Rilassamento

distensione
Richard Nixon (a destra) incontra Leonid Brezhnev durante Rilassamento

Durante gli anni ’1960 si verificò un leggero ma evidente allentamento delle tensioni tra gli Stati Uniti, l’Unione Sovietica e alcuni dei loro alleati. Questo disgelo decennale nelle relazioni internazionali è conosciuto con vari nomi. In Occidente si chiamava Rilassamento, nella Russia sovietica razryadka e nella Germania occidentale Ostpolitik. Il periodo di Rilassamento ha visto migliori comunicazioni e un maggiore livello di rispetto tra le superpotenze nucleari. Mentre Rilassamento non ha posto fine alla Guerra Fredda, ha prodotto alcuni risultati significativi. La disponibilità di entrambe le superpotenze a comunicare ha portato a vertici sulla riduzione degli armamenti, alla firma di accordi contro la proliferazione nucleare e a una riduzione delle scorte di armi nucleari. Ci fu un riconoscimento politico delle nazioni comuniste da parte dell’Occidente, il più significativo dei quali fu Richard Nixon1972 visita a Cina comunista. Rilassamento ha anche portato a una migliore diplomazia e persino alcuni accordi economici e commerciali minori tra Oriente e Occidente. Rilassamento fu un periodo di comprensione e mutua accettazione da parte di entrambi i superpoteri della Guerra Fredda. Mentre i loro sistemi ideologici ed economici li hanno resi incompatibili, entrambi hanno riconosciuto la necessità di negoziare, scendere a compromessi e lavorare insieme.

Esistono opinioni diverse sulla natura della guerra fredda Rilassamento. A certi, Rilassamento ha semplicemente segnato una normalizzazione nei rapporti tra le superpotenze; divenne impossibile per i leader mantenere l’ostilità e la belligeranza che esistevano da un quarto di secolo. Alcuni attribuiscono questo cambiamento di atteggiamento a un cambio di leadership. Nel primo decennio della Guerra Fredda, la politica estera era stata definita da ideologi assertivi come Joseph Stalin, Harry Truman e John Foster Dulles. Alla fine degli 1960 e dei primi 1970, tuttavia, questi uomini erano spariti da tempo. Erano stati sostituiti da pragmatici politici come Richard Nixon e Leonid Brezhnev. RilassamentoI leader dell’epoca dovettero anche lottare con questioni interne e con le lotte della Guerra Fredda. I cambiamenti e le condizioni economiche hanno reso la spesa per gli armamenti e lo scontro diretto costosi, pericolosi e impopolari. I governi hanno dovuto trovare modi nuovi, più sofisticati e sottili per condurre la Guerra Fredda. Raymond Garthoff sostiene questa idea, suggerendolo Rilassamento ha rappresentato un cambiamento nella metodologia, non una "chiusura" della Guerra Fredda:

“Non si può dire che gli accordi [di distensione] abbiano svolto un ruolo sostanziale nell'influenzare il corso della Guerra Fredda e la sua soluzione definitiva. Non hanno avuto alcun effetto di indebolimento sulla determinazione o sul comportamento degli Stati Uniti o dell'Occidente, come alcuni critici avevano temuto, né si può dimostrare che abbiano moderato la ricerca del vantaggio ... poiché entrambi hanno continuato a condurre la Guerra Fredda. La distensione era un modo più sofisticato e meno bellicoso di condurre la guerra fredda, piuttosto che un'alternativa ad essa ".

Alcuni dei fattori che hanno contribuito alla crescita di Rilassamento inclusi:

distensione
Un cartone animato americano raffigurante la relazione di superpotenza durante distensione

Paure per le armi nucleari. Crisi missilistica cubana di 1962 ha innescato paranoia e preoccupazione pubblica riguardo ai pericoli di una guerra nucleare. Nel corso del tempo, le potenze nucleari sono state sottoposte a pressioni internazionali per ridurre le scorte di testate nucleari e sistemi missilistici. Gruppi di pressione come la Campagna per il disarmo nucleare (CND, fondata nel 1957) e Greenpeace (fondata nel 1971) hanno esercitato pressioni contro l’ulteriore produzione e proliferazione di armi nucleari. Le scorte americane di armi nucleari raggiunsero il picco di oltre 30,000 a metà degli anni ’1960, per poi lentamente diminuire. Nel luglio 1968 Stati Uniti, Unione Sovietica e Gran Bretagna firmarono il Trattato di non proliferazione, un accordo internazionale per limitare la diffusione delle armi nucleari e lavorare al disarmo nucleare.

