La caduta del muro di Berlino

caduta del muro di berlino
I manifestanti si allontanano dal muro di Berlino alla fine del 1989

Eretto nel 1961, il muro di Berlino ha diviso l'ex capitale tedesca per quasi tre decenni. La caduta del muro di Berlino nel 1989 è stata un momento cruciale, non solo durante la Guerra Fredda, ma nella storia dell'Europa moderna. È stato determinato dalle riforme politiche all'interno del blocco sovietico, dall'escalation della pressione da parte dei cittadini dell'Europa orientale e, infine, dalla confusione su una direttiva della Germania orientale per aprire il confine.

La profezia di Reagan

muro di Berlino
Ronald Reagan chiede che il muro di Berlino venga demolito

A giugno 1987, presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan visitato l'Italia per un vertice economico multilaterale. Sulla via del ritorno, Reagan si fermò brevemente nella Germania occidentale per parlare durante una cerimonia commemorativa dell'750 anniversario di Berlino.

Questa cerimonia si è svolta vicino alla Porta di Brandeburgo, uno dei principali punti di ingresso di Berlino dalla fine del 1700. Dalla costruzione del muro di Berlino, tuttavia, la Porta di Brandeburgo era stata chiusa. Un leggio e un tappeto rosso sono stati posizionati fuori dal cancello, mentre gli agenti dei servizi segreti hanno eretto pannelli di vetro antiproiettile per proteggere Reagan dai cecchini a Berlino Est.

Reagan ha accolto le 45,000 persone presenti - così come "coloro che ascoltano in tutta l'Europa orientale, [ai quali] porgo i miei più cordiali saluti e la buona volontà del popolo americano". Rivolse la sua attenzione all'Unione Sovietica, sottolineando l'impegno di Mosca nei confronti di enormi arsenali nucleari mentre lottava per nutrire la sua gente. Reagan si concentrò anche sul leader sovietico Di Mikhail Gorbachev recenti riforme, soprannominate volume e perestroika, chiedendosi se fossero veri e propri passi verso il cambiamento o uno sforzo simbolico per placare i critici.

'Abbatti questo muro'

Quindi, forse nella citazione più conosciuta dell'intera guerra fredda, Reagan sfidò direttamente Gorbaciov:

“C'è un segno che i sovietici possono fare che sarebbe inequivocabile, che avanzerebbe drammaticamente la causa della libertà e della pace. Segretario generale Gorbaciov, se cerchi la pace ... se cerchi prosperità per l'Unione Sovietica e l'Europa orientale, se cerchi la liberalizzazione ... Vieni qui a questa porta. Signor Gorbaciov, apri questo cancello! Signor Gorbaciov, abbatti questo muro! "

Nonostante sia stato trasmesso in Europa e negli Stati Uniti, il discorso di Reagan non ha suscitato molto interesse. La maggior parte l'ha liquidata come più un tintinnio di sciabola antisovietica di Reagan, la sua azione commerciale. Diversi consiglieri di Reagan avevano voluto che la sfida "abbattere questo muro" fosse rimossa dal discorso, temendo che fosse troppo conflittuale e potesse danneggiare il suo rapporto crescente con Gorbaciov. La frase è stata tuttavia mantenuta.

Presto si sarebbe rivelato profetico. Entro pochi mesi dal discorso di Reagan a Berlino, le basi ideologiche del muro di Berlino aveva cominciato a sbriciolarsi.

Il blocco sovietico si sgretola

All'inizio del 1989, la marea della storia stava girando contro il comunismo in Europa. Sottoposto a pressioni interne e proteste, il blocco sovietico iniziò a farlo crollare dall'interno.

I governi socialisti dietro la cortina di ferro sono stati sottoposti a una tremenda pressione interna per liberalizzare e riformare. Il popolo dell'Europa orientale è sceso in piazza, esortando i propri leader a rispecchiare il riformismo di Gorbaciov e ad allentare la presa sul governo, l'economia e la società.

La Polonia e l'Ungheria avevano già adottato riforme politiche e sociali che sarebbero state impensabili solo pochi anni prima. Nel Germania Est, la frontiera del comunismo europeo e l'epicentro della divisione della Guerra Fredda, il Muro di Berlino tenne duro - ma questo non doveva durare.

La Germania orientale rimane ribelle

muro di Berlino
I tedeschi dell'est protestano contro il leader socialista Erich Honecker

All'inizio di 1989, il marea di sentimenti anticomunisti che attraversano l'Europa aveva raggiunto la Germania orientale. I risultati delle elezioni del governo locale di maggio 1989 hanno innescato importanti disordini pubblici: la coalizione al potere dei partiti comunisti e socialisti ha vinto l'98.5 per cento dei voti e quasi tutti i seggi, un chiaro segno che le elezioni erano state truccate.

Questa corruzione politica, insieme alle difficili condizioni economiche del paese e alle condizioni sociali oppressive, ha innescato un altro esodo dalla Germania orientale. Alcuni tedeschi dell'est hanno chiesto legittimi visti di uscita, mentre altri si sono organizzati per fuggire illegalmente dal paese.

