La guerra di Corea

Guerra di Corea
Più di 36,500 il personale di servizio americano è morto durante la guerra di Corea

La penisola coreana è una striscia di terra lunga 1,100 chilometri, al confine con la Cina a nord e separata dal Giappone da uno stretto stretto. La Corea è stata a lungo ambita dai suoi vicini, grazie alla sua costa e alla sua posizione centrale. Il Giappone entrò due volte in guerra con la Cina (1894-95) e la Russia (1904-5) per il controllo della Corea, prima che i giapponesi finalmente annettessero la penisola nel 1910. La sconfitta e la resa del Giappone nel 1945 sollevavano la questione di chi avrebbe governato nel dopoguerra Corea. Diversi gruppi locali gareggiavano per il controllo, tuttavia, i governi degli Stati Uniti e dei soviet avevano già concordato un'occupazione congiunta della Corea. Nell'agosto 1945, pochi giorni dopo il bombardamento di Hiroshima, un accordo congiunto divideva in due la penisola coreana al 38 ° parallelo (la linea di latitudine 38 gradi a nord dell'equatore). L'Armata Rossa sovietica avrebbe occupato il settore nord e gli americani il sud. Questo accordo doveva essere temporaneo ma non includeva alcun piano o calendario per l'autogoverno coreano o l'unificazione. Questa divisione pose le basi per la guerra di Corea.

Come nella Germania del dopoguerra, entrambe le superpotenze hanno influenzato lo sviluppo politico delle zone occupate. Gli americani in Corea del Sud hanno resistito ai movimenti di indipendenza locale che consideravano troppo solidali con il socialismo. Washington invece ha consegnato il governo della Corea del Sud a Syngman Rhee, un duro anticomunista. Rhee iniziò a prendere di mira i sospetti comunisti con una serie di purghe violente che causarono più di 50,000 vite. Nel frattempo a Corea del nord, i sovietici formarono un governo provvisorio con Kim Il-Sung come righello. Kim ha avviato un programma di riforma agraria e ridistribuzione che si è rivelato popolare tra i contadini locali, ma come Rhee, Kim ha anche usato la violenza politica e le epurazioni omicide per eliminare l'opposizione politica. Nonostante il coinvolgimento delle Nazioni Unite, è diventato evidente che la riunificazione della penisola coreana sarebbe stata impossibile. Di conseguenza, entrambe le zone occupate divennero Stati indipendenti nel 1948. Le tensioni tra Corea del Nord e Corea del Sud aumentarono, poiché i loro leader si impegnarono in una retorica politica aggressiva. Entrambi i regimi coreani fortificarono il 38 ° confine parallelo e aumentarono le guarnigioni militari nell'area; ciò ha portato a sparatorie e scaramucce transfrontaliere. Nel giugno 1950, uno di questi incidenti provocò un'invasione su vasta scala della Corea del Sud da parte dell'Esercito popolare nordcoreano (KPA).

Guerra di Corea
I soldati della divisione 7 degli Stati Uniti arrivano a Incheon, in Corea, a settembre 1945

A pochi giorni dall'invasione, presidente degli Stati Uniti Harry Truman ordinò alle truppe americane di entrare in Corea del Sud per fermare l'avanzata comunista. Era una situazione difficile per Truman, che temeva che l'intervento militare americano in Corea potesse provocare una guerra con la Cina comunista o, peggio ancora, con l'Unione Sovietica. L'intelligence successivamente fornita alla Casa Bianca, tuttavia, suggerì che i nordcoreani avevano invaso dopo l'autorizzazione di Mosca. La maggior parte dei consiglieri di Truman erano sostenitori del Teoria del domino e ha sostenuto "tracciare una linea" contro l'espansione comunista in Asia. L'ordine di mobilitazione di Truman ottenne una risposta ostile dall'Unione Sovietica. Mosca ha condannato l'interferenza americana, boicottato le riunioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e si è impegnata a sostenere i nordcoreani, sebbene si sia astenuta dall'impegnarsi in un coinvolgimento militare. Pravda, il giornale controllato dallo stato a Mosca, descrisse così il coinvolgimento degli Stati Uniti:

