Joseph McCarthy

Joseph McCarthy (1908-1957) era un avvocato e politico americano, famoso per aver istigato e condotto caccia alle streghe contro sospetti comunisti negli 1950.

Joseph McCarthy

McCarthy è nato nel Wisconsin rurale, il quinto di nove figli da genitori della classe operaia irlandese. Ha abbandonato la scuola a 14 anni per lavorare nella fattoria di suo padre, poi per un periodo ha gestito un negozio di alimentari. McCarthy tornò al liceo all'età di 20 anni e si diplomò da adulto. Ha iniziato una laurea in ingegneria all'università prima di passare alla giurisprudenza e conseguire la laurea nel 1935. Ha lottato per guadagnarsi da vivere con la legge, quindi ha integrato il suo reddito giocando a poker. 

McCarthy aveva deciso di intraprendere una carriera in politica, quindi ha scelto il suo lavoro di conseguenza. Ha fatto pressioni senza successo per diventare un procuratore distrettuale, prima di diventare il giudice più giovane del Wisconsin all'età di 30 anni. I suoi contemporanei descrivono McCarthy come un giudice veloce e senza fronzoli, che non ama supervisionare lunghi casi o emettere sentenze verbose. Nel giro di quattro anni aveva ottenuto una posizione come giudice di circoscrizione, dove divenne famoso per aver affrontato rapidamente i casi, alcuni in pochi minuti.

Carriera politica

Nel 1942, McCarthy si offrì volontario per i Marines degli Stati Uniti e prestò servizio nel teatro del Pacifico della seconda guerra mondiale, principalmente come istruttore. Nel 1946, McCarthy si presentò come candidato repubblicano al Senato degli Stati Uniti. La sua campagna comprendeva attacchi implacabili e spesso scurrili ai suoi avversari, nonché affermazioni esagerate e disoneste sul servizio di guerra di McCarthy. Nonostante ciò, McCarthy fu eletto e all'età di 38 anni divenne il più giovane membro in carica del Senato degli Stati Uniti.

I suoi primi tre anni al Congresso furono notevoli solo per i commenti infiammatori di McCarthy e il frequente disprezzo per le regole e le convenzioni del Senato. Nel 1949, un gruppo di giornalisti politici votò McCarthy come il "peggior senatore attualmente in carica", mentre i colleghi senatori lo trovavano testardo, irascibile, aggressivo e del tutto antipatico. Ci sono state anche notizie dai suoi primi anni al Senato che McCarthy era un alcolizzato: raramente perdeva le funzioni sociali ed era spesso visto bere nel suo ufficio del Senato.

Cacciatore comunista

Joseph McCarthy

L'ascesa all'attenzione del pubblico di McCarthy iniziò nel febbraio 1950, quando pronunciò un discorso a un gruppo repubblicano di donne a Wheeling, West Virginia. Nel suo Indirizzo su ruote, McCarthy ha affermato di detenere i dettagli dei comunisti che lavorano per il Dipartimento di Stato. "Il Dipartimento di Stato è infestato dai comunisti", ha detto ai suoi ammirati ascoltatori. "Ho qui in mano un elenco di 205 nomi noti al Segretario di Stato come membri del Partito Comunista, che tuttavia stanno ancora lavorando e dando forma alla politica".

McCarthy non ha fornito o pubblicato i dettagli della sua lista, infatti, è improbabile che avesse una lista del genere. Nell'ambiente paranoico della prima guerra fredda, tuttavia, le affermazioni di McCarthy diedero il via a un'ondata di voci, accuse e indagini. L'indirizzo di Wheeling è considerato il punto di partenza per quello che divenne noto come 'maccartismo': una caccia alle streghe anticomunista che ha rapidamente rotto gli argini e ha portato innumerevoli individui ad essere ingiustamente accusati e perseguitati.

Joseph McCarthy
McCarthy e Roy Cohn durante le audizioni dell'esercito

Gli attacchi si intensificano

Incoraggiato dal suo crescente profilo pubblico, McCarthy iniziò ad accusare agenzie governative e singoli politici, diplomatici e burocrati di essere comprensivi o tenaci con il comunismo. Questi attacchi sono stati estesi ai più alti livelli di governo, compreso l'ex segretario di Stato George C. Marshall e Presidente Truman lui stesso. Truman ha detto poco di McCarthy o delle sue affermazioni in pubblico, ma ha descritto privatamente il senatore del Wisconsin come un "bugiardo patologico".

La caduta finale di McCarthy avvenne nel 1954. Nel marzo di quell'anno, la rispettata emittente americana Edward R. Murrow fece un graffiante editoriale su McCarthy, accusandolo di sfruttare la paranoia della Guerra Fredda a proprio vantaggio personale. Il mese successivo McCarthy e il suo capo avvocato, Roy Cohn, istigato e supervisionato udienze in presunti simpatizzanti comunisti nell'esercito degli Stati Uniti. Queste udienze, trasmesse in diretta televisiva, hanno rivelato gli interrogatori rialzisti di McCarthy e l'agenda personale di Cohn.

Con le sue tattiche note a un pubblico più ampio, McCarthy divenne oggetto di maggiori critiche e responsabilità. Nel dicembre 1954, il Senato degli Stati Uniti ha votato per censurare McCarthy per "aver agito in modo contrario all'etica senatoria e tendeva a portare il Senato in disonore e discredito". McCarthy era scomparso dalla ribalta a metà del 1955. Rimase in Senato per altri due anni, continuando a infuriarsi e ad agitarsi per presunti comunisti nel governo e nelle sue agenzie.

McCarthy morì nel 1957, a soli 48 anni, per una condizione del fegato causata dal suo alcolismo. Al suo funerale a Washington hanno partecipato 2,000 persone in lutto e dozzine di suoi colleghi senatori.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Joseph McCarthy"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/joseph-mccarthy/
Data di pubblicazione: October 18, 2018
Data di accesso: Giugno 29, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.