Storico: William Appleman Williams

Nome: William Appleman Williams

Vissuto: 1921-1990

Nazionalità: Americano

William Appleman Williams

Professione (s): Accademico, storico

Libri: Relazioni russo-americane 1781-1947 (1952), La tragedia della diplomazia americana (1959) I contorni della storia americana (1961) Gli Stati Uniti, Cuba e Castro (1962) Le radici del moderno impero americano (1969) Gli americani in un mondo che cambia: una storia degli Stati Uniti nel ventesimo secolo (1978).

Prospettiva: Revisionista

William Appleman Williams è stato uno dei più importanti storici americani del XX secolo.

Bill Williams è nato e cresciuto in una piccola città nel sud-ovest dell'Iowa. Suo padre, un aviatore dell'esercito, è stato ucciso in un incidente aereo quando Williams aveva sette anni. Williams si arruolò nell'esercito durante la seconda guerra mondiale e studiò ingegneria presso la US Naval Academy.

Dopo la guerra, ha studiato storia all'Università del Wisconsin. La sua tesi di dottorato, completata in 1950, si è concentrata sulla storia delle relazioni russo-americane.

Dopo la laurea, Williams prese incarichi accademici in Pennsylvania, Ohio e Oregon, prima di tornare in Wisconsin nel 1957. Le sue lezioni divennero popolari tra gli studenti del Wisconsin, che apprezzarono lo stile di insegnamento schietto e coinvolgente di Williams e la sua volontà di sfidare le opinioni ortodosse. Tornò alla Oregon State University nel 1968, rimanendovi fino al suo pensionamento due decenni dopo.

Williams fu un pioniere della scuola revisionista della storia della guerra fredda. In 1959, ha pubblicato La tragedia della diplomazia americana, una critica accanita della politica estera degli Stati Uniti nel 20 secolo.

Dal punto di vista di Williams, gli Stati Uniti erano una potenza imperiale tormentosa che cercava di arricchirsi ulteriormente attraverso l'espansione e il commercio. La sua politica estera è servita a questo obiettivo forzando l'apertura dei confini economici di altri paesi, consentendo alle aziende americane di accedere ai loro mercati (Williams ha definito questa politica una "porta aperta"). La politica estera americana non si preoccupava di diffondere la democrazia o il liberalismo, ma di espandere il capitalismo e il libero scambio.

La "tragedia" a cui si riferisce Williams è che, imponendo la propria volontà ad altre nazioni, gli Stati Uniti stavano tradendo la libertà e l'autodeterminazione che pretende di avanzare. Ne consegue che Williams considera gli Stati Uniti i principali responsabili dell'accensione della Guerra Fredda. Attribuisce questo all'atteggiamento inflessibile di Washington nei confronti del regime bolscevico dopo che prese il potere nel 1917.

Citazioni

“La visione tradizionale americana di se stessa e del mondo è composta da tre idee o immagini di base. Uno sostiene che gli Stati Uniti fossero isolazionisti fino a quando il potere mondiale non gli fu "imposto" ... Un altro sostiene che ... l'America è stata antimperialista nel corso della sua storia. Un terzo afferma che una combinazione unica di potere economico, genio intellettuale e pratico e rigore morale consente all'America di controllare i nemici della pace e del progresso e costruire un mondo migliore - senza erigere un impero nel processo ".

“I punti principali della politica americana [verso l'Unione Sovietica] furono rapidamente evoluti e attuati… Finché i bolscevichi rimanevano al potere, gli Stati Uniti si sarebbero rifiutati di stabilire rapporti e si sarebbero rifiutati di riconoscere il governo di Lenin. Washington farebbe tutto quanto in suo potere per aiutare qualsiasi leader o gruppo serio e conservatore il cui scopo fosse la distruzione del governo sovietico ".

“I leader che succedettero a Roosevelt non capirono né il dilemma né la necessità di modificare la loro visione. Alcuni di loro pensarono brevemente di stabilizzare le relazioni con l'Unione Sovietica sulla base di accordi economici e politici, ma anche quella piccola minoranza vedeva il futuro in termini di continua espansione [americana] ... La grande maggioranza si imbarcò rapidamente in un programma per forzare il L'Unione Sovietica ad accettare la concezione tradizionale americana di se stessa e del mondo ".

"Lo sforzo di Stalin per risolvere il problema della sicurezza e della ripresa della Russia a meno di un conflitto diffuso con gli Stati Uniti non è stato eguagliato dai leader americani che sono saliti al potere alla morte di Roosevelt ... Hanno proceduto rapidamente e con un minimo di dibattito per tradurre quella concezione dell'America e il mondo in una serie di azioni e politiche che hanno chiuso la porta a qualsiasi risultato tranne che alla Guerra Fredda ".

“Pochissimi leader americani pensavano che la Russia avrebbe lanciato una guerra. I politici erano abbastanza consapevoli delle condizioni pietose nella Russia occidentale, delle perdite sconcertanti della nazione e del suo esaurimento generale, del suo semplicemente enorme bisogno di aiuto esterno per riparare la devastazione della guerra e dello stress di Stalin su accordi economici e politici fermi con gli Stati Uniti. Stati per fornire le basi per quella ricostruzione ".

“Un altro atteggiamento fondamentale tenuto dai leader americani definiva gli Stati Uniti come il simbolo e l'agente del bene positivo, in opposizione al male sovietico, e presumeva che la combinazione della forza americana e della debolezza russa rendesse possibile determinare il futuro del mondo secondo tale giudizio. "

“Dopo la creazione e l'uso della bomba atomica, l'atteggiamento degli Stati Uniti ha lasciato ai sovietici una sola opzione reale: o accettare le proposte americane o confrontarsi con il potere e l'ostilità americani. È stata la decisione degli Stati Uniti di impiegare il loro nuovo e straordinario potere in linea con la tradizionale politica della porta aperta che ha cristallizzato la Guerra Fredda ".

“La nomina di George Kennan ad ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica è stata una mossa di vitale importanza durante la Guerra Fredda. Per la scelta di Kennan, autore riconosciuto della politica di contenimento e pubblicamente proclamato "stratega interno" della Guerra Fredda, ha ribadito la determinazione di Washington a insistere sulla politica di contenimento originale ".

"L'impulso umanitario dell'America di assistere le altre persone è minato - persino sovvertito - dal modo in cui li aiuta".

“Non è ora di smettere di definire il commercio come il controllo dei mercati per i nostri prodotti in eccedenza e il controllo delle materie prime per le nostre fabbriche? Non è ora di smetterla di difendere in modo così restrittivo - nel nostro pensiero così come nella nostra pratica - su un impero informale per il nostro benessere e benessere? Non è il momento di chiederci se siamo davvero così privi di fantasia da avere una frontiera sotto forma di un impero informale per avere democrazia e prosperità a casa? Non è ora di dire che possiamo far funzionare ancora meglio la società americana sulla base di relazioni eque con le altre persone? "

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Storico: William Appleman Williams"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/historian-william-appleman-williams/
Data di pubblicazione: October 30, 2018
Data di accesso: 01 aprile 2023
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.