Fattori economici. La corsa agli armamenti della Guerra Fredda fu un affare costoso per entrambe le superpotenze. Sia gli Stati Uniti che l’Unione Sovietica dovettero affrontare ulteriori, seppure contrastanti, problemi economici durante gli anni ’1970. L’America ha speso miliardi di dollari per il suo coinvolgimento in Vietnam, mentre l’embargo petrolifero dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) del 1973 ha portato anche a interruzioni nella fornitura di petrolio, prezzi più alti del carburante, un crollo del mercato azionario e altri effetti dannosi sull’economia statunitense. L’economia sovietica, che era cresciuta rapidamente negli anni ’1950 e ’1960, iniziò a rallentare dopo il 1970. Particolarmente preoccupante fu la mancanza di crescita nel settore agricolo, che causò un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari tra il 50 e il 100%. Il dover sostenere diversi stati del blocco sovietico in fallimento pose ulteriori tensioni sull’economia russa.

distensione
I neozelandesi protestano contro le navi da guerra nucleari statunitensi nel Pacifico

Questioni domestiche. Durante Rilassamento, entrambe le grandi potenze furono distratte da problemi interni che distolsero l'attenzione dalla politica estera. Negli Stati Uniti, l’opposizione interna al Guerra del Vietnam e le vittime militari subite lì limitarono la possibilità di una forte azione militare in altre parti del mondo. All'inizio degli anni '1970 l'America fu distratta anche dallo scandalo Watergate, che si concluse nel 1974 con le dimissioni di Richard Nixon. L’Unione Sovietica era preoccupata per i problemi economici, come il calo dei raccolti, l’opposizione interna e i problemi all’interno del blocco sovietico. Breznev affrontò l'opposizione ritirando alcune delle riforme liberali attuate dal governo Nikita Krusciov, espandendo i poteri del KGB e rafforzando il controllo e la censura della stampa.

La divisione sino-sovietica. Nel corso degli anni '1960, le differenze ideologiche e gli eventi politici interni causarono l'allontanamento dell'Unione Sovietica e della Repubblica popolare cinese. Nel 1967 Mosca e Pechino si parlavano a malapena. Due anni dopo, gli scontri al confine tra soldati russi e cinesi minacciarono di far precipitare le due potenze nucleari in una guerra su vasta scala. Successivamente è stato rivelato che la Russia sovietica aveva sviluppato più piani di battaglia nucleare contro la Cina che contro gli Stati Uniti. I pianificatori americani videro dei vantaggi nell’incoraggiare e ampliare il mercato Spaccatura sino-sovietica. Lo hanno fatto con mezzi segreti e diplomatici, come la visita di Richard Nixon in Cina nel 1972.

ostpolitik
Il leader della Germania occidentale Willy Brandt (a sinistra) incontra il premier della Germania orientale Willi Stoph nel 1970

Ostpolitik. Nella Germania Ovest, le elezioni del 1969 Willy Brandt mentre il cancelliere annunciava un nuovo approccio alla guerra fredda lì. Brandt era più di sinistra rispetto ai precedenti leader della Germania occidentale, sebbene lontano da un comunista. Ha favorito il riavvicinamento, o il ripristino di relazioni amichevoli, con Germania Est e altre nazioni del blocco sovietico. La politica estera di Brandt, soprannominata Ostpolitik (In tedesco "politica orientale"), è stato un tentativo più pratico e realistico di colmare il confine Cortina di ferro. Il passo più importante, sosteneva Brandt, era consentire e incoraggiare accordi commerciali con la Germania dell’Est. Credeva che questi nuovi legami commerciali avrebbero incoraggiato una maggiore comunicazione e uno scambio culturale, rendendo le nazioni del blocco sovietico meno difensive e più aperte alle riforme. Quello di Brandt Ostpolitik era molto impopolare con i conservatori, sia nella Germania occidentale che a livello internazionale, tuttavia ebbe generalmente successo e svolse un ruolo importante nel ridurre le tensioni europee. Ostpolitik si riferiva anche a un approccio simile adottato da Papa Paolo VI e dal Vaticano, che cercavano una maggiore comunicazione con i leader delle nazioni del blocco sovietico.