Ad agosto, quando il governo ungherese ha aperto i suoi confini con l'Austria, i tedeschi dell'est hanno approfittato di questo nuovo via di fuga ('via di fuga') verso ovest. Migliaia di tedeschi dell'Est andarono in vacanza in Ungheria, per non tornare mai più. Quando Berlino Est si è mossa per bloccare il flusso di rifugiati, ha innescato proteste ogni lunedì sera in diverse città.

Le proteste aumentano

muro di Berlino
I civili stanno trionfalmente in cima al muro di Berlino nel 1989

Con il passare delle settimane, queste proteste sono cresciute in dimensioni e intensità. In un giorno del novembre 1989, circa 500,000 persone si sono riunite a Berlino Est, dove sono state affrontate da celebrità, attori e intellettuali locali. Tra gli slogan cantati dalla folla c'era "Wir vollen raus!" ("Vogliamo uscire"), "Wir sind ein Volk!" ("We are one people") e "Vierzig Jahre sind genug!" ("40 anni sono sufficienti").

Di fronte a una rivoluzione popolare, il governo della Germania orientale iniziò a inarcarsi. In ottobre 18th Erich Honecker, che aveva guidato lo stato del blocco sovietico per più di 18 anni, si dimise sotto la pressione dei suoi stessi ministri.

Il novembre 9th, il governo ha risposto alla pressione pubblica e ha annunciato piani per aprire checkpoint designati a Berlino. Una volta implementato, qualsiasi tedesco dell'Est che desideri attraversare il muro di Berlino sarebbe libero di farlo.

Il confine si apre

Questo ordine era programmato per entrare in vigore il 17 novembre, ma a causa di un errore nelle comunicazioni, è stato segnalato come efficace immediatamente. Migliaia di civili si sono ammassati in punti critici lungo il muro di Berlino, chiedendo questo Grepo le guardie onorano la promessa del governo e aprono i cancelli.

Incerti dei loro ordini e sotto la pressione della folla, le guardie cedettero e spalancarono le barriere. Migliaia di tedeschi dell'est hanno attraversato il confine. Altri scalarono il muro e abbracciarono i berlinesi dall'altra parte, sedendosi in cima alla struttura e bevendo birra e champagne.

Quella sera, le persone da entrambe le parti hanno iniziato ad attaccare il muro, prima con graffiti e slogan per la pace e poi con strumenti. Individui e piccoli gruppi soprannominati "picchi murari" hanno iniziato ad attaccare la struttura con picconi e mazze. Alcuni cercavano souvenir del muro di Berlino; altri volevano semplicemente partecipare alla sua distruzione.

Risposte internazionali

La caduta del muro di Berlino ha portato i notiziari in tutto il mondo. Le immagini del muro di Berlino scalato, deturpato e smantellato sono state irradiate in milioni di case in tutto il mondo.

Pochi leader hanno perso il significato dell'evento. Margaret Thatcher lo ha definito "un grande giorno per la libertà ... vedi la gioia sui volti delle persone e vedi cosa significa libertà per loro". George Bush, succeduto a Reagan come presidente degli Stati Uniti a gennaio, ha attribuito la scomparsa del muro di Berlino "al popolo stesso" ma si è rifiutato di gongolare, dichiarando che non avrebbe "ballato sul muro".

Mikhail Gorbaciov ha detto molto poco pubblicamente, ma il suo consigliere politico, Anatoly Chernyaev, ha scritto che "l'intera era nella storia del sistema socialista è finita". Le truppe della Germania dell'Est iniziarono a demolire il muro all'inizio del 1990.

Oggi, tre sezioni dell'originale muro di Berlino rimangono in piedi come memoriali, mentre la maggior parte del suo percorso originale lungo 155 chilometri è segnato da mattoni, targhe e piccoli memoriali.

muro della guerra fredda

1. Il muro di Berlino è stato un simbolo della divisione della Guerra Fredda per più di 25 anni. Nel 1987 Ronald Reagan ha visitato Berlino e ha sfidato Mikhail Gorbachev a "abbattere questo muro".

2. I cambiamenti politici che hanno investito l'Europa alla fine degli 1980 hanno visto il governo socialista nella Germania dell'Est subire pressioni significative da parte della sua stessa gente.

3. In ottobre 1989 Erich Honecker si è dimesso da leader della Germania dell'Est e il nuovo governo ha promesso di aprire posti di blocco. Il muro di Berlino è stato violato il novembre 9th, a causa di un malinteso.

4. Ciò ha portato i tedeschi su entrambi i lati a ridimensionare il muro, deturpandolo di graffiti e attaccandolo con picconi e mazze.

5. La caduta del muro di Berlino è stata ampiamente coperta in tutto il mondo. I leader occidentali lo salutarono come una vittoria del popolo tedesco, che aveva scelto la libertà sulla divisione. Il muro fu rapidamente smantellato, aprendo la strada alla riunificazione tedesca.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "La caduta del muro di Berlino"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/fall-of-the-berlin-wall/
Data di pubblicazione: 17 settembre 2020
Data di accesso: 21 aprile 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.