Ho sposato un comunista (1949)

Ho sposato un comunista

Ho sposato un comunista, successivamente rilasciato come La donna sul molo 13, è un film americano, diretto da Robert Stevenson e distribuito in 1949. È interpretato da Robert Ryan, Laraine Day, Thomas Gomez e Janis Carter.

Ho sposato un comunista racconta la storia di Brad Collins (Ryan), un dirigente di successo di una compagnia di navigazione. All'insaputa della sua nuova moglie Nan (Day), Collins è un uomo con un passato nascosto. Durante la Grande Depressione, era Frank Johnson, un giovane caricatore con legami comunisti. Mentre lavorava nel New Jersey, le opinioni politiche di Johnson lo trascinarono in una discussione con un amministratore di negozio. Johnson ha ucciso l'uomo ed è fuggito dallo stato, cambiando il suo nome in Brad Collins e trasferendosi a ovest in California. Ha ottenuto un lavoro presso una ditta di spedizioni e ha ricominciato la sua vita.

La nuova vita di Collins viene sconvolta quando incontra Christine (Carter), un'ex fidanzata. Christine è una fotografa di moda che è ancora una comunista attiva, organizza cocktail party glamour in modo da poter sedurre gli uomini e reclutarli nel Partito Comunista. A tal fine inizia una relazione con il fratello di Nan, Don Lowry (Agar).

Collins, nel frattempo, incontra il sinistro capo sindacale e il comunista sotto copertura Vanning. Usando Christine, Vanning ricatta Collins facendogli sabotare i negoziati tra i capi dell'azienda ei sindacati. Lowry scopre la verità su Christine e Vanning, ma viene ucciso da un agente comunista. Le scene clou del film sono un confronto tra i suoi personaggi principali in un magazzino che funge da quartier generale comunista.

Ho sposato un comunista è un esempio di Propaganda della guerra fredda nel cinema postbellico. Combina standard film noir trame - passati nascosti, fallimenti personali e relazioni condannate - con avvertimenti politici poco sottili sui comunisti sovversivi, sindacati problematici e il loro presunto programma segreto.

I due principali comunisti del film sono esilarantemente stereotipati: Christine è una seduttrice vampira e affascinante, mentre Vanning è una spia malevola e esageratamente esagerata. Al contrario, gli uomini d'affari capitalisti del film sono descritti come giusti, onesti e ragionevoli. Collins, che forse funge da metafora dell'America stessa, è combattuto tra i suoi errori passati e la sua nuova vita da uomo d'affari di successo.

Ho sposato un comunista ha ricevuto recensioni negative e non è stato un successo commerciale. In 1950, è stato ripubblicato come La donna sul molo 13 dopo che il pubblico iniziale ha risposto male al suo titolo originale.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Ho sposato un comunista (1949)"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/i-married-a-communist-1949/
Data di pubblicazione: October 29, 2018
Data di accesso: 10 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.