Ayatollah Khomeini

Ruhollah Khomeini, meglio conosciuto in Occidente come Ayatollah Khomeini (1902-1989) era il de facto leader dell'Iran tra 1979 e 1989.

ayatollah khomeini

Nei primi anni

Nato Ruhollah al-Musavi in ​​un villaggio a sud della capitale Teheran, è stato allevato dal fratello maggiore dopo che il padre è stato ucciso. Ruhollah ha ricevuto un'educazione islamica conservatrice, prima da suo fratello, poi da imam fondamentalisti. Negli anni '1920 si interessò alla politica e adottò il nome Khomeini, il nome del villaggio in cui era nato e cresciuto. All'età di 27 anni, Khomeini ha sposato una bambina di 10 anni. Hanno avuto il primo di cinque figli tre anni dopo.

Durante gli anni '1930, Ruhollah si guadagnò la reputazione di studioso islamico, tenendo conferenze e attirando seguaci nella sua moschea a Qom, a circa 80 miglia a sud di Teheran. Le lezioni di Khomeini erano solitamente critiche nei confronti dei leader nazionali iraniani, che considerava troppo laici e troppo strettamente allineati con l'Occidente.

Opposizione allo scià

Quando lo Scià dell'Iran annunciò un programma di riforma e modernizzazione all'inizio degli anni '1960, Khomeini aumentò la sua retorica antigovernativa, invocando una rivoluzione islamica. Nel marzo 1963, la sua scuola a Qom fu assalita dai paracadutisti dello Scià e 18 persone furono uccise.

Khomeini è stato arrestato due volte, imprigionato e bandito dal paese. Mentre era in esilio, contrabbandava letteratura fondamentalista e registrava conferenze ai suoi seguaci in Iran. Khomeini era un fondamentalista islamico che cercava un governo nazionale determinato dalla teologia religiosa. I suoi sermoni erano pieni di teorie cospirative, antisemitismo e sentimento anti-occidentale.

Con la crescita dell'opposizione interna allo Scià alla fine degli anni '1970, anche il profilo e la popolarità di Khomeini aumentarono. Nel gennaio 1979, lo scià fu costretto a fuggire, consentendo il ritorno di Khomeini dall'esilio due settimane dopo.

Leader rivoluzionario

Ormai 77, Khomeini divenne il leader supremo di una rivoluzione religiosa e politica. Alla fine di 1977, aveva il sostegno del popolo, il sostegno dei militari e una costituzione che riformava l'Iran come repubblica islamica.

Khomeini ha anche intensificato la sua retorica antiamericana, definendo gli Stati Uniti il ​​"Grande Satana". Nell'ottobre 1979 Washington ha permesso all'ex Scià di entrare negli Stati Uniti per cure mediche. Questo ha indignato i giovani seguaci di Khomeini, che hanno formato una folla, hanno preso d'assalto l'ambasciata degli Stati Uniti a Teheran e hanno preso in ostaggio 52 americani. La crisi degli ostaggi in Iran è durata quasi 15 mesi e ha esercitato notevoli pressioni sul presidente degli Stati Uniti Jimmy Carter.

Khomeini e il suo governo furono demonizzati dai media occidentali. Di conseguenza, gli Stati Uniti hanno fornito aiuti militari e finanziari al leader iracheno Saddam Hussein durante la guerra Iran-Iraq (1980-1988).

Sotto il governo di Khomeini gli iraniani erano soggetti alla legge della Sharia, a rigidi codici di abbigliamento, all'educazione islamica e alla soppressione delle minoranze politiche e religiose. All'inizio del 1989 Khomeini pubblicò un file fatwa (editto religioso) che chiedeva l'assassinio dello scrittore britannico Salman Rushdie, presumibilmente per aver bestemmiato contro l'Islam. Khomeini morì poche settimane dopo, all'età di 86, dopo due anni di cattiva salute.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Ayatollah Khomeini"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/ayatollah-khomeini/
Data di pubblicazione: October 28, 2018
Data di accesso: 30 Novembre 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.