Leonid Brezhnev

Leonid Brezhnev (1906-1982) è stato il leader dell'Unione Sovietica da 1964 fino alla sua morte in 1982.

Breznev

Breznev è nato a Kamenskoye in Ucraina, figlio di un operaio siderurgico e di una casalinga. Come suo padre, ha ricevuto una formazione tecnica in metallurgia e inviato a lavorare nelle fabbriche di acciaio. Breznev si è unito al Komsomol partito della gioventù da adolescente e Partito Comunista (PCUS) in 1929.  

La sua lealtà a Joseph Stalin ha aperto opportunità per il giovane Breznev. Nel 1939 era il segretario del PCUS nella sua città natale. Nel 1941 Breznev si unì all'Armata Rossa come commissario politico. Ha servito per tutta la durata della seconda guerra mondiale e ha raggiunto il grado di maggiore generale. 

L'escalation di Breznev tra i ranghi del PCUS è continuata dopo la guerra. Ha trascorso gli anni Cinquanta lavorando come segretario regionale del partito, e durante questo periodo ha guadagnato l'appartenenza al Comitato Centrale (1950) e al Politburo (1952).

Fino a quando 1963 Breznev era fedele al leader sovietico in carica Nikita Krusciov - ma come altri intransigenti era deluso dalle riforme economiche di Krusciov e dalla sua gestione del crisi dei missili cubani. Breznev sostituì Krusciov come leader sovietico nel 1964 e due anni dopo fu eletto segretario generale del PCUS.

Come leader sovietico, Breznev rianimò alcuni aspetti dello stalinismo, in particolare la sua repressione di critici e dissidenti. La censura della stampa, della letteratura e delle arti fu aumentata; diversi scrittori sovietici furono arrestati e inviati al processo; i poteri investigativi delle agenzie di sicurezza statali come il KGB sono stati ripristinati.

Ancora più devastanti furono le politiche economiche di Breznev, che erano anti-riformiste e spinsero l'Unione Sovietica in un decennio di stagnazione e crescita negativa. Il tenore di vita e la disponibilità di beni di consumo, entrambi migliorati sotto Krusciov, soffrirono sotto Breznev. Ci sono stati anche aumenti significativi di tangenti, corruzione e alcolismo.

Breznev
Breznev con il presidente americano Jimmy Carter, durante il loro vertice 1979

In politica estera, Breznev ha supervisionato un disgelo nelle relazioni USA-Unione Sovietica. Ha tenuto diversi vertici con i presidenti Richard Nixon, Gerald Ford e Jimmy Carter; negoziato entrambi i trattati di limitazione delle armi SALT (1972 e 1979); e ha firmato il accordi di Helsinki (1975).

Breznev visitò gli Stati Uniti in 1973 e divenne direttamente il primo leader sovietico rivolgersi al popolo americano alla radio e alla televisione. Ha anche approvato il Trattato di Mosca, un patto di non aggressione con la Germania Ovest, nel 1970. Per questi motivi Breznev è considerato uno degli artefici della Rilassamento. Tuttavia, non era così compromesso con i dissidenti all'interno del blocco sovietico.

Fu Breznev che ordinò l'invasione della Cecoslovacchia e lo schiacciamento del Primavera di Praga nel 1968. Lo giustificò con la "Dottrina Breznev", dichiarando che l'Unione Sovietica sarebbe intervenuta in altre nazioni socialiste, dove Mosca percepiva che il socialismo era minacciato. Nel 1979 fece nuovamente riferimento a questa dottrina al momento dell'ordine Truppe sovietiche in Afghanistan.

Leonid Brezhnev ha sofferto di cattive condizioni di salute negli ultimi anni del suo dominio. Nel suo ultimo anno (1981-82) non ha partecipato alla maggior parte delle riunioni del governo ed è stato visto raramente in pubblico. Un fragile Breznev fece la sua ultima apparizione pubblica nel novembre 1982, durante una parata in occasione dell'65 anniversario della Rivoluzione d'Ottobre. È morto di infarto tre giorni dopo. Come Stalin, Breznev fu sepolto vicino al muro del Cremlino. Dopo la sua morte la leadership passò all'ex capo del KGB Yuri Andropov.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Leonid Brezhnev"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/leonid-brezhnev/
Data di pubblicazione: October 20, 2018
Data di accesso: Dicembre 04, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.