La fine della guerra fredda

muro di Berlino
La riunificazione dopo 45 anni di divisione è stata motivo di festa in Germania

Tre eventi hanno segnato la fine della guerra fredda: il caduta del muro di Berlino, la riunificazione della Germania e la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Tutto è avvenuto alla fine di un decennio tumultuoso in cui la gente comune ha messo in discussione la fattibilità del socialismo e dei governi socialisti. Le pressioni esercitate indebolirono ed erose l’autorità politica nelle nazioni del blocco sovietico. Poiché Mosca non richiedeva più l’adesione alle politiche socialiste, questi governi cedettero, consentendo riforme politiche o allentando restrizioni come i controlli alle frontiere. In Germania Est, epicentro della divisione della Guerra Fredda, i disordini popolari portarono al cambio di leadership e al crollo del muro di Berlino (novembre 1989). Nel giro di pochi mesi le due Germanie furono riunite dopo 45 anni di divisione. Nel frattempo anche l’Unione Sovietica era in agonia. Dopo due decenni di stagnazione economica, l'URSS si stava indebolendo internamente. Come storico John Lewis Gaddis mettiamola, l'URSS era un "triceratopo travagliato": rimaneva potente e intimidatorio ma al suo interno "i suoi sistemi digestivo, circolatorio e respiratorio si stavano lentamente ostruendo e poi spegnendosi". Mikhail Gorbachevle riforme gemelle, volume e perestroika, non è riuscito a salvare la bestia.

La caduta del muro di Berlino ha aperto la strada alla riunificazione della Germania. I confini interni tra la Germania dell’Est e quella dell’Ovest, così come quelli all’interno della città divisa di Berlino, furono rapidamente rimossi. Cancelliere della Germania occidentale Helmut Kohl colse l'attimo redigendo un piano in dieci punti per la riunificazione tedesca, senza consultare gli alleati della NATO o i membri del suo stesso partito. Anche se la maggior parte dei tedeschi accolse favorevolmente la mossa, la prospettiva di una Germania riunificata non piacque a tutti. Era particolarmente preoccupante per gli europei più anziani con ricordi persistenti di Nazismo e la seconda guerra mondiale. Primo ministro britannico Margaret Thatcher se ne preoccupava privatamente, così come molti francesi, italiani e persino sovietici. Israele, ora sede di migliaia di persone Olocausto sopravvissuti, è stato l'avversario più vocale della riunificazione tedesca.

riunificazione tedesca
Un sondaggio suggerisce che quasi il 90% dei tedeschi dell'Est approva la riunificazione

Nel marzo 1990, la Germania dell'Est ha tenuto le sue prime elezioni libere, producendo una clamorosa sconfitta per i comunisti. I due stati tedeschi intensificarono la loro cooperazione politica ed economica, concordando una moneta unica (il marco) nel luglio 1990. Erano già in corso i lavori sulle formalità della riunificazione e sulla composizione di un nuovo Stato tedesco. Queste domande sono state finalizzate da Trattato di unificazione, firmato nell'agosto 1990 ed entrato in vigore il 3 ottobre. Un'elezione generale - la prima elezione libera tutta tedesca dal 1932 - si è tenuta nel dicembre 1990. Una coalizione di partiti conservatori cristiani ha vinto quasi la metà dei Bundestag (Parlamento), mentre Helmut Kohl è stato approvato come cancelliere. Negli anni che seguirono, la Germania dissipò le preoccupazioni sul suo passato bellico diventando uno degli stati più prosperi e progressisti d’Europa.

L’Unione Sovietica passa alla storia

muro di Berlino
Un cartone animato americano raffigurante lo scioglimento dell'Unione Sovietica

L’Unione Sovietica rimase l’ultimo bastione del socialismo in Europa, ma anch’essa stava cambiando rapidamente. Le riforme di Gorbaciov della metà degli anni '1980 non riuscirono ad arrestare i problemi critici dell'economia sovietica. Le industrie sovietiche dovettero affrontare una grave carenza di risorse, che portò a un calo della produttività. Nel frattempo, i cittadini sovietici soffrivano di carenza di prodotti alimentari e di beni di consumo forniti dallo Stato, dando vita a un fiorente mercato nero. Le ingenti spese di Mosca per l’esercito, l’esplorazione spaziale e il sostegno degli stati satelliti hanno ulteriormente prosciugato la stagnante economia sovietica. Ulteriori riforme nel 1988 hanno consentito la proprietà privata in molti settori, anche se ciò è avvenuto troppo tardi per ottenere un’inversione di tendenza. Divenne chiaro che l’economia sovietica non poteva riprendersi da sola: aveva bisogno dell’accesso ai mercati occidentali e alle tecnologie emergenti.

La dissoluzione politica dell'Unione Sovietica si dispiegò gradualmente alla fine degli 1980. Una serie di riforme in 1987-88 ha allentato il controllo del Partito comunista sulle elezioni, rilasciato prigionieri politici e ampliato la libertà di parola sotto volume. Al di fuori della Russia, gli Stati baltici (Lettonia, Lituania ed Estonia) si sono battuti per l’indipendenza, mentre in Azerbaigian e Armenia sono state segnalate violenze di matrice separatista. All'inizio del 1990, il Partito Comunista accettò la raccomandazione di Gorbaciov di consentire alle nazioni del blocco sovietico di tenere libere elezioni e referendum sull'indipendenza. Alla fine del 1990, i cittadini di sei stati – Lettonia, Lituania, Estonia, Armenia, Georgia e Moldavia – avevano votato per lasciare l’Unione Sovietica. Anche l'Ucraina, regione di notevole valore economico, dichiarò la propria indipendenza nel luglio 1990. Alle restanti repubbliche sovietiche fu concessa una maggiore autonomia politica ed economica.

