Il blocco sovietico crolla

crollo del blocco sovietico
Un manifestante alza un pugno ribelle durante le rivolte in Romania

Gli anni '1980 furono un decennio critico della Guerra Fredda. Indeboliti da anni di scarsa performance economica e stagnazione, i governi filo-sovietici dell'Europa orientale si sono trovati di fronte al crescente sindacalismo, movimenti popolari e richieste di riforme. Il crollo del blocco sovietico si è svolto rapidamente nel 1989 quando uno dopo l'altro questi governi socialisti si sono arresi ai venti del cambiamento.

sfondo

Alla fine degli 1980, i venti del cambiamento soffiavano attraverso l'Europa orientale. Leader sovietico Di Mikhail Gorbachev politiche riformiste, volume e perestroika, ebbe un effetto significativo non solo sul suo paese ma sul resto del blocco sovietico.

Dopo quattro decenni di vita nella morsa ferrea del socialismo, la gente comune nelle nazioni del blocco sovietico chiedeva - e spesso chiedeva - cambiamenti e libertà. Dalla Polonia alla Romania, le città del blocco sovietico sono state attanagliate da scioperi, proteste e manifestazioni pubbliche. La maggior parte chiedeva la liberalizzazione politica e le riforme economiche, almeno alla pari di quelle promulgate nella Russia di Gorbaciov. Senza il sostegno di Mosca, i governi socialisti nei paesi del blocco sovietico non avevano altra scelta che piegarsi alla pressione pubblica.

L'anno 1989 è stato particolarmente significativo poiché, una dopo l'altra, diverse repubbliche ex sovietiche hanno mosso i primi passi verso la libertà, l'indipendenza e l'autogoverno. Per la maggior parte, questa ondata di rivoluzioni - soprannominata da alcuni l '"autunno delle nazioni" - si è svolta pacificamente con poco o nessun spargimento di sangue.

La Polonia e la "Solidarietà"

crollo del blocco sovietico
Lech Walesa, leader del movimento di solidarietà polacco

La Polonia è stata una delle prime nazioni divise dalla Guerra Fredda - ed è diventata la prima nazione a scrollarsi di dosso il comunismo.

Quella della Polonia è stata una lotta lunga e protratta, che ha attraversato la maggior parte degli anni '1980. Al centro dell'anticomunismo polacco c'era un sindacato chiamato Solidarnosc ('Solidarietà') e il suo coraggioso leader, Lech Walesa. Solidarnosc crebbe in popolarità dopo anni di repressione politica, carenza di cibo e merci e condizioni di lavoro disastrose. Di 1981, il movimento vantava oltre nove milioni di membri.

Il regime comunista della Polonia ha risposto ai disordini guidati dai sindacati implementando la legge marziale e dichiarando Solidarnosc un corpo illegale; i suoi membri furono gettati in prigione o offrirono l'emigrazione nel paese di loro scelta.

A metà 1988, i lavoratori polacchi hanno iniziato un'ondata di scioperi. Una delle loro condizioni era la revoca del divieto Solidarnosc, che aveva continuato il suo lavoro "clandestino" per tutti gli anni '1980. Il governo ha finalmente fatto marcia indietro nell'aprile 1989, permettendo Solidarnosc riformare legalmente e accettando di tenere elezioni libere a giugno. Solidarnosc i candidati sono stati portati al potere in queste elezioni, vincendo 99 per cento dei seggi.

Entro agosto 1989 la Polonia aveva un primo ministro non comunista e, a dicembre 1990, Solidarnosc il leader Walesa è stato eletto presidente nazionale.

L'Ungheria cade

vento del cambiamento
I ministri ungheresi e austriaci aprono i loro confini a maggio 1989

L'Ungheria fu il prossimo domino a cadere. Nei tre decenni trascorsi dal Insurrezione 1956, L'Ungheria aveva preso una strada relativamente moderata. Il leader filo-sovietico dell'Ungheria János Kádár fu brutale nella sua repressione dell'opposizione politica dopo aver preso il potere ma la sua posizione moderata a metà degli 1960.

