Enver Hoxha

Enver Hoxha (1908-1985) è stato il dittatore comunista dell'Albania per gran parte della Guerra Fredda. Sotto la guida di Hoxha, l'Albania divenne un modello dell'Europa orientale della Russia stalinista, segnata dalla brutalità e dall'oppressione politica.

enver hoxha

Enver Hoxha è nato nel sud dell'Albania, figlio di un commerciante di tappeti. Ha studiato in una scuola francese a Korce, poi presso l'Università di Montpellier in Francia. Mentre era all'università, Hoxha fu coinvolto nella politica studentesca e scrisse per le newsletter comuniste. Ha ottenuto un lavoro diplomatico a Bruxelles, ma è stato licenziato dopo aver continuato a collaborare con giornali di sinistra. 

Hoxha è tornato in Albania in 1936. Ha lavorato come insegnante di francese fino a quando le forze fasciste italiane non hanno invaso il paese in 1939. Da 1940 Hoxha gestiva una tabaccheria nella capitale albanese Tirana mentre continuava le sue attività comuniste. A novembre 1941 divenne un membro fondatore e leader del Partito comunista albanese.

Durante la seconda guerra mondiale, Hoxha organizzò una forza di guerriglia, ottenendo aiuto e rifornimenti da agenti britannici. Questo si è evoluto in un movimento partigiano chiamato Fronte di liberazione nazionale (NLF). Con Hoxha come capo militare, l'NLF guidò la resistenza armata contro gli italiani e, dopo la metà del 1943, i nazisti.

Quando gli italiani si ritirarono dall'Albania nel 1944, l'NLF conquistò Tirana e istituì un governo provvisorio, con Hoxha come primo ministro. I paesi occidentali riconobbero il governo di Hoxha all'inizio del 1945, tuttavia, questa relazione si inasprì dopo il suo rifiuto di tenere elezioni libere (le elezioni nazionali tenute nel dicembre 1945 consentivano solo candidati comunisti).

Nel gennaio 1946 la nuova assemblea nazionale votò per riformare il paese come Repubblica Popolare d'Albania, quindi iniziò a redigere una costituzione in stile sovietico. Come primo segretario del partito comunista, Hoxha divenne il leader più potente dell'Albania.

Quando Hoxha prese il controllo dell'Albania, il paese era sottosviluppato, privo di infrastrutture e dipendente da forme semifeudali di produzione agricola. Con l'assistenza dell'Unione Sovietica, Hoxha ha implementato una serie di piani quinquennali progettati per industrializzare l'Albania e modernizzare la sua infrastruttura. Nikita Khrushchev's denuncia di Joseph Stalin nel 1956 scoppiò una spaccatura con Hoxha, che aveva modellato la propria leadership su quella di Stalin.

Dopo questo, Hoxha si rivolse al Repubblica Popolare Cinese e imitava la leadership di Mao Zedong. A metà degli anni '1960, Hoxha ha avviato la sua "rivoluzione culturale", eliminando i professionisti dal governo e la religione dalla società albanese. Il culto della personalità di Hoxha si intensificò e il suo governo divenne ancora più opprimente.

La morte di Mao nel 1976 costrinse Hoxha a riallineare ancora una volta la sua politica estera. Nel frattempo, senza un benefattore straniero, l'economia albanese ha ristagnato e la sua gente ha sopportato livelli disastrosi di povertà.

La salute di Hoxha iniziò a peggiorare all'inizio degli anni '1980. Nonostante questo Hoxha mantenne il suo governo repressivo, epurando il governo e il partito da potenziali minacce. Ha subito un grave attacco di cuore ed è morto nell'aprile 1985. Hoxha è stato sostituito dal suo primo ministro, Ramiz Alia, che ha permesso una graduale riforma economica ma ha mantenuto il regime di censura e il culto della personalità di Hoxha. L'Albania è rimasta la nazione più povera d'Europa fino agli anni '1990.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Enver Hoxha"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/enver-hoxha/
Data di pubblicazione: 2 Novembre 2018
Data di accesso: Dicembre 02, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.