Il colpo di stato di 1991 di agosto

“Molti russi simpatizzavano con i cospiratori… perché approvavano la loro motivazione, quella di impedire il disfacimento dell’Unione Sovietica. Dopo che l’euforia iniziale… si fu calmata e la gente cominciò ad affrontare la realtà di un impero sovietico disgregato, subentrò il disincanto. Nel giro di un paio d’anni, la stessa amministrazione Eltsin spinse per una “reintegrazione” delle ex repubbliche sovietiche”.
Amy Knight, storica

Nel 1991 Gorbaciov tentò di ristrutturare e decentralizzare l’Unione Sovietica garantendo ai suoi stati membri maggiore autonomia. Secondo il modello proposto da Gorbaciov, l'URSS diventerebbe l'”Unione delle Repubbliche Sovrane Sovietiche”, una confederazione di nazioni indipendenti che condividono forza militare, politica estera e legami economici. Questi cambiamenti proposti fecero arrabbiare alcuni leader del Partito Comunista, che temevano che avrebbero eroso il potere sovietico e portato al collasso dell’URSS. Nell'agosto 1991 un gruppo di estremisti, tra cui il vicepresidente di Gorbaciov, il primo ministro, il ministro della difesa e il capo del KGB, decisero di agire. Con Gorbaciov al suo dacia in Crimea, il gruppo ha ordinato il suo arresto, ha chiuso i media e ha tentato di prendere il controllo del governo. I golpisti, però, interpretarono male l’umore dell’opinione pubblica, che si espresse a sostegno di Gorbaciov. Il colpo di stato fallì dopo tre giorni e Gorbaciov tornò al potere, anche se con la sua autorità ridotta. Nel Natale del 1991 l’Unione Sovietica era passata alla storia. Fu formalmente sciolta e sostituita da una confederazione più libera chiamata Comunità di Stati Indipendenti.

La morte dell'Unione Sovietica segnò il sipario della guerra fredda. Mentre i regimi comunisti sono rimasti Cina, Corea del nord e Cuba, la minaccia percepita dell’imperialismo sovietico era stata eliminata dal mondo. Tra commentatori e storici infuriò il dibattito su chi fosse responsabile della fine della Guerra Fredda. Alcuni salutarono Gorbaciov e altri riformatori del blocco sovietico come gli artefici del cambiamento e delle riforme. Altri hanno attribuito questo merito ai leader occidentali dalla mentalità forte Ronald Reagan e la Thatcher con la caduta dell’impero sovietico. Alcuni credevano che il comunismo fosse stato sconfitto dalle sue stesse false promesse: si trattava di un sistema economico insostenibile che era crollato dall’interno. C’era del vero in tutte e tre le prospettive. Nei tumultuosi anni ’1980, tuttavia, le persone comuni furono il vero motore del cambiamento. Per decenni i cittadini del blocco sovietico avevano vissuto sotto regimi oppressivi a partito unico e avevano poca o nessuna voce in capitolo nel governo. Sono stati costretti a lavorare, gli è stato negato il diritto di protestare o di parlare e le scelte a disposizione dei loro vicini occidentali. Gli ultimi anni della Guerra Fredda furono segnati da queste persone comuni, che rischiarono la vita per ricongiungersi al mondo libero. La loro determinazione ed eroismo furono notati dal romanziere John Le Carré:

“È stato l'uomo a porre fine alla Guerra Fredda, nel caso non l'avessi notato. Non erano armi, tecnologia, eserciti o campagne. Era solo un uomo. Nemmeno l'Occidente, come è successo, ma il nostro nemico giurato dell'Est, che è sceso in piazza, ha affrontato i proiettili e le manganellate e ha detto: "Ne abbiamo abbastanza". È stato il loro imperatore, non il nostro, che ha avuto il coraggio di salire sul podio e dichiarare che non aveva vestiti. E le ideologie si sono trascinate dietro questi eventi impossibili come i prigionieri condannati, come fanno le ideologie quando hanno avuto il loro tempo ".

Caduta della guerra fredda del muro di Berlino

1. Tre eventi significativi hanno segnato la fine della guerra fredda: la caduta del muro di Berlino, la riunificazione della Germania e lo scioglimento dell'Unione Sovietica.

2. La caduta del muro di Berlino ha portato alla rimozione dei confini tra la Germania orientale e occidentale, mentre il cancelliere della Germania occidentale Helmut Kohl ha iniziato a spingere per la riunificazione dei due stati.

3. Nonostante l'opposizione di alcuni quarti, la riunificazione è proseguita durante 1990. È stato messo a punto dal Trattato di riunificazione (ottobre) e elezioni libere per una sola Germania (dicembre).

4. Accanto a problemi economici e politici interni, l'Unione Sovietica si indebolì durante la fine degli 1980. Dopo un tentativo fallito di colpo di stato da parte di hardliner, l'URSS fu sciolta in 1991.

5. Si discute molto sui fattori che hanno portato alla fine della Guerra Fredda. Alcuni lo attribuiscono alle riforme di Gorbaciov, alla forte leadership in Occidente o all'insostenibilità dei sistemi economici socialisti. Anche il ruolo della gente comune alla fine degli anni '1980 è innegabile.

fonti della guerra fredda

Documento dell'intelligence statunitense: "Il sistema sovietico in crisi" (novembre 1989)
Il trattato di unificazione tedesco (agosto 1990)
Gli hardliner comunisti giustificano il loro tentativo di colpo di stato per sconfiggere Mikhail Gorbachev (agosto 1991)
L'accordo di Minsk dissolve l'Unione Sovietica (dicembre 1991)


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn, Jim Southey e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn et al, “The end of the Cold War”, Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/end-of-the-cold-war/.