Kádár mantenne la maggior parte dei controlli economici socialisti ma cercò di aumentare la produzione di cibo e beni di consumo. Alcuni osservatori hanno soprannominato la politica di Kádár "comunismo gulasch" perché combinava l'economia socialista centralizzata con elementi di libero scambio. Il tenore di vita in Ungheria è migliorato, mentre sono stati anche allentati i controlli sociali come la censura.

Kádár è stato sostituito come leader a metà 1988, innescando un'ondata di manifestazioni pubbliche e riforme politiche interne. Il governo ungherese iniziò a negoziare con i partiti non comunisti, che erano riemersi dopo anni di divieto.

Nel maggio 1989, il governo ha sbalordito i suoi vicini del blocco sovietico abbattendo la barriera di confine con l'Austria e consentendo la libera circolazione tra i due paesi. Il ritiro del comunismo da parte dell'Ungheria è stato compiuto nel marzo 1990, con le prime elezioni libere del paese in più di 40 anni.

Cecoslovacchia

Gli ultimi mesi del 1989 videro anche alcuni significativi cambiamenti politici in Cecoslovacchia.

Nei due decenni seguenti il ​​famoso Primavera di Praga di 1968, la Cecoslovacchia divenne un luogo dove nessuno osava parlare contro il governo o il socialismo. Quelli che lo hanno fatto sono stati inseriti nella lista nera, licenziati dal lavoro o espulsi da scuola o università.

La polizia di sicurezza dello stato cecoslovacco (StB) teneva d'occhio i sospetti dissidenti e gli scrittori molesti messi a tacere. Ma come notizia di Gorbaciov volume increspato in Cecoslovacchia, il popolo divenne più audace nelle parole e nelle azioni mentre il governo Husak divenne meno propenso a reprimere i suoi critici.

Le manifestazioni studentesche a Praga a metà novembre 1989 si trasformarono rapidamente in manifestazioni pubbliche e scioperi sindacali. Nel giro di due settimane il governo si piegò alle pressioni e redasse lo status della Cecoslovacchia come stato monopartitico. La Rivoluzione di velluto, come divenne nota, si concluse con il rilascio dalla prigione del drammaturgo liberale Vaclav Havel. Havel è stato eletto alla presidenza della nazione il 29 dicembre 1989.

Bulgaria

vento del cambiamento
Studenti bulgari che protestano contro il socialismo in 1989

Un regime comunista aveva governato la Bulgaria, in gran parte incontrastato, dal 1946. Come l'Ungheria, i governanti comunisti della Bulgaria hanno permesso una certa liberalizzazione economica durante gli anni '1960. Gli agricoltori ei produttori bulgari, ad esempio, potrebbero vendere piccole quantità di beni in eccesso a scopo di lucro.

La Bulgaria aveva molti bar e caffè e una maggiore enfasi su articoli di lusso come cioccolato e sigarette; persino alcuni beni americani come la Coca-Cola potrebbero essere acquistati nelle città bulgare. Tutto ciò ha reso la Bulgaria una destinazione turistica popolare per i cittadini di altri paesi del blocco sovietico. Nonostante questa diversità, il Partito Comunista Bulgaro ha governato autocraticamente, sopprimendo scrittori, giornalisti e accademici dissidenti.

Gli sviluppi altrove nel blocco sovietico diedero luogo a grandi manifestazioni pubbliche nella capitale bulgara Sofia nel novembre 1989. Nel febbraio 1990, il Partito Comunista Bulgaro aveva lasciato la presa al potere, portando alle prime elezioni libere della nazione quattro mesi dopo.

Il primo presidente non comunista della Bulgaria, Zhelyu Zhelev, prese il potere nell'agosto 1990. Zhelev era stato uno stridente critico del socialismo sovietico, paragonando il suo autoritarismo al nazismo in Germania e al fascismo in Italia.

Ceausescu rovesciato

La repubblica socialista di Romania era a casa a Nicolae Ceausescu, uno dei pochi dittatori stalinisti rimasti al mondo.

