Mikhail Gorbachev

Mikhail Gorbachev (1931-2022) è stato un politico russo e l'ultimo segretario generale dell'Unione Sovietica. Il suo impegno con i leader occidentali, insieme alle riforme politiche ed economiche interne, ha contribuito a porre fine alla Guerra Fredda.

Gorbaciov

Nato in una famiglia di contadini nel sud della Russia, Gorbaciov ha avuto un'infanzia difficile, sopportando la povertà, il duro lavoro nella fattoria di suo padre e l'occupazione nazista durante la seconda guerra mondiale. Da ragazzo Gorbaciov ha ricevuto un'istruzione statale e si è dimostrato uno studente eccellente, vincendo premi e l'opportunità di studiare legge all'Università di Mosca nel 1950.

Dopo la laurea nel 1955, Gorbaciov aderì al Partito Comunista e ottenne una posizione nella burocrazia sovietica. Nel 1956 divenne Primo Segretario della città di Stavropol. Durante gli anni '1960 e '1970, Gorbaciov ha lavorato nella pianificazione economica, supervisionando le riforme e il miglioramento della produzione agricola. Gorbaciov è anche salito tra le fila del Partito Comunista, unendosi al Comitato Centrale (1971) e al Politburo (1980).

Durante i primi anni '1980, Gorbaciov divenne uno dei leader più frequentati dell'Unione Sovietica, guidando delegazioni e visite di stato in numerosi paesi occidentali. Ha visitato la Gran Bretagna nel 1984 e ha tenuto colloqui con il suo primo ministro, Margaret Thatcher. Scrivendo più tardi nelle sue memorie, la Thatcher descrisse Gorbaciov come professionale e simpatico, "un uomo con il quale avrei potuto fare affari".

Gorbaciov divenne segretario generale dell'Unione Sovietica dopo la morte di Konstantin Chernenko nel marzo 1985. È stato scelto per la sua giovinezza e la robusta salute, la sua esperienza internazionale e la sua capacità di migliorare la produzione e i risultati economici. Il suo discorso inaugurale ha mantenuto un impegno per il comunismo ma ha accennato alle riforme economiche per aumentare la produzione e migliorare gli standard di vita.

Entro tre anni dal diventare leader, Gorbaciov aveva annunciato due importanti cambiamenti di politica: perestrochia ("ristrutturazione") e volume ('apertura'). Ha anche migliorato le relazioni tra l'URSS e l'Occidente, scaricando Andrei Gromyko dal ministero degli esteri e stringere nuovi legami con il presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan e Margaret Thatcher. Ciò ha dato origine a un trattato 1987 che riduce il numero di missili nucleari.

Alla fine degli anni '1980, Gorbaciov aveva allentato il controllo politico di Mosca sulle nazioni del blocco sovietico. Ciò ha dato origine al riforme liberali che hanno attraversato l'Europa in 1989. In 1988, Gorbachev ha ordinato il ritiro di Truppe sovietiche dall'Afghanistan dopo un decennio di occupazione. Questi cambiamenti lo hanno visto premiato con il premio Nobel per la pace in 1990.

Tuttavia, le riforme di Gorbaciov non riuscirono ad arginare i problemi economici all'interno dell'Unione Sovietica, che si disintegrò in repubbliche più piccole nel 1990-91. Indignati intransigenti comunisti tentarono di rimuovere Gorbaciov in un colpo di stato dell'agosto 1991, ma dopo due giorni fu sventato dall'opposizione politica e popolare. Il colpo di stato portò alle dimissioni di Gorbaciov dal Partito Comunista e alla formazione della Comunità degli Stati Indipendenti (CSI) da parte di diverse ex repubbliche sovietiche.

Gorbaciov si è dimesso dalla leadership sovietica nel dicembre 1999. In pensione è stato un commentatore di affari mondiali, esprimendo di recente forti critiche a Vladimir Putin. Morì nell'agosto 2022.

Informazioni sulla citazione
Titolo: "Mikhail Gorbachev"
Autori: Jennifer Llewellyn, Steve Thompson
Editore: Alpha History
URL: https://alphahistory.com/coldwar/mikhail-gorbachev/
Data di pubblicazione: October 30, 2018
Data di revisione: 1 settembre 2022
Data di accesso: Dicembre 03, 2022
Copyright: Il contenuto di questa pagina non può essere ripubblicato senza la nostra espressa autorizzazione. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo, consultare il nostro Condizioni d'uso.