Glasnost e perestroika

volume
Mikhael Gorbachev, che ha supervisionato il volume e perestroika riforme

glasnost e perestroika erano i nomi delle riforme significative introdotte dal leader sovietico Mikhail Gorbachev negli anni '1980. Queste riforme seguirono un decennio triste in Unione Sovietica, a causa di stagnazione economica, calo della produzione, carenze significative e un netto calo del tenore di vita. Gorbaciov fu eletto segretario generale del Partito Comunista principalmente per portare avanti riforme economiche che mettessero fine alla stagnazione. Più giovane e meno conservatore dei suoi predecessori Breznev, Andropov e Chernenko, Gorbaciov aveva un ottimo record nel migliorare i risultati economici a livello locale e regionale. Era anche un abile negoziatore che molti speravano potesse promuovere le riforme nell’establishment politico sovietico. Il primo discorso di Gorbaciov ha reso omaggio ai suoi predecessori e ha mantenuto il suo impegno nei confronti del comunismo, ma ha anche accennato a un'agenda riformista. L’Unione Sovietica aveva bisogno di “una svolta decisiva per trasferire l’economia nazionale sui binari dello sviluppo intensivo”, ha detto Gorbaciov agli ascoltatori. Sottolineò anche la necessità di migliori condizioni di vita per i lavoratori sovietici, chiedendo un “miglioramento qualitativo delle condizioni materiali della sua vita e del suo lavoro, della sua costituzione spirituale”.

Gorbaciov iniziò a pianificare un corso di riforma e a discuterne nelle riunioni di partito ad alto livello. Poco dopo essere entrato in carica ne ha sottolineato la necessità uskoreniye ("sviluppo accelerato") per modernizzare l'economia e migliorare l'efficienza e la produttività. In un energico discorso del maggio 1985, Gorbaciov invocò una crescita annua minima del 27%, ma sottolineò che ciò avrebbe richiesto cambiamenti, alcuni dei quali sarebbero stati impopolari. “Chi non intende adeguarsi e costituisce un ostacolo alla soluzione di questi nuovi compiti”, ha aggiunto, “deve semplicemente togliersi di mezzo”. Comprendendo che un cambiamento economico significativo era impossibile sotto l’attuale regime, Gorbaciov cercò di modificare lo stato sovietico e la sua stretta sull’economia. Al 1986° Congresso del Partito Comunista, nel febbraio-marzo XNUMX, il nuovo leader sovietico avanzò la necessità di perestroika o "ristrutturazione". Quindi un'idea generale piuttosto che un piano completamente elaborato, perestroika ha chiesto un significativo decentramento della politica e della produzione economiche sovietiche. La ripresa economica non è stata possibile, ha affermato Gorbachev, con l'attuale livello di pianificazione centralizzata e controllo burocratico.

perestroika gorbachev
Il libro di Gorbaciov del 1987, che delinea gli obiettivi ei metodi della perestrojka

I primi due anni del governo di Gorbaciov furono spesi per costruire consensi perestroika e rimuovere gli ostacoli politici alla riforma. Questo era un compito difficile, dato che la burocrazia sovietica e il Partito Comunista erano popolati di conservatori e comunisti intransigenti. Questa fazione era resistente a qualsiasi politica che sembrasse un passo indietro verso il capitalismo. All'inizio del 1987 Gorbaciov diede un resoconto più completo delle sue idee in un libro intitolato Perestrojka: nuovo pensiero per il nostro paese e il mondo. Ha affermato il suo impegno per il comunismo ma ha sottolineato la necessità di una maggiore fiducia nella gente. L’Unione Sovietica, scriveva Gorbaciov, aveva bisogno del “funzionamento sano e sincero di tutte le organizzazioni pubbliche, di tutti i gruppi di produzione e dei sindacati creativi, di nuove forme di attività dei cittadini e della rinascita di quelle che erano state dimenticate. In breve, abbiamo bisogno di un’ampia democratizzazione di tutti gli aspetti della società. Questa democratizzazione è anche la principale garanzia che i processi attuali siano irreversibili… Vogliamo rinvigorire il fattore umano”.