Ceausescu è salito al potere in Romania nel 1965 ed era inizialmente popolare per la sua disponibilità a lavorare con i governi occidentali. Si è persino opposto a Mosca, rifiutandosi di partecipare al blocco sovietico 1968 invasione della Cecoslovacchia.

Nella sua terra, tuttavia, Ceausescu era un tiranno protetto da un ingannevole culto della personalità e dal forte 80,000 Sicurezza, probabilmente la forza di polizia segreta più brutale d'Europa. Negli anni '1980, la determinazione di Ceausescu a ripagare il debito estero della Romania generò enormi carenze alimentari interne. Nel 1988 e nel 1989, mentre altri stati comunisti stavano riformando e liberalizzando, la Romania di Ceausescu stava diventando più oppressiva e austera.

A metà dicembre 1989, il popolo rumeno aveva tollerato abbastanza. Gli animi divamparono mentre Ceausescu stava affrontando una manifestazione politica nella capitale Bucarest, i disordini si stavano rapidamente espandendo in una rivoluzione. Ceausescu e sua moglie hanno tentato di fuggire ma sono stati arrestati pochi giorni dopo. Sono stati sottoposti a un frettoloso processo farsa e giustiziati, portando una delle peggiori dittature europee della Guerra Fredda a una fine poco dignitosa.

Piazza Tiananmen

vento del cambiamento
L'immagine iconica di un manifestante solitario in Piazza Tiananmen, 1989

La spinta verso riforme democratiche e liberali è arrivata addirittura fino a Cina comunista. A differenza dell'Europa orientale, tuttavia, non c'è stato un lieto fine per i dissidenti cinesi.

Il 17 aprile 1989 circa 5,000 studenti cinesi si radunarono in piazza Tiananmen a Pechino, chiedendo un cambiamento politico e una maggiore responsabilità da parte del governo. A metà maggio, il raduno era cresciuto in circa 300,000 manifestanti, principalmente studenti delle scuole superiori e universitari.

In un primo momento, il governo comunista ha tentato di contrattare con i manifestanti, ma senza successo. Nel frattempo, i numeri hanno continuato a crescere mentre i manifestanti sono stati raggiunti in piazza Tienanmen da civili, lavoratori, persino alcuni membri dell'esercito.

Riconoscendo i pericoli, Pechino ha deciso di agire. Il 20 maggio il governo ha dichiarato la legge marziale e ha mobilitato carri armati e soldati per ripulire piazza Tienanmen, ormai drasticamente sovraffollata. Entro il 5 giugno l'esercito cinese aveva ripulito la piazza dai manifestanti. Ben 2,500 persone sono state uccise mentre innumerevoli altre sono state ferite o picchiate. I leader studenteschi della rivolta furono cacciati, arrestati e probabilmente giustiziati.

guerra fredda

1. Le riforme di Mikhail Gorbachev nell'Unione Sovietica si sono increspate in Europa, minando i governi socialisti nelle nazioni del blocco sovietico e spingendo richieste di cambiamento.

2. I primi sviluppi si sono verificati in Polonia, dove il leader sindacale Lech Walesa e il movimento popolare Solidarnosc ha guidato la spinta alla riforma politica.

3. Manifestazioni popolari hanno portato a cambiamenti politici altrove. Ci furono riforme liberali e cambi di governo nelle nazioni del blocco sovietico come l'Ungheria, la Cecoslovacchia e la Bulgaria.

4. Non tutti i regimi comunisti sono andati così facilmente. In Romania, il regime autoritario di Nicolae Ceausescu ha dovuto essere costretto al potere a seguito di una rivoluzione nel dicembre 1989.

5. La spinta per le riforme liberali ha raggiunto anche la Cina, dove più di studenti e civili 250,000 si sono radunati per protestare in Piazza Tiananmen. Il governo cinese ristabilì il controllo dichiarando la legge marziale, inviando truppe e carri armati e prendendo di mira i dissidenti.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Il blocco sovietico crolla"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/soviet-bloc-collapses/
Data di pubblicazione: 16 settembre 2020
Data di accesso: Luglio 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.