Cina comunista

cina comunista
Mao Zedong proclama la nascita della Repubblica popolare cinese nel 1949

Nel mese di ottobre 1949, i rivoluzionari comunisti guidati da Mao Zedong ha preso il controllo della Cina. La loro vittoria ha annunciato un cambiamento significativo negli affari globali. Con una popolazione di oltre 540 milioni di persone, la nascita della Cina comunista ha aperto un nuovo fronte di guerra fredda in Asia. La Cina avrebbe subito la modernizzazione e una rapida crescita industriale, ma questo era accompagnato da una leadership autoritaria, un rigido controllo sociale ed esperimenti economici culminati in una fame di massa.

I semi della rivoluzione

I semi del Rivoluzione cinese può essere trovato alla fine del 19th e all'inizio del 20th secoli. Erano nazionalisti piuttosto che comunisti.

Considerata a lungo il "drago addormentato" d'Oriente, la Cina era stata un fertile premio per gli imperialisti stranieri. Durante il 1800 arrivarono in Cina europei di diverse nazioni. I mercanti europei commerciavano ampiamente con i cinesi, mentre i missionari cristiani diffondevano le loro credenze religiose e convertivano migliaia di locali.

Verso la fine degli 1800, inglesi, francesi, russi, tedeschi e giapponesi avevano creato sfere di influenza (in effetti, colonie interne) all'interno della Cina. Questo imperialismo straniero portò benefici per alcuni cinesi, ma per la maggior parte produsse solo sfruttamento e miseria.

Nella loro ricerca di profitto e controllo, gli imperialisti stranieri sovvertirono i governanti locali e minarono le strutture sociali della Cina. Gli inglesi hanno sfidato il divieto dei governanti cinesi e hanno introdotto nella regione l'oppio, un narcotico che crea dipendenza. La produzione e il commercio di oppio sono cresciuti in Cina, riempiendo le tasche delle aziende britanniche e trasformando migliaia di cinesi in svogliati tossicodipendenti.

La Cina si sveglia

Lo sfruttamento della Cina da parte di stranieri ha alimentato un nazionalismo emergente. Molti cinesi arrivarono a credere che il loro popolo dovesse lottare per l'indipendenza e la liberazione dal controllo straniero.

Nel 1899, un gruppo che si faceva chiamare Società dei Pugni Giusti e Armoniosi iniziò ad attaccare europei, cristiani e proprietà straniere in Cina. I giornali occidentali si riferivano a questi ribelli come "Boxer", un riferimento al loro uso delle arti marziali. La loro violenza anti-occidentale divenne nota come Boxer Rebellion; è durato due anni prima di essere soppresso da una coalizione di otto nazioni occidentali.

In 1911, un rivoluzione nazionalista rovesciò la dinastia reale cinese, i Qing. La Cina ha iniziato un ottimista ma breve flirt con la democrazia repubblicana. Il nuovo governo, tuttavia, era debole e non è riuscito ad ottenere molto sostegno. Nel 1916 era crollata e la Cina si era dissolta in un mosaico di regioni, controllate da potenti signori della guerra e i loro eserciti privati.

cina comunista
Una cartolina che mostra le potenze europee che sottomettono la ribellione dei pugili

Nazionalisti e comunisti

I primi 1920 videro la nascita di due nuovi partiti politici: il nazionalista Guomindang e Partito comunista cinese (CCP). Entrambi sognavano una nazione libera e indipendente governata dai cinesi senza alcun coinvolgimento politico straniero, ma le loro somiglianze finivano lì.

Il termoprotettore Guomindang era filo-capitalista e sostenuto dai conservatori, dalla classe media, dagli interessi economici e dall'Occidente. Il loro primo leader, Sun Yixian (o Sun Yat-sen), voleva che la trasformazione della Cina in indipendenza, repubblicanesimo e democrazia fosse gestita lentamente e con attenzione.

Il PCC era un gruppo relativamente giovane, formato nel 1921 e ispirato dal successo del Rivoluzione russa. Le turbolenze politiche ed economiche in Cina durante gli anni '1930, insieme all'invasione giapponese della Cina settentrionale, permisero a Mao Zedong e al PCC di costruire sostegno e lavorare per la rivoluzione.

Nei suoi primi anni, il PCC fu ispirato e diretto dal regime sovietico a Mosca. In 1927, il Guomindang e le sue forze armate frenarono i signori della guerra della nazione, riunificando vaste aree della Cina e ripristinando un governo nazionale.

Jiang Jieshi

Il termoprotettore Guomindang leader Jiang Jieshi (o Chiang Kai-shek), un veemente anticomunista, quindi rivolse la sua attenzione al PCC, avviando a massacro di comunisti nella loro base urbana a Shanghai. Migliaia di comunisti furono costretti a rifugiarsi in aree remote, dove si raggrupparono formando soviet (collettivi comunisti).