Come menzionato sopra, perestroika cercò di rilanciare la produzione economica indebolendo la morsa centralizzata di Mosca. Nel 1987 Gorbaciov ebbe abbastanza sostegno per far approvare una legge che consentisse alle fabbriche e ai produttori di determinare la propria produzione, ponendo di fatto fine alle quote di produzione. Queste industrie erano ora in grado di adottare alcune pratiche utilizzate dalle imprese private: stabilire i livelli di produzione, approvvigionarsi di materiali, pagare spese e salari, persino vendere beni in eccedenza. La differenza principale era che le imprese sovietiche erano controllate dai collettivi dei lavoratori piuttosto che dai proprietari privati. Questi cambiamenti fecero ben poco per migliorare l’economia sovietica in difficoltà, quindi Gorbaciov divenne ancora più ambizioso. Identificando la necessità di investimenti di capitale, Gorbaciov permise alle società straniere di investire nell’economia sovietica (giugno 1987), a condizione che questi investimenti assumessero la forma di joint venture e la maggioranza della proprietà rimanesse in mani sovietiche. Ulteriori riforme nel maggio 1988 legalizzarono la proprietà privata della maggior parte delle imprese, oltre a rimuovere le barriere al commercio estero.

“Gorbaciov ha cercato di ridistribuire il potere e il privilegio nell'Unione Sovietica. Ha cercato di attuare una rivoluzione dall'alto e dal basso. Il suo obiettivo principale è stata la burocrazia statale e di partito. Riducendo le proprie funzioni decisionali, le imprese, le cooperative ei singoli produttori acquisiscono un maggiore controllo sulle proprie attività. [Ma] Gorbaciov dovette ammettere che, dopo quattro anni, la ristrutturazione non aveva portato miglioramenti tangibili. Quanto tempo potrebbe durare il grande esperimento prima che la pazienza si esaurisse? "
Martin McCauley, storico

Queste riforme economiche sono state accompagnate da una certa liberalizzazione politica e demokratizatsiia ("democratizzazione"). Frustrato dall'opposizione all'interno del Partito Comunista, Gorbaciov lanciò modifiche costituzionali per indebolire la presa del partito sul governo e sulla politica. Il suo cambiamento più significativo è stata la creazione di un nuovo parlamento nazionale. Il Congresso dei deputati del popolo, come fu chiamato il nuovo organismo, fu istituito nel luglio 1988. Le candidature per i candidati divennero aperte e competitive, consentendo ai cittadini sovietici di selezionare i propri rappresentanti invece di farli nominare dal partito. Ciò segnò la fine dello stato a partito unico, poiché ad altri partiti non comunisti fu consentito di candidarsi. Nelle elezioni per il Congresso dei deputati del popolo dell'inizio del 1989 furono eletti circa 300 candidati riformisti e molti "vecchi comunisti" furono rimossi dal governo. Uno di quelli a partire era Andrei Gromyko, che aveva servito come ministro degli Esteri dell'Unione Sovietica per ben 38 anni. Lo stesso Gorbaciov fu eletto presidente del Soviet Supremo, estendendo il suo potere costituzionale. Sebbene questi cambiamenti lasciassero l’Unione Sovietica ben lungi dall’essere democratica, incoraggiarono livelli più elevati di partecipazione politica e libertà.

glasnost gorbachev
Una vignetta che allude ai rischi delle riforme liberali di Gorbaciov sotto glasnost

