Germania del dopoguerra

del dopoguerra
I soldati statunitensi regalano dolci ai bambini di Berlino, una città affamata e devastata dalla guerra

Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, la Germania occidentale fu occupata dagli Stati Uniti e dai suoi partner alleati, mentre la Germania orientale fu occupata dall'Unione Sovietica. Nel tempo, queste zone occupate si sono evolute in due stati separati: uno democratico e l'altro socialista. La Germania del dopoguerra divenne l'epicentro della Guerra Fredda, sia la nazione che la sua ex capitale, Berlino, separate dalla cortina di ferro.

Dividere o disperdere?

Come gestire la Germania del dopoguerra era un problema significativo per gli alleati alla fine della seconda guerra mondiale. Le loro opinioni erano diverse, così come erano diverse per quanto riguarda il futuro della Polonia.

Alla conferenza di Yalta di 1943, presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt ha suggerito che la Germania venga fatta a pezzi in piccoli pezzi, una strategia per limitare la sua futura capacità di guerra. Il piano Roosevelt avrebbe abolito la nazione tedesca e creato diverse nazioni autonome più piccole: Hannover, Prussia, Assia, Sassonia e Baviera. Leader sovietico Joseph Stalin, che aveva più da temere da una Germania in ripresa di Roosevelt, acconsentì con entusiasmo.

Un rapporto britannico riassume i commenti di Stalin sul futuro della Germania:

“È molto meglio smembrare e disperdere le tribù tedesche. Naturalmente, vorrebbero unirsi, non importa quanto fossero divisi. Avrebbero sempre voluto riunirsi. In questa [riunificazione] vide un grande pericolo, che avrebbe dovuto essere neutralizzato da varie misure economiche e, a lungo andare, con la forza se necessario. Quello era l'unico modo per mantenere la pace. Ma se dovessimo fare una grande combinazione con i tedeschi, i guai sarebbero arrivati. Dovevamo fare in modo che fossero tenuti separati ".

Primo ministro britannico Winston Churchill ha avuto una visione diversa. Churchill credeva che fosse necessaria una divisione della Germania, ma non nella misura proposta da Roosevelt. Questo, riteneva Churchill, avrebbe riempito l'Europa occidentale di stati-nazione piccoli ed economicamente fragili. Churchill preferì la creazione di tre stati di lingua tedesca a nord, sud e ovest. Questi stati sarebbero dotati di risorse sufficienti per essere ricchi ma abbastanza piccoli da essere supervisionati e gestiti, in particolare se tentassero il riarmo o la riunificazione.

Il piano Morgenthau

Un'altra proposta, la Piano Morgenthau, apparve anche nel 1944. Questa proposta, intitolata al suo inventore, il Segretario del Tesoro americano Henry Morgenthau, richiedeva lo smembramento dello stato tedesco e la quasi completa deindustrializzazione dell'economia tedesca.

Secondo il piano Morgenthau, i territori ai margini della Germania sarebbero stati ceduti all'Unione Sovietica, alla Polonia e alla Francia, mentre la Ruhr (una regione industriale cruciale) sarebbe rimasta sotto il controllo internazionale. Il resto della Germania sarebbe diviso in due nazioni separate.

Roosevelt ha dato la sua approvazione al Piano Morgenthau. Non è mai stato implementato a causa della morte di Roosevelt nell'aprile 1945, tuttavia, le proposte di Morgenthau hanno avuto una certa influenza sulla politica alleata per quanto riguarda la Germania del dopoguerra.

Germania del dopoguerra
Henry Morgenthau, l'americano che formulò un piano per la Germania del dopoguerra

Occupazione congiunta

L'esercito rosso sovietico attraversò il confine tedesco nel gennaio 1945, mentre l'esercito americano entrò nella Germania occidentale a marzo. Secondo il Protocollo di Londra, firmato a settembre 1944, gli eserciti alleati si trasferirono in settori discreti. I Soviet (nord-est), gli inglesi (nord-ovest) e gli americani (sud) occupavano ciascuno circa un terzo del territorio tedesco, mentre i francesi controllavano zone più piccole lungo il confine.

Il governo tedesco è stato sostituito dal Consiglio di controllo alleato, un organo di quattro nazioni formato nell'agosto 1945. Questo Consiglio ha supervisionato la trasformazione della Germania del dopoguerra, emanando direttive su una serie di questioni tra cui le regole dell'occupazione militare, la smobilitazione del L'esercito tedesco, la "de-nazificazione" della vita tedesca e un processo per trattare i criminali di guerra.

Tuttavia, il Consiglio di controllo alleato era afflitto da divergenze di opinioni e tensioni interne e nel giro di un anno il Consiglio si era rotto. Alla fine del 1946, le quattro potenze alleate amministravano le loro zone occupate in modo abbastanza autonomo.

Nel primo anno di occupazione, molti politici e strateghi americani si opposero alla spartizione della Germania. Uno di questi politici era James F. Byrnes, Segretario di Stato del successore di Roosevelt, Harry Truman. Byrnes era un pragmatico che identificò diversi vantaggi politici ed economici nel consentire alla Germania di rimanere uno stato unitario.

Cambiamenti alla politica statunitense

Gli strateghi economici americani hanno riconosciuto quanto fosse importante la prosperità economica tedesca per l'Europa occidentale. Sostituire la produttiva e prospera economia tedesca con un numero di nazioni più piccole, ciascuna priva di capacità industriale e dipendente dagli aiuti esteri, aveva il potenziale per decimare l'Europa.

Washington era ora anche a conoscenza dell'ingerenza di Stalin in altre nazioni dell'Europa orientale e preoccupato per le sue intenzioni in Germania. Il mantenimento di una Germania unificata fornirebbe un cuscinetto tra i sovietici e l'Occidente, mentre un gruppo di stati deboli di lingua tedesca potrebbe essere eliminato dai sovietici, uno alla volta.

