Storico: Arthur Schlesinger Jnr

Nome: Arthur Schlesinger Jnr

Vissuto: 1917-2007

Nazionalità: Americano

Arthur Schlesinger

Professione (s): Storico, scrittore, consigliere politico

Libri: Che dire del comunismo? (1950) Percorsi del pensiero americano (1963) Mille giorni: John F. Kennedy alla Casa Bianca (1965) Bitter Heritage: Vietnam and American Democracy (1967) Le origini della guerra fredda (1967) La guerra fredda è finita? (1990).

Prospettiva: Ortodossa

Arthur Schlesinger Jnr era uno storico, scrittore e consigliere americano del presidente americano John F. Kennedy.

Nato in Ohio, era il figlio maggiore di Arthur Schlesinger Snr, uno storico di spicco dell'America coloniale e rivoluzionaria.

Il giovane Schlesinger ha frequentato Harvard, dove si è laureato con lode in 1938. Durante la seconda guerra mondiale ha lavorato in intelligence con l'Office of Strategic Services (OSS), il precursore della Central Intelligence Agency.

Dopo la guerra, Schlesinger ha assunto una cattedra ad Harvard. È stato anche coinvolto in politica, lavorando come sceneggiatore per i candidati presidenziali democratici Adlai Stevenson e John F. Kennedy. Schlesinger divenne amico di Kennedy, che lo nominò consigliere speciale del presidente dopo il suo insediamento nel 1961. Dopo l'assassinio di Kennedy, Schlesinger creò forse il racconto più noto della sua presidenza, intitolato Mille giorni.

Il primo libro di Schlesinger sulla Guerra Fredda, pubblicato nel 1970, lo colloca saldamente nel campo ortodosso.

Schlesinger era uno stridente anticomunista che credeva che le origini della Guerra Fredda si trovassero nel marxista-leninismo. L'Unione Sovietica, sosteneva, era fondata su un'ideologia che predicava la rivoluzione e l'espansione mondiale. Le politiche americane furono "la risposta coraggiosa ed essenziale di uomini liberi all'aggressione comunista".

Schlesinger critica gli "universalisti" che cercavano un consenso internazionale che includesse i sovietici quando l'unico interesse di Mosca era quello di espandere e stabilire sfere di influenza. Schlesinger era fortemente critico nei confronti degli storici revisionisti, in particolare la sua nemesi, William Appleman Williams. Li condanna per aver equiparato gli Stati Uniti all'Unione Sovietica, che "non era uno stato nazionale tradizionale" ma "uno stato totalitario ... con un'ideologia che tutto spiega e consuma tutto".

Accusa anche i revisionisti di sottovalutare Joseph Stalin e trattare il leader sovietico "come un altro statista della Realpolitik", quando secondo Schlesinger era dittatoriale, paranoico e piuttosto pazzo.

Citazioni

Arthur Schlesinger

"La visione ortodossa americana, come originariamente esposta dal governo americano e riaffermata fino a poco tempo fa dalla maggior parte degli studiosi americani, è stata che la Guerra Fredda è stata la risposta coraggiosa ed essenziale degli uomini liberi all'aggressione comunista".

“Il marxismo-leninismo ha fornito ai leader russi una visione del mondo secondo la quale tutte le società erano inesorabilmente destinate a procedere lungo strade stabilite da tappe prestabilite fino a raggiungere il nirvana senza classi. Inoltre, data la resistenza dei capitalisti a questo sviluppo, l'esistenza di qualsiasi stato non comunista era per definizione una minaccia per l'Unione Sovietica ... Un'analisi delle origini della Guerra Fredda che lascia fuori questi fattori - l'intransigenza dell'ideologia leninista , le sinistre dinamiche di una società totalitaria e la follia di Stalin - sono ovviamente incomplete ".

“La maggior parte della storia della guerra fredda, specialmente negli Stati Uniti, [è] rimasta di umore eroico. Questo stato d'animo ha due fasi: gli ortodossi negli anni Quaranta e Cinquanta, con i russi come cattivi; e il revisionista negli anni '1940, con gli americani come i cattivi ".

“Nessuno dovrebbe essere sorpreso dal [revisionismo della guerra fredda]. Ogni guerra nella storia americana è stata seguita a tempo debito da una rivalutazione scettica di supposizioni presumibilmente sacre ".

"Il processo di pacificazione dopo la seconda guerra mondiale non era tanto un arazzo quanto un pasticcio di filato irrimediabilmente sfilacciato e annodato".

“Più si contempla la Guerra Fredda, più appare irrilevante l'attribuzione delle colpe. La seconda guerra mondiale ha lasciato l'ordine internazionale in uno squilibrio acuto. Con gli stati dell'Asse sconfitti, gli alleati dell'Europa occidentale spesi, gli imperi coloniali in tumulto e dissoluzione, grandi buchi spalancati apparvero nella struttura del potere mondiale. Solo due nazioni ... avevano la forza militare, la convinzione ideologica e la volontà politica per riempire questi vuoti ".

“La storia della Russia era stata la storia delle invasioni, l'ultima delle quali aveva orribilmente ucciso fino a 20 milioni di persone. Il protocollo della Russia, quindi, significava l'allargamento dell'area di influenza russa. [Kennan] ha definito questo "impulso" una "caratteristica permanente della psicologia russa". "

“Alcuni [storici] sono tornati molto prima della seconda guerra mondiale per aprire le porte all'espansionismo russo. I geopolitici hanno fatto risalire la Guerra Fredda alle ambizioni strategiche della Russia imperiale che nel XIX secolo portarono alla guerra di Crimea, alla penetrazione russa nei Balcani e nel Medio Oriente e alla pressione russa sulla "ancora di salvezza" della Gran Bretagna verso l'India. Gli ideologi l'hanno fatto risalire al Manifesto del Partito Comunista del 19 ".

“Un'analisi delle origini della Guerra Fredda che tralascia questi fattori - l'intransigenza dell'ideologia leninista, le sinistre dinamiche di una società totalitaria e la follia di Stalin - è ovviamente incompleta. Sono stati questi fattori che hanno reso difficile per l'Occidente accettare la tesi che la Russia fosse mossa solo dal desiderio di proteggere la propria sicurezza e sarebbe stata soddisfatta dal controllo dell'Europa orientale ".

“La ragione per cui la Guerra Fredda non è mai esplosa in una 'guerra calda' è stata sicuramente, e per provvidenziale ironia, l'invenzione delle armi nucleari. Uno è incline a sostenere il suggerimento che il premio Nobel per la pace sarebbe dovuto andare alla bomba atomica ".

“Sia i russi che gli americani arrivarono a vedere la Guerra Fredda come un duello tra due superpotenze ... Ma la riduzione della Guerra Fredda a un gioco bilaterale giocato dall'Unione Sovietica e dagli Stati Uniti è un errore. Le nazioni d'Europa non erano spettatori alla partita di qualcun altro. Anche loro erano giocatori ".

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: Arthur Schlesinger, Jnr"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/historian-arthur-schlesinger-jnr/
Data di pubblicazione: October 29, 2018
Data di accesso: 06 Agosto 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.