Syngman Rhee

Syngman Rhee (1875-1965) era un politico coreano che è stato il primo presidente della Corea del Sud tra 1948 e 1960.

Syngman Rhee

Rhee è nato nella provincia di Hwanghae, nella Corea nord-occidentale, il terzo di tre figli. Suo padre aveva origini reali, ma viveva come contadino. All'età di nove anni Rhee fu accecato dal vaiolo, solo per essere curato da un medico americano. Questo incidente potrebbe aver plasmato le opinioni politiche filo-occidentali di Rhee. In seguito ha frequentato una scuola americana e si è convertito al cristianesimo.

Alla fine degli 1890, Rhee entrò nel servizio civile, partecipando anche a gruppi nazionalisti e repubblicani. Fu arrestato e trascorse diversi anni in prigione fino alla sua liberazione in 1904. Rhee si recò quindi negli Stati Uniti per fare pressioni per l'indipendenza coreana. Mentre si è laureato alla George Washington University e ad Harvard, ha conseguito il dottorato a Princeton.

Rhee tornò in Corea e lavorò con la Young Men's Christian Association (YMCA) prima che l'occupazione giapponese lo costringesse all'esilio. Ha trascorso più di due decenni all'estero, servendo in seguito come ministro nel governo coreano in esilio.

Rhee tornò nella penisola coreana dopo la resa giapponese nel 1945. Appoggiato dal governo degli Stati Uniti, divenne il leader provvisorio della Corea del dopoguerra. Nel luglio 1948, Rhee fu affermato come il primo presidente della repubblica sudcoreana, ottenendo il 92% dei voti.

Rhee ha affermato di sostenere una Corea del Sud libera e democratica, ma nella sua leadership c'era poco che fosse democratico o consultivo. Invece, Rhee era un sovrano autoritario che assassinava i rivali e schiacciava l'opposizione politica e il dissenso, indipendentemente dalla sua origine o ideologia. Dal primo anno del suo governo, Rhee ha usato l'esercito sudcoreano per impegnarsi in una brutale repressione dei sospetti comunisti. L'inizio del Guerra di Corea nel 1950 permise al suo regime di intensificare questa campagna. Nel 1952 aumentò il suo potere ordinando l'arresto dei politici dell'opposizione e costringendolo a un emendamento costituzionale.

La fine della guerra di Corea (luglio 1953) diede a Rhee l'opportunità di ricostruire la Corea del Sud. Invece, il suo governo non ha realizzato riforme significative e ha continuato a fare affidamento sugli aiuti americani. Il governo e la burocrazia di Rhee erano pieni di corruzione, contro la quale non intraprese alcuna azione.

In 1956, all'età di 80, Rhee è stato eletto per un secondo mandato presidenziale in elezioni ampiamente considerate truccate. Ha quindi modificato la costituzione per consentirgli di correre di nuovo in 1960 e vincere un'altra elezione sospetta. Questa volta, tuttavia, la gente prese una posizione. 

Il governo autocratico di Rhee terminò nell'aprile 1960 quando gli studenti coreani iniziarono una rivolta pubblica che lo costrinse a dimettersi. Rhee fu portato fuori dal paese su un aereo americano e volato alle Hawaii. Ha vissuto lì con la moglie di origine austriaca fino alla sua morte nel luglio 1965.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Syngman Rhee"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/syngman-rhee/
Data di pubblicazione: October 24, 2018
Data di accesso: Dicembre 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.