“Gli eventi in Corea… rivelano con tutta chiarezza che i guerrafondai imperialisti non si fermeranno a metà strada nel perseguimento del loro obiettivo. Come è noto, il 25 giugno le azioni provocatorie delle truppe del governo fantoccio della Corea del Sud, dirette contro la Repubblica Democratica Popolare Coreana, hanno scatenato operazioni militari nel territorio della Corea. In risposta a ciò, i distaccamenti di sicurezza e le truppe della Repubblica Democratica Popolare Coreana hanno intrapreso misure attive e sono andati alla controffensiva, trasferendo le operazioni militari nel territorio a sud del 38 ° parallelo. [Il presidente] La dichiarazione e le azioni di Truman, senza precedenti nelle relazioni internazionali del dopoguerra, costituiscono un'ulteriore prova che i circoli governativi americani non si limitano più alla preparazione dell'aggressione, ma sono passati ad atti di aggressione diretti ... Il governo sta pesantemente calpestando la Carta delle Nazioni Unite, agendo come se l'organizzazione delle Nazioni Unite non esistesse affatto ".

Guerra di Corea
Il generale Douglas Macarthur, che comandò le forze statunitensi in Corea fino a 1951

Sul terreno in Corea, il KPA godeva di un grande vantaggio numerico: il Nord aveva più dei soldati 230,000, il Sud meno di 100,000. Ciò ha consentito all'APK di espandersi rapidamente nel territorio sudcoreano. Entro settembre 1950, le forze nordcoreane occuperebbero 90 per cento della penisola coreana. I sudcoreani e gli americani, al contrario, erano confinati in una piccola regione intorno alla città costiera di Pusan. La situazione è cambiata con l'arrivo di una forza di coalizione della nazione 17, che opera con il sostegno di una risoluzione delle Nazioni Unite. Tra le nazioni che hanno inviato truppe per resistere all'aggressione comunista in Corea del Sud c'erano Gran Bretagna, Francia, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Turchia, Tailandia e Colombia. Queste truppe iniziarono ad arrivare in Corea del Sud a luglio e agosto 1950. A settembre il comandante delle forze ONU in Corea, generale americano Douglas MacArthur, aveva abbastanza uomini a sua disposizione per lanciare una controffensiva contro la città costiera di Inchon, non lontano da Seoul. A novembre, le forze dell'ONU avevano respinto il KPA a poche miglia dal confine cinese.

Il punto di vista di uno storico:
“Dall'inizio degli anni '1980, gran parte del dibattito sulla guerra di Corea si è concentrato sull'argomento che il conflitto fosse una guerra civile, erroneamente vista dagli alleati occidentali come una manifestazione della lotta tra Stati Uniti e Unione Sovietica. Nella maggior parte dei casi, le fonti documentarie russe contraddicono nettamente questa tesi sulla guerra civile. Rivelano che lo scoppio di combattimenti su vasta scala lungo il 38 ° parallelo ... non è stata semplicemente un'escalation di scaramucce di confine ... ma è stata invece una campagna offensiva convenzionale preparata dalla Corea del Nord e dall'Unione Sovietica per diversi mesi. Ancora più importante, la decisione di intraprendere la campagna per prendere il controllo della Corea del Sud è stata presa da Josef Stalin, non dalla leadership nordcoreana ".
Kathryn Weathersby, storica

Per i prossimi quattro mesi, le forze dell'KPA e delle Nazioni Unite avrebbero lottato per il territorio nella Corea centrale. Nel frattempo, tra Truman e MacArthur scoppiarono accese controversie sulla strategia. Il piano di MacArthur per la vittoria prevedeva l'inseguimento delle truppe nordcoreane nel territorio cinese, il bombardamento delle basi aeree in Cina e, se necessario, l'uso di armi nucleari tattiche. Truman, desideroso di evitare la guerra con la Cina e contrario a provocare l'URSS usando armi nucleari, rifiutò la proposta di MacArthur. L'incensato MacArthur ha rilasciato una serie di dichiarazioni infiammatorie ai media, molte delle quali contenevano implicite critiche alla Casa Bianca e al modo in cui Truman stava gestendo la guerra. Nell'aprile 1951 un Truman stanco licenziò MacArthur. Fu una decisione difficile, dato lo status di Macarthur come eroe della seconda guerra mondiale la cui leadership aveva contribuito a sconfiggere i giapponesi. Ma MacArthur - che per lo più aveva condotto la guerra di Corea dalla sicurezza di Tokyo - aveva certamente superato la sua autorità.

Guerra di Corea
Una mappa che mostra l'avanzata cinese in Corea in 1950-51

Nel frattempo, sul campo di battaglia si stavano aprendo problemi maggiori. Alla fine del 1950, con le forze delle Nazioni Unite alle sue porte, la Cina decise di intervenire. A novembre, Pechino ha inviato quasi 300,000 soldati attraverso il confine, attaccando le posizioni americane e delle Nazioni Unite in Corea del Nord. In inferiorità numerica, le forze statunitensi e delle Nazioni Unite furono nuovamente costrette a ritirarsi in territorio sudcoreano. Tra l'inizio del 1951 e la metà del 1953, la guerra di Corea cadde in una fase di stallo, con nessuna delle parti in grado di catturare o rivendicare un territorio significativo. Ci furono diverse battaglie importanti e un gran numero di vittime durante questo periodo, la maggior parte di queste sostenute dai nordcoreani e dai cinesi. Questo avanti e indietro continuò fino al luglio 1953, quando fu firmato un cessate il fuoco a Panmunjom - ironia della sorte, con forze opposte che combattevano a poche miglia dal 38 ° parallelo. Dopo tre anni di guerra e la morte di tra 2.5 e 3 milioni di persone, i combattimenti furono interrotti con il confine appena cambiato dal 1949. La guerra di Corea non fu mai formalmente conclusa con un trattato di pace, quindi la Corea del Nord e del Sud sono tecnicamente ancora in guerra . Mezzo secolo dopo il cessate il fuoco, la zona demilitarizzata (DMZ) che separa le due Coree è presidiata da una delle guarnigioni militari più pesanti del mondo. Più di 500 soldati sudcoreani e 50 statunitensi sono stati uccisi nella o vicino alla ZDC dal 1953.

guerra fredda corea

1. La Corea è una penisola di 1,100-chilometro nel sud-est asiatico, al confine con la Cina a nord e il Mar del Giappone a est. La Corea fu invasa e occupata dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale.

2. La resa del Giappone in 1945 lasciò la Corea senza un governo. La penisola fu occupata congiuntamente dalle truppe sovietiche a nord del parallelo 38 e dagli alleati a sud della linea.

3. Come in Germania, le zone occupate divennero nazioni separate. La Corea del Nord divenne uno stato socialista guidato da Kim Il-Sung, mentre la Corea del Sud era uno stato filoamericano guidato da Syngman Rhee.

4. La tensione tra le due Coree è rimasta acuta. A giugno le truppe nordcoreane 1950 hanno invaso il Sud, provocando una risposta americana e la formazione di una forza di coalizione delle Nazioni Unite.

5. I cinesi furono coinvolti nella guerra di Corea, inviando truppe nella penisola a novembre 1950. Il conflitto per tre anni causerebbe fino a tre milioni di morti e non produrrebbe cambiamenti significativi ai confini o ai governi.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La guerra di Corea"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/korean-war/
Data di pubblicazione: 18 settembre 2018
Data di accesso: 05 Novembre 2021
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.