Mao Zedong

Mao Zedong or Mao Tse-tung (1893-1976) era a Rivoluzionario cinese, filosofo politico e leader nazionale. È diventato il leader di Cina comunista e uno dei leader più significativi della guerra fredda.

mao zedong

Nei primi anni

Nato in una famiglia contadina nelle zone rurali di Hunan, Mao era uno studente abile che in seguito ottenne lavoro come bibliotecario e insegnante. In 1921, Mao divenne membro fondatore del Partito comunista cinese (PCC), partecipando al suo primo incontro a Shanghai. Durante gli 1920 ha lavorato come funzionario di partito a Shanghai e organizzatore di feste regionali nel suo nativo Hunan.

Nel 1927, Mao guidò la rivolta del raccolto autunnale, una ribellione contadina senza successo nello Hunan. Due anni dopo creò un "soviet contadino" - un collettivo agricolo autosufficiente, basato su principi socialisti - nella provincia meridionale dello Jiangxi. Il Jiangxi Soviet fu un successo ma il controllo di Mao terminò dopo che i leader del PCC vi si trasferirono nel 1931.

La lunga marcia

In 1934, forze governative ostili al PCC circondarono lo Jiangxi e costrinsero i comunisti a ritirarsi a nord. Questo ritiro fu il punto di partenza di quello che divenne noto come Lunga marcia. La leadership di Mao durante la lunga marcia (1934-35) e il Yan'an Soviet (1936-1949) ha aumentato la sua importanza e il suo supporto nel PCC. 

Verso la metà degli anni Quaranta, Mao era emerso come leader politico, militare e ideologico del partito, sebbene non senza un po 'di spargimento di sangue e persecuzione dei suoi rivali. Gli scritti politici di Mao, in seguito soprannominati Maoismo o "Pensiero di Mao Zedong". formerebbe l'ideologia ufficiale del PCC. Mao guidò l'Armata Rossa del PCC contro i giapponesi durante la seconda guerra mondiale, prima di rivolgere la sua attenzione al governo nazionalista durante il Guerra civile cinese (1946-49).

Leader della Repubblica popolare

Nell'ottobre 1949, i nazionalisti erano in ritirata e Mao proclamò la formazione della Repubblica popolare cinese. Questa vittoria comunista ha riorientato la Guerra Fredda, spostando la sua attenzione da Berlino e dall'Europa occidentale e verso l'Asia. Per i successivi tre decenni, gli Stati Uniti hanno rifiutato di riconoscere Mao, il suo partito o il loro governo. Per Mao, che vedeva l'America come una nazione di imperialisti aggressivi, "il più assassino dei boia", questo non era un problema.

Il rapporto di Mao con l'Unione Sovietica era più importante ma problematico. Alla fine del 1949 Mao si recò a Mosca per incontrarsi Joseph Stalin. Essendo un collega comunista che ora governava la nazione più popolosa del mondo, Mao si aspettava che Stalin lo accogliesse come un pari. Invece, il dittatore sovietico ha trattato Mao come un partner minore, mentre criticava il progresso del comunismo in Cina. Mao firmò un trattato con i sovietici e in seguito adottò alcune delle politiche economiche di Stalin, tuttavia considerava la Cina un luogo unico che richiedeva una "strada diversa".

Alla fine degli 1950 l'ascesa di un nuovo leader sovietico, Nikita Krusciov, aumentarono le tensioni tra i due poteri comunisti e diedero origine al Spaccatura sino-sovietica (1960-69).

Riforme economiche ambiziose

A livello nazionale, Mao sperava di trasformare la Cina da un'economia agricola non sviluppata in una superpotenza industriale e militare. Il ritmo con cui ha tentato queste riforme ha avuto un impatto devastante sul popolo cinese.

A metà degli anni Cinquanta, Mao implementò un programma economico in stile sovietico, il Primo Piano Quinquennale, che prevedeva la collettivizzazione delle terre contadine in enormi comuni. Questo programma ha ottenuto risultati significativi e una crescita industriale, ma non è stato sufficiente per Mao. Nel 1950, il leader cinese lanciò il suo secondo piano quinquennale, soprannominato Grande balzo in avanti, chiedendo che le industrie pesanti e la produzione di acciaio superino quelle delle nazioni occidentali. Gli ambiziosi piani di Mao hanno prodotto una crescita industriale ma a un costo umano enorme, contribuendo a una carestia che ha ucciso tra i 20 ei 30 milioni di persone.

Le politiche di Mao sono state duramente criticate da alcuni dei suoi colleghi, che hanno sollecitato un approccio più moderato. Sotto pressione, Mao si dimise dalla presidenza della Repubblica popolare cinese (aprile 1959) e con riluttanza si ritirò dalle questioni di governo e politica.

La rivoluzione culturale

mao zedong
Propaganda ha ritratto Mao come il "grande timoniere" del suo popolo

A metà degli 1960 Mao lanciò una campagna per identificare ed eliminare le idee antisocialiste dal mondo accademico, artistico e letterario cinese. Il Rivoluzione culturale, come è diventato noto, è cresciuto in un ampio movimento sociale e politico, basato su uno dei culti di personalità più forti della storia.

Spinta da politici radicali, per lo più studenti fanaticamente fedeli a Mao, la Rivoluzione Culturale ha causato notevoli sconvolgimenti politici ed economici, con anni di epurazioni, recriminazioni, umiliazioni pubbliche, processi farsa, percosse e omicidi. Ha ripristinato il prestigio di Mao e lo ha aiutato a riprendere il controllo del PCC e del governo nazionale.

Nel marzo 1969, la divisione sino-sovietica raggiunse il suo punto più pericoloso con lo scoppio della guerra di confine tra le due potenze. Questo conflitto ha visto combattimenti sporadici per un periodo di sei mesi, con diverse centinaia di soldati cinesi uccisi.

In 1971-72, Mao ha aperto le porte per riconciliazione con gli Stati Uniti, permettendo a una squadra di ping-pong americana di visitare la Cina, accettando quindi una visita del Segretario di Stato americano Henry Kissinger. Le relazioni USA-Cina sono state ripristinate a 1972 a seguito di una visita di stato a Pechino da parte del presidente Richard Nixon.

Gli ultimi anni del regno di Mao furono segnati dalla malattia e dall'incapacità. Mao morì nel settembre 1976, provocando un'ondata di dolore e sofferenza in tutta la Cina.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Mao Zedong"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/mao-zedong/
Data di pubblicazione: October 13, 2018
Data di accesso: Luglio 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.