Il secondo aspetto delle riforme di Gorbaciov è stato soprannominato volume (Russo per "apertura"). glasnost rimosse le restrizioni all’informazione e al dibattito che erano state una caratteristica della vita sovietica fin dai tempi di Joseph Stalin. Sotto volume, la censura sui media è stata allentata, anche se non completamente abolita. La letteratura precedentemente vietata in URSS era ora consentita. Gli orrori del regime stalinista, una volta repressi e sussurrati in privato, furono esposti e discussi apertamente. Anche i fallimenti politici dei leader precedenti sono stati oggetto di esame e critica. In privato, Gorbaciov sperava che la revoca della censura avrebbe messo in luce gli errori dei governi precedenti, creando sostegno per riforme economiche più ampie. Molti sovietici credevano di vivere in uno stato comunista di successo; Sotto volume, iniziarono a capire quanto fossero tristi le loro vite rispetto a quelle occidentali. glasnost le riforme hanno anche incoraggiato un maggiore coinvolgimento politico e accessibilità. Nel 1989 gli spettatori si sintonizzarono sulle trasmissioni in diretta del Congresso dei deputati del popolo, incontrandosi per la prima volta con membri eletti democraticamente. Sono rimasti sbalorditi nel vedere i deputati criticare i leader del passato e del presente, il governo, la burocrazia, la gerarchia militare sovietica, persino il tanto temuto KGB.

perestroika
Il suo programma di riforme ha reso Gorbaciov una figura popolare sulla scena mondiale, come suggerisce questa vignetta

perestroika e volume segnò un autentico tentativo di rilanciare l’Unione Sovietica creando un’economia mista e una società più libera. Oggi questi cambiamenti sono ampiamente considerati falliti. C'erano una serie di ragioni per questo. Molti esperti ritengono che le riforme economiche di Gorbaciov non abbiano seguito un piano completo ma siano state tentate gradualmente e sperimentalmente. Alcuni ritengono che queste riforme non siano andate abbastanza lontano: hanno lasciato troppo controllo economico nelle mani della burocrazia sovietica, come il potere di fissare i prezzi, regolare i cambi e gestire materie prime e risorse. Le riforme furono ostacolate anche da una diffusa opposizione interna. Elementi della burocrazia sovietica, responsabile dell’attuazione delle riforme, si opposero strenuamente ad esse. Il sistema economico sovietico era fondamentalmente difettoso e necessitava di essere sostituito, non riformato; I cambiamenti frammentari di Gorbaciov non furono sufficienti a rilanciare l’economia – e anzi crearono solo confusione e disagi. Questi problemi economici critici, insieme al cambiamento del panorama politico nel 1989-91, contribuirono alla dissoluzione dell’Unione Sovietica e del fine della guerra fredda.

glasnost della guerra fredda

1. Gli 1970 e gli 1980 sono stati un periodo miserabile per la maggior parte dei cittadini sovietici, che hanno subito una stagnazione economica cronica, gravi carenze alimentari e di merci e l'occupazione dell'Afghanistan.

2. Dopo aver preso il potere nel marzo 1985, Gorbaciov introdusse due politiche riformiste per rilanciare l’economia sovietica. Li ha chiamati volume ("apertura") e perestroika ("ristrutturazione").

3. perestroika mirava a rilanciare l'economia attraverso il decentramento, indebolendo il potere dei pianificatori centrali sovietici e consentendo un maggiore processo decisionale locale e una certa proprietà privata.

4. il volume le riforme hanno portato a un rilassamento della censura e una certa liberalizzazione politica, che ha aumentato il dibattito pubblico, le critiche e il nazionalismo nelle repubbliche sovietiche.

5. Le riforme di Gorbaciov fallirono per diversi motivi. C'era una diffusa opposizione a loro all'interno della burocrazia sovietica. Le riforme sono state anche troppo graduali e frammentarie e non sono riuscite a rilanciare un'economia che necessitava di riforme più radicali e cambiamenti fondamentali.

fonti della guerra fredda

Il discorso inaugurale di Gorbaciov allude alla riforma economica (marzo 1985)


Il contenuto di questa pagina è © Alpha History 2018. Questo contenuto non può essere ripubblicato o distribuito senza autorizzazione. Per ulteriori informazioni, consultare il nostro Condizioni d'uso.
Questa pagina è stata scritta da Jennifer Llewellyn e Steve Thompson. Per fare riferimento a questa pagina, utilizzare la seguente citazione:
J. Llewellyn e S. Thompson, “glasnost e perestroika“, Alpha History, consultato [data odierna], https://alphahistory.com/coldwar/glasnost-and-perestroika/.