Con l'aiuto militare degli Stati Uniti e della Germania nazista, Chiang tentò di circondare e distruggere i comunisti. Nel 1934, migliaia di comunisti fuggirono dal loro più grande soviet, Jiangxi, e iniziarono uno scoraggiante viaggio di 8,000 miglia verso lo Shaanxi, nel nord della Cina.

Questa Lunga marcia, come fu successivamente conosciuto, divenne un punto di svolta per i comunisti in Cina. Ha permesso al PCC di evitare la sconfitta e l'annientamento, ma ha anche annunciato l'arrivo di un nuovo leader: Mao Zedong.

Conquista giapponese e guerra civile

In 1937, mentre il PCC stava riformando e costruendo un nuovo Soviet nello Shaanxi, la Cina fu invasa dal Giappone. Ostilità tra il Guomindang e il PCC si allentò, mentre i due gruppi formavano una fragile unione per combattere l'occupazione giapponese.

Dopo che il Giappone si arrese e si ritirò dalla Cina nel 1945, i due gruppi rivali ripresero il conflitto. Anni di corruzione, maltrattamenti e politiche pro-capitaliste avevano reso il governo di Jiang Jieshi impopolare, in particolare tra i 400 milioni di contadini cinesi. Al contrario, il sostegno al PCC e alle sue promesse di riforma agraria e di rispetto per i contadini aumentò vertiginosamente.

I comunisti guadagnarono terreno e, nel 1949, Jiang Jieshi e la sua coorte furono costretti a fuggire nella provincia insulare di Taiwan. Nell'ottobre dello stesso anno, migliaia di persone si sono radunate in piazza Tienanmen, a Pechino, per ascoltare Mao Zedong proclamare la nascita di un nuovo stato comunista: la Repubblica popolare cinese (RPC).

Stati Uniti e Cina

Il governo degli Stati Uniti aveva già le mani piene dell'espansione sovietica in Europa, quindi la vittoria comunista in Cina era profondamente preoccupante.

Agenti americani avevano lavorato con Mao Zedong e il suo gruppo durante gli 1930 quando entrambi erano in guerra con i giapponesi. Ora gli Stati Uniti hanno rifiutato di riconoscere la legittimità di Mao Zedong e del suo governo del PCC. Washington invece ha scelto di trattare con Jiang Jieshi e il Guomindang a Taiwan, vedendoli come il governo in esilio della Cina continentale.

Gli Stati Uniti hanno iniziato a prestare maggiore attenzione al sud-est asiatico. Il successo della rivoluzione in Cina aveva aperto un "fronte orientale" durante la Guerra Fredda. Il comunismo potrebbe ora diffondersi a sud attraverso l'Asia, mettendo radici in stati politicamente vulnerabili come Corea, Vietnam, Malesia e Indonesia. Se questi paesi cadessero sotto i movimenti comunisti, importanti alleati statunitensi come le Filippine, il Giappone del dopoguerra e l'Australia sarebbero isolati ea rischio.

Washington credeva che i comunisti cinesi fossero in gran parte controllati da Mosca. In realtà, Mao Zedong stava tracciando la sua rotta e il suo rapporto con Joseph Stalin era problematico.

Trasformare e modernizzare la Cina

Durante i primi anni '1950, la Repubblica popolare cinese ha abbracciato politiche simili a quelle della Russia stalinista negli anni '1930. Tutte le imprese furono nazionalizzate e la proprietà privata del capitale fu proibita. Pechino ha intrapreso un programma di riforma agraria, sequestrando la proprietà dai proprietari e ridistribuendola ai contadini; i proprietari furono processati e diffamati prima delle riunioni del villaggio e molti di loro furono giustiziati.

La principale priorità del nuovo governo era quella di strappare la Cina dall'agricoltura medievale attraverso l'industrializzazione e la tecnologia moderna. Pechino ha alimentato questa rinascita industriale con materie prime, macchinari e migliaia di esperti tecnici dalla Russia sovietica.

In 1953, il governo del PCC ha avviato il suo primo piano quinquennale, un programma economico che ha fissato obiettivi ambiziosi per la crescita industriale e tecnologica in Cina. Questo programma ha avuto generalmente successo, producendo drammatici aumenti nella produzione di ferro e acciaio, elettrificazione, estrazione del carbone, infrastrutture e progetti di costruzione.

La forza militare della Cina è aumentata in linea con le sue capacità industriali. Lo sviluppo della Cina fu così rapido che alla fine del 1964 lanciò la sua prima arma nucleare e si unì a Stati Uniti, URSS, Gran Bretagna e Francia come membro del "club nucleare".

Il "grande balzo in avanti"

cina comunista
Contadini cinesi durante le fallite riforme economiche degli ultimi 1950

Ma come nella Russia sovietica, la corsa della Cina alla modernità ha avuto un costo umano enorme. Il secondo piano quinquennale del governo (1958-62) - soprannominato il "Grande balzo in avanti" da Mao Zedong - fu disastroso sotto ogni punto di vista.

