.

Maclean si è adattato alla vita a Mosca, ottenendo la cittadinanza sovietica e lavorando per il KGB come consigliere di politica estera. Sua moglie Melinda, che era consapevole della sua doppia vita, ei tre figli dei Maclean lo raggiunsero in Unione Sovietica nel 1953. Donald Maclean morì a Mosca nel marzo 1983.


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2017. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, usa la seguente citazione:
J. Llewellyn & S. Thompson, "Donald Maclean", Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/donald-maclean/.