“All'inizio degli anni '1970 l'amministrazione Nixon affermò che l'era dello “scontro” con l'Unione Sovietica era finita e che stava iniziando l'era del “negoziato”. Nel 1981 l’amministrazione Reagan entrò in carica non con l’impegno a negoziare con l’Unione Sovietica ma con la promessa di ripristinare la forza e il prestigio americano. Gli anni ’1970 furono caratterizzati dall’amministrazione entrante come un “decennio di abbandono” in cui gli Stati Uniti – sedotti e accecati dalla distensione e ostacolati dal Vietnam e dal Watergate – non erano riusciti a provvedere alla propria sicurezza”.
Mike Bowker, storico

L'inizio di Rilassamento prodotto numerose visite internazionali e conferenze bilaterali. A 1972, con la guerra del Vietnam ancora in atto, il presidente americano Richard Nixon ha visitato la Cina comunista, dove ha incontrato il dittatore cinese malato Mao Zedong. Il viaggio di Nixon sorprese il mondo e portò al ripristino delle relazioni diplomatiche tra Washington e Pechino. Alcuni pensavano che l’anticomunista Nixon avesse tradito i propri valori politici, ma la maggior parte degli americani era stanca della guerra del Vietnam e sosteneva il miglioramento delle relazioni con la Cina. La visita di Nixon creò nervosismo anche al Cremlino, e così fu non in buoni rapporti con la Cina e temeva la possibilità di un'alleanza USA-Cina. A maggio 1972, Nixon ha seguito la sua visita in Cina con una visita di stato a Mosca. Ha condotto ampi incontri con il leader sovietico Leonid Brezhnev, firmando accordi commerciali e due trattati per ridurre la produzione di armi. Nixon tornò in Unione Sovietica in 1974, mentre Breznev stesso visitò gli Stati Uniti in 1973.

Richard Nixon incontra il leader comunista cinese Mao Zedong in 1972
Richard Nixon incontra il leader comunista cinese Mao Zedong in 1972

Rilassamento ha prodotto più progressi durante gli 1970. Ad agosto 1975, gli Stati Uniti, l'URSS e 33 altre nazioni hanno firmato il accordi di Helsinki, un accordo non vincolante volto a rafforzare le relazioni tra le nazioni comuniste e l'Occidente. Negli anni ’1970 ci furono anche diversi colloqui sulla limitazione delle armi strategiche (SALT) che produssero due accordi per la riduzione delle armi: SALT I (1972) e SALT II (1979). Due trattati multilaterali firmati da americani e sovietici nel 1972 mettevano fuori legge la produzione di armi biologiche e un numero limitato di missili balistici. Nel 1975 il Corsa allo spazio giunse al termine con il lancio del progetto Apollo-Sojuz, la prima missione spaziale congiunta americano-sovietica. L'Unione Sovietica ha anche aumentato il suo commercio con l'Occidente, importando grandi quantità di grano americano per compensare il crollo della propria produzione agricola. Anche le importazioni sovietiche di beni di consumo occidentali sono aumentate drasticamente, raddoppiando di 1979.

distensione della guerra fredda

1. Rilassamento fu un periodo di ridotta ostilità e miglioramento delle relazioni tra i superpoteri. Cominciò a metà degli 1960 e proseguì negli 1970.

2. Ci sono stati diversi fattori e condizioni che hanno portato a Rilassamento, comprese le paure nucleari, le questioni interne, i cambiamenti nella leadership e il pragmatismo politico.

3. Rilassamento ha determinato una migliore comunicazione tra le due superpotenze. Ciò ha portato a diversi trattati bilaterali e multilaterali e alla visita di Nixon in Cina nel 1972.

4. In Europa si sono allentate anche le tensioni tra le nazioni allineate all’Occidente e quelle del blocco sovietico. Di particolare significato sono stati i Ostpolitik politiche di Willy Brandt della Germania Ovest.

5. Rilassamento non pose fine alla Guerra Fredda, che continuò in conflitti per procura come il Vietnam, tuttavia ridusse il rischio di uno scontro diretto tra USA e URSS.

fonti di distensione della guerra fredda

Il Trattato di Mosca tra l'URSS e la Germania Ovest (agosto 1970)
Richard Nixon annuncia i suoi piani per visitare la Cina (luglio 1971)
L'Accordo sulle quattro potenze di Berlino (settembre 1971)
Una sintesi dell'incontro di Richard Nixon con Mao Zedong (febbraio 1972)
Il trattato di base tra Germania Est e Ovest (dicembre 1972)
Richard Nixon scrive a Leonid Brezhnev (June 1973)
Leonid Brezhnev si rivolge al popolo americano in televisione (giugno 1973)
L'accordo USA-URSS sulla prevenzione della guerra nucleare (giugno 1973)
Gli accordi di Helsinki sulla sicurezza e la cooperazione (agosto 1975)


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “Rilassamento“, Alpha History, accesso [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/detente/.