Dopo i progressi economici della metà degli anni Cinquanta, Mao divenne ancora più ambizioso. Lavoro e risorse sono stati reindirizzati alla produzione industriale in modo che la Cina potesse "raggiungere l'Occidente" in pochi anni.

The Great Leap Forward ha fissato obiettivi e quote di produzione quasi impossibili. Ciò ha esercitato pressioni su manager e lavoratori, che hanno presentato dati di produzione esagerati o falsificati. La diversione dei lavoratori dall'agricoltura al settore industriale ha causato il declino della produzione alimentare, un problema aggravato da una serie di gravi eventi meteorologici e catastrofi naturali.

La crescita industriale della Cina è stata di conseguenza sovrastimata, mentre alcune parti del paese sono state colpite da gravi carenze alimentari. Ciò ha portato a una devastante carestia che ha ucciso almeno 10 milioni e forse fino a 30 milioni di cinesi, la maggior parte dei quali contadini.

La rivoluzione culturale

Il fallimento del Grande Balzo in avanti ha portato il PCC a mettere da parte Mao Zedong dalle decisioni politiche. Ha mantenuto le sue posizioni titolari nel partito e, soprattutto, il suo prestigio con il popolo cinese.

Mao tornò alla ribalta nel 1966 organizzando una campagna contro i cosiddetti "di destra" (controrivoluzionari) nel partito, nel governo e nelle università. Questa campagna si è evoluta nel Grande rivoluzione culturale proletaria, un movimento di massa dominato da giovani studenti.

Assolutamente leali a Mao e alle sue idee, questi studenti militanti formarono brigate in uniforme chiamate il Guardie rosse. Si sono mobilitati a sostegno di Mao e hanno formato bande per denunciare, intimidire e terrorizzare i suoi presunti nemici. Tra quelli presi di mira dalle Guardie Rosse c'erano i rivali politici di Mao, insegnanti e docenti di mentalità liberale, burocrati governativi, diplomatici e ambasciate straniere. Alcune Guardie Rosse sono arrivate a denunciare e tradire i propri genitori per essere critici nei confronti di Mao.

La Rivoluzione Culturale non solo ripristinò l'autorità e il controllo di Mao sulla Cina, ma creò anche anni di autoritarismo politico, sconvolgimento sociale e paralisi economica.

Il punto di vista di uno storico:
“Mao Zedong annunciò nell'estate del 1949 che 'non poteva esserci una terza strada' e che la Cina doveva appoggiarsi da una parte, verso il campo comunista, durante la Guerra Fredda. Date le circostanze non c'erano alternative per il nuovo regime cinese non consolidato, sebbene Mao fosse attento a non escludere la possibilità di prestiti "in termini di mutuo vantaggio in futuro" dalle potenze capitaliste ... Mao avrebbe potuto supporre che la Guerra Fredda le pressioni per l'unità nel blocco comunista sarebbero utilizzate per forgiare un accordo di lavoro durevole tra Cina e URSS, in cui la Cina non sarebbe un semplice satellite ... "
Alan Lawrance, storico

Cina della guerra fredda

1. Fino ai primi 1900, la Cina era un impero debolmente governato, dominato e sfruttato dalle potenze occidentali. Da 1927 la Cina era governata dal nazionalista Guomindang, guidato da Jiang Jieshi.

2. Il Partito comunista cinese è stato formato in 1921. Dopo anni di lotte e guerre civili, i comunisti alla fine ottennero il controllo della Cina nell'ottobre 1949.

3. La vittoria comunista in Cina ha creato un cambiamento radicale nella guerra fredda. Precedentemente focalizzato sull'Europa, gli Stati Uniti e l'Occidente ora hanno iniziato a temere la diffusione del comunismo in tutto il sud-est asiatico.

4. Nel frattempo, il regime comunista in Cina ha adottato importanti riforme economiche, cercando di trasformare la propria nazione da un'economia agricola arretrata a potenza industriale e militare.

5. Questo processo ha avuto successo ma ha avuto un costo umano enorme. Il grande balzo in avanti di Mao Zedong (1958-62) ha innescato una carestia mortale che ha ucciso fino a 30 milioni di persone. Successivamente, la sua Rivoluzione Culturale (1966) paralizzò e terrorizzò la nazione.

fonti della guerra fredda

Mao Zedong dichiara una nuova Repubblica popolare cinese (1949)
Un membro delle Guardie rosse si ribella al suo insegnante (1966)
Una ragazza denuncia i suoi genitori durante la Rivoluzione Culturale (1968)

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Cina comunista"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/communist-china/
Data di pubblicazione: 11 settembre 2020
Data di accesso: 20 Maggio 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.