Byrnes capì anche che la maggior parte dei tedeschi si opponeva al partizionamento e voleva che la loro nazione rimanesse unificata. Nel settembre 1946, Byrnes parlò alla gente del posto a Stoccarda e pronunciò quello che i tedeschi in seguito descrissero come il "discorso della speranza":

“L'accordo di Potsdam non prevedeva che non ci sarebbe mai dovuto essere un governo tedesco centrale. Si limitava a prevedere che per il momento non ci sarebbe stato alcun governo tedesco centrale. Certamente, questo significava solo che nessun governo centrale doveva essere istituito fino a quando una sorta di democrazia non fosse radicata nell'anima della Germania e non si fosse sviluppato un certo senso di responsabilità locale ... È opinione del governo americano che il popolo tedesco in tutta la Germania, sotto adeguate garanzie , dovrebbe ora essere data la responsabilità primaria della gestione dei propri affari ... Il popolo americano vuole restituire il governo della Germania al popolo tedesco. Il popolo americano vuole aiutare il popolo tedesco a riconquistare un posto onorevole tra le nazioni libere e amanti della pace del mondo ".

Germania del dopoguerra
Il segretario di stato americano James F. Byrnes, che ha tenuto il `` discorso di speranza '' del 1946

"Bizonia"

Come Byrnes, Truman ha accettato che una Germania unificata e industrializzata fosse essenziale per la ripresa europea. A metà del 1946, i rappresentanti statunitensi e britannici iniziarono a pianificare una fusione delle loro zone di occupazione in un'unica unità economica. Invitarono le zone francese e sovietica a unirsi a questa fusione, ma entrambe resistettero. Nel gennaio 1947, le zone americana e britannica si unirono per formare la "Bizonia".

Sei mesi dopo, Truman ordinò la sospensione di ulteriori riparazioni all'esportazione dalla Germania, dichiarando che “un'Europa ordinata e prospera richiede i contributi economici di una Germania stabile e produttiva”. Fece pressioni sugli inglesi per consentire l'aumento della produzione di acciaio a Bizonia, da 7.5 milioni di tonnellate a 10.7 milioni di tonnellate. Gli americani permisero ai tedeschi di muovere i primi passi verso un ritorno all'autogoverno, istituendo una serie di consigli locali per gestire cibo e agricoltura, trasporti, comunicazioni, finanza e commercio.

Ciò contrastava con la zona russa, dove il processo di "sovietizzazione" era ben avviato. Comunisti e socialdemocratici tedeschi formarono una coalizione sotto la pressione di Mosca. Questa coalizione di sinistra ha dominato le elezioni locali e regionali nel 1956. Nel 1948 aveva effettivamente il controllo della zona, anche se come un fantoccio del Cremlino.

guerra fredda divisa
Una rappresentazione visiva della Germania postbellica divisa

Emergono due stati

Nell'aprile 1949, Bizonia divenne Trizonia quando i francesi accettarono una fusione con la loro zona occupata. Settimane dopo, la Trizonia divenne uno stato indipendente: la Repubblica Federale Tedesca, più comunemente conosciuta come Germania Ovest. In ottobre, l'ex zona sovietica si dichiarò Repubblica Democratica Tedesca o Germania Est.

Nei successivi quattro decenni, le due Germanie furono un punto focale dell'attenzione mondiale. Molti degli eventi o simboli più rappresentativi della Guerra Fredda: il Muro di Berlino, il "Checkpoint Charlie", la Porta di Brandeburgo, John F. Kennedy'S Discorso "Ich bin eine Berliner" e Ronald Reagansfida a "Abbattere questo muro"- è successo tutto in Germania.

Le divisioni e le tensioni tra la Germania dell'Est comunista e la Germania Ovest sponsorizzata dagli USA divennero sia l'epicentro che un microcosmo della più ampia Guerra Fredda.

guerra fredda germania

1. Una preoccupazione urgente per gli alleati era come gestire la Germania dopo la seconda guerra mondiale. Alcuni leader preferirono dividere la Germania in molti stati nazionali più piccoli, mentre altri preferivano una divisione in due o tre parti.

2. Il piano Morgenthau, formato in 1944, suggeriva che le quattro potenze alleate occupano la Germania in zone separate. Lavorerebbero per smilitarizzare e deindustrializzare la Germania per evitare ogni possibilità di un'altra guerra.

3. La Germania fu effettivamente occupata da americani, sovietici, britannici e francesi in quattro zone distinte. Secondo 1946, tuttavia, gli americani preferivano che la Germania rimanesse una singola nazione indipendente.

4. Di conseguenza, gli americani hanno consentito una certa ripresa economica e industriale nel loro settore. Nel frattempo, la "sovietizzazione" portò alla nascita di un governo socialista sostenuto da Mosca nella Germania orientale.

5. In 1949 le zone americana, britannica e francese si unirono per formare una nazione unificata: la Repubblica Federale Tedesca o la Germania Ovest. La zona sovietica divenne una nazione socialista: la Repubblica democratica tedesca o la Germania orientale.

fonti della guerra fredda

Il piano Morgenthau per la Germania del dopoguerra (settembre 1944)
Il protocollo di Londra che divide la Germania del dopoguerra (settembre 1944)
James F. Byrnes 'Discorso di speranza' sull'autonomia tedesca (settembre 1946)
John F. Kennedy: "Ich bin ein Berliner!" (Giugno 1963)
Il discorso di Ronald Reagan a Berlino, esortando Gorbaciov a 'abbattere questo muro' (giugno 1987)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Germania del dopoguerra"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/post-war-germany/
Data di pubblicazione: 8 